Basilicatanews

Abbonamento a feed Basilicatanews
Notizie dalla Basilicata
Aggiornato: 2 ore 38 sec fa

POTENZA: Braia: l’olio lucano è IGP e la Basilicata ha finalmente 18 prodotti a marchio

Mer, 05/08/2020 - 13:10

Finalmente si potrà utilizzare il marchio, una grande opportunità per la prossima campagna olivicola di Basilicata. Si organizzi un evento regionale di promozione dell’olio extravergine lucano IGP.

“Il nostro olio può finalmente fregiarsi del marchio IGP. La Basilicata, a sua volta, del diciottesimo prodotto con denominazione di origine. Ora un evento regionale per festeggiare questo momento storico. Abbiamo un olio extravergine che caratterizza un intero territorio e un territorio che caratterizza una grande produzione olivicola: dobbiamo essere orgogliosi di essere arrivati sin qui. Ci siamo dati un obiettivo che oggi è motivo di orgoglio: abbiamo puntato in alto e lo abbiamo raggiunto grazie al grande lavoro cominciato più di tre anni fa con gli uffici regionali, Camera di commercio, Alsia ma soprattutto con le tante aziende del consorzio proponente, con il presidente Claudio Cufino. 

Si conclude l’iter per ottenere l’etichetta IGP per il nostro olio extravergine di oliva lucano che approda finalmente in Gazzetta ufficiale del primo agosto 2020. Le produzioni a marchio mediamente aumentano di oltre il 25% del loro valore .

Accordata dal Ministero per le politiche agricole la protezione transitoria accordata a livello nazionale alla denominazione Olio Lucano IGP – Olio EVO. L’istanza era stata inviata alla Commissione europea per la registrazione come indicazione geografica protetta. 

È un risultato di cui sono personalmente orgoglioso, avendo seguito la nascita e la crescita di questo “figlio dell’agricoltura lucana di eccellenza”. È l’ultimo tassello di un enorme lavoro che la comunità olivicola lucana tutta ha intrapreso a partire dal 2015, anno dell’emanazione della legge regionale, frutto della collaborazione sinergica tra il mondo della produzione a tutti i livelli e delle istituzioni. 

La proposta, infatti, avanzata dall’Associazione Igp Olio Lucano è stata sempre supportata dalle istituzioni regionali, dall’Alsia e dalla Regione Basilicata. A Ferrandina nel dicembre 2018 eravamo insieme ad oltre 250 produttori. 

La nostra piccola, ma grande per qualità, produzione di circa 4803 tonnellate di olio (media delle ultime 4 annate) in 119 frantoi attivi, 30mila ettari di superficie coltivata e oltre 5 milioni di piante, è pari a circa l’1,5% della produzione nazionale. L’olivicoltura in Basilicata è il quarto comparto agricolo più produttivo della regione e potrebbe diventare, come per il vitivinicolo, un settore di percorsi e itinerari turistici e paesaggistici importante. 

Un marchio a denominazione di origine IGP può essere il volano di ripresa dell’intero comparto olivicolo e fungere da traino per il rilancio di tutto l’agroalimentare di qualità della regione. Ora abbiamo solo da cogliere tutte le opportunità. Buon lavoro agli olivicoltori, ai frantoiani, ai trasformatori di questa nostra straordinaria terra. Il Marchio IGP è un nuovo inizio.”

 9 total views,  9 views today

Categorie: Notizie Basilicata

LATRONICO: “I DIRITTI NON VANNO IN VACANZA”

Mar, 04/08/2020 - 08:43

La Regione Basilicata rispetti i diritti delle persone con disabilità A Potenza Ore 12.00 Viale Verrastro (Ingresso Consiglio regionale)Conferenza stampa Interverrà Maurizio Bolognetti

Segretario di radicali Lucani Consigliere dell’Associazione Coscioni Membro del Consiglio generale del Partito Radicale Dichiarazione di Maurizio Bolognetti

Latronico – Non ho molto da aggiungere a quanto vado ripetendo da otto mesi. Il punto della situazione lo farò nel corso della conferenza stampa. Posso solo ribadire che non ho intenzione di mollare e che lo sciopero della fame prosegue ad oltranza. Posso solo tornare a chiedere ai miei interlocutori, incluso il Ministro Speranza, di onorare le istituzioni che rappresentano, di onorare la legge, la Costituzione, i diritti umani. Fatelo ora, fatelo adesso.

