Basilicatanet

Abbonamento a feed Basilicatanet
Basilicatanet - News
Aggiornato: 1 ora 43 min fa

“Made in Basilicata” su Rai 1 ospita il ‘Parco delle stelle’

Mer, 16/10/2019 - 10:35
La rubrica “Made in Basilicata” torna sulla principale rete Rai nella trasmissione Uno Mattina. Domani 17 ottobre, alle ore 7.50, la giovane direttrice del ‘Parco delle Stelle’, Giovanna, parlerà ai telespettatori di questa nuova attrazione lucana sul Monte Serra Pollino, a un’altezza di oltre mille metri sul livello del mare, nel Comune di Trecchina.
Il questo luogo è possibile godere di un panorama naturalistico straordinario, ammirando dall’alto parte della costa tirrenica di Maratea e della Calabria. Il parco, inoltre, offre tanto divertimento: lunghi scivoli, la pista tubing, la slittovia, una grande altalena e per gli amanti dello sport outdoor un’area volo per parapendio, una pista downhill e il percorso equestre Pegaso di 6 chilometri collegato al galoppatoio situato a valle.
L’iniziativa rientra nell’accordo sottoscritto tra la Regione Basilicata e la Rai con l’intento di valorizzare storie di resilienza e successo legate al territorio, e proseguirà con altri protagonisti nei giorni 31 ottobre, 14 e 28 novembre e 12 dicembre.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Petrolio, domani incontro con i dirigenti dell'Eni

Mer, 16/10/2019 - 09:29
Domani, 17 ottobre 2019, alle ore 15,30, presso il Dipartimento Ambiente della Regione Basilicata proseguono gli incontri con i dirigenti dell'Eni per discutere del rinnovo degli accordi del 1998 sulle attività petrolifere in Val d'Agri.
La riunione non è pubblica, ma è previsto un punto stampa al termine dell'incontro.

Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, in scena la Stopgap Dance Company

Mar, 15/10/2019 - 16:30
Si riapre il sipario sul progetto “Movimento Libero”, con uno spettacolo di danza inclusiva in tre atti. Matera 2019 farà tappa presso il centro commerciale il Circo, in via Sallustio. Protagonista - si legge in un comunicato stampa della Fondazione Matera-Basilicata 2019 - sarà la StopGap Dance Company (Regno Unito), una tra le maggiori compagnie al mondo di danza contemporanea con un cast di artisti abili e con disabilità. Due gli spettacoli in programma sabato 19 ottobre: alle ore 18 e replica alle ore 21 (si accede con Passaporto per Matera 2019 e prenotazione).
“Movimento libero” esplora la relazione tra l’arte e le diverse abilità con particolare attenzione al tema dell’accessibilità. Uno stimolo per ridisegnare un mondo più accessibile sia dal punto di vista fisico che artistico, considerando la diversità come un motore per la creatività.
Il progetto è co-prodotto da Fondazione Matera Basilicata 2019 e British Council, con il patrocinio del Comune di Matera, mentre i partner di progetto sono Oriente Occidente Dance Festival, IAC Centro Arti Integrate.
Lo spettacolo “Artificial Things” di Lucy Bennett, capolavoro del 2014 della compagnia inglese StopGap, viene ripreso appositamente per Matera e presentato in una nuova versione in cui la parte danzata dialoga con la seconda parte in film a opera della regista Sophie Finnes. Lo spazio della scena, all’interno della sala intitolata a Pierpaolo Pasolini, e l'abbigliamento richiamano l'estetica degli anni '50, ed evocano un pò di malinconia postbellica. Un motivo ricorrente nella coreografia è il dialogo (o la sua mancanza). Attraverso la delicata interazione dei danzatori (nei duetti e nei quartetti), si sviluppano gradualmente intimità e connessione fino a quando persone disabili e non disabili e una sedia a rotelle rotta diventano un tutt'uno, l'unione interconnessa sul terreno. Cosa può succedere di questo insolito gruppo di non più estranei? Il finale suggerisce l'ottimismo, rivelando una profonda umanità.
Lo spettacolo - prosegue la nota - sarà introdotto, all’esterno della sala Pasolini, dall’esito performativo del Laboratorio di danza inclusiva realizzato a Matera nel mese di luglio, e condotto dalla compagnia StopGap, con danzatori disabili e abili provenienti dalla Basilicata, dal resto d’Italia e da Plovdiv. A tale momento, che rappresenta il primo atto dello spettacolo, si accede liberamente fino ad esaurimento dei posti.
Stopgap crea coinvolgenti produzioni di danza per tournée nazionali e internazionali. Valorizza uno spirito pionieristico e si impegna a scoprire nuove forme di integrazione attraverso la danza: “La differenza è il nostro strumento e metodo”.
Le loro produzioni sono ideate dai ballerini e collaboratori della compagnia, che lavorano come un ensemble sotto la direzione artistica di Lucy Bennett: "Le nostre produzioni cercano di offrire una finestra su un mondo parallelo nel quale l'interdipendenza umana, la forza e la vulnerabilità si sviluppano con un realismo poetico".
In quanto compagnia guidata da coreografi, Stopgap è esperta di coreografia inclusiva e ha una vasta esperienza nel formare artisti disabili e non disabili a realizzare opere inclusive.
Il centro commerciale "Il Circo" è un uno spazio nella periferia della città, utilizzato in passato come aula consiliare, che verrà ripensato per essere attivato anche come luogo performativo. Open Design School curerà gli interventi sullo spazio attraverso azioni e dispositivi che ne migliorino l'accessibilità non solo fisica: si interverrà sul piano della leggibilità del sito attraverso un sistema di way-finding che consenta al pubblico di individuare gli spazi performativi, gli ingressi, i luoghi di sosta, ecc. La disposizione del pubblico sarà disegnata in modo da evitare l'individuazione di un'area isolata destinata alle carrozzine ma si proverà ad integrare diverse le modalità di fruizione dello spettacolo (seduti, in piedi, a terra, ecc.)
La riflessione sullo spazio a cura di Open Design School è frutto di un workshop intensivo, svoltosi tra primavera ed estate, insieme a Disordinary Architeture (http://disordinaryarchitecture.com/wp/) esplorando nuove modalità di "esperienza dell'ambiente costruito" attraverso il design e la consapevolezza della disabilità per giungere a soluzioni pratiche.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, laboratorio artistico e mostra alLone

