Basilicatanet

Abbonamento a feed Basilicatanet
Basilicatanet - News
Aggiornato: 1 ora 28 min fa

Protezione civile, convegno su tutela del patrimonio culturale

Ven, 18/10/2019 - 09:21
“Cittadini e istituzioni: insieme per la protezione del patrimonio culturale in Basilicata. Chi siamo e cosa possiamo fare” è il titolo del convegno che si è svolto ieri mattina a Palazzo Loffredo, nell’ambito della Settimana della Protezione civile.
Realizzata con il contributo del Ministero per i beni e le attività culturali, la giornata ha visto la partecipazione di rappresentanti della protezione civile lucana, di autorità civili e militari, nonché di esponenti dell’università e della ricerca scientifica, i quali hanno evidenziato la necessità di restituire dignità e rilievo al tema della valenza identitaria dei beni culturali, che diventano elemento di riconoscimento e aggregazione per le popolazioni potenzialmente interessate da eventi sismici.
Esperienze dettagliate di alcuni professionisti, chiamati ad operare in terre colpite dai terremoti o da altre situazioni disastrose, testimoniano l’urgenza di dare priorità agli aspetti legati alla tutela de beni culturali, affinando le tecniche e le procedure per una loro catalogazione nel cosiddetto tempo di pace, di valutare l’agibilità degli immobili nell’interesse della sicurezza dei fruitori in condizioni ordinarie.
Tra gli aspetti condivisi nel corso del dibattito, quello di promuovere una sempre maggiore sinergia tra istituzioni e cittadini così da garantire la sicurezza senza compromettere la bellezza, la fruibilità e l’integrità del patrimonio storico e artistico della Basilicata.
Annunciata l’intenzione di avviare, in attuazione di una direttiva del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, uno specifico percorso formativo rivolto agli addetti ai lavori sulla valutazione dei danni al patrimonio culturale.

  
Categorie: Notizie Basilicata

Petrolio, interrotte consultazioni della Regione con Eni

Gio, 17/10/2019 - 18:46
Gli assessori regionali Francesco Fanelli, Gianni Rosa e Francesco Cupparo, dopo essersi consultati con il Presidente Bardi, hanno ritenuto saggio interrompere immediatamente ogni consultazione con Eni al tavolo della trattativa sulle compensazioni ambientali e le politiche di sviluppo.
Gli esponenti della giunta hanno ritenuto la posizione dell’Eni offensiva nei confronti della comunità lucana e hanno evidenziato che “non convince la pregiudiziale messa sul tavolo da Eni. Abbiamo inteso sospendere la riunione in quanto era impraticabile qualsiasi altra argomentazione in tema di compensazioni ambientali. Secondo l’interpretazione della compagnia petrolifera, infatti, non ci sarebbe la possibilità di firmare gli accordi in assenza di rinnovo formale della concessione da parte del Ministero. Ma Eni - specificano gli esponenti dell’esecutivo Bardi - continuerà ad estrarre anche dopo il 26 ottobre, data di scadenza della concessione, perché lo consente una legge del governo Monti, secondo la quale le attività possono proseguire anche in mancanza di un’autorizzazione esplicita nei confronti del proponente. Eni - ribadiscono - continuerà ad estrarre, e per questo i lucani hanno diritto di ricevere le compensazioni ambientali legate all’utilizzo del territorio e alle emissioni nell’atmosfera e nel sottosuolo. Ci rifiutiamo di credere che le motivazioni rilasciate dalla compagnia petrolifera siano uno strumento per fare melina ed agire in danno dei lucani”.
Contemporaneamente il governatore Bardi ha chiesto un incontro al ministero dello Sviluppo economico e dell’Economia e delle finanze per aprire un immediato tavolo di confronto sulla vicenda delle estrazioni del petrolio lucano insieme alle royalties che lo Stato deve per legge fornire alla Regione.
 

 