Grazie ai tanti che stanno in queste ore firmando la lettera-appello a sostegno dell’iniziativa nonviolenta in corso. Lettera che per opportuna conoscenza allego alla presente.

 24 total views,  24 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Emergenza Covid-19, aggiornamento del 3 agosto (dati 1 e 2 agosto)PROCESSATI 277 UN POSITIVO

Lun, 03/08/2020 - 13:38

La task force regionale comunica che nelle giornate del primo e del 2 agosto sono stati processati 277 tamponi per la ricerca di contagio da Covid 19. Di questi uno è risultato positivo e riguarda, come da notizia diffusa ieri, una persona di nazionalità estera in isolamento in Basilicata.

Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi restano 2 e si trovano in isolamento domiciliare.

Nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza sono ricoverate 2 persone di nazionalità estera e provenienti da Stato estero.

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 373 guariti; 2 persone di nazionalità estera ricoverate all’Ospedale ‘San Carlo’, 5 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in Basilicata; 31 cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate in Basilicata; 1 cittadino lucano in isolamento in Basilicata ma sottoposto a tampone in Emilia Romagna e lì conteggiato.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 47.706 tamponi, di cui 47.134 risultati negativi.

Il prossimo aggiornamento domani, martedi 4 agosto, alle ore 12,00.

 36 total views,  36 views today

Categorie: Notizie Basilicata

MATERA: Ponte Genova: Rospi (PP), oggi Italia celebra giorno, ma pensiero va a vittime e loro familiari

Lun, 03/08/2020 - 13:35

“Oggi l’Italia celebra un giorno storico, un giorno di realizzazione e di grande speranza, l’inaugurazione del nuovo ponte di Genova. Sono passati due anni dalla tragedia che ha visto morire 43 persone e niente o nessuno potrà riportare la serenità nel cuore dei familiari e del Paese intero, ma quello che avviene oggi è il segno che sappiamo rialzarci, insieme e uniti”. A rimarcarlo è il deputato e presidente di Popolo Protagonista, On. Gianluca Rospi he aggiunge: “Sono felice e commosso prima di tutto come cittadino italiano e poi come relatore del Decreto Genova, perché ho visto come, con il duro lavoro e le giuste priorità, abbiamo permesso la realizzazione in tempi record di un bene che va oltre al valore materiale e rappresenta per tutti noi qualcosa di più, un simbolo di rinascita. Il mio pensiero non può che andare alle famiglie delle vittime che ancora aspettano di avere giustizia e l’Italia non deve fermarsi fin quando non li verrà data. Ora però- prosegue Rospi- basta con le polemiche politiche, basta perderci in chiacchiere, prendiamo esempio da ciò che ha funzionato e cerchiamo di replicarlo, anche se con alcune modifiche del caso, dove possibile e al più presto in tutto il Paese. Guardando al mio territorio, ovvio pensare alla SS7 Matera – Ferrandina, i cui lavori di adeguamento, sempre più prioritari, risultano ancora non appaltati (l’Anas, in proposito, avrebbe tempo fa indicato come termine quello del 2022). Estendendo pertanto, con appunto le necessarie varianti, il Decreto Genova ad una arteria vitale per il territorio lucano e non solo, rientrando di fatto nel più ampio collegamento Mediano Murgia-Pollino. E’ giusto ricordare che l’Anas, ribadisce il parlamentare, già nel 2008 predispose, sulla scorta dello Studio di Fattibilità redatto dalla Regione Basilicata, il Progetto Preliminare dell’ammodernamento del collegamento stradale Gioia del Colle (A14), Matera, Ferrandina, Pisticci, Tursi, Lauria (A2). E da allora, dopo varie istanze e aggiornamenti, che, in riferimento all’arteria, conclude l’On. Rospi, si lanciano slogan ma non si concretizza ben poco, e giustamente crescono la delusione e la rabbia della gente.