Mar, 15/10/2019 - 14:28
Dal 18 al 20 ottobre lo spazio accoglierà dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 17:00 alle 19:00 il laboratorio di arte contemporanea con le artiste Annamaria Muscaridola e Virginia Sartori per la creazione di “alLone*”, un'installazione artistica partecipata, nella quale "il concetto di identità viene meno per essere sostituito da quello di multividuo, ossia una moltiplicazione di "ii" che fluttuano in un continuum spazio-temporale" così come teorizzato dall’antropologo Massimo Canevacci. Lo rende noto la Fondazione Matera-Basilicata 2019.
Ogni partecipante al laboratorio artistico, che sarà presentato il 18 ottobre alle ore 17:00, potrà lasciare una traccia concreta di sè e del proprio passaggio attraverso l'impronta digitale, oggetto univoco e irripetibile della propria identità che sarà connessa ad un profilo immaginario e di fantasia composto in relazione con le due artiste.
Obiettivo del lavoro artistico è quello di raccogliere queste identità metafisiche lasciando che le persone giochino con esse in modo da reinventarsi. In questo processo potranno depositare nuovi sé, sovrapponendo e accavallando la propria identità riconcepita con quella degli altri, per creare così una costellazione antropologica di esistenze in convergenza.
L’istallazione resterà sarà visitabile dal 21 al 27 ottobre negli stessi orari del laboratorio.
Al laboratorio e alla mostra si accede con Passaporto per Matera 2019. Il laboratorio è consigliato per un pubblico adulto.

  
Categorie: Notizie Basilicata

Settimana Protezione Civile, Merra su nuovo Codice di settore

Mar, 15/10/2019 - 13:14
“Una serie di strumenti innovativi che renderanno più agevole conseguire gli obiettivi di sicurezza e di prevenzione dei rischi sono stati introdotti dal nuovo Codice di Protezione Civile: ne abbiamo parlato a Potenza, nel convegno di apertura della Settimana nazionale della Protezione Civile, al quale sono intervenuti tutti gli attori di un complesso sistema di difesa del territorio, che passa attraverso la pianificazione, la prevenzione, la gestione delle emergenze”.
 Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Donatella Merra, in riferimento alla prima iniziativa del programma di eventi promosso dalla Regione Basilicata, che si svilupperà fino a sabato prossimo. “Abbiamo approfondito - ha spiegato l’esponente dell’esecutivo regionale - il ruolo ed i compiti del Corpo dei Vigili del fuoco, degli uffici regionali di Protezione Civile e della comunità scientifica, nell’ottica della prevenzione e della gestione dei rischi. Questo ciclo di eventi, fortemente voluto dal presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi ed organizzato con il coordinamento dell’Ufficio di Protezione civile del Dipartimento Infrastrutture è sicuramente fondamentale per i rappresentanti delle istituzioni e per gli operatori del settore: ogni attore del delicato processo di difesa del territorio, infatti, deve essere consapevole del ruolo strategico assunto. Il nostro territorio - ha continuato l’assessore Merra - ha bisogno di un’attenzione costante, perché è caratterizzato da profili importanti di criticità, che vanno affrontati con responsabilità. Il nuovo Codice, appunto, ci fornisce gli strumenti per coordinare e per condividere iniziative virtuose ed allo stesso tempo per conseguire risultati importanti a livello di sicurezza e di prevenzione dei rischi. Ecco perché è utile approfondire insieme tali strumenti”.
Domani, nell’ambito della Settimana nazionale della Protezione Civile, nel campus universitario di Macchia Romana, a Potenza, ci sarà (con inizio alle 9.30) un convegno dal tema “Centri di Competenza per la riduzione dei rischi su infrastrutture e strutture strategiche in Basilicata”. “Ogni giorno, in questa settimana - ricorda l’assessore Merra - ci sarà un incontro dedicato ad un tema specifico nel vasto scenario della Protezione civile e delle infrastrutture strategiche”.

  
Categorie: Notizie Basilicata

Aree rurali, incontri di presentazione del bando sottomisura 6.2

Mar, 15/10/2019 - 11:41
Contrastare il progressivo spopolamento delle aree interne, sostenendo l’avvio di nuove attività imprenditoriali extra-agricole nelle aree rurali della Basilicata in grado di garantire nuova vitalità nei 66 Comuni lucani con meno di 2.000 abitanti: è l’obiettivo del bando denominato “Sottomisura 6.2 - Aiuto all'avviamento di attività non agricole in aree rurali” ed attivato recentemente dalla Regione Basilicata nell’ambito del PSR FEASR 2014/2020.

Questa iniziativa, finanziata con 5,6 milioni di euro, sarà presentata in una serie di incontri pubblici che avranno luogo a Trivigno (17 Ottobre 2019, presso la Sala Consiliare alle ore 17.30), Terranova del Pollino (18 Ottobre 2019, presso la Sala Consiliare alle ore 17.30), Forenza (22 Ottobre 2019, presso la Sala Consiliare alle ore 17.30) e Accettura (23 Ottobre 2019, presso la Sala Consiliare alle ore 17.30).

Gli eventi informativi vedranno la partecipazione dell’assessore regionale all’Agricoltura Francesco Fanelli e dello staff dell’Ufficio Autorità di Gestione del PSR 2014/2020. “La Regione Basilicata – afferma Fanelli - intende dare visibilità e divulgare questa importante opportunità di rilancio delle aree rurali; per tale ragione il Dipartimento Politiche Agricole e Forestali ha organizzato un percorso di animazione sul territorio al fine di sensibilizzare le comunità locali e trasferire le informazioni tecniche necessarie a tutti coloro che sono interessati a cogliere questa opportunità”.

Il bando prevede il riconoscimento di un sostegno pari a 40.000 euro per lo start-up e l’avvio dell’attività extra-agricola, a condizione che la partita iva sia stata aperta da non oltre 6 mesi al momento della presentazione del piano di sviluppo aziendale. Il bando è aperto ad una vasta gamma di settori, tra cui artigianato, trasporti, turismo, informazione e comunicazione, attività professionali, tecniche e scientifiche, attività artistiche, sportive e ricreative, nonché commercio e servizi alla persona.

