Aggregatore di feed

Matera 2019, in città delegazione di "Piran Pirano 4 Istria 2025"

Basilicatanet - Lun, 02/12/2019 - 18:05
Una delegazione di sindaci e amministratori dei Comuni e responsabili della candidatura di "Piran-Pirano 4 Istria 2025" è a Matera per ascoltare i vertici della Fondazione Matera Basilicata 2019, i cittadini, e comprendere le ragioni che hanno portato Matera a diventare capitale europea della cultura. Lo rende noto la Fondazione Matera Basilicata 2019.

"Siamo qui - ha detto Denio Zadkovic, sindaco del Comune di Pirano - per avere suggerimenti e imparare da quanto ha fatto Matera. Per noi rappresenta un bell'esempio di capitale europea della cultura".

Della delegazione fanno parte anche, Danilo Markocic, Sindaco del Comune di Isola, Ales Brzan, Sindaco del Comune di Capodistria, Barbara Svagelj, vicesindaco del Comune di Ancarano, Manuela Rojec, vicesindaco del Comune di Pirano, Natasa Killough, rappresentante del Comune di Isola, Martina Gamboz, project manager candidatura Piran-Pirano 2025, Borut Jerman, vice project manager candidatura Piran-Pirano 2025, Alberto Cotrona, responsabile organizzazione.

La delegazione ha incontrato il presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019, Salvatore Adduce, con cui ha firmato una lettera di intenti. Se la candidatura "Piran-Pirano 4 Istria 2025" sarà selezionata per la fase finale (che verrà decisa nel febbraio 2020), la lettera di intenti costituirà la base per una pianificazione più precisa e concreta delle attività congiunte da includere nel dossier finale.

All'incontro in municipio hanno partecipato anche il vicesindaco, Giuseppe Tragni, che ha ricordato le principali fasi della candidatura, e Antonio Nicoletti, dello staff del sindaco. 
Categorie: Notizie Basilicata

Open Future, Together!, il 20/12 cerimonia conclusiva Matera 2019

Basilicatanet - Lun, 02/12/2019 - 17:34
Sarà Manuel Agnelli, musicista e leader degli Afterhours, il coordinatore artistico di “Open Future, Together!”, la cerimonia di chiusura in programma il 20 dicembre nella Cava del Sole. Ne dà notizia la Fondazione Matera Basilicata 2019. L’artista, insieme al violinista e compositore Rodrigo D’Erasmo, è stato nei giorni scorsi a Matera per realizzare il trailer di lancio di “Open Future, Together!” coprodotto dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 e da Intesa Sanpaolo.

“Il breve filmato, realizzato da Indiana Production e da Pulse Films con la regia di Giorgio Testi – si legge in una nota della Fondazione -, racconterà il 2019 celebrando Matera attraverso i volti e le storie di chi ci è passato. Le musiche originali del video sono di Rodrigo D’Erasmo. Si tratta di un inspirational film come trailer della serata. Una camminata metaforica per le vie della città a simboleggiare il percorso di quest’anno ricordando, attraverso brevi flashback, gli eventi più significativi che lo hanno caratterizzato. Nel trailer Manuel Agnelli viene ripreso mentre cammina per le vie del centro storico di Matera, dei Sassi, e del Parco della Murgia materana. Un’astratta ‘walk to the stage’, accompagnata dalla voce fuori campo di Manuel stesso, come se lo spettatore ascoltasse i suoi pensieri mentre osserva Matera attraverso gli occhiali da Temponauta, device per guardare la città in modo diverso e originale. Attraversando i luoghi che hanno ospitato eventi e momenti importanti di questo 2019, Manuel Agnelli attiva con il suo passaggio una serie di flashback che per un istante ci fanno vivere, o meglio rivivere, quanto accaduto in quel luogo”.

“Sono molto orgoglioso - ha detto Manuel Agnelli - di entrare nella lunga schiera di artisti e cineasti che si sono lasciati ispirare da questa originalissima e straordinaria città che oggi rappresenta un modello per la produzione culturale in Italia. Così come sono molto felice di coordinare la parte artistica del 20 dicembre. Sarà una bellissima festa che attraverso la musica ci aiuterà a comprendere la storia delle capitali europee della cultura e l’essenza del loro significato”.
Categorie: Notizie Basilicata

Frecciarossa: dal 15 dicembre nuovi orari, proroga fino al 31

Basilicatanet - Lun, 02/12/2019 - 13:47
Con delibera di giunta regionale del 6 novembre scorso il servizio Frecciarossa, in scadenza al 15 dicembre, è stato prorogato fino a fine anno.
Lo annuncia l’assessore alle infrastrutture e mobilità, Donatella Merra
“Ad oggi – dichiara l’assessore Merra - ancora non è possibile acquistare i biglietti perché è in fase di risoluzione un problema di sovrapposizione tra treni regionali e Frecciarossa e Trenitalia ci ha comunicato che tra qualche giorno sarà nuovamente attivo il servizio con i nuovi orari che andranno in vigore dal 15 dicembre. In riscontro alle nostre insistenze di anticipare l’orario di partenza – spiega l’assessore - dal 15 dicembre il Frecciarossa cambierà orario di partenza da Potenza dalle 7:38, alle 7:15.  Da metà mese – conclude Merra - con il cambio orario invernale e fino al 31 dicembre, il treno continuerà a fare capolinea Taranto. Dal primo di gennaio dovrebbe essere attestato a Metaponto sempre con gli stessi orari.

Categorie: Notizie Basilicata

Merra: Braia e la sindrome da patriottismo redivivo

Basilicatanet - Lun, 02/12/2019 - 13:40
“Primum vivere deinde philosophari, dicevano gli antichi latini, ovvero è necessario vivere le vicende e i problemi, conoscerli profondamente, e solo dopo sentenziare e lanciare slogan poco consoni sulla città di Matera”.
E’ quanto afferma l’assessore alle infrastrutture e mobilità, Donatella Merra, in merito alle dichiarazioni rilasciate dal consigliere Braia sul servizio navetta Matera – Bari Aeroporto.
“Le 10 navette Matera Bari di competenza lucana – osserva Merra –  sono finanziate con Fondi CIS Matera 2019 e svolte dal Gestore del contratto di servizio TPL della Provincia di Matera quale estendimento contrattuale. Come tale quindi – sottolinea l’assessore -  le stesse saranno prorogate come tutti gli altri servizi di trasporto regionale. Si tratta – sottolinea Merra – di dieci navette, di cui tre finanziate con fondi regionali. Fondi regionali -caro Braia- che non vengono confermati per la tua amata Matera dal lontano 2017 e che invece questo governo regionale si è impegnato a rifinanziare. E’ assurdo e scandaloso lanciare queste segnalazioni di allarme, proprio nel momento in cui si sta cercando di mettere ordine nel settore del trasporto pubblico locale violentato da anni. E’ vergognoso – dichiara Merra – appellare come inadeguato chi, con massimo rigore e senso di responsabilità, ha messo a nudo i problemi di questo settore, senza proclami, senza inutili esternazioni pubbliche ed affrontando a testa bassa le criticità incancrenite di un servizio pubblico essenziale”.