 32 total views,  32 views today

Categorie: Notizie Basilicata

MATERA: RIAPERTURA PONTE TIBETANO A MATERA, RISULTATO DELL’EX ASSESSORE MICHELE CASINO

Lun, 03/08/2020 - 13:34

La Murgia materana offre importanti “occasioni” per ampliare le possibilità di un turismo naturalistico, culturale ed esperienziale e dovrebbe giocare un ruolo importante nello sviluppo dello stesso. Per garantire un sempre più lungo pernottamento medio è indispensabile allargare l’offerta oltre che il bacino d’utenza.

Occorre dunque investire sul potenziamento dei collegamenti al fine di rendere il Parco della Murgia parte integrante dei Sassi e della città di Matera. In quest’ottica il nostro Onorevole Michele Casino, durante lo svolgimento della sua attività come Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Matera, si prodigò immediatamente per avviare tutte le procedure di progettazione e di messa in sicurezza del ponte Tibetano sulla Gravina e del sentiero che collega i Sassi di Matera al Belvedere del Parco della Murgia che finalmente sono stati riaperti al pubblico.

Un esempio di buon governo che non si palesa esclusivamente al momento delle elezioni ma che svolge la propria attività durante tutto il mandato e del contributo dato da Forza Italia Matera fin quando è stata al governo della città.

La messa in sicurezza e la reale possibilità, di essere fruibile a tutti, del Ponte sulla Gravina e del sentiero di collegamento non devono passare per un lavoro straordinario ma essere il segno che la lungimiranza degli amministratori risulta poi essere sempre contemporanea.MATERA: 

 29 total views,  29 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: EMERGENZA COVID-19 AGGIORNAMENTO DEL 1 AGOSTO(DATI DEL 31 LUGLIO) PROCESSATI 229 TUTTI NEGATIVI

Dom, 02/08/2020 - 10:15

La task force regionale comunica che nella giornata del 31 luglio sono stati processati 229 tamponi per la ricerca di contagio da Covid 19. Tutti i tamponi sono risultati negativi.

Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi restano 2 e si trovano in isolamento domiciliare.

Nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza sono ricoverate 2 persone di nazionalità estera e provenienti da Stato estero.

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 373 guariti; 2 persone di nazionalità estera ricoverate all’Ospedale ‘San Carlo’, 4 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in Basilicata; 31 cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate in Basilicata; 1 cittadino lucano in isolamento in Basilicata ma sottoposto a tampone in Emilia Romagna e lì conteggiato.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 47.429 tamponi, di cui 46.858 risultati negativi.

 39 total views,  39 views today

Categorie: Notizie Basilicata

CERSOSIMO: IL 4 AGOSTO ISTALLAZIONEDELL’OPERA JAMë E VëNìMë DI ORZE SAHIN

Dom, 02/08/2020 - 09:58

Dal 4 all’8 agosto 2020, a Cersosimo, nell’ambito di POLLINO DOC, Cinefestival Internazionale del Documentario Antropologico, il collettivo Stato di Noia presenta l’installazione artistica Jamë e vënìmë dell’artista turca Ozge Sahin.

Il paese lucano situato nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, torna così ad accogliere – dopo l’installazione di Guendalina Salini curata da Stato di Noia nell’ambito del Progetto “A Vije A Vije | Voci e sentieri dello Stato di Noia per Fondazione Matera 2019 – un nuovo intervento d’arte contemporanea pensato per lo spazio pubblico.

Jamë e vënime è il titolo dell’installazione di Ozge Sahin che prende spunto dal proverbio di Cersosimo “Jamë e vënìmë, sëmbë allà stavìmë (Andiamo e veniamo, stiamo sempre allo stesso punto) che richiama alla mente i versi di T.S. Eliot: “Non cesseremo di esplorare e alla fine di tutto il nostro andare ritorneremo al punto di partenza e conosceremo quel luogo per la prima volta”.