Per maggiori informazioni sul Bando: http://europa.basilicata.it/feasr/bando-misura-6-2-aiuti-allavviamento-di-attivita-imprenditoriali-per-attivita-extra-agricole-nelle-zone-rurali/
Categorie: Notizie Basilicata

Al via a Potenza la Settimana nazionale della Protezione civile

Lun, 14/10/2019 - 18:05
Oggi a Potenza, la prima delle giornate inserite nel programma della Settimana nazionale della Protezione civile, con un convegno dal tema “Il sistema definito dal Nuovo codice di Protezione civile: prospettive e obiettivi”, che si è tenuto nell’aula magna dell’Università della Basilicata. L’iniziativa è stata promossa - per divulgare i temi della sicurezza e della consapevolezza dei rischi - d’intesa fra le Prefetture, la direzione regionale dei Vigili del fuoco, l’Università degli Studi della Basilicata ed il mondo del volontariato. Nel corso della manifestazione si è discusso dei temi legati al nuovo assetto normativo di settore, introdotti con il Codice della Protezione civile, di cui al decreto legislativo n. 1 del 2018 “che dedica - è stato evidenziato - ampio spazio alle misure necessarie nei territori per ridurre il rischio ad un livello accettabile, tra cui l’obbligatorietà del fascicolo del fabbricato per tutti gli edifici esistenti”. La nuova normativa di settore è stata approfondita sotto diversi punti di vista, a partire “dal modo in cui andrà ad impattare sull’attività istituzionale dei vari enti”. Si è discusso, inoltre, di come il codice tiene conto dell’attività di ricerca scientifica, ma anche di come intende organizzare il mondo del volontariato. Dopo i saluti inaugurali del rettore dell’Unibas, Aurelia Sole, è intervenuto l’assessore regionale alle infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra, che ha rimarcato la centralità e la rilevanza dei Comuni nella gestione delle criticità del territorio. “Questa iniziativa, fortemente sostenuta dal presidente Bardi, mette in evidenza - ha detto Merra - il ruolo strategico di tutti gli enti lucani, in primis dei sindaci, nelle attività di coordinamento e pianificazione decisive anche nel manifestarsi di eventi critici”. Sono intervenuti all’incontro, tra gli altri, il prefetto di Matera, Demetrio Martino, il direttore generale dei Vigili del fuoco della Basilicata, Emanuele Franculli, il presidente della Provincia di Potenza, Rocco Guarino, e il sindaco di Potenza, Mario Guarente.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019 ospita i Diari Meridiani

Lun, 14/10/2019 - 17:07
Seguendo la proposta del Mibact di allargare la sfera di influenza di Matera 2019 anche alle altre regioni del Sud coinvolgendole in maniera attiva Matera Capitale Europea della Cultura 2019 ospita, nell’ambito del progetto Italia 2019, Diari Meridiani, l’iniziativa ideata dall’associazione Nish per riscoprire attraverso l’uso di nuovi linguaggi, alcuni aspetti identitari del territorio calabrese, mettendoli a tema e ragionando su di essi per coglierne prospettive future. Due giorni, venerdì 18 e sabato 19 ottobre, per raccontare attraverso il linguaggio del cinema e dei saperi perché “il futuro ha un cuore antico”. Lo si apprende da una nota diramata dall’ufficio stampa della Fondazione Matera-Basilicata 2019. “Lo spunto - dice Erica Tuselli referente per il progetto di Nish - è arrivato nel marzo 2017, leggendo il dossier di candidatura con il quale Matera 2019 era riuscita a costruire una splendida realtà progettuale che ha permesso alla città lucana di diventare la prima capitale europea della cultura del sud-Italia; ci siamo chiesti se quella idea di sud non abbracciasse anche noi. Ciò per cui il progetto di Matera 2019 è stato premiato trova la sua forza nelle idee progettuali presentate che sì, partivano da elementi identitari del luogo, ma che soprattutto parlavano di e al futuro, per Matera e per il sud”. Diari Meridiani dunque è una ricerca identitaria delle eccellenze della tradizione calabre che hanno rappresentato un’innovazione di successo al tempo del loro esordio e che sono ora il segno di una propensione al rinnovamento incorporata nella storia del territorio. “Abbiamo scelto due elementi - continua Tuselli - di raccordo con due giovani registi Giuseppe Pascale e Giorgio Sergi, ed un giovane designer Francesco Barberio, coordinati dal direttore dell’Extramuseum Torino Pino Zappalà, il primo è quello della filiera del tonno nel distretto di Pizzo e Vibo Marina, che affonda le sue radici nei secoli passati e che ha un lascito importante nell’industria conserviera con aziende che competono oggi a livello internazionale coniugando tradizione, attenzione all’ecosistema e innovazione. Il secondo elemento è quello delle tradizionali terrecotte di Gerocarne che racconteremo con un documentario inedito girato nei mesi scorsi tra le parole dei maestri vasai, i loro gesti uguali da secoli e che si tramandano di padre in figlio, i rumori del tornio e la propensione al futuro rappresentata dai nuovi mercati esteri interessati a queste produzioni e da designer e artisti che con le terrecotte immaginano nuovi componenti d’arredo. Ma in terra Lucana non potevano non pensare ad un doveroso omaggio a Luigi Di Gianni, Presidente della Lucana Film Commission, recentemente scomparso”. Una scomparsa che ci induce a riflettere su questa straordinaria figura di documentarista e sulla grande eredità che lascia nel settore degli studi cinematografici sul mezzogiorno. Memorabili le sue testimonianze documentarie sull’Italia Meridionale che, unitamente all’opera di Vittorio de Seta restituiscono pagine di storia sociale e culturale di straordinaria profondità. Una generazione di giovani autori è cresciuta ispirandosi all’opera di questi maestri del cinema che hanno condotto indagini cinematografiche su territori sconosciuti nell’Italia degli anni ’50 riscoprendo la cultura popolare, il sentimento religioso. Cinema, fotografia e arte contemporanea si fondono nell’idea di rendere protagonista il Mezzogiorno come soggetto attivo di un processo di sviluppo culturale e sociale ancora non esauritosi. Venerdì 18 ottobre a Matera presso il cinema Piccolo alle ore 20:00 (ingresso con Passaporto per Matera 2019), ci sarà un omaggio al cinema di Luigi Di Gianni con la proiezione di Magia Lucana, Donne Di Bagnara, Nascita e morte nel meridione, Tempo di raccolta, Frane in Lucania, Le ombre: tre giorni con Luigi di Gianni. Saranno presenti Eugenio Attanasio della Cineteca della Calabria, Maria Rosaria Donato, il documentarista Gianfranco Pannone, Armando Lo Prete, Sindaco di Cerzosimo e il documentarista Gianluca Donnarumma. Sabato 19 ottobre dalle 17:00 alle 20:00 sarà invece possibile visitare presso gli Ipogei di Piazza San Francesco l’istallazione che racconterà i tonnaroti di Pizzo ed i maestri vasai di Gerocarne, grazie anche alla presenza di un artigiano che lavorerà al tornio a pedale per dare forma alle terrecotte. Ingresso gratuito.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Pesca sportiva, al via ripopolamento delle specie ittiche