Categorie: Notizie Basilicata

Parità, Pipponzi su "Nuova carta dei diritti della bambina"

Basilicatanet - Lun, 02/12/2019 - 12:55
“Solo incidendo sulla cultura paritaria fino dai primi anni di vita, a iniziare da un’attenta riflessione sul linguaggio e sugli stereotipi, si può raggiungere l’auspicato intento teso a formare una società sempre più giusta, inclusiva e garantista. In questo caso, è di fondamentale importanza l’impegno di tutta la società, a partire dalle istituzioni: è una battaglia che va perseguita non solo per le nostre figlie ma anche per i nostri figli”.
Lo ha dichiarato la Consigliera regionale di parità, Ivana Pipponzi, commentando “La Nuova Carta dei Diritti della bambina”, presentata ieri a Policoro, e frutto della riflessione delle alunne e degli alunni degli Istituti Comprensivi IC2 Giovanni Paolo II e IC1 Lorenzo Milani. La pubblicazione, che ha recepito un progetto della Fidapa, farà parte integrante del Documento delle differenze di genere istituito dall’Ufficio della Consigliera regionale di parità.
“La Nuova Carta dei Diritti della bambina” rielabora con osservazioni proprie dei ragazzi il documento approvato a Zurigo nel 2016 e concordato nel Presidents Meeting Galway Fidapa Bpw 2019, con l’impegno di proseguire nell’opera di formazione verso la parità di genere e il superamento delle differenze, a partire dai primi anni di vita.
La pubblicazione, che ha la prefazione della Consigliera nazionale di parità, Francesca Bagni Cipriani, oltre che della Consigliera Pipponzi, è un progetto unico, tutto Fidapa, nel panorama della cultura di genere
L’iniziativa è stata accolta dalle scuole ed è diventata una vera e propria campagna di prevenzione dei comportamenti antidiscriminatori, un contributo alla conoscenza e alla tutela dei diritti umani.
“La Nuova Carta dei Diritti della bambina - – aggiunge la Consigliera regionale di parità - contiene tutti quei principi fondanti la normativa paritaria che, adeguatamente sviluppati, recepiti e presi a regola di comportamento delle bambine, future e consapevoli donne del domani, rappresenteranno un valido strumento di emancipazione, un’egida solida contro ogni forma di prevaricazione e sopruso e un volano per lo sviluppo valoriale della società tutta”

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

L’ARTISTA ASSADOUR NELLA CASA DELLE MUSE DI SINISGALLI

Basilicatanet - Lun, 02/12/2019 - 11:31
"Quando a fine agosto venne inaugurata nella Casa delle Muse la mostra a lui dedicata nell’ambito delle iniziative promosso dal circuito Acamm, l’artista libanese Assadour, di origini armene e trapiantato a Parigi, non riuscì a raggiungere Montemurro, ma promise di farlo.
A questo paese - spiega una nota della Fondazione Sinisgalli -  lo legava l’amicizia con Leonardo Sinisgalli, conosciuto insieme a Libero de Libero nel 1968 a Roma e frequentato fino al 1980. In omaggio a questa amicizia, si scelse di portare nella Casa delle Muse una retrospettiva con 51 pezzi fra suoi dipinti, acquerelli, disegni, opere grafiche, libri d’artista, documenti del periodo 1967-2013, curata da Federico De Melis.
La promessa di Assadour è stata mantenuta e così, martedì 3 dicembre alle ore 18:00, per la Fondazione Leonardo Sinisgalli sarà un onore accogliere uno di maggiori artisti contemporanei nella Casa delle Muse, fra le sue opere e quelle dell’amico Sinisgalli.
A dare il benvenuto all’artista saranno il Presidente della Fondazione Sinisgalli, Mario Di Sanzo, il Sindaco di Montemurro, Senatro Di Leo, il giornalista e poeta Mario Trufelli, e il Direttore, Biagio Russo.
Nel corso dell’incontro verrà proiettata un’intervista che Mario Trufelli fece ad Assadour a Matera nel 1995".

Bas 05

Categorie: Notizie Basilicata

Bando Microcredito, domani presentazione a Matera

Basilicatanet - Lun, 02/12/2019 - 09:56
Il tour di presentazione nei territori del Bando Microcredito FSE della Regione Basilicata gestito da Sviluppo Basilicata fa tappa nel capoluogo materano martedì 3 dicembre presso la Sala Mandela del Comune di Matera a partire dalle ore 16:30. Ad aprire i lavori, dopo i saluti del Sindaco di Matera che ha gentilmente ospitato l’evento, l’Assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport, Francesco Cupparo, che in più occasioni ha cercato di non far mancare la sua presenza perché crede nella opportunità della più ampia diffusione di questo strumento, sostenendo quindi in prima persona il tour. Egli ha così commentato, "Matera è un esempio per tutto il territorio e per le generazioni di nuovi aspiranti imprenditori che vorranno sfidare il proprio destino mettendosi in proprio. La presentazione a Matera della misura Microcredito vorrei che arrivi anche nelle Provincie dove pure abbiamo già iniziato a girare. Questo perché sulla scia del successo di Matera, anche nell’entroterra possono nascere e svilupparsi nuove imprese e attività".
L’incontro di Matera è pure stato accreditato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Matera ai fini dell’ottenimento dei crediti formativi, con l’obiettivo di allargare la partecipazione anche a coloro che quotidianamente supportano gli imprenditori nelle proprie scelte perché ci sia una ampia conoscenza della misura. "Per questo, visto anche l’elevato fermento culturale che sta vivendo la città tramite le numerose associazioni ed enti impegnate nel terzo settore, a supporto del turismo e della fruizione del patrimonio pubblico della città" ha commentato l’Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale: "mi aspetto che i contributi di questo finanziamento vengano intercettati non solo dagli aspiranti imprenditori ma anche dalle numerose associazioni ed enti attivi sul territorio".
Proprio a testimonianza di ciò, è pure prevista la presenza dell’Assessore alla Salute e Politiche Sociali, Rocco Leone, il cui Dipartimento è coinvolto nella gestione della Misura Microcredito afferente alle organizzazioni del terzo settore.
I contenuti operativi del Bando relativi alle modalità di presentazione della domanda ed ai requisiti previsti dal bando, verranno poi illustrati dal Responsabile della Misura, al quale su appuntamento sarà possibile rivolgere domande e richiedere assistenza specifica inviando una mail all’indirizzo: infomicrocredito@sviluppobasilicata.it
  