L’ artista turca, ritorna dopo un anno nello Stato di Noia, ricreandone la memoria con il filo della nostalgia, rivisitandolo attraverso veli colorati su cui appaiono immagini divenute per lei familiari. Ozge cuce ricordi, presenze che traspaiono nella lontananza, desideri di una prossimità vagheggiata durante un tempo di attesa e distanza.

Tornare nello Stato di Noia, vuol dire per Ozge tornare a casa, il luogo antropologico per eccellenza. Non solo spazio fisico e statico ma stato d’animo, sensazione, sogno, guscio in cui ripararsi e ritrovarsi, luogo dell’identità, della memoria e delle relazioni, in cui ci si sente liberi di stare ma soprattutto di essere.

La casa di Ozge è uno spazio intimo ma aperto e attraversato dal vento, che accoglie voci, rumori, odori e desideri. Non ci sono muri ma stanze immaginarie, soglie colorate che filtrano la luce, attraverso cui viaggiare e oltre le quali riconoscersi. È una casa comune, in cui si può liberamente entrare, uscire, tornare, ritrovare ricordi, immaginare storie e lasciare parole, uno spazio intimo e immenso ad un tempo, in cui l’esperienza di ognuno può trovare dimora.

POLLINO DOC, primo Festival del Documentario a tema Etnografico e Antropologico, che, nelle intenzioni degli organizzatori dell’associazione ASAJ, “desidera partire da Cersosimo, da un piccolo borgo, per percorrere processi di sperimentazione artistica capaci di apportare innovazione sociale e crescita culturale”, propone un ricco programma: tavoli di riflessione incentrati sui temi legati allo sviluppo territoriale, socio-economico, paesaggistico, al cinema e all’antropologia, la partecipazione di importanti ospiti del panorama nazionale e internazionale, momenti di approfondimento per la conoscenza del borgo di Cersosimo e del Parco Nazionale del Pollino, della sua storia e della sua bellezza naturalistica e paesaggistica.

Venerdì 7 agosto, durante la giornata dedicata al tema del ‘CAMMINO’ è in programma dalle 19:30 alle 20:00 l’incontro “Arte e narrazioni nei paesi della Val Sarmento” con il collettivo Stato di Noia per percorrere insieme le tappe fondamentali del progetto dalla prima edizione del 2018, agli eventi dello scorso anno nell’ambito di Matera 2019, ai programmi futuri. Il racconto si concluderà con la proiezione del ciclo di video “1 Minuto di Noia” a cura di Luisa Bianca Izzo.

Ozge Sahin

Originaria di Istanbul, Ozge Sahin è un’artista visiva con sede a Roma. Dopo la laurea presso l’Università di Istanbul Bilgi con specializzazione in relazioni internazionali, Ozge ha studiato Grafica e Fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Roma dal 2012 al 2015. Nel suo lavoro celebra la vita umana, esplora l’identità femminile e le esperienze quotidiane. I suoi mezzi artistici vanno dalla fotografia, all’uso del filo, all’installazione. Dal 2012 ha esposto in gallerie e musei in Italia e negli Stati Uniti, tra cui il Black Mountain College Museum (North Carolina) e Chicago (Illinois). Nel 2018, Ozge ha partecipato alla V Biennale Arte Viterbo. Nel 2019, ha partecipato a tre residenze artistiche e ha tenuto due mostre personali: la prima alla Zaratan-Arte Contemporânea Art Gallery di Lisbona (Portogallo) e la seconda nell’art-space Lokalen a Lichtenvoorde (Paesi Bassi). Nel luglio 2019, ha partecipato al programma Artist in Residency di Live Artena, alla fine del quale ha deciso di trasferirsi per un anno in questo piccolo paese.

Stato di Noia

Stato di Noia è un collettivo multidisciplinare che dal 2018 promuove la riattivazione e valorizzazione dei sei paesi della Val Sarmento attraverso l’arte contemporanea e la cultura.