Lun, 14/10/2019 - 16:30
Oltre 41 mila esemplari di piccoli pesci della specie “trota fario” saranno immessi fino al 21 ottobre nei fiumi e corsi d’acqua della Basilicata. Lo prevede il Piano di ripopolamento ittico promosso dal Dipartimento regionale Politiche agricole e forestali condiviso con le associazioni dei pescatori riconosciute e presenti nel territorio, che ha preso il via oggi.
In una seconda fase, a partire dalla metà del mese di dicembre fino alla metà di gennaio, saranno immessi altri 6.175 esemplari di trote fario adulte.
“Si tratta – sostiene l’assessore Francesco Fanelli - del primo di una serie di interventi in programma per ripopolare le acque interne dell’intero territorio. Un’azione richiesta da tempo che intende non solo rilanciare la pesca sportiva ma che ha anche lo scopo di garantire un utilizzo corretto e sostenibile delle risorse ambientali. Ricordo che sono oltre 5000 i pescatori sportivi che si dedicano in Basilicata a tale attività”.
Le operazioni d’immissione saranno effettuate con il controllo del personale della Polizia Provinciale e delle guardie ittiche volontarie, secondo un cronoprogramma. Il 14 il ripopolamento interessa i torrenti Pergola, Santino, Maglia e Sciauro, e il fiume Agri; il 15 il fiume Basento e Alto Basento, Marsicana e i torrenti La Terra, Camastra e Fiumarella; il 16 il fiume Noce e le sorgenti, il corso Carboncello, i torrenti Sonaldi e Prodino Grande; il 17 il fiume Sinni, il San Giovanni, la Fiumara del Pegno; il 18 i corsi d’acqua Rosso, S. Cataldo, Arvivo, Bradanello, La Malta, Boscotiello, Ficocchia, Fiumara; il 21 Melandro e Fiumicello/ San Michele.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Monitoraggio Arpab, Rosa: “Mai più ritardi nei controlli”

Lun, 14/10/2019 - 14:57
“L’incontro è stato utile per verificare la profondità e lo stato dei controlli effettuati per conto della Regione Basilicata rispetto alle attività estrattive delle compagnie petrolifere, ma anche per stimolare l’Arpab e gli uffici ad accelerare i tempi e a superare così alcuni ritardi riscontrati nelle procedure di verifica”. Lo ha detto oggi, a Potenza, l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa, a margine di una riunione convocata per un approfondimento sulle attività di monitoraggio ambientale. Presenti al tavolo, dirigenti e funzionari di Arpab, del Dipartimento Ambiente e della Fondazione Ambiente Ricerca Basilicata (Farbas). “Bisogna sicuramente - ha evidenziato l’assessore - accorciare i tempi per arrivare quanto prima alla conclusione delle operazioni di controllo: alcune matrici ambientali, ad esempio, attendono ancora la validazione dei dati da parte dell’agenzia. I lucani ci osservano: dobbiamo dimostrare loro che le verifiche vengano fatte in maniera seria ed approfondita. Non possiamo permetterci- ha messo in chiaro Rosa - di accumulare ritardi sui controlli relativi alle attività estrattive nel nostro territorio. L’intento dell’incontro è quello di riordinare le attività e fare in modo che nel giro di qualche settimana vada a regime ogni tipo di controllo a livello ambientale”. Tutto questo, per avviare un percorso che “oltre a salvaguardare il nostro ambiente e la salute dei cittadini riconsegni ad Arpab una credibilità. È molto importante, infatti - ha sottolineato l’esponente della giunta Bardi - che i cittadini lucani tornino ad avere fiducia nei confronti dell’agenzia”. L’assessore ha quindi ricordato le attività programmate dal governo regionale “per espletare i concorsi che saranno utili a completare la pianta organica dell’Arpab rispetto al fabbisogno di personale. L’agenzia, infatti, è stata messa in grado di svolgere in maniera compiuta le attività di controllo e di monitoraggio con risorse umane, ma anche strumentali ed economiche”.
    