Categorie: Notizie Basilicata

Petrolio, approvato accordo quadro integrativo “Tempa Rossa”

Basilicatanet - Sab, 30/11/2019 - 17:16
La Giunta regionale, che si è riunita oggi a Potenza, ha approvato l’accordo quadro integrativo – protocollo per lo sviluppo sostenibile relativo alla concessione petrolifera “Gorgoglione”, di cui sono titolari le compagnie Total Italia e Shell Italia. L’accordo, i cui dettagli sono stati illustrati dal presidente della Regione Vito Bardi nella riunione del Consiglio regionale del 27 novembre scorso, integra il precedente documento del 2006 e prevede una serie di misure aggiuntive per il riequilibrio ambientale e territoriale e lo sviluppo sostenibile.
I concessionari garantiranno per i progetti di sviluppo sostenibile 25 milioni di euro di investimenti ogni quinquennio per quelli propri, nonché ulteriori 25 milioni – sempre per quinquennio – per i bandi regionali da finanziare al 50%. Pertanto, dato che le imprese che si aggiudicheranno i bandi dovranno investire almeno altri 25 milioni di euro, il totale degli investimenti per lo sviluppo sostenibile ogni 5 anni sarà pari a 75 milioni di euro. Inoltre i concessionari verseranno alla Regione un contributo pari a 50 centesimi di euro per ogni barile di greggio prodotto, aggiornato anno per anno secondo l'indice "Brent Futures Weighted Average" a cui è aggiunto un ulteriore contributo pari a 30 centesimi euro/barile.
Per il riequilibrio ambientale e territoriale i concessionari verseranno anche altri 3 milioni di euro quale contributo di scopo per la pianificazione e progettazione di una rete di monitoraggio ambientale che dovrà riguardare l’intero territorio regionale. Inoltre, vi sarà un contributo ai costi di esercizio di tale rete per un altro milione e mezzo all’anno per 20 anni. Previsti inoltre, sempre per il riequilibrio ambientale, contributi a programmi in materia di sviluppo sostenibile per 1 milione di euro all’anno per i primi cinque anni di produzione; 2 milioni di euro all’anno dal sesto al decimo anno di produzione; 2 milioni e mezzo di euro all’anno dall’undicesimo al venticinquesimo anno di produzione.
Il gas naturale estratto sarà tutto della Regione, al netto dell’autoconsumo che Tempa Rosa deve certificare. La fornitura gratuita minima sarà di 40 milioni di metri cubi all’anno dall’inizio della produzione e per la durata di 30 anni fino al raggiungimento della quantità complessiva di 1200 milioni di metri cubi, rispetto ai 750 milioni previsti nel 2006.
Prevista infine la creazione di un tavolo di concertazione che definirà le linee di azione per i progetti che i concessionari possono realizzare direttamente o con le società del gruppo loro collegate e le iniziative da proporre con bandi regionali e che potranno essere finanziati fino alla metà dell’intero costo di progetto. Al tavolo, oltre alla Regione e ai concessionari, parteciperanno l’ANCI Basilicata, le organizzazioni sindacali, le organizzazioni datoriali, i rappresentanti degli enti associativi più rappresentativi impegnati a tutela dell’ambiente e un rappresentante della Consulta regionale studentesca, un rappresentate dell’Unibas, un rappresentante del consiglio degli studenti dell’Unibas, due rappresentante degli ordini professionali di Basilicata. Un ulteriore tavolo tecnico composto dalla Regione e dai concessionari validerà le proposte.

bas 02






Categorie: Notizie Basilicata

Zes Jonica, insediato il Comitato di indirizzo

Basilicatanet - Sab, 30/11/2019 - 13:18
Su convocazione del presidente dell’autorità di Sistema portuale del Mar Jonio Sergio Prete, si è riunito il Comitato di Indirizzo della Zona Economica Speciale Interregionale Jonica. Ne fanno parte, oltre al presidente, il rappresentante della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Antonio Mattia, il rappresentante del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roberto Scaravaglione, l’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia, Cosimo Borraccino e l’assessore alle Attività Produttive della Regione Basilicata, Francesco Cupparo. All’ordine del giorno la costituzione formale del Comitato, l’approvazione del Regolamento di funzionamento del Comitato stesso, nonché l’esame degli adempimenti relativi al Piano Strategico della ZES. Con l’insediamento del Comitato si dà avvio alla piena operatività della ZES Interregionale Ionica che potrà finalmente e formalmente attuare le iniziative finora pianificate e condivise tra le istituzioni coinvolte a favore dei territori interessati.

I componenti, dopo l’approvazione del Regolamento di funzionamento del Comitato, hanno discusso di vari argomenti relativi all’avvio della fase di attuazione del Piano Strategico di Sviluppo, tra i quali quello della individuazione di un “pacchetto localizzativo” consistente nelle agevolazioni amministrative e fiscali a favore degli operatori economici interessati ad insediarsi nelle aree ricomprese nel perimetro ZES. Inoltre, è stato deciso di inviare una nota di richiesta di chiarimenti al Presidente del Consiglio, per conoscere le modalità di autorizzazione all’elevazione del credito d’imposta per le imprese interessate da 15 milioni di euro (come la legge vigente prevede) a un massimo di 50 milioni di euro. Da segnalare anche che è stato deciso di aprire una fase di promozione della ZES sia attraverso la collaborazione con Infocamere per la costituzione del portale da utilizzare per lo sportello unico ZES, deputato a rilasciare le autorizzazioni alle imprese, sia attraverso la creazione di un apposito sito internet.