  
Categorie: Notizie Basilicata

Jobbing Fest a Lagonegro dedicato alle opportunità per i giovani

Gio, 17/10/2019 - 14:44
Il Po Fse Basilicata 2014-2020 protagonista al Jobbing Fest 2019 con il laboratorio “Il lavoro che non c’è o che si può inventare: facciamo insieme” nell’ambito della Settimana europea delle competenze in corso dal 14 al 18 ottobre.
Diversi i contenuti multimediali che sono stati divulgati ai ragazzi degli istituti scolastici coinvolti del territorio lucano, quali il “Gasparrini” di Melfi, il Liceo scientifico “Galiei” di Potenza e il “De Sarlo – De Lorenzo” di Lagonegro. Un momento informativo e formativo rilevante che ha voluto concentrare l’attenzione sulle principali possibilità di miglioramento personale per i giovani a cominciare da “Garanzia Giovani”, il programma promosso per dare un’opportunità a coloro che non studiano e non lavorano (Neet), oltre alle possibilità offerte dal Po Fse Basilicata fra le quali lo strumento del “Microcredito” teso a incentivare la nascita di nuovi soggetti di impresa grazie a un finanziamento di 25 mila euro senza garanzie e a tasso zero da restituire in 6 anni, rivolto a una serie di soggetti quali disoccupati, inoccupati, associazioni, fondazioni.
Nell’ambito delle attività del Jobbing Fest, sostenuto dal Fse Basilicata, si sono alternati vari workshop e laboratori con la partecipazione di esperti e professionisti del mondo dell’impresa quali la startupper e innovatrice Filomena “Milly” Tucci, lo scrittore e docente universitario Stefano Cianciotta e Leonardo Filiani.
Nel pomeriggio presso il Monna Lisa Museum a Lagonegro, Filomena Milly Tucci ha illustrato gli strumenti nazionali e regionali per chi cerca lavoro e per chi vuole mettersi in proprio. “L’Italia in questo momento non riesce a crescere, c’è poca meritocrazia e pochi incentivi per chi fa impresa. La multiposizionalità, intesa come le stesse persone che ricoprono più cariche di vertice, è uno dei fenomeni che non crea ricambio generazionale. Urge combattere l’ignoranza, perché si riflette seriamente sul mondo del lavoro e oggi stiamo male perché viviamo delle involuzioni. I trentenni e i quarantenni sono stati schiacciati, non hanno avuto spazio nella politica, nelle amministrazioni. Mentre in America ciò avviene, qui a 30 anni si sta cercando ancora lavoro” ha detto Tucci, business advisor in aziende prestigiose per analisi dati e pubbliche relazioni, una delle donne dell’innovazione digitale più note d’Italia, reduce dal Premio nazionale “Innovazione è donna” e dal Tedx Bari.
Il workshop #farceladaSoli è stato curato dal business design e freelance Leonardo Filiani. “Viviamo nel migliore dei mondi possibili, per la prima volta nella storia dell’uomo esiste la possibilità di lavorare senza dover per forza muoverci per andare sul posto di lavoro. Internet e le tecnologie esistenti – ha detto Filliani – hanno dato nuovo significato alla locuzione ‘andare in cerca di lavoro’ creando nuove figure professionali in ambito Digital & IT che sono tra le top 20 dei lavori con gli stipendi più alti in Italia secondo la ricerca condotta PageGroup, gruppo di recruiting specializzato in indagini retributive riportata dal “Sole24Ore” in un articolo del 2 marzo 2019. Questi modelli di business provocano, a loro volta, fratture e cambiamento nel mercato del lavoro, creano nuove opportunità per alcuni e lasciano senza impiego altri. Il workshop vuole essere – ha concluso– un momento formativo sul nuovo approccio richiesto dal cambiamento in atto”.
Al Cinema Iris, invece, in serata il talk show alla presenza di Filomena Tucci, Pasquale Larocca, campione di sci estremo, originario di Terranova del Pollino, Federico Valicenti, archeochef. Al centro del dibattito lavoro, competenze, futuro. Non sono mancati per rendere la kermesse più leggera momenti cabaret con “La Ricotta” che con “Ci sarà una volta” hanno raccontato con (auto)ironia il mondo del lavoro e delle competenze.
I prossimi appuntamenti sono il 17 ottobre a Policoro, la chiusura dell’evento a Matera il 18 ottobre. L’iniziativa è sostenuta dal Fondo sociale europeo della Regione Basilicata, dal Fondo etico della Bcc Basilicata e dalla Camera di commercio della Basilicata, con partnership pubbliche (Anpal, Università della Basilicata) e private (dal Global Youth Parliament a Job Scouting, passando dalla Fondazione Francesco Saverio Nitti, Euro-Net, Comincenter, Europe Direct Basilicata, Associazione Francesco Saverio Nitti, Forma Orienta).
  
Categorie: Notizie Basilicata

Tempa Rossa: Arnaud Breuillac incontra Fanelli e Rosa

Gio, 17/10/2019 - 13:44

E’ alle battute finali la trattativa tra Total e Regione per l’avvio della produzione a Tempa Rossa. Nell’attesa che si formalizzino gli intenti verbali raggiunti, attraverso la predisposizione di specifici atti formali, il vicepresidente della Regione Basilicata, Francesco Fanelli e l’assessore all’Ambiente, Gianni Rosa, hanno tenuto questa mattina un incontro informale con il direttore generale del settore esplorazioni e produzione del Gruppo Total, Arnaud Breuillac.
Tra i punti di discussione con l'esponente della casa madre francese: le interlocuzioni avvenute nelle scorse settimane e la partnership Total e Regione per lo sviluppo sostenibile del territorio.
“Siamo sinora soddisfatti della trattativa in corso con Total – ha dichiarato l’assessore Rosa. Se guardiamo al passato il petrolio non ha creato l’occupazione sperata, il risultato di questa trattativa -ha concluso Rosa- sarà un’intesa che va oltre il petrolio e che guarda all’occupazione e allo sviluppo sostenibile”.

 

Categorie: Notizie Basilicata

Infrastrutture, Bardi: massima attenzione a Sud e ad aree interne

Gio, 17/10/2019 - 12:41
“Grazie al ministro per la sensibilità che dimostra nei confronti del sistema regionale. Ci associamo alle sollecitazioni e alle proposte formulate dal Presidente della Conferenza, alle quali cogliamo l'occasione per aggiungere una sollecitazione più generale al Governo a porre la massima attenzione allo sviluppo delle infrastrutture al sud e nelle aree interne. La questione, per quanto riguarda gli investimenti nel Mezzogiorno è stata, com'è noto, posta in rilievo anche dalla Commissione europea, che ha sollecitato l'incremento adeguato delle risorse destinate al Mezzogiorno in questo settore”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, intervenendo alla Conferenza Stato-Regioni alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli.
“D'altra parte è evidente che un serio piano di ripresa e sviluppo dell'economia meridionale, che giova alla crescita di tutto il paese, non può prescindere dal completamento del potenziamento delle infrastrutture in quest'area.
Il tema, poi, si pone in termini addirittura drammatici per le aree interne, nonostante i bei propositi e le petizioni di principio formulati da precedenti governi, rimasti sostanzialmente lettera morta.
Il tema non riguarda solo lo stanziamento di adeguate risorse, ma anche l'accelerazione delle opere in corso e la garanzia di tempi certi e credibili per la loro rapida finalizzazione.
Per quanto riguarda, in particolare, la regione Basilicata, ho già incontrato, subito dopo il mio insediamento, i vertici di Anas e Rfi, per sollecitare il potenziamento della velocità delle linee ferroviarie che servono Potenza e Matera, collegando i maggiori centri della Regione al nord del Paese e alle regioni limitrofe del Sud, e il completamento di importanti arterie, come la bretella autostradale che raggiunge Matera, il cui insopportabile isolamento continua anche nell'anno in cui è capitale della cultura, danneggiando l'immagine dell'intero Paese”.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, oggi quinto anniversario proclamazione