Categorie: Notizie Basilicata

Start Cup Basilicata: proclamati i vincitori

Lun, 14/10/2019 - 14:57
Proclamati i vincitori di Start Cup Basilicata, la business plan competition promossa dalla Regione Basilicata con il supporto di Sviluppo Basilicata, in collaborazione con Università degli Studi della Basilicata e T3 Innovation, in partnership con la Banca Popolare di Bari e in collaborazione con TIM.
Il primo premio di 10 mila euro è stato assegnato ad ARSHADES (Settore ICT) - il progetto sviluppa un sistema di simulazione in realtà aumentata che consente agli utenti di indossare virtualmente occhiali da sole e da vista in commercio. Tale strumento si propone di espandere il business online e offline di produttori e rivenditori operanti nel settore dell'occhialeria e diminuire la percentuale di reso relativa agli acquisti sul web. Il Premio è stato consegnato da Francesco Cupparo Assessore alle Politiche di Sviluppo Lavoro Formazione Ricerca della Regione Basilicata.
Il secondo premio di 8 mila euro è andato a AMBRA (Settore INDUSTRIAL). Si tratta di un  progetto di economia circolare che si colloca nell’ambito della green chemistry ed ha come scopo la sintesi di acido succinico a partire da fonti rinnovabili, utilizzando una tecnica di sintesi innovativa. Il progetto nasce dalla collaborazione di due dottori in chimica che hanno unito le loro complementari competenze nell’ambito della sintesi chimica sostenibile. Il Premio è stato consegnato dal Consigliere Vincenzo Acito in rappresentanza del Presidente della Regione Basilicata Vito Bardi.
DAY-OFF (Settore ITC) è vincitore di due premi: il "Premio Industria culturale e creativa" di 8 mila euro e il Premio TIM Open Jelastic Cloud (40 Cloudlet gratuiti per 12 mesi).  Il progetto consiste in una piattaforma di incontro tra domanda e offerta di performance nei diversi settori dello spettacolo dal vivo. Per ciascuna transazione effettuata la piattaforma realizza un ricavo in termini percentuali sul prezzo finale di vendita. I due Premi sono stati consegnati rispettivamente da Angelo Masi Pro-Rettore al Trasferimento Tecnologico dell’Università degli Studi della Basilicata in rappresentanza della Rettrice Aurelia Sole e da Crescenzo Coppola Responsabile Sales private & Public Basilicata Campania Puglia della TIM.
Ad ECOTOYS (Settore Cleantech & Energy) il Premio Banca Popolare di Bari di 10 mila euro - Il progetto ha come mission la raccolta, il recupero e la rivendita delle materie prime derivanti dai giocattoli non più utilizzati o arrivati a fine ciclo vita. Il valore aggiunto risiede nella fornitura di un servizio alle comunità che non dispongono di un piano di recupero, con il fine di diminuire notevolmente la percentuale di rifiuti destinati alla discarica. Il premio è stato consegnato da Vito Spennacchio Responsabile del Distretto Potenza Val D’Agri Banca Popolare di Bari.
Accedono alla competizione PNI Premio nazione per l’Innovazione, promosso dalla rete nazionale degli incubatori di impresa universitari (PNICube), in programma a Catania il 28-29 novembre 2019, due progetti:
CIRCLE LIFE SYSTEM (Settore Cleantech & Energy) – si tratta di un progetto imprenditoriale finalizzato alla realizzazione di impianti domotici di acquaponica, modulari, ecosostenibili e tecnologici.  Gli impianti sono composti principalmente da un acquario caratterizzato da un biofiltro realizzato da piante. L'obiettivo del progetto è realizzare un processo auto sostenibile che consenta sia la crescita e nutrizione delle piante, sia la depurazione dell'acqua dei pesci;
ed EXTRA-ATTIVI (Settore Cleantech & Energy) – progetto finalizzato alla creazione di un nuovo prodotto cosmetico eco-friendly, nello specifico una crema viso, mediante l'utilizzo di molecole con attività antiossidante e anti-age, estratte dai residui legnosi di potatura provenienti da frutteti lucani, in particolare oliveti ed albicoccheti.
Il  premio, consistente nell’assegnazione della quota di partecipazione al PNI di € 1.000,00 a ciascun vincitore, è stato consegnato da Gabriella Megale Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata.
I primi tre classificati (ARSHADES-AMBRA-DAY-OFF) hanno vinto inoltre la quota di iscrizione alle selezioni di progetti innovativi per il XIII Premio Best Practices messo a disposizione da Confindustria Salerno con l’obiettivo di diffondere la cultura dell’innovazione condividendo le progettualità migliori tra imprese, spin off e start up. Il Premio è stato consegnato da Michele Somma Presidente della Camera di Commercio della Basilicata.
La Giuria che ha valutato nel corso dell’evento le presentazioni dei 10 progetti  definendo l’assegnazione dei premi, era composta da personalità riconosciute del mondo dell’impresa, della ricerca, dell’università:  Renato del Grosso – Co-founder end Head of Market access CUBE LABS, Costantino Di Carlo – Presidente e Amministratore Delegato Gruppo OH,  Mario Lanzara -  Responsabile Ufficio Sviluppo Commerciale Direzione Territoriale Tirrenica BPB, Vincenzo Lioy - Area Manager Basilicata e Salerno Public  Private TIM, Francesco Sacco – Docente di Digital Economy Università dell’Insubria e SDA Bocconi.
Molto emozionante il momento del Keynote speech con Pasquale Vena e Rosistella Provinzano, special guest della manifestazione, con il loro racconto: Amaro Lucano una storia di famiglia.
Entusiasmante, coinvolgente e di grande simpatia la conduzione di Gianluca Semprini giornalista di Rai News24.
La proclamazione dei team vincitori è avvenuta a Potenza, nell’Aula Magna dell’Università della Basilicata.
L’evento si è concluso alle ore 20,00 con espressioni di grande soddisfazione da parte dei team e del pubblico e con un aperitivo e dj set presso la sede dell’Incubatore.
“Sono  soddisfatto, anche se all’inizio ero scettico su questa attività. A breve - ha detto Francesco Cupparo, assessore alle Politiche di Sviluppo della Regione Basilicata - uscirà un Bando proprio per queste nuove aziende che vogliono sviluppare prodotti e farli conoscere nel mondo. Vorrei ringraziare anche Sviluppo Basilicata per quello che fa”.
Commenta così Gabriella Megale, Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata: “68 startupper, 25 donne, 25 team totali, 10 arrivati a questa finale regionale emozionante, entusiasmante e fortemente sfidante. 6 i progetti vincitori dei premi in palio. Un percorso iniziato ad aprile che, dopo  questa premiazione regionale, si concluderà con la sfida nazionale del PNI, che si terrà a Catania il 28-29 novembre, a cui  parteciperanno due progetti vincitori di questo premio. Una grande opportunità per i team e di visibilità per la Basilicata. Da imprenditore e da amministratore, oggi, di Sviluppo Basilicata, mi rendo conto che il percorso di avvio nella costituzione delle imprese è un percorso molto complicato, ma ai ragazzi dico: dovete essere curiosi, e con la vostra curiosità potrete trovare tanti soggetti, come Sviluppo Basilicata e il Sistema IncHUBatori, quest’ultimo gestito con i partner Università della Basilicata e T3 Innovation, che potranno supportarvi nel vostro percorso. Non dovrete mai rinunciare ad una compagna di viaggio, la tenacia: tenetela sempre accanto perché vi servirà nel corso del vostro percorso. Passione, tanto lavoro, un pizzico di fortuna. Siate un po' folli e tanto, tanto, ambiziosi e visionari".