Nel sottolineare che “negli impegni programmatici della Giunta, il presidente Bardi ha indicato con chiarezza, proprio in tema di sviluppo economico, l’opportunità di favorire le zone economiche speciali” l'assessore Francesco Cupparo evidenzia che “obiettivo centrale è rendere attrattiva la nostra regione, affrontando il tema delle infrastrutture viarie, ferroviarie ed aeroportuali, per favorire investimenti produttivi non solo nell’area Zes Jonica ma anche negli altri nuclei industriali e nelle aree per gli insediamenti artigiani. Solo con una innovativa e ampia strategia sarà possibile realizzare il brand Basilicata e costruire una regione aperta agli investimenti nazionali ed internazionali in tutti i comparti produttivi come già sta accadendo con gli investimenti dei grandi gruppi Fca nel settore automotive e Ferrero in quello alimentare. Di qui la necessità di un Piano di marketing utile a far conoscere i vantaggi della ZES ionica, da rivolgersi alle imprese lucane nonché ad imprenditori esteri per l'attrazione di investimenti utili a creare occupazione per il territorio lucano. Siamo impegnati inoltre a capire come si intende snellire le procedure tecnico-amministrative per superare la lentezza burocratica che ha sempre pesato sui programmi dei nostri imprenditori”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Assessore Fanelli a Matera per il Villaggio di Natale Coldiretti

Basilicatanet - Ven, 29/11/2019 - 14:45
Il vicepresidente della giunta regionale Francesco Fanelli, intervenendo questa mattina a Matera al Villaggio di Natale della Coldiretti, ha parlato di alcuni dossier a cui sta lavorando il dipartimento all’Agricoltura. Tra questi la valorizzazione delle filiere, la questione cinghiali e il Piano di sviluppo rurale.
“In occasione del Tavolo Verde dello scorso 25 novembre, ho confermato la forte volontà politica di finanziare ulteriori progetti di valorizzazione delle filiere produttive, risultati in prima istanza ammissibili ma non finanziabili. La decisione - ha detto l’assessore all’Agricoltura - è stata assunta attraverso lo strumento di concertazione dello stesso Tavolo composto dagli organi direttivi del dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata e dalle organizzazioni datoriali. Con un ulteriore sforzo finanziario, la Regione Basilicata - ha aggiunto Fanelli - ha deciso di finanziare cinque Progetti di valorizzazione della filiera in alcuni comparti produttivi”.
In riferimento alla questione cinghiali, dopo aver annunciato l’intenzione delle Regioni di chiedere un incontro al Ministero dello Sviluppo economico e al Ministero dell’Interno per trovare strumenti assicurativi adeguati in caso di incidenti stradali, Fanelli ha evidenziato che “è necessario modificare la legge nazionale n. 157/92, in quanto è fondamentale rispetto alla specie cinghiale, parlare non più di ‘conservazione’ bensì di ‘gestione’, rivedendo i termini del periodo di caccia della specie. A livello regionale - ha proseguito - è stato emanato un avviso per valorizzare la carne di cinghiale, come previsto dalla legge regionale n. 37/2018, mediante l’individuazione di operatori economici interessati alla gestione delle carcasse di questi animali”.
Fanelli ha detto inoltre che “la legge nazionale va rinnovata per permettere alle Regioni di variare il periodo della stagione venatoria in relazione alle diverse realtà territoriali e ambientali, contemplando la possibilità di contare ai fini del contenimento, oltre che sugli agenti provinciali, anche su cacciatori formati al telecontrollo”.
Nel passaggio sui fondi europei, il vicepresidente della giunta regionale ha messo in evidenza “i ritardi registrati in passato nell’attuazione delle misure inserite nel Piano di sviluppo rurale, quali la progettazione sulle filiere, dovuti spesso all’abitudine consolidata di concedere proroghe alla scadenza dei bandi. Il dipartimento regionale - ha concluso - sta lavorando strenuamente per recuperare il tempo perduto, ma tutti gli attori in campo, con un rinnovato senso di responsabilità, devono remare dalla stessa parte”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Garanzia Giovani, circa 19mila giovani lucani iscritti a Programma

Basilicatanet - Ven, 29/11/2019 - 12:55
Dei circa 19 mila i giovani lucani registrati al programma Garanzia Giovani il 90,7 per cento è stato preso in carico dai sistemi del lavoro. La misura risultata di maggior successo è stata quella relativa ai tirocini formativi: su 5.348 percorsi attivati, ben 1.634, il 30,55 per cento, si sono trasformati in contratti di lavoro. Sono questi alcuni dei dati regionali emersi e analizzati in una tavola rotonda sul tema “L’esperienza della Garanzia Giovani 1° fase”.
Al tavolo, presenti l’assessore alle Politiche di sviluppo, Francesco Cupparo, i dirigenti generali della Regione, Maria Carmela Panetta e Domenico Tripaldi, hanno partecipato dirigenti dell’Arlab e del Centro per l’impiego di Potenza, rappresentanti delle Ats (Associazioni temporanee di scopo) ed esperti del mercato del lavoro.
Se da un lato è emersa una sostanziale soddisfazione per i dati complessivi registrati dal Piano, dall’altro il confronto ha evidenziato una serie di aspetti da migliorare. Tra questi, un auspicabile potenziamento dell’orientamento, un’azione forte di stimolo per la creazione di una mentalità più in linea con le esigenze del mercato del lavoro e un accompagnamento mirato nel generare o consolidare un futuro lavorativo per i giovani.
L’assessore Cupparo, concludendo, ha evidenziato la necessità di effettuare un’analisi puntuale dei risultati occupazionali ottenuti, da cui partire per programmare in modo più efficace la seconda fase di Garanzia Giovani.
Le attività di comunicazione proseguiranno con incontri e attività di laboratorio dedicate agli Istituti Tecnici regionali in due incontri in cui saranno raccontate storie di successo di Neet che hanno fruito di Garanzia Giovani e, grazie a questo percorso, oggi hanno aperto una propria attività o hanno trovato lavoro in azienda. Verranno inoltre illustrati i cambiamenti del mondo del lavoro e saranno indicati aspetti pratici per la redazione di un curriculum efficace. Verrà infine realizzata una simulazione di un colloquio di lavoro.
Durante le attività sarà distribuito il “Toolbox”, una sorta di cassetta degli attrezzi con istruzioni utili per costruire il proprio futuro lavorativo o professionale.



Categorie: Notizie Basilicata

Università, Rosa: sia un riferimento per il sistema economico

Basilicatanet - Ven, 29/11/2019 - 12:48
“L’Università degli Studi della Basilicata ha tutti i requisiti per diventare veicolo di una rinnovata coscienza sociale e per contribuire alla ripartenza dell’economia del nostro territorio. E allora, ecco il passo avanti che dobbiamo fare insieme, Università e istituzione regionale: dare ai giovani lucani un motivo per laurearsi in Basilicata e rimanere a lavorare in Basilicata. Posso dire sin da ora che questo Governo regionale è impegnato sui tavoli nazionali per chiedere criteri più equi nella distribuzione del Fondo di finanziamento ordinario che consentano il consolidamento delle realtà universitarie, specialmente di quelle di piccole dimensioni, dove piccolo, proprio perché si parla di conoscenza e cultura, e non di mercati e di economie di scala, non è sintomo di pessima qualità ma, al contrario, è indice di maggiore attenzione e cura verso l’insegnamento e verso gli studenti”.