Gio, 17/10/2019 - 11:31
Cinque anni fa, alle ore 17:00, il Ministro Dario Franceschini, nella sala Spadolini del Ministero dei beni culturali, a seguito della valutazione della giuria di esperti internazionali, proclamò Matera capitale europea della cultura 2019. Per ricordare questo avvenimento, il presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019, Salvatore Adduce, e il direttore generale Paolo Verri, invitano i cittadini, le associazioni culturali e le istituzioni a venire in Piazza Vittorio Veneto alle ore 17:00 per una foto ricordo di questo importante avvenimento. Nella circostanza - fa sapere la Fondazione Matera-Basilicata 2019 - verrà istallato un maxi schermo su cui sarà proiettato il video della proclamazione e la successiva esplosione di gioia di avvenuta in una gremita Piazza San Giovanni che aspettava trepidante il verdetto di quel 17 ottobre.
Lo schermo resterà attivo anche nei giorni di venerdì, sabato e domenica per proiettare, insieme al video della proclamazione, anche il racconto tematico dei principali eventi che si sono svolti nel corso dell’anno di Matera Capitale Europea della Cultura. Domenica mattina, a partire dalle ore 10:00, verrà trasmessa in diretta la cerimonia di presentazione, in anteprima nazionale, del Padiglione Italia ad Expo Dubai 2020, per consentire a cittadini e visitatori di seguire questa manifestazione che vede ancora una volta Matera 2019 protagonista.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Partita la convenzione senologica Irccs Crob – Asp

Gio, 17/10/2019 - 10:50
Una rete tra Irccs Crob e Asp a vantaggio delle pazienti con tumore della mammella. Questo è il fulcro della convenzione sulla senologia stipulata tra l’Irccs Crob e l’Azienda Sanitaria di Potenza. L’iniziativa sperimentale è partita dal direttore generale Irccs Crob Cristiana Mecca ed è stata subito accolta con entusiasmo dal direttore generale Asp Lorenzo Bochicchio.  Una comunione di intenti tra le due aziende che hanno deciso di comunicare e fare rete a tutto vantaggio del paziente. La rete così creata ha il compito prendere in carico e di avvolgere le pazienti che in un momento delicato e difficile della propria vita, rimangono al centro di tutto il percorso di cura.
Nel dettaglio: da giovedì 17 ottobre, con la piena condivisione del direttore del Distretto di Potenza dell’Asp, l’equipe di chirurgia senologica dell’ospedale oncologico lucano presterà servizio anche al polo sanitario Madre Teresa di Calcutta. A guidare il team di chirurghi è il direttore della breast unit del Crob il dottor Giuseppe La Torre. Il Crob farà consulenza chirurgica senologica a tutte le pazienti che hanno ricevuto esito oncologico dai risultati dello screening. L’unità operativa di senologia del Madre Teresa avrà il compito di segnalare e mettere in lista le pazienti con i requisiti idonei ad effettuare la visita specialistica. Le visite si terranno ogni giovedì pomeriggio alle ore 16 sempre nella senologia del polo sanitario dell’Asp in via del Gallitello.
L’Irccs Crob è sede di breast unit regionale, ovvero di un centro di senologia multidisciplinare, e la proposta accolta dall’Asp nasce dalla volontà di offrire un percorso in più sul territorio. Si tratta di un’ulteriore opzione a disposizione del diritto scelta del luogo di cura di ogni paziente.
La breast unit è un modello di assistenza specializzato nella diagnosi e cura del carcinoma mammario in grado di garantire quel livello di specializzazione delle cure dalle fasi di screening sino alla gestione della riabilitazione psico-funzionale, garantendo l’applicazione dei Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali in coerenza con le linee guida nazionali ed internazionali.
La convenzione prevede che a carico dell’Asp ci sia la messa a disposizione degli spazi e delle strumentazioni necessarie ad effettuare le visite. Il Crob non percepirà nessun compenso per le prestazioni effettuate dai propri medici che svolgeranno tale attività durante l’orario di servizio. A carico del Crob rimane anche il rimborso delle spese sostenute per il viaggio da Rionero a Potenza. La convenzione rimarrà attiva in via sperimentale fino al 31 dicembre prossimo e se sarà valutata positivamente sia dalle utenti che dagli ospedali, potrà essere rinnovata.