bas 02







Categorie: Notizie Basilicata

Asm, potenziata l'assistenza cardiologica

Lun, 14/10/2019 - 10:20
L’Azienda sanitaria di Matera – si legge in una nota – ha potenziato l’assistenza cardiologica dotando anche l’ambulatorio di Cardiologia del Distretto di Matera in via Montescaglioso dell’attrezzatura per eseguire l’Holter Cardiaco e monitorare in tal modo i pazienti nelle 24 ore. È stata attivata altresì una linea telefonica dedicata per lo scompenso cardiaco al fine di mettere in comunicazione il Medico di Medicina Generale, a cui spetta una prima valutazione del paziente, con lo specialista Cardiologo territoriale.
“Finora – dichiara il dr. Antonio Cardinale, responsabile dell’ambulatorio di Cardiologia del Distretto di Matera – era possibile ricorrere all’Holter Cardiaco solo negli ospedali di Matera e Policoro, nell’ambito dell’ambulatorio territoriale è altresì da tempo attivo il percorso dedicato allo scompenso con il coinvolgimento di varie figure professionali e a cui si può accedere direttamente tramite il medico curante o con una richiesta prioritaria”.
Il Direttore generale dell’Asm Joseph Polimeni ha posto in evidenza che “Potenziare questi servizi significa tentare, nei limiti del possibile, di deospedalizzare la medicina, riservando i nosocomi alla cura delle acuzie. Nello specifico dello scompenso cardiaco oggi è possibile ottenere ottimi esiti in ambito cardiovascolare, consentendo a tante persone di affrontare la terza età in condizioni di salute ottimali”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Cupparo: “Avvicinare i cittadini alla Regione”

Lun, 14/10/2019 - 10:07
“Avvicinare i cittadini alla Regione, in particolare per i servizi da erogare, è uno degli obiettivi fondamentali del governo del cambiamento che abbiamo avviato da qualche mese in Basilicata”. Lo afferma l'assessore regionale alle Attività Produttive Francesco Cupparo riferendo di aver aperto, da giugno scorso, a Francavilla sul Sinni, uno specifico ufficio per fornire informazioni in particolare sugli avvisi pubblici, le misure e i provvedimenti rivolti a cittadini, imprenditori, categorie professionali.
“Si tratta – precisa l'assessore – di uno sportello di incontro ed assistenza che non ha alcuna spesa a carico della Regione, in quanto direttamente a mio carico, che risponde a molteplici esigenze avvertite dalle comunità locali più distanti dal capoluogo e quindi dagli uffici regionali. È solo un primo strumento, in fase sperimentale, per favorire i cittadini nella conoscenza dei maggiori provvedimenti amministrativi della Regione fornendo un'iniziale assistenza su cosa fare per usufruire, in maniera trasparente, delle stesse provvidenze di cui si ha diritto. È evidente che da solo non è sufficiente perché la macchina amministrativa necessita di numerose azioni per lo snellimento di pratiche e soprattutto nell'accelerazione dei tempi di approvazione, sino all'erogazione finale di fondi o di autorizzazioni che risentono ancora di lungaggini”.
“Da questa prima fase di attività dell'ufficio - sportello di Francavilla in Sinni – riferisce Cupparo – è possibile registrare un alto gradimento in quanto si evitano disagi nel raggiungere gli uffici dei vari Dipartimenti e si facilita il rapporto cittadino - amministrazione regionale. Sono certo che la necessità di una presenza maggiore della Regione nel territorio troverà nuove azioni e strumenti, a partire dall'adeguamento degli strumenti informatici, purtroppo non sempre idonei per alcune categorie sociali più deboli, a partire dalla popolazione anziana”.



  
Categorie: Notizie Basilicata

Bardi: “Un regionalismo vero contro il taglio della democrazia”

Sab, 12/10/2019 - 15:57
“Il centrodestra è la coalizione del fare. Per questo gli italiani ci hanno premiati e lo continueranno a fare in tutte le consultazioni amministrative e regionali. La coalizione che vede insieme la Lega, Fratelli d’Italia e che ha come perno Forza Italia è quella che meglio interpreta le esigenze del Paese”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, partecipando a Milano alle Giornate Idea Italia.
Per Bardi “la coalizione di centrodestra è quella che fa meglio sintesi e si pone agevolmente alla guida del Paese”. Da Bardi un appello a Forza Italia. “Dobbiamo riproporre l’intuizione che Berlusconi ha avuto oltre 25 anni fa, che è quella di aprire al nuovo, al mondo delle professioni, alle aree produttive della società. Così come abbiamo fatto in Basilicata, dove la mia candidatura è nata proprio da un mix di partiti fortemente radicati sul territorio, insieme a una candidatura, la mia, che era espressione di chi aveva già dato buone prove di sé al servizio del Paese. Forza Italia è centrale nello schieramento di centrodestra e lo deve ridiventare anche nel Paese. Utilizzando questo mix di competenze professionali insieme al suo forte radicamento territoriale. La vera sfida è sburocratizzare il Paese. La vera sfida è quella di una riforma costituzionale che ridia un forte ruolo al regionalismo e non tagli la rappresentanza politica, perché il taglio dei parlamentari per la Basilicata rappresenta il taglio della democrazia”. 