Lo ha detto l’assessore all’Ambiente ed Energia della Regione Basilicata Gianni Rosa, che è intervenuto oggi a Potenza alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università degli studi della Basilicata.

Rosa si è rivolto innanzitutto agli studenti, ai quali ha portato il saluto del presidente della Regione Vito Bardi, assente per impegni concomitanti. “Sono tempi di grandi trasformazioni – è il messaggio di Bardi -, che vedono voi giovani al centro di grandi mutamenti. Il nostro compito, il compito di chi amministra, è quello di creare le condizioni perché le vostre aspettative e i vostri sogni diventino realizzabili. E diventino realizzabili, qui in Basilicata”.

“Il periodo universitario è proprio quello in cui i sogni iniziano a prendere forma – gli ha fatto eco Rosa -. L’Università è il luogo in cui il pensiero può nutrirsi e svilupparsi liberamente, dove l’individuo esercita il suo pensiero critico e getta le basi per la realizzazione del suo futuro. Ma è di più. È il luogo dove dalla dimensione del singolo, luogo della conoscenza, si passa alla dimensione collettiva, luogo che contribuisce allo sviluppo della società. Del resto, l’Università come la conosciamo oggi è l’evoluzione della conoscenza ‘particolare’ fornita a pochi, che è divenuta conoscenza diffusa, aperta ad una ‘università’ di studenti. Ed è ripartendo dalla dimensione collettiva che dobbiamo riscoprire la centralità dell’Università nella società come risorsa strategica fondamentale del Paese e della Regione”.

“La concertazione tra Regione e Università – ha aggiunto Rosa - deve essere la sintesi di una visione della Basilicata che vogliamo per i nostri giovani. È la ‘terza missione’ dell’Università, accanto a quelle classiche di ricerca e didattica. È questo che chiediamo al nostro Ateneo di implementare: la valorizzazione delle competenze, delle professionalità lucane, dei risultati della ricerca e dell’innovazione. Siamo consapevoli che non è una cosa nuova per la nostra Università che, anzi, si è contraddistinta in questi anni per numerose azioni realizzate. Tuttavia, nei prossimi anni, questo Governo regionale ha intenzione di supportare maggiormente l’Università della Basilicata affinché diventi un reale punto di riferimento per il sistema economico regionale nelle strategie di innovazione. È un processo lungo, lo sappiamo. Ma è un processo indispensabile per rigenerare la nostra Terra e dare slancio al nostro Ateneo. I nostri giovani meritano di più, meritano un futuro in Basilicata e noi tutti, Università ed istituzioni dobbiamo impegnarci per poterglielo assicurare”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Spostamento fermata bus Basilicata a Roma: Cupparo scrive a Raggi

Basilicatanet - Ven, 29/11/2019 - 11:22
“La decisione di spostare dal piazzale della stazione Tiburtina alla fermata Anagnina della Metropolitana il terminal degli arrivi e partenze di tutte le autolinee da e per il Meridione provocherà notevoli disagi a tutte le categorie di utenti”.
E’ quanto scrive l’assessore alle Attività produttive della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, in una nota indirizzata alla sindaca di Roma, Virginia Raggi, nella quale l’esponente della Giunta regionale lucana pur “consapevole della necessità di decongestionare il traffico nel centro urbano di Roma” chiede al Sindaco di Roma “di voler rivedere la decisione nell’interesse della intera collettività che mi onoro di rappresentare”.
Cupparo nella nota spiega che la problematica “è molto sentita dai numerosi miei conterranei ed, in generale, dalla moltitudine dei cittadini meridionali che quotidianamente si recano a Roma per svariati motivi”.
Si tratta, principalmente – sottolinea Francesco Cupparo – “di studenti e delle loro famiglie, di persone che si recano presso le strutture ospedaliere romane o, semplicemente, viaggiatori di passaggio che continuano il loro viaggio verso le stazioni ferroviarie o gli aeroporti capitolini”.

Maf

Categorie: Notizie Basilicata

Balnerari, Merra: Regione vicina a operatori

Basilicatanet - Ven, 29/11/2019 - 10:11
Il Coordinamento delle Regioni ha presentato al governo nazionale un emendamento alla legge finanziaria che estende le concessioni demaniali marittime, lacustri e fluviali al 2033. Lo stesso emendamento prevede la possibilità di estendere a tutte le categorie di concessionari nelle aree colpite da calamità naturali nel 2018 la sospensione del canone anche per gli anni successivi.
Lo comunica l’assessore regionale alle infrastrutture Donatella Merra, che ha incontrato i rappresentati sindacali di categoria degli operatori balneari. Merra ha spiegato che la presentazione della norma al governo, nata da un documento prodotto in seno al Coordinamento delle Regioni, si è resa necessaria in attesa di un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri previsto dalla finanziaria 2019, che dovrebbe indicare le linee guida per la revisione del sistema delle concessioni demaniali marittime e quindi estenderle al 2033, ma che non è stato mai emanato.
Gli interventi dei rappresentanti di categoria hanno sottolineato che la politica nazionale non tiene in dovuta considerazione un comparto importantissimo per l’economia del Paese. Inoltre, hanno chiesto con forza un interessamento della politica locale perché siano applicati al più presto gli articoli della finanziaria del 2019 per la parte che prevede le modalità degli aiuti. Soprattutto in conseguenza alle mareggiate che hanno investito le nostre coste, hanno sottolineato, gli operatori si trovano in condizioni tali da non poter richiedere aiuti economici agli istituti di credito bancario perché il titolo concessorio è in scadenza e, quindi, si è nell’impossibilità di garantire le somme necessarie per la ricostruzione delle strutture balneari.
Alla richiesta di date certe per avere la sicurezza della continuità delle aziende balneari, l’assessore ha assicurato che il dirigente generale del Dipartimento, Alberto Caivano, e l’Ufficio Demanio marittimo di Matera sono in costante contatto con tutte le Regioni interessate e i referenti del Coordinamento Stato Regioni; inoltre, l’Ufficio è pronto a dare corso all’emendamento qualora fosse approvato ed incluso nella finanziaria.
Qualora l’emendamento non fosse recepito l’assessore Merra chiederà in Conferenza delle Regioni e delle Provincie Autonome che le procedure suggerite al governo vengano attivate simultaneamente da tutte le Regioni interessate.
Erano presenti per la Fiba, Sabrina Crusco, Claudio Pagliaro e Roberto Schettino di Maratea, per la costa jonica Massimo De Lorenzo, per il Sib Manuela De Filippo per Maratea e Nicola Rondinelli per la costa jonica, per Confindustria Nicolino Antonio Sileo e per Federbalneari Pasquale Faraco.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, il primo dicembre l'ultimo Gardentopia Day

