Consueto appuntamento con la solidarietà nel capoluogo lucano, sabato 30 marzo, nella sede della sezione di Fidas Potenza che, nel suo venticinquesimo anno di attività, si appresta a raggiungere un traguardo di 6000 sacche di sangue ed emoderivati donate e consegnate in questi anni ai centri trasfusionali della Regione.
Con entusiasmo il Presidente della sezione, Alfonso Citro, ha annunciato quello che sarà il raggiungimento di un importante traguardo in termini di numeri, ma soprattutto di conferma dell’impegno dei volontari per portare avanti i valori della solidarietà e della condivisione alla base del dono del sangue. “Ci impegniamo in numerose attività e collaborazioni anche con altre associazioni e forze dell’ordine per far crescere costantemente la raccolta di emocomponenti e assicurare il ricambio generazionale dei nostri donatori”, ha dichiarato Citro, “sabato festeggeremo la sacca numero 6000 per dare sempre maggior valore ai nostri volontari e donatori che non esitano mai a tendere il braccio. In ottobre festeggeremo i nostri 25 anni di attività, e nel frattempo esortiamo tutti ad avvicinarsi al mondo della donazione del sangue. Effettuiamo una donazione al mese presso la nostra sede in piazzetta Don Uva e altre donazioni esterne. Quest’anno faremo anche l’esperienza del servizio civile accogliendo ben due giovani nella nostra sezione. Invito tutti ad avvicinarsi all’esperienza della donazione sia come donatori che come volontari attivi perché ognuno di ni deve fare la sua parte nella diffusione dei valori della solidarietà”. La sezione di Fidas Potenza collabora con numerose associazioni di protezione civile, con l’Unicef Basilicata, e con nuclei delle forze dell’ordine, come la Polizia Penitenziaria, la Guardia di Finanaza, la Parrocchia Santa Maria della Speranza, La Parrocchia Santo Spirito, L’associazione Sportiva e Culturale “Lucania”, l’ASD Boxe Potenza”.

 

L’articolo Fidas Potenza raggiunge traguardo di 6 mila sacche di sangue raccolte in 25 anni di attività associativa proviene da SassiLive.

Fonte: SassiLive – Read More