È composto da Carmela Rinaldi e Nicoletta Guglielmucci (curatrici), Luana Perilli e Guendalina Salini (artiste), Paola Brizi (progettista culturale), Veronica Vitale (graphic recorder e formatrice), Raffaele Carlomagno (insegnante e scrittore), animati dal comune desiderio di unire percorsi, attitudini e sguardi nella co-curatela di azioni artistiche, esperienze di comunità e forme di turismo sostenibile.

Opera di Ozge Sahin .JPG

Visualizza anteprima allegato Dettaglio opera.JPG

Dettaglio opera.JPG

 29 total views,  29 views today

Categorie: Notizie Basilicata

RUOTI : APRE LUNEDI ORE 11.00 EMEROTECA DEDICATA A RENATO ANGIOLILLO

Dom, 02/08/2020 - 09:46
Lunedi 3 agosto 2020 alle 11 sarà inaugurata l’emeroteca dell’Associazione Culturale Giovanile Recupero Tradizioni Ruotesi, con la presenza delle autorità del Comune di Ruoti e la direttrice del Polo Bibliotecario di Potenza, Anna Maria Pilogallo. L’emeroteca, intitolata a Renato Angiolillo, fondatore e direttore del quotidiano IL TEMPO, nato a Ruoti, è collocata in via Roma in tre immobili adiacenti a palazzo Salinardi. Un’emeroteca /biblioteca realizzata in ambienti distinti in una stradina del centro storico, fortemente voluta dai cittadini ruotesi che hanno messo a disposizione gratuitamente l’uso dei locali e che ha visto impegnati i giovani della stessa associazione nella sistemazione ed allestimento del nuovo servizio bibliografico, grazie alle donazioni dei materiali da parte di alcune attività commerciali del posto e di alcuni arredi della ex sede della Biblioteca Nazionale di Potenza. L’associazione, ha sottolineato il presidente Felice Faraone, sta partecipando ad un progetto dell’Unione Europea, per la ricerca e la valorizzazione del materiale emerografico, che sarà realizzato da cinque giovani ruotesi tra i 18 e 30 anni, ed intende mettere a disposizione il patrimonio raccolto a quanti vogliano continuare in questo percorso di crescita culturale locale. Attualmente il materiale donato dalla Biblioteca Nazionale di Potenza consiste nelle seguenti testate; Il Tempo dal 1971/1999, Il Messaggero 1971/1999, La Repubblica dal 1974/2002, Il Sole 24 Ore dal 1971/1998, Il Giornale dal 1971/1989, Il Secolo D’Italia dal 1971/1989. Infine grazie all’impegno del parroco Don Antonio Arenella sono state recuperate le annate che vanno dal 1968/1975, del mensile dell’azione cattolica Senza titolo e si sta lavorando per riportare alla luce altri periodici storici.​

 34 total views,  34 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Il Giro d’Italia 2020 in Basilicata

Sab, 01/08/2020 - 08:50

È stato ufficializzato ieri il percorso del Giro d’Italia 2020 che farà tappa in Basilicata con arrivo e partenza da Matera i giorni 8 e 9 ottobre. La carovana rosa partirà da Castrovillari e attraverserà il versante lucano del parco del Pollino, per poi costeggiare la diga di Monte Cotugno lungo la Sinnica, attraversare la Val d’Agri e raggiungere la Basentana nello scenario lunare dei calanchi. Da lì, i ciclisti affronteranno la lunga salita verso il traguardo nella città dei Sassi. Il giorno dopo, il Giro proseguirà la sua corsa verso la Puglia. 