Basilicatanet - Gio, 28/11/2019 - 17:02
Gran finale per Gardentopia, il progetto a cura di Pelin Tan per Matera 2019 sulla cultura del verde e della cittadinanza attiva che ha coinvolto 32 giardini e 18 artisti, architetti, landscape designer, in un lavoro con le comunità e con un network di cittadine diffuse su tutto il territorio della Basilicata. Il primo dicembre prossimo, dalle 10 alle 18 si svolgerà – si legge in una nota diramata dall’ufficio stampa della Fondazione Matera-Basilicata 2019 - il terzo e ultimo Gardentopia Day, una grande festa con incontri, workshop, musica, cibo e racconti, all'insegna dell'arte e delle riflessioni legate all'ecosostenibilità sotto il titolo Terreno, coltivazioni, diritti. Si partirà alle 10 con gli interventi di Salvatore Adduce (Presidente Fondazione Matera-Basilicata2019) e Giuseppe Tragni (vicesindaco Comune di Matera). Seguirà la presentazione del progetto, coordinato dall'artista Luigi Coppola, Giardino Evolutivo di Casino Padula di Matera, sede dell'Open Design School, del progetto Olio per il Giardino Evolutivo, dove gli abitanti del quartiere presenteranno quanto realizzato nell'ambito di Gardentopia e del giardino da loro adottato. Successivamente Stefano Chiodi, storico e critico d'arte contemporanea parlerà di implicazioni e potenzialità dell'arte partecipata e darà una lettura critica sulle pratiche artistiche coinvolte nell'ambito di Gardentopia. Seguirà la presentazione di tutte le esperienze realizzate nell'ambito di Gardentopia e un approfondimento su 8 esperienze raccontante direttamente dai cittadini. Il pomeriggio sarà arricchito dallo screening di Autotrophia, il film girato dall'artista Anton Vidokle a Oliveto Lucano e dal workshop a cura dell'esperto di biodiversità Angelo Giordano. Gerardo Sassano di Volumezero, tra gli artisti coinvolti in Gardentopia, racconterà la propria esperienza e cosa significa coltivare gli spazi pubblici, affrontando quali sono le pratiche contemporanee per la riattivazione di paesaggi urbani. Si chiuderà con la tavola rotonda Fare Comune, una conversazione tra Pelin Tan, Luigi Coppola, Rossella Tarantino (Manager Area Sviluppo e Relazioni - Fondazione Matera-Basilicata2019) e Roberto Covolo (Assessore alla Programmazione economica del Comune di Brindisi). “Gardentopia si basa sul valore della dimensione regionale, che viene esaltata portando il progetto nelle aree interne della Basilicata attraverso una costellazione di 32 giardini in residenza che valorizza e rigenera i nostri territori. Con Gardentopia il tema della partecipazione è stato centrale: questo progetto non sarebbe stato possibile se non lo avessero sposato i Comuni, i sindaci, i cittadini dei tanti paesi diffusi in tutto il territorio regionale. Tutti loro hanno lavorato insieme con gli artisti e con gli architetti coinvolti da Pelin Tan, hanno messo a disposizione le proprie competenze e hanno imparato; hanno inoltre costruito un percorso virtuoso di riattivazione dei giardini in un processo di analisi delle esigenze della comunità”, ha commentato Rossella Tarantino, Manager Sviluppo e Relazioni Fondazione Matera-Basilicata 2019. Gardentopia desidera aprire una riflessione su come possiamo creare e condividere attraverso gli spazi coltivati, creare consapevolezza transgenerazionale sulla giustizia climatica attraverso arte e design, ma anche su come le comunità agro-ecologiche possano essere sostenibili, ad esempio. “L'azione di Gardentopia si basa sull'immaginazione di artisti e architetti, insieme al coinvolgimento dei cittadini”, ha detto Pelin Tan.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Assessore Rosa a Stigliano per parlare di petrolio e sviluppo

Basilicatanet - Gio, 28/11/2019 - 16:33
L’occupazione, la tutela del territorio e lo sviluppo sostenibile saranno al centro di un convegno che si terrà domani, a Stigliano, alla presenza dell’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa.
“Lavoro e sviluppo oltre il petrolio” è il titolo dell’evento, patrocinato dal Dipartimento Ambiente ed Energia della Regione Basilicata. Interverranno all’incontro - che si terrà nella sala consiliare, con inizio alle ore 18 - anche il consigliere regionale Giovanni Vizziello, il sindaco di Stigliano, Francesco Micucci ed il consigliere comunale della cittadina del materano, Gianni Pasciucco.
“Sarà un’importante occasione per parlare delle opportunità di lavoro e di sviluppo da cogliere, cercando di andare oltre la stretta visione del petrolio”, ha detto l’assessore Rosa, nell’annunciare la sua partecipazione all’iniziativa promossa dal Comune di Stigliano, uno dei centri che fanno parte della Concessione mineraria Gorgoglione-Progetto Tempa Rossa, insieme ad Accettura, Aliano, Anzi, Armento, Castelmezzano, Cirigliano, Gorgoglione, Laurenzana, Missanello e Pietrapertosa.
“Nei giorni dell’accordo con la Total - ha proseguito l’esponente della giunta Bardi - riteniamo doveroso, come rappresentanti delle istituzioni, contribuire ad animare un dibattito costruttivo e lungimirante sulle opportunità offerte da questa nuova fase. Nelle trattative degli ultimi mesi con le compagnie petrolifere - ha proseguito - siamo stati fermi e decisi sulla necessità che ci venga riconosciuto un adeguato ristoro, fondamentale per creare uno sviluppo alternativo al greggio. Tra le nostre priorità - ha sottolineato l’assessore - c’è quella di un percorso di sviluppo che ricomprenda la tutela dell’ambiente e della salute, che guardi oltre lo sfruttamento delle risorse petrolifere e che porti ai lucani lavoro stabile. Ecco perché - ha concluso - è per noi irrinunciabile incontrare i cittadini, per ascoltare e far tesoro delle loro istanze e, perché no, dei loro suggerimenti”.


  
Categorie: Notizie Basilicata

Da Matera 2019 la Carta sulle Residenze artistiche

Basilicatanet - Gio, 28/11/2019 - 11:57
Viene lanciata da Matera la Carta delle Residenze artistiche, frutto di un lavoro congiunto di Istituzioni, associazioni e privati, sia nazionali che internazionali, riuniti nella città dei Sassi nei giorni scorsi in occasione del simposio “Come&Seed - Coltivare nuovi modelli di residenza” promosso dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 nell’ambito del programma ufficiale di Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La carta di Matera - si legge in un comunicato dell’ufficio stampa della Fondazione Matera-Basilicata 2019 - è l’esito di un percorso sul tema delle residenze artistiche avviato dalla Fondazione a partire dall’Avviso Pubblico Residenze Matera Basilicata 2019, che ha finanziato 9 progetti candidati dagli operatori lucani su tutto il territorio regionale. A questo si aggiungono le residenze artistiche organizzate nell’ambito dei progetti AltoFest Matera Basilicata 2019, Gardentopia, Matera Alberga. Durante il simposio, i rappresentanti di questa realtà sono stati chiamati a partecipare, insieme ad altre realtà nazionali e internazionali, a un momento di presentazione, dialogo, confronto, approfondimento sui modelli e modalità di gestione dei progetti di residenze in Basilicata, in Italia e in Europa. La carta di Matera chiede alle Istituzioni Pubbliche e Private, e nello specifico a Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, alle Regioni e ai Comuni di mettere in atto tutte le misure in possesso per concedere: il riconoscimento formale del valore del lavoro delle residenze e del loro impatto nell’ambito della formazione, educazione, rigenerazione territoriale, engagement, sulla società civile facilitando il dialogo con università e altri enti pubblici e privati; il riconoscimento formale delle residenze artistiche, prendendo a ispirazione quanto fatto per le residenze dello spettacolo tramite la conferenza tra Stato e Regioni che ha dato origine all’articolo 43 del Decreto Ministeriale del 27 Luglio 2017. Attraverso la carta, i firmatari prendono inoltre degli impegni concreti sul tema delle residenze, come la costituzione di un consorzio o una forma giuridica simile, e avanzano delle proposte per valorizzare al meglio questo strumento. La carta è stata sottoscritta dal gruppo informale di organizzatori di residenze artistiche presenti a Matera, costituito da: esperienze sostenute da Fondazione Matera Basilicata 2019 all’interno del percorso di co-creazione e nello specifico Plus Hub Pisticci, Supertramp, Terre Joniche Magna Grecia, Basilicata Link, Centro Carlo Levi, Coop. Synchronos – MUSMA, Arci Basilicata, Associazione Al Parco Onlus, Associazione Terrarossa, Gardentopia, Materalberga, AltoFest; esperienze di realtà nazionali e internazionali come Guilmi Art Project, Progetto Diogene, Associazione Ramdom, The Blank, Viaindustriae, FARE, Associazione Limiti Inchiusi e con la partecipazione di Regione Lombardia, Regione Piemonte, Maxxi e dei network nazionali ed internazionali AIR- artinresidence, Res Artis, On The Move, In Situ. In continuità con gli intenti espressi dalla carta, già dal prossimo mese verranno attivati due programmi di residenza artistica come una delle molteplici eredità di Matera 2019: quello realizzato in collaborazione con la Camera di Commercio della Basilicata, che porterà a Matera dall’8 al 22 dicembre l’artista giapponese Yu Araki, il quale lavorerà con il network di aziende legate a Casamatera.net; quello attivato con la città austriaca di Feldkirch, candidata al titolo di Capitale Europea della Cultura per il 2024, dove saranno accolti due artisti lucani, Giandomenico Palazzo e Mida Fiore, selezionati attraverso una call pubblica.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Stadio per “Potenza città dello sport 2021”, incontro in Regione

Basilicatanet - Mer, 27/11/2019 - 19:17
La costruzione di uno stadio, nell’ambito di un più ampio ed ambizioso progetto di cittadella dello sport, a coronamento di “Potenza città europea dello sport 2021”.
E’ stato questo l’oggetto di un incontro che il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, ha tenuto con il sindaco di Potenza Mario Guarente, il presidente del consiglio comunale del comune capoluogo Francesco Cannizzaro, l’assessore allo sport Patrizia Guma e il presidente del Potenza Calcio Salvatore Caiata.
Nel corso dell’incontro si è condivisa la volontà di offrire alla città di Potenza una nuova struttura sportiva che guardi con pari dignità a tutte le discipline sportive.
Al termine dell’incontro si è deciso di coinvolgere gli uffici preposti per individuare aree e soluzioni urbanistiche condivise.

Categorie: Notizie Basilicata

Tempa Rossa, Bardi a Confindustria: coinvolgeremo tutti

Basilicatanet - Mer, 27/11/2019 - 18:35
“Sulla vicenda dell’Accordo di Tempa Rossa è bene fare chiarezza. E’ stata intenzione del governo regionale sin dal primo momento costruire tavoli di confronto con l’intera società lucana, partendo dalle associazioni di volontariato per arrivare ai sindaci e, infine, con tutte le organizzazioni datoriali e sindacali.
Perché, così come ha dimostrato il percorso che ha portato all’accordo, nessuno si possa sentire escluso.  Ed è per questo che il comunicato congiunto di Confindustria insieme ad altre associazioni di categoria è stato accolto con disappunto nella sede della Presidenza della Giunta. Perché in nessun modo si vuole escludere una parte così rilevante dell’organizzazione degli imprenditori.
Purtroppo, una serie di impegni concomitanti hanno reso gli incontri, pure programmati, non sempre condivisi. Ma questo non significa che è intenzione della giunta regionale escludere o, peggio, evitare il confronto con quanti lo vogliono realmente. Così come è noto, a breve, ci sarà un incontro tra il presidente Bardi e tutte le organizzazioni di categoria per dissipare dubbi e malumori”.


Categorie: Notizie Basilicata

Total, la relazione del presidente Bardi in Consiglio regionale

Basilicatanet - Mer, 27/11/2019 - 18:07
Signor Presidente, signori consiglieri,
come ho avuto modo di dire nell’ultima seduta che aveva all’ordine del giorno la vicenda petrolio è mia intenzione informare la comunità lucana di quanto il Governo regionale ha fatto su questa materia dopo aver raggiunto l’accordo su Tempa rossa.
Anche in questa occasione ritengo necessario precisare che gli accordi riguardano solo le compensazioni ambientali che dovranno essere versate alla Regione Basilicata per le attività di coltivazione idrocarburi della concessione Tempa Rossa.
Sottolineo: bilanciamenti ambientali e non royalties che lo Stato decide e distribuisce in ragione della produzione.
In realtà, e per dovere di precisione, i concessionari del Centro Oli Tempa Rossa sono, oltre a Total, anche Shell e Mitsui Italia, che ha sostituito nella quota di concessione Esso.
Già nella scorsa seduta ho illustrato quanto stipulato nell’accordo del 2006.
Nonostante una clausola infelice che all’epoca stabiliva una sorta di intoccabilità futura dei termini di accordo, devo dare atto che le aziende petrolifere hanno invece accolto il nostro nuovo corso, acconsentendo a una rideterminazione delle azioni e dei compensi a fronte di una rinnovata e sempre maggiore sensibilità ambientale.
E’ soprattutto su questo punto che vorrei soffermarmi, prima di affrontare le aride questioni di cifre.
Nel corso dei negoziati per le compensazioni ambientali relativi a Tempa Rossa è stato fortemente voluto e condiviso con i concessionari un principio di forte discontinuità con il passato: le società e i Gruppi di appartenenza, multinazionali di primo piano a livello mondiale, devono condividere con la Basilicata la propria esperienza e competenza aziendale per la crescita economica della Regione.
E, visto che abbiamo negoziato le compensazioni ambientali, è stato proprio l’ambiente ad essere messo al centro di questo principio.
L’ambiente come occasione di impresa e di creazione di valore.
L’ambiente come volano di sviluppo e occupazione.
Abbiamo una Regione in cui le risorse dell’ambiente sono uniche e varie, e ricomprendono attività imprenditoriali che devono risaltare:
 la messa in sicurezza il territorio;
 il recupero e la valorizzazione delle aree abbandonate;
 la ricostituzione di habitat naturali;
 lo sviluppo di nuove attività nell’ambito del risparmio e dell’efficienza energetica;
 le produzioni sostenibili con la creazione di partenariati industriali con le imprese locali per la nascita di eccellenze;
 ed infine, lo sviluppo dell’economia circolare e della green economy.
Il protocollo prevede la creazione di un tavolo di concertazione che definirà le linee di azione su un duplice binario entrambi focalizzati comunque all’obiettivo di massimizzare l’occupazione sul territorio:
 uno riguarderà i progetti che i concessionari direttamente o con le società del gruppo loro collegate possono realizzare;
 l’altro le iniziative da proporre con bandi regionali e che potranno essere finanziati fino alla metà dell’intero costo di progetto.
Al tavolo, oltre alla Regione e ai concessionari, parteciperanno:
l’ANCI Basilicata in rappresentanza della popolazione del territorio,
le organizzazioni sindacali più rappresentative, in rappresentanza dei lavoratori;
le organizzazioni datoriali di riferimento regionale in rappresentanza delle imprese;
i rappresentanti degli enti associativi più rappresentativi e che abbiano documentata attività sul territorio regionale a sostegno dell’ambiente;
e un rappresentante della Consulta Regionale Studentesca di Basilicata.
Un ulteriore tavolo tecnico composto dalla Regione e dai concessionari validerà le proposte.
Come ho già detto, pur non avendo mai avviato la produzione i concessionari di Tempa Rossa hanno versato ad oggi 4 milioni di euro ai precedenti governi, oltre a 250 mila euro all’anno per supporto a manifestazioni di promozione locale.
Ed arriviamo, come anticipavo, alle aride cifre.
Per i progetti di sviluppo sostenibile i concessionari garantiranno 25 milioni di euro di investimenti ogni quinquennio per quelli propri, nonché ulteriori 25 milioni – sempre per quinquennio – per i bandi regionali da finanziare al 50%.
Pertanto, dato che le imprese che si aggiudicheranno i bandi dovranno investire almeno altri 25 milioni di euro, il totale degli investimenti per lo sviluppo sostenibile ogni 5 anni sarà pari a 75 milioni di euro. 
Inoltre, a titolo di compensazione ambientale i concessionari di Tempa Rossa verseranno alla Regione un contributo pari a 50 centesimi euro/barile di greggio prodotto, aggiornato anno per anno secondo l'indice "Brent Futures Weighted Average" a cui è aggiunto un ulteriore contributo pari a 30 centesimi euro/barile.
A titolo di ulteriore compensazione in relazione al riequilibrio ambientale e territoriale vi sono altri 3 Milioni di euro, quale contributo di scopo per la pianificazione e progettazione di una rete di monitoraggio ambientale che dovrà riguardare l’intero territorio regionale.
Inoltre, vi sarà un contributo ai costi di esercizio di tale rete per un altro milione e mezzo all’anno. E  per 20 anni.
Non solo: ad ulteriore compensazione per il riequilibrio ambientale a titolo di contributo a programmi in materia di sviluppo sostenibile vi saranno:
- 1 milione di euro all’anno per i primi cinque anni di produzione;
- 2 milioni di euro all’anno dal sesto al decimo anno di produzione;
- 2 milioni e mezzo di euro all’anno dall’undicesimo al venticinquesimo anno di produzione.
Ed infine, la partita del gas naturale che è stato riconosciuto comunque tutto della Regione al netto dell’autoconsumo che Tempa Rosa deve certificare.
Gli accordi hanno stabilito la fornitura gratuita MINIMA di 40 Milioni di metri cubi all’anno dall’inizio della produzione  e per la durata di 30 anni fino al raggiungimento della quantità complessiva di 1200 Milioni di metri cubi, rispetto ai 750 milioni previsti nel 2006.
E’ probabile quindi che questa fornitura, con un meccanismo di monitoraggio quinquennale della legge di produzione del giacimento relativamente al Gas naturale, possa essere ulteriormente incrementata nel tempo.
Quello che ci attende, quindi, è una sfida.
Dobbiamo mettere in campo la nostra volontà di costruire una Regione diversa è migliore.
I fondi che siamo riusciti a costruire con Total, infatti, ci impegnano sul piano dei progetti per il lavoro e l’ambiente.
Per fare questo c’è bisogno del contributo di tutti.
Maggioranza e opposizione.
Mi rivolgo a Voi, rappresentanti della nostra comunità.
Quelli che ci attendono possono essere tempi di grandi cambiamenti.
Abbiamo costruito un accordo che privilegia non la caduta di fondi a pioggia, ma la costruzione di idee per aiutare a crescere la nostra comunità.
Infrastrutture, ma non solo.
Per questo voglio lanciare un appello a tutti. Agli imprenditori, alle forze sindacali, alle organizzazioni degli artigiani.
Insieme dobbiamo costruire una strada di sviluppo economico e sociale.
Insieme dobbiamo puntare sui nostri giovani. Sulle nostre aziende, sulla nostra capacità di fare.
Insieme dobbiamo bandire la rassegnazione e guardare al futuro con ottimismo.
Perché questo è il cambiamento possibile, quello che vede in campo la buona volontà.







































Categorie: Notizie Basilicata

Pagine