 
Categorie: Notizie Basilicata

Petrolio, Rosa e Cupparo su dichiarazioni consiglieri minoranza

Sab, 12/10/2019 - 12:20
“Abbiamo letto le dichiarazioni dei consiglieri di centrosinistra sull’incontro con Eni tenutosi in Regione giovedì 10 ottobre e sinceramente non ci hanno meravigliato. Sono dichiarazioni legate all’arroganza dei rappresentanti di quel mondo politico che ha fatto tanto male alla nostra terra”. Lo dichiarano, in una nota congiunta, gli assessori regionali Gianni Rosa (Ambiente ed Energia) e Francesco Cupparo (Politiche di sviluppo). 
“Chi oggi lamenta mancanza di visione è proprio chi ha ridotto la nostra Basilicata a Terra tra le più povere d’Italia. Chi, oggi, si permette di dare lezioni, è proprio chi fa parte di quel mondo politico che ha svenduto la nostra Basilicata e che, Pittella in primis, ha sperperato e dissipato le risorse rinvenienti dal petrolio.
Si chiedono, i consiglieri di centrosinistra, con quale forza politica andiamo a trattare con l’Eni? La Giunta Bardi di forza politica ne ha molta di più di quanta ne avrebbe potuto avere un Governo di centrosinistra, soprattutto se fosse stato composto da esponenti quali Pittella, Braia, Cifarelli e Polese, uomini logorati da anni di mala gestione. Da uomini che considerano che l’autorevolezza derivi dall’aver ottenuto un risarcimento danni. Del resto – evidenziano Rosa e Cupparo - ci hanno venduto per pochi spiccioli e la loro mentalità non cambierà mai. Non hanno avuto un progetto per la Basilicata prima e non c’è da aspettarsi che possano averlo adesso.
Innanzitutto, sia chiaro ai consiglieri di minoranza che noi abbiamo la forza politica dataci dal popolo lucano che ci ha voluto al governo della Regione. Cosa che ancora non è stata digerita dagli sconfitti.
Inoltre, e non è cosa da poco, la nostra forza politica è data dal non avere ‘precedenti’ che possano metterci in posizione di svantaggio nei confronti della compagnia petrolifera: non siamo noi che per vent’anni abbiamo alimentato il consenso con un uso miserevole dei soldi del petrolio.
Per quattro mesi abbiamo dovuto ricostruire, cercare e raccogliere tutti i carteggi che riguardano i rapporti con Eni perché i signori del centrosinistra, che pure quei soldi hanno allegramente speso, non hanno mai pensato, in venti anni, anche solo di mettere in un armadio tutte le ‘carte’ che riguardano Eni.
Perché i signori del centrosinistra non dicono ai lucani la verità? Quanto denaro la Regione ha incassato in 20 anni a titolo di compensazioni ambientali? Non lo dicono perché è una vergogna! 165 milioni di euro; 8,25 milioni di euro all’anno, meno di 700.000 euro al mese. Ci hanno venduto. Ci hanno svenduto e parlano.
E come avremmo potuto iniziare le trattative con Eni prima, se nessuno, in tutta la Regione, era a conoscenza precisamente di quanto fosse stato fatto in precedenza; quanti soldi erano stati spesi e come? E noi saremmo quelli senza visione? Loro sono quelli della gestione allegra e rabberciata. Quali ‘idee per lo sviluppo’ mancanti lamentano, quale politica ‘oltre il fossile’ hanno messo in campo in questi anni? Andare allo sbaraglio con la consapevolezza di essere supini alle volontà altrui è costume del centrosinistra, non certamente nostro.
La nostra forza politica deriva dal poterci costituire ‘liberamente’ parte civile contro l’Eni, senza scrupoli. E diciamo anche questo ai lucani. Diciamolo che il centrosinistra non si è costituito parte civile, scriveva delibere per farlo ma, poi, intraprendeva delle trattative con l’Eni, per evitare proprio la costituzione di parte civile, trattative che poi sono finite nel nulla.
Ma soprattutto noi abbiamo la forza politica di trattare con l’Eni perché possiamo andare a testa alta e spalle dritte. Cosa che non tutti possono fare, in particolare chi si vanta di poter insegnare qualcosa agli altri e dopo anni di protagonismo politico ancora non ha capito che la proroga della concessione Eni non c’è ancora, che l’Eni può continuare ad estrarre anche senza essa, ma soprattutto che è il ministero dello Sviluppo economico del loro Governo a concedere la proroga in virtù di una commissione tecnica e non politica.
Dunque, i consiglieri regionali di minoranza non meriterebbero neanche questa risposta ma i lucani meritano di sapere che non siamo come il Governo Pittella e questa è già, di per sé, una componente qualificante della nostra forza politica: non svenderemo la Basilicata per quattro spiccioli e non spenderemo i soldi dei lucani – concludono - per alimentare qualche misera filiera e soprattutto non ci aspettiamo alcun aiuto da coloro che tifano contro la loro Terra affinché le cose vadano male. Al peggio non c’è mai fine”.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Domani su Rai 3 in onda interviosta a Bardi

Sab, 12/10/2019 - 10:32
Domani alle ore 11:30 su Rai 3 nella rubrica Regione Europa andrà in onda un'intervista realizzata dal caporedattore della TGR Basilicata Oreste Lopomo al presidente della Regione Basilicata Vito Bardi su Matera 2019 e brand Basilicata.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, conclusa l’ultima selezione dei Progetti di Comunità

Ven, 11/10/2019 - 17:55
Nel suo quinto ed ultimo incontro, la Commissione di valutazione ha selezionato altri 6 progetti di comunità candidati alla Chiamata Pubblica lanciata dalla Fondazione Matera Basilicata 2019. Si tratta delle iniziative: “A Matera si giocava così, giochi di una volta, giochi di strada” (Associazione Pro Loco della città di Matera tra Storia Cultura e Tradizioni); “Danze sacre, ritmi e residenze da sud” (ASD Capoeira São Salomão Roma); “Dialetto tursitano, una risorsa” (Tursah); “La "Questione Meridionale" e il Brigantaggio lucano: il divario tra Nord e Sud” (S.E.T.A.C in Europa); “Ospita un artista: "Rotondella e la sua gente - People and Landscapes” (Le Vorie); “Parco degli angeli di Serra Rifusa” (Associazione Comitato di Quartiere Serra Rifusa). Questi nuovi progetti, sommati ai precedenti - fa sapere in una nota l’ufficio stampa della Fondazione Matera-Basilicata 2019 - arricchiscono e chiudono il gruppo con 40 progetti totali selezionati. Le iniziative proposte sono tutte consultabili sul calendario ufficiale Matera Events nella sezione Progetti di Comunità. Dei 40 progetti selezionati, 17 sono quelli già conclusi, mentre 23 sono ancora in corso e continueranno a svolgersi durante i mesi di ottobre, novembre e dicembre. Il processo legato alla costruzione dei Progetti di Comunità ha dato vita ad una forte rete territoriale, con eventi organizzati non solo a Matera, ma in tanti altri comuni della Basilicata come Rotondella, Lauria, Potenza, Pisticci, Pietragalla, Montescaglioso, Borgo Taccone, Genzano di Lucania, Pietrapertosa, Policoro, Irsina, Montalbano Jonico, Vietri di Potenza, Calciano, San Paolo Albanese, San Costantino Albanese, Noepoli, Castel Lagopesole, Barile, Ferrandina e San Giorgio Lucano. Grande è stata anche la varietà delle tematiche affrontate dai progetti, che hanno spaziato dall’arte urbana ai diritti umani, dal recupero di aree verdi allo sport, dalla salute mentale al ricamo, dal gioco alle letture teatrali fino al cinema in periferia. Variegata è anche la tipologia dei progettisti selezionati, che appartengono a generazioni diverse - con il gruppo più giovane con una media di 26 anni mentre i proponenti più anziani di 84 - e con storie professionali e personali molto disparate. Tutti i progetti selezionati prendono parte ad un percorso collettivo coordinato dalla Fondazione insieme all’associazione CivicWise, rete internazionale di professionisti nell’ambito della progettazione civica e sociale. Grazie a questa collaborazione hanno avuto luogo molti incontri di condivisione di processi in corso e immaginazione di processi futuri, grazie ai quali i vari progettisti di comunità stanno capendo come utilizzare la logica di rete che è alla base di ognuna delle loro proposte per creare una progettualità condivisa che vada oltre il 2019. L’elenco dei nuovi progetti selezionati con l’indicazione del contributo assegnato è disponibile sul sito ufficiale www.matera-basilicata2019.it nella sezione “Amministrazione Trasparente/Provvedimenti/Avvisi Pubblici”.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Comuni, Rosa sollecita redazione Piano antenne