 10 total views,  10 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Il Giro d’Italia 2020 in Basilicata Soddisfazione di Regione e APT per percorso e ricadute turistiche

Sab, 01/08/2020 - 08:36

È stato ufficializzato ieri il percorso del Giro d’Italia 2020 che farà tappa in Basilicata con arrivo e partenza da Matera i giorni 8 e 9 ottobre. La carovana rosa partirà da Castrovillari e attraverserà il versante lucano del parco del Pollino, per poi costeggiare la diga di Monte Cotugno lungo la Sinnica, attraversare la Val d’Agri e raggiungere la Basentana nello scenario lunare dei calanchi. Da lì, i ciclisti affronteranno la lunga salita verso il traguardo nella città dei Sassi. Il giorno dopo, il Giro proseguirà la sua corsa verso la Puglia.

La tappa è il frutto dell’impegno di Regione Basilicata, Comune di Matera e APT Basilicata, che con un’iniziativa congiunta hanno colto l’occasione di intercettare uno degli eventi sportivi più importanti a livello internazionale. I risultati di promozione sono infatti di dimensione globale, con una copertura televisiva prevista su 200 Paesi.

“Con la scelta del percorso, fortemente voluto dalla Regione e dall’APT – afferma il presidente Bardi – mostreremo una Basilicata dalle straordinarie eccellenze paesaggistiche e storiche. Il Giro attraverserà i nostri parchi e i nostri fiumi, unendo virtualmente le comunità lucane attraverso uno sport che è metafora di impegno e di costanza. Sono questi i valori che il sistema pubblico e privato lucano devono condividere per riuscire nella ripartenza”.

“La tappa – afferma il direttore APT Nicoletti – unisce sport, natura e cultura, e di fatto costituisce una straordinaria operazione di marketing per la Basilicata anche in una prospettiva di destagionalizzazione, in un anno difficile come questo. Inoltre, unisce non solo virtualmente il prodotto delle aree interne a quello della città dei Sassi, che rafforza così il suo appeal confermandosi una delle città d’arte più desiderate dai viaggiatori post-lockdown, come rilevato da diverse recenti indagini sulla ripresa del turismo in Italia”.

 17 total views,  17 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: EMERGENZA COVID BARDI EMANA L’ORDINANZA N° 31

Sab, 01/08/2020 - 08:11

Confermate fino al 31 agosto le disposizioni anti Covid contenute nell’ordinanza n. 30 del 17 luglio 2020. È quanto prevede una nuova ordinanza, la n. 31, emanata questa sera dal presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.

Rimangono, dunque, in vigore le “Linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative” approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 9 luglio e recepite dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14 luglio. Sono confermate anche le “Linee guida”, elaborate dalla Task-force regionale sia per la ripresa degli sport di contatto e di squadra sia per lo svolgimento in sicurezza di ricevimenti per cerimonie ed eventi simili, insieme alle indicazioni dell’Istituto superiore di sanità per la manutenzione degli impianti e le misure di sicurezza per le attività del trasporto pubblico locale

L’ordinanza è pubblicata sul Bur e sul sito istituzionale della Regione.

 18 total views,  18 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Emergenza Covid-19, aggiornamento 30 luglio (dati 29 luglio) processati 277 TUTTI NEGATIVI

Gio, 30/07/2020 - 12:51

La task force regionale comunica che nella giornata del 29 luglio sono stati processati 277 tamponi per la ricerca di contagio da Covid 19, risultati tutti negativi.
Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi restano 2 e si trovano in isolamento domiciliare. Nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza sono ricoverate 2 persone di nazionalità estera e provenienti da Stato estero e che per questo non rientrano nel totale dei lucani contagiati.

In giornata è stata confermata la guarigione di un cittadino lucano in isolamento in Basilicata che però era stato conteggiato in Puglia, avendo effettuato lì il tampone. Questa guarigione non viene conteggiata tra i guariti lucani così come non era stata conteggiata la positività

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 373 guariti; 2 persone di nazionalità estera ricoverate all’Ospedale ‘San Carlo’, 4 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in Basilicata; 28 cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate in Basilicata; 1 cittadino lucano in isolamento in Basilicata ma sottoposto a tampone in Emilia Romagna e lì conteggiato.
Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 46.818 tamponi, di cui 46.250 risultati negativi. Il prossimo aggiornamento domani, 31 luglio, alle ore 12,00.