Categorie: Notizie Basilicata

Merra: imprescindibile ricerca scientifica per sicurezza edifici

Mer, 16/10/2019 - 19:37
“Questo è il secondo step dedicato alla settimana della protezione civile, che tocca tutti gli aspetti della pubblica sicurezza. Dopo la prima giornata introduttiva, oggi è stata la volta del tema della ricerca scientifica, dalla quale non si può prescindere nell’ottenimento di una maggiore sicurezza delle strutture e degli edifici insistenti sul territorio lucano.
Abbiamo assistito oggi a delle prove, presso il laboratorio Prove materiali e strutture dell’Università di Basilicata, tra cui quella su un isolatore sismico elastomerico.
Abbiamo già avuto modo di dialogare con l’Università per mettere in atto una serie di iniziative, che consentano una sinergia tra l’Ateneo lucano e la Regione, in particolare con il dipartimento della Protezione civile, per agire nell’ottica della prevenzione del rischio, della gestione dell’emergenza e dell’aumento della sicurezza”.
Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle infrastrutture, Donatella Merra, durante la visita nel laboratorio Prove materiali e strutture - SISLAB,  a margine del convegno dal tema “Centri di Competenza per la riduzione dei rischi su infrastrutture e strutture strategiche in Basilicata” tenutosi questa mattina presso il campus universitario di Macchia Romana.
“Domani - ha proseguito l’assessore -ci sarà una giornata dedicata interamente ai beni culturali, che necessitano di tutela, conservazione e valorizzazione, in modo particolare i centri storici. In tal senso, stiamo organizzando una serie di iniziative, contestuali alla campagna informativa “Diamoci una scossa”, per favorire una cultura della prevenzione sismica e un concreto miglioramento delle condizioni di sicurezza del patrimonio immobiliare, offrendo ai cittadini incentivi reali per migliorare la sicurezza delle proprie abitazioni, con agevolazioni fiscali per il consolidamento degli edifici.
Tra gli appuntamenti in calendario, nella giornata di domenica nella piazza di Lavello, oltre ad un’attività informativa nella struttura della protezione civile, ho proposto che si faccia una passeggiata nel centro storico, perché i centri storici ad oggi restituiscono l’immagine di come il patrimonio edilizio storico vada protetto e tutelato dal punto di vista della sicurezza sismica”.
Il convegno di questa mattina, dedicato al mondo della scienza e dei centri di competenza e finalizzato a fare il punto sulle interazioni fra la ricerca scientifica e le applicazioni nel mondo della protezione civile, ha ricevuto il contributo e la partecipazione dell’ufficio protezione civile della Regione Basilicata, del mondo della ricerca, dell’università, della comunità professionale di architetti, ingegneri, geologi e geometri e delle forze dell’ordine.

bas 02


Categorie: Notizie Basilicata

Il Jobbing fest arriva a Policoro per incontrare i giovani

Mer, 16/10/2019 - 16:19
Dopo Lagonegro, il roadshow sul mondo del lavoro prosegue senza sosta e domani farà tappa a Policoro con diversi appuntamenti, workshop, laboratori e divertimento. Si partirà alle 11.00 presso l’IIS Fermi dove i ragazzi parteciperanno all’evento “Incontro al futuro” che li vedrà anche impegnati  a giocare sui temi del lavoro con dei quiz interattivi con tanti premi messi in palio. Il format, già premio Sodalitas nel 2014 come migliore pratica di inclusione sociale, si terrà nel pomeriggio alle 15.30 presso la sede del Centro Giovanile Padri Minozziani, il laboratorio “Il lavoro che non c’è o che si può inventare” a cura del FSE Basilicata con la partecipazione del dirigente Giuseppe Sabia. Tra gli ospiti del pomeriggio anche la startupper e innovatrice Filomena “Milly” Tucci. A seguire il workshop #FarcelaDaSoli curato dall’imprenditore e business designer Leonardo Filiani. In serata spazio al talkshow a più voci “Il futuro del lavoro e la sfida delle competenze” con la partecipazione di Sigismondo Mangialardi presidente del circolo velico lucano di Policoro(Mt), Filomena “Milly” Tucci e Giuseppe Ferrara giovane imprenditore che ha vinto il prestigioso premio internazionale “Global Youth Leadership Award 2019”. La serata si concluderà con lo spettacolo di cabaret della Ricotta, “C’era una volta”.

bas 02


Categorie: Notizie Basilicata

“Viva la gente”, i giovani protagonisti a Potenza

Mer, 16/10/2019 - 16:16
Cento ragazzi provenienti da ben 14 nazioni hanno animato le strade del centro storico di Potenza. Sono i protagonisti di “Viva la Gente” e hanno sfilato nel tratto compreso tra Porta Salza e il Sacro Cuore, dove sono stati accolti dal direttore Generale dell’Agenzia di Promozione Territoriale (Apt) della Basilicata, Mariano Schiavone, l’arcivescovo di Potenza, Monsignor Salvatore Ligorio, il vicario generale, don Vito Telesca e il sindaco di Potenza, Mario Guarente.

Si tratta di un’associazione no-profit che porta in campo azioni e spettacoli mirati a corroborare nei giovani il senso di uguaglianza, pace e rispetto reciproco, oltre che verso se stessi e il luogo in cui si vive. “Questa manifestazione – ha commentato Schiavone – porta all’attenzione dei cittadini il tema del rispetto e dell’accettazione dell’altro attraverso l’esperienza dell’accoglienza, consentendo uno scambio culturale e concorrendo, al contempo, alla valorizzazione del centro storico”.

L’evento, organizzato dall’Apt di concerto con la Diocesi potentina e il Comune del capoluogo, ha visto il coinvolgimento di istituti scolastici e varie associazioni in una serie di laboratori e attività ma non solo. Il periodo di permanenza in Basilicata, compreso tra il 14 e il 21 ottobre, include una tappa a Matera (prevista per il 19 ottobre) e momenti significativi di condivisione della tradizione locale da parte dei giovani presso le famiglie ospiti e di conoscenza e arricchimento per queste ultime. A sottolineare l’importanza del ruolo dei giovani nella società, le parole di Monsignor Ligorio, a parere del quale “il coinvolgimento dei giovani, con la loro vitalità e la loro forza, non può che determinare una rivoluzione culturale a tutto vantaggio dell’intera società”.

Le note dell’inno “Viva la Gente” intonate per primo da don Vito Telesca, hanno poi trasformato per pochi istanti la sala del Sacro Cuore in una grande e unica famiglia multiculturale. Ha concluso l’incontro il sindaco di Potenza:” Questa iniziativa – ha detto - ha reso possibile la realizzazione di un ponte speciale, in grado di collegare non semplicemente due singoli punti ma Potenza con tutto il mondo”. 
Categorie: Notizie Basilicata

25 anni Fca Melfi, Bardi: “In Basilicata più infrastrutture”

Mer, 16/10/2019 - 16:16
"Per quanto concerne la formazione di competenze e professionalità nel settore della motorizzazione elettrica e ibrida - ha proseguito il presidente - la proposta di contratto prevede il ricorso alla Melfi Plant Accademy.
Sarebbe quanto mai utile una partnership con le strutture formative regionali in modo da porre in essere una azione a più ampio raggio che non si limiti alla sola riqualificazione dei dipendenti e degli occupati nella filiera collegata attraverso gli interventi di riconversione della competenze , ma si estenda all’intero comprensorio interessato.Ed è su questo che chiameremo nei prossimi giorni ad un confronto non solo le forze imprenditoriali ma anche le università, i sindacati ed il vasto mondo della piccola e media industria.
Insomma la politica industriale del mio esecutivo è quella di fornire opportunità per chi vuole creare ricchezza per se stesso e per la comunità lucana.
Lo faremo fornendo infrastrutture.
Aprendo la pista di Pisticci ai voli turistici e commerciali.
Costruendo con Ferrovie dello Stato un tavolo per dare alla Lucania infrastrutture su ferro degne di tale nome.
Per non parlare dell’impegno che Anas ha con la Regione di ammodernare la vetusta rete viaria.
Questi atti, unitamente alla Zes di Matera, dovranno essere l’architrave sulla quale si poggia una nuova stagione per il manifatturiero lucano.
Che recuperi alla nostra terra i tanti giovani che stanno dando brillante prova di se fuori dai confini regionali, ma che sia anche capace di attrarre le intelligenze dalle altre parti d’Italia.
Perché la Basilicata deve tornare ad esse attrattiva non solo per i propri figli ma per tutti gli italiani
Grazie e buon lavoro a tutti noi". 

Categorie: Notizie Basilicata

25 anni Fca, Cupparo: “La Regione a sostegno dell’innovazione”

Mer, 16/10/2019 - 16:05
“A 25 anni dall'inaugurazione dello stabilimento di Melfi che si chiamava Fiat, da parte dell'allora presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi, alla presenza dell'imprenditore simbolo del made in Italy Gianni Agnelli, la riflessione sul passato, presente e futuro della più grande fabbrica lucana vede fortemente coinvolto anche il Governo regionale”. È quanto sostiene l'assessore regionale alle Attività Produttive Francesco Cupparo aggiungendo che “la Regione intende svolgere un ruolo importante per i progetti che riguardano il Campus per l’innovazione del manufacturing di Melfi, nato nell’ambito di una Convenzione Quadro tra il Gruppo Fiat e la Regione Basilicata, che ha investito negli anni proprie ed ingenti risorse finanziarie”.

“Innanzitutto – afferma Cupparo – vogliamo recuperare il terreno perduto nel passato a causa di quella che si è rilevata come una grave sottovalutazione da parte di chi ci ha preceduto. La situazione del mercato italiano e mondiale dell'auto ci impone di adeguare la nostra attenzione rispetto alle profonde novità intervenute per soddisfare le richieste di nuove auto, a risparmio di consumo e meno inquinanti, rilanciando l'attività del Campus che ruota attorno al binomio innovazione - competitività: attraverso le attività sviluppate all’interno del Campus, che ho avuto modo di conoscere direttamente in una visita a giugno scorso, si punta ad elevare il livello competitivo e tecnologico dell’intero tessuto imprenditoriale lucano. Il mio impegno, in attuazione delle deleghe che mi sono state attribuite – prosegue Cupparo – è perciò innanzitutto teso a recuperare relazioni meno formali, rispetto al passato, con il management Fiat ed esprimere valutazioni e proposte nel merito dei progetti di innovazione tecnologica nel pieno rispetto della distinzione dei ruoli”.

“Sono convinto – afferma ancora Cupparo - che la missione del Campus di Melfi - sviluppare motopropulsori, sistemi veicolo, materiali, metodologie e processi innovativi per migliorare la competitività dei prodotti di Fca; rappresentare Fca negli ambiti della ricerca collaborativa a livello europeo e nazionale, partecipando a progetti di ricerca precompetitiva e promuovendo lo sviluppo di una rete di contatti e partenariati a livello internazionale; supportare Fca nella valorizzazione del proprio capitale intangibile – può trovare un sostegno istituzionale per accrescere in Basilicata l’occupazione diretta ed indotta. La presenza del Campus di Ricerca e Alta Formazione in Basilicata offre anche una concreta opportunità di occupazione e carriera ai giovani lucani, favorendo l’impiego di risorse presenti sul territorio. Quanto ai problemi di competitività dello stabilimento di Melfi dobbiamo impegnarci nei confronti di RFI alla elettrificazione della linea ferroviaria per il trasporto delle auto prodotte a Melfi in modo da superare – conclude Cupparo – il gap infrastrutturale che pesa sul futuro dei programmi Fca di nuovi modelli”. 
Categorie: Notizie Basilicata

25 anni Fca Melfi, Bardi: “Fondamentale la ricerca”

Mer, 16/10/2019 - 15:57
Il presidente ha aggiunto: "Ritengo necessario implementare il rapport con l’università della Basilicata e le strutture di ricerca, come il Cnr, per dare nuovo impulso al Campus.
Fino ad ora il Campus è stato sostanzialmente una scatola vuota sta a tutti noi riempirla con progetti e linee di intervento che devono fare di questa struttura un centro di ricerca stabile.
E’ questo l’impegno che dobbiamo prenderci tutti.
La Regione ovviamente su questa sfida è in prima linea.
Ovviamente l’intera comunità regionale è interessata al mantenimento e allo sviluppo dell’impianto di Melfi non solo perchè rimane uno sbocci occupazionale di notevole rilevanza, ma anche per la Regione perchè si tratta di un Polo manifatturiero di eccellenza.
Con positivi effetti di trascinamento per l’intera economia regionale.
In questa ottica risultano condivisibili le indicazioni espresso nella proposta di contratto di sviluppo in tema di ricadute positive anche sulla filiera produttiva e nella relazione con la supply chain. Rapporti duraturi e collaudati che garantiscono un dialogo proficuo ed una qualità accertata. Il rapport fornitore committente passa dall’antica modalità di pura evasione dell’ordine richiesto ad una più moderna forma di collaborazione che va dalla condivisione di soluzioni tecnologiche ottimali, in termini di costi ed efficienza alla reciproca crescita in termini di competenze e di competitività in un mercato sempre più selettivo ed esigente". 
Categorie: Notizie Basilicata

25 anni Fca Melfi, Bardi: “Campus su modello Apple”

Mer, 16/10/2019 - 15:52

"Parliamo di innovazione. 
Da questo punto di vista - ha evidenziato il presidente - il campus che la Regione ha voluto costruire insieme a Fiat FCA, rappresenta un modello sul quale dobbiamo puntare di più e meglio perché coniuga bene l’innovazione al processo industriale quindi alla capacità di stare sul mercato anche di fare rete con il sistema universitario.
Esso deve diventare anche un attrattore per i futuri investimenti, anche da parte di chi è fuori regione.
Come ho avuto modo di dire in campagna elettorale, ho visto con attenzione il modello che si è sviluppato in Campania. Pensato ed incoraggiato dalla Apple. Costruito con l’aiuto dell’università e della Regione. 
Ha prodotti non solo contratti di lavoro per i nostri neo-laureati ma è diventato anche un incubatore di imprese innovative.
E come ha detto in campagna elettorale, se l’hanno a poche centinaia di km da qui non vedo perché non lo possiamo fare anche noi.
Questo primi 25 anni dello stabilimento che festeggiamo oggi, hanno visto cambiamenti profondi del mercato dell’auto.
Cambiamenti resi possibili proprio grazie ad una forte innovazione tecnologica.
Io credo che questa sia la strada giusta anche per portare qui a Melfi nuove linee che riescano a conquistare fasce sempre più ampie del mercato.
L’azienda deciderà, nella sua autonomia, qual è la strada migliore.
Da parte nostra non ci sottrarremo alle nostre responsabilità, non solo con FCA, ma anche con il vasto comparto che è alle sue spalle.
Da questo punto di vista gli assi portanti previsti dal contratto – sostenibilità ambientale, localizzazione e mentenimento occupazionale, accrescimento della competitività e rispondenza al programma Industria 4.0 - si ritrovano nella strategia regionale per l’innovazione e la specializzazione intelligente 2014/2020 (S3).
In tema di Automotive che registra fra l’altro la neo costituzione della cluster lucano dell’automotive.
A cui hanno aderito anche Fca Melfi e Crf". 
 
Categorie: Notizie Basilicata

25 anni Fca Melfi, Bardi: “Regione investe in innovazione”

Mer, 16/10/2019 - 15:42

"La Regione ha tenuto, e tiene, ad investire in innovazione.
Perché dall’innovazione tecnologica - ha commentato il governatore - si conquisteranno sempre più nuove fette di mercato e questo ci permetterà di essere competitivi come sistema Paese sui mercati internazionali e quindi garantire livelli di occupazione stabili o, lo spero a breve, addirittura superiori degli attuali.
Ma non voglio, sia pure in una giornata di celebrazioni come questa, dimenticare che dobbiamo in tutti i modi contrastare lo spopolamento e la fuga dei giovani che sta colpendo l’intera dorsale appenninica.
C’è poco da fare: per far ritornare qui i nostri ragazzi c’è bisogno di creare condizioni di lavoro concrete e queste vanno ritrovate anche nel manufatturiero.
Le direttrici sulle quali la mia giunta ha intenzione di muoversi sono sicuramente l’implementazione del turismo, l’uso dei fondi europei per favorire la piccola e media industria, la costruzione di infrastrutture necessarie sia al turismo che all’industria e l’implementazione dell’agroalimentare lucano che rappresenta esso stesso parte importante del PIL regionale.
Per fare tutto questo la regione mette a disposizione degli imprenditori, che ho definito e definisco da sempre, i nostri veri eroi tutte le strutture e gli strumenti a disposizione a partire dai fondi europei.
Che è nostro compito saper sfruttare appieno".

 
Categorie: Notizie Basilicata

25 anni Fca Melfi, Bardi: “Presto contratto sviluppo”

Mer, 16/10/2019 - 15:38
"Oggi in questo Stabilimento - ha detto il presidente - vengono prodotte 1200 vetture.
Oltre 7mila dipendenti diretti sono impegnati nella produzione di automobile.
Oltre 650 milioni di euro di valore aggiunto è stato generato nel 2016.
Dal 1991 al 2018 le esportazioni della Regione sono passate da oltre 126 milioni ai 4 miliardi di euro.
Sin da subito questo Stabilimento si è caratterizzato per l’estrema innovazione.
Che è continuata nel corso degli anni fino ad approdare alla richiesta - attualmente al Ministero per lo Sviluppo economico, di un Contratto di sviluppo industrial.
Con questa proposta di Contratto di sviluppo industriale, che prevede la realizzazione della realizzazione di un progetto di investimento dal Titolo Fca - Melfi transizione verso l’elettrificazione – si è davanti ad una nuova sfida che punta all’ibridizzazione progressiva della gamma dei prodotti Fca per raggiungere i target ambientali imposte dalle nuove regole europee". 
Categorie: Notizie Basilicata

25 anni Fca Melfi, Bardi: “Basilicata prima nell’automotive”

Mer, 16/10/2019 - 15:29

Gentili signori, gentile signore. 
Illustri ospiti,
è con vivo piacere e una punta di orgoglio che sono qui oggi.
Rappresento infatti una regione che, nonostante i molti problemi che voi conoscete, e che non voglio sottacere, ha anche molte eccellenze.
Non è la vostra ospitalità a farmi dire che lo stabilimento di Melfi rappresenta una di queste.
Lo dicono i dati.
Da quelli dello Svimez a quelli di Banca Italia. E cioè che la bilancia commerciale della Basilicata - con il differenziale tra importazioni ed esportazioni - è stata regolarmente in attivo, a differenza di quella delle altre regione del Mezzogiorno.
Come pure la Basilicata è la seconda regione in Italia per incremento del valore aggiunto rispetto al 2008 con punte che sono arrivate fino al 3 per cento.
Da questo punto di vista la nostra regione può contare su una base industriale importante il cui valore è pari al 33.7% prodotto dal manufatturiero.
Come voi sapete in Italia si ferma al 24%.
Ma c’è un primato del quale vado particolarmente orgoglioso, è quello che vede la Lucania la prima regione in Italia per contributo al settore automotive al valore aggiunto regionale che è del 10%, tre volte il Piemonte. 
E’ ovvio che gran parte di questo segmento lo occupa proprio lo stabilimento FCA di Melfi ed il suo comparto.
Sull’impatto sia economico che sociale dell’investimento Fiat prima e Fca oggi, nell’unità produttiva di San Nicola di Melfi, i dati parlano da soli.
 
Categorie: Notizie Basilicata

MARCIA PER LA CULTURA, PRESENTAZIONE IN REGIONE

Mer, 16/10/2019 - 13:08
La Consigliera regionale di parità Ivana Pipponzi ha partecipato questa mattina in Regione alla conferenza stampa di presentazione del programma 2019/20 dell’Accordo “Basilicata in Marcia per la Cultura” con il coinvolgimento di tutte le scuole lucane di ogni ordine e grado.
L’Accordo di Programma “Basilicata in Marcia per la Cultura” è stato sottoscritto dalla Regione Basilicata, dall’Ufficio della Consigliera Regionale di Parità della Basilicata, dall’UNICEF, USR Direzione Scolastica Regionale, Associazione Comuni Italiani, UNPLI Pro Loco, , Garante dell’Infanzia e da oltre 40 partners e vede protagonisti i Giovani e la Scuola per promuovere stili di vita più sani corretti e armoniosi e diffondere un modello di sviluppo economico eticosostenibile, incentrato sulla valorizzazione del Patrimonio Culturale.
Durante la conferenza stampa sono state illustrate le Azioni e gli eventi previsti per quest’anno che vedranno protagonisti assoluti gli allievi di tutte le scuole di ogni ordine e grado che dovranno condurre il viaggiatore contemporaneo alla scoperta di tutti i 131 paesi/presepi: un patrimonio di inestimabile bellezza, che aspetta solo di essere valorizzato, su cui puntare per fermare lo spopolamento e l’emigrazione giovanile e creare nuove opportunità occupazionali.
L’Accordo di Programma, in particolare prevede per l’anno scolastico 2019-2020 Laboratori Emozionali e la creazione di un Video-Art  degli Itinerari Emozionali realizzati dagli alunni, attraverso i quali essi potranno raccontare le bellezze del proprio borgo, e valorizzarne la storia e le tradizioni.


Categorie: Notizie Basilicata

Al via “Plotera weeks”, programma congiunto tra Matera e Plovdiv

Mer, 16/10/2019 - 12:41
“Together" ("Insieme") è lo slogan con cui la città bulgara di Plovdiv ha vinto il titolo di capitale europea della cultura, ma anche il titolo del primo dossier di candidatura di Matera. Insieme le due città – si legge in un comunicato stampa della Fondazione Matera-Basilicata 2019 – hanno avviato e attraversato il loro percorso verso il 2019 attivando scambi di artisti, cittadini e volontari e realizzando presentazioni congiunte con la platea internazionale. Per il 2019 sono state attivate diverse collaborazioni a partire dalle cerimonie di inaugurazione, con la partecipazione dell'orchestra D'Ambrosio di Montescaglioso sul palco di Plovdiv il 12 gennaio e la Maritza Brass Band nella città dei Sassi il 19 gennaio.
Fra ottobre e novembre, le due città svilupperanno un programma congiunto di attività denominato "Plotera weeks - Plovdiv and Matera together for an Open Future", che si articola in tre iniziative, realizzate grazie all’incontro delle rispettive culture: la mostra fotografica sull’alfabeto cirillico “Delle lettere tra Plovdiv e Matera” a Matera dal 21 al 31 Ottobre (lun-gio 9:00-18:30, ven 9:00-14:00) presso la Biblioteca T. Stigliani, già allestita a settembre a Plovdiv; il “Mestiere Cinema Festival” dedicato al cinema bulgaro e alla composizione musicale per il cinema dal 23 al 27 Ottobre a Matera (Casa Cava, Cinema Piccolo, Palestra Area8); il “Fusion Urban Games Festival” dal 31 Ottobre al 2 novembre a Matera (Piazza San Francesco e Casino Padula) e dall’8 all’11 novembre a Plovdiv.
Il Fusion Urban Games Festival, è un grande festival di giochi urbani con l’obiettivo di valorizzare i territori delle due Capitali europee della cultura tramite la riscoperta e riappropriazione del patrimonio culturale materiale ed immateriale e la sperimentazione di nuovi modelli, utili a far incontrare ed interagire cittadini permanenti e temporanei interessati alla partecipazione attiva alla vita civile. I partecipanti al festival esploreranno strade affollate e angoli dimenticati, parchi fioriti e giungle di cemento, ripide colline e misteriosi spazi sotterranei. L’iniziativa è frutto di una chiamata pubblica lanciata congiuntamente da Fondazione Matera Basilicata 2019 e Fondazione Plovdiv 2019, rivolta a game designer provenienti da tutta Europa. I giochi selezionati provengono da Russia, Polonia, Bulgaria, Germania, Inghilterra, Slovenia, Romania.
Accesso con Passaporto per Matera 2019 e, per alcuni giochi, con prenotazione (aperte dal 22 ottobre). 
Il “Mestiere Cinema Festival” organizzato in collaborazione con l’Istituto Bulgaro di Cultura da un’idea della regista bulgara Milena Kaneva, è stato creato per celebrare il cinema nella sua complessità attraverso la conoscenza delle varie professionalità che, contribuendo tutte insieme alla creazione dell’opera filmica, fanno emergere una magica interpretazione della realtà. La settima arte, la più giovane, che da poco ha compiuto 110 anni, ha una sua importante peculiarità: non è un’arte solitaria, come lo sono la musica, la pittura, la scultura. Non è soltanto un’arte interpretativa. E’ l’arte più aperta, la più sociale e «socievole» in assoluto, dal momento in cui nasce fino quello in cui viene vista e ascoltata collettivamente. Questa prima edizione pone l'accento sul mestiere della composizione musicale per il cinema ed è dedicato al cinema Bulgaro. Accesso con Passaporto per Matera 2019. 
La mostra “Delle lettere tra Plovdiv e Matera” è l’esito di un Open studio fotografico realizzato a maggio con i residenti delle due città, che si sono lasciati fotografare insieme a grandi lettere dell’alfabeto cirillico. Il progetto, ideato dalla fotografa bulgara Galia Yotova, a cura di Svetla Petkova, con la partecipazione dello scultore Sava Stoimenov, si basa sulla poco conosciuta storia del primo tipografo bulgaro, Jacov Kraykov, vissuto nel XVI secolo, diventato proprietario intorno al 1564 di una delle più grandi stamperie di Venezia dove stampò quattro libri in cirillico. Il materiale fotografico raccolto durante l’Open studio viene presentato in mostra insieme a fotografie, un fotolibro e le lettere utilizzate per la sessione fotografica. La mostra è prodotta dalla Fondazione Plovdiv 2019. Dettagli su MateraEvents
Altra attività realizzata in maniera congiunta tra le due città è infine la mostra European Eyes on Japan, organizzata in collaborazione con EU-Japan Fest tra luglio e agosto a Matera e dal 21 ottobre al 27 novembre a Plovdiv. Il progetto ha consentito a un fotografo italiano e uno bulgaro di essere ospitati in Giappone per una residenza artistica finalizzata a proporre uno "sguardo europeo" sulle zone rurali e marginali del Sol Levante, mostrando al pubblico occidentale le realtà poco conosciute del Giappone contemporaneo.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Gravidanza: in Basilicata tecnica Vbac per parto naturale

Mer, 16/10/2019 - 12:14
Una buona notizia per le donne che desiderano partorire naturalmente anche dopo una precedente esperienza di cesareo. Lo rende noto l’ufficio stampa dell’ospedale San Carlo di Potenza. 
Il Vbac, acronimo inglese di Vaginal Birth After Caesarian, è una tecnica innovativa che rivoluziona il mondo dell’ostetricia e ginecologia, in quanto dimostra che l’utero, in seguito alla incisione chirurgica dovuta al cesareo, può sopportare la sollecitazione di un eventuale e successivo parto naturale.  
A Lagonegro, nella Unità operativa di Ostetricia e ginecologia dell'ospedale “San Giovanni”, tutto ciò è possibile grazie alla equipe guidata dal dottor Alfonso Chiacchio che, nella serata del 2 ottobre, seguendo le linee-guida e le norme di comportamento imposte in questi casi, ha portato a termine il parto naturale di una 34enne proveniente dalla Calabria, alla quarantesima settimana e un giorno, con alle spalle un parto cesareo.
Il percorso verso il Vbac inizia con la presa di coscienza della donna di volere e potere mettersi al centro del proprio parto, assumersi in prima persona la responsabilità delle scelte inerenti la propria gravidanza, acquisire informazioni corrette e aggiornate per non dover delegare ad altri la gestione del proprio corpo.
“Questa nuova procedura – ha spiegato il dottor Chiacchio – se implementata potrà, unitamente a un auspicabile avvio della parto-analgesia anche nel presidio ospedaliero di Lagonegro, contribuire alla riduzione del tasso dei tagli cesarei e rendere sempre più attrattivo l’Ospedale “San Giovanni. La riduzione del tasso dei tagli cesarei primari – ha concluso il Direttore della Unità operativa – è un dato incontrovertibile nella struttura lagonegrese e tale azione fa parte degli obiettivi strategici della Direzione aziendale, a sostegno delle politiche intraprese a favore del parto naturale per le gravidanze a basso rischio e nell’ottica della valorizzazione del Presidio ospedaliero di Lagonegro”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Pagine