Ven, 11/10/2019 - 17:16
“Ho scritto a tutti i Comuni della Basilicata per sollecitare la redazione del Piano comunale antenne, per individuare uno o più siti al di fuori di zone altamente urbanizzate dove localizzare e concentrare gli impianti di teleradiocomunicazioni già installati e di futura installazione”. Lo ha annunciato l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa.
“I Comuni - ha evidenziato l’esponente della giunta Bardi - avrebbero dovuto redigere il Piano entro un anno dall’entrata in vigore della legge n. 30 del 2000, cioè entro il 5 aprile 2001. Da una prima ricognizione nessuna amministrazione, ad oggi, risulta aver adempiuto. Tuttavia, l’attuazione di questa norma è fondamentale per pianificare l’installazione delle antenne di teleradiocomunicazioni. I Piani previsti costituiscono uno strumento di prevenzione dell’inquinamento da campi elettromagnetici, per assicurare la tutela sanitaria, ambientale, paesaggistica e architettonica dei nostri Comuni. Spero - ha concluso Rosa - che le amministrazioni inadempienti si attivino quanto prima per evitare, in futuro, che l’inerzia sia causa di uno scempio ai danni dei cittadini”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Megale (Sviluppo Basilicata) su tappa a Potenza del Roadshow Spin

Ven, 11/10/2019 - 16:39
“Il mercato dei capitali richiede un bagaglio importante di competenze e skills in ambito finanziario, economico e manageriale. Le start up innovative, seppur spesso guidate da giovani, hanno già dovuto farsi strada in un mondo di meccanismi complessi poiché l’asticella di ingresso in questi mercati è posta davvero in alto”. Lo sostiene l’amministratore unico di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale, che aggiunge: “La strada da percorrere per avere accesso ad un portafoglio di opportunità offerto dal mercato richiede di muoversi con attenzione tra aspetti legislativi, finanziari, societari, oltre che di conoscenza del mercato e legati al business. Grazie a questo programma di Invitalia, le nostre Start up innovative, già costituite e registrate presso apposito albo, avranno la possibilità di recuperare il gap di conoscenze attraverso un percorso di alta formazione orientato alla crescita, all’open innovation, al funding, al public speaking e pitching con il supporto di un mentor e facilitatore del matching con nuovi investitori. Queste sono iniziative efficaci e utili al nostro territorio e Sviluppo Basilicata non può far altro che sostenere e incentivare quale promotore di un ecosistema collaborativo ed interconnesso che, come in questo caso, diventa foriero di nuove opportunità per i nostri giovani e per tutto il territorio”.



  
Categorie: Notizie Basilicata

Imprese, a Potenza la sesta tappa del roadshow Spin

Ven, 11/10/2019 - 16:36
Fare il grande salto per cercare nuovi capitali e accedere ai mercati finanziari. È questo l’obiettivo - si legge in una nota di Invitalia - che ha mosso le startup innovative della Basilicata a partecipare - oggi 11 ottobre a Potenza - alla sesta tappa del roadshow di SPIN (Scaleup Program Invitalia Network), il programma per lo sviluppo imprenditoriale di spin-off universitari, PMI e startup innovative del Sud. Tre gli obiettivi del programma promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico (nell’ambito del Pon Imprese e competitività 2014-2020) e gestito da Invitalia in partnership con ELITE, società del Gruppo London Stock Exchange: favorire l’incontro fra le piccole aziende innovative del Mezzogiorno con le grandi e medie imprese nazionali e internazionali; facilitare i processi di open innovation e trovare nuovi capitali. Con SPIN, per gli spinoff universitari, le Pmi innovative e le startup innovative di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, si aprono per la prima volta le porte dell’open innovation, della crescita e dell’accesso alla finanza. Il percorso prevede due fasi che iniziano con la presentazione della domanda di accesso al programma sul sito di Invitalia. Nella prima, 250 realtà parteciperanno a un innovativo programma di sviluppo imprenditoriale digitale con l’assegnazione di un tutor, l’accesso ad una piattaforma di servizi, l’utilizzo di un tool di self-assessment, un report sul posizionamento competitivo, la partecipazione a iniziative di networking e di Open Innovation. Nella seconda fase le migliori 50 imprese selezionate da Invitalia accederanno a un’edizione dedicata del percorso ELITE, con una serie di servizi per strutturarsi sui temi di strategia e business planning, organizzazione e governance, funding. Dopo gli interventi istituzionali di Gabriella Megale, Amministratore Unico Sviluppo Basilicata e di Maria Carmela Panetta, Dirigente Generale Dip. Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione, Ricerca - Regione Basilicata, i business analyst di Invitalia hanno dato tutti i dettagli su SPIN, i vantaggi per le startup e le modalità di accesso. Subito dopo, è stato dedicato uno spazio al racconto del caso di successo imprenditoriale TiboxChain, la startup della Basilicata che ha inventato il primo sistema di certificazione delle recensioni online strutturato su tecnologia blockchain e basato su due prove chiave: Proof of location e Proof of identity. TiboxChain ha vinto uno degli Accelerathon di FactorYmpresa Turismo, il Programma di Invitalia che offre servizi di tutoraggio e contributi economici alle imprese e agli aspiranti imprenditori della filiera turistica, con l'obiettivo di far crescere qualitativamente l'offerta e rendere l'Italia più competitiva sui mercati internazionali. Al termine degli interventi i responsabili dell’Agenzia hanno dedicato il pomeriggio agli incontri one to one con gli imprenditori presenti. Dopo quella di Potenza la settima tappa del roadshow SPIN sarà il 14 ottobre a Rende (Cosenza).
  
Categorie: Notizie Basilicata

Pagine