 38 total views,  38 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Estrazioni petrolifere, Rosa: sempre e solo dalla parte dei cittadini

Gio, 30/07/2020 - 07:21

Dopo le fiammate anomale dei giorni scorsi al Centro Olio di Tempa Rossa, l’assessore ha chiesto agli enti preposti un’attenta verifica. Diffidata la Total per l’inosservanza degli accordi con la Regione presi il 15 luglio sulle tempestive comunicazioni. La compagnia petrolifera annuncia la riduzione del volume di gas inviato alla torcia

“Non rileva che l’impianto sia in fase di prova di esercizio. E’ palese che tale circostanza sia ininfluente sia sui timori della popolazione, che vedono in tale attività un pericolo per la propria salute e per l’ambiente, sia sulla possibilità che si verifichino incidenti rilevanti”.

Lo ha dichiarato l’assessore regionale all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa, in relazione alle recenti e frequenti fiammate della fiaccola del Centro Olio “Tempa Rossa”.

Nell’esprimere “la più profonda preoccupazione e la forte apprensione dei cittadini”, con una nota del 27 luglio l’assessore ha rivolto agli organi preposti al monitoraggio e ai controlli tecnici, Ispra, Unmig, Inail, Vigili del fuoco e Arpab e uffici regionali, l’invito a procedere a un’attenta verifica, riservandosi, dopo gli opportuni riscontri, di prendere i provvedimenti necessari “a tutela dei cittadini e dell’ambiente lucano”.

Alla Total l’esponente della giunta Bardi ha chiesto “di porre in essere tutte le azioni del caso al fine di evitare il ripetersi di tali eventi, anche qualora, dal punto di vista normativo, non vengano rilevati superamenti della soglia delle emissioni”.

A questo proposito, l’Ufficio Compatibilità ambientale del Dipartimento Ambiente il 28 luglio ha diffidato la compagnia petrolifera per l’inosservanza di quanto concordato con la Regione in merito alle tempestive comunicazioni di ogni evento o anomalia. Nell’atto di diffida si chiede alla Total di trasmettere immediatamente “una dettagliata relazione indicando le cause e i provvedimenti adottati in relazione agli eventi del 24 e 26 luglio, nonché un piano per la gestione di anomalie ed eventi che comportano il ripetersi di rilasci incontrollati di sostanze inquinanti nell’ambiente, da attuare in questa fase di prove funzionali di produzione”.

“Tutto ciò – aggiunge Rosa – in relazione agli impegni assunti dalla Total nella riunione tenutasi il 15 luglio al Dipartimento. Riscontriamo al contempo la comunicazione inviataci oggi dalla compagnia, che, in seguito alle nostre sollecitazioni, annuncia di aver provveduto alla riduzione della produzione di greggio con conseguente riduzione del 30 per cento del volume di gas inviato alla torcia. A differenza di quanto alcuni detrattori hanno asserito in questi giorni, la Regione non è stata mai distratta rispetto agli accadimenti. Nel silenzio più assoluto abbiamo agito perché per noi la consapevolezza di avere una responsabilità di governo rimane sempre la strada maestra. Mai avremo distrazioni nel solco del rispetto della legge e dei poteri che ci sono attribuiti per il bene delle nostre comunità”.

 21 total views,  21 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Contratto di Sviluppo Fca Melfi “Fondamentale il co-finanziamento della Regione Basilicata”

Gio, 30/07/2020 - 07:19

“Il futuro della Fca di Melfi registra il forte coinvolgimento della Giunta Regionale come testimonia il cofinanziamento del “Contratto di Sviluppo Fiat” da parte della Regione, per due milioni di euro che,  come riconosce Invitalia, ha consentito di sbloccare l’iter del Contratto di Sviluppo, che era fermo da troppo tempo ai tavoli del Mise-Invitalia”. Ad affermarlo è l’assessore regionale alle Attività Produttive Francesco Cupparo commentando la firma del Contratto di sviluppo tra Fca ