Bentornata primavera. Di seguito la poesia di Vito Coviello dedicata alla primavera.

Benvenuta primavera, garrule rondini, disegnano, nel cielo blu, la loro felicità di essere quì, in questo azzurro cielo materano. Sta tornando la primavera, ed io, come un bambino, felice del tuo arrivo corro tra i ciliegi in fiore, a veder cadere, ad un soffio di vento, petali rosa, come fiocchi di neve.

Bentornata primavera. Attempato signore dai canuti capelli, respiro i profumi che mi porta il vento. Bentornata primavera. Una amorevole giovane mamma, porta il suo bimbino, a vedere i fiori, che profumatissimi, corteggiano, farfalle bellissime.

Bentornata primavera.

Risvegliandoci, nel soleggiato mattino di una nuova primavera, riprenderemo a vivere sereni e felici, la nostra vita, dimentichi, se pur attenti, di un doloroso passato.  Insieme, tutti ci diremo buona primavera, alzando le mani al cielo a ringraziar nostro Signore per essere ancora qui.

Bentornata primavera.

Vito Coviello

L’articolo “Bentornata primavera”, la poesia di Vito Coviello dedicata alla primavera proviene da SassiLive.

Fonte: SassiLive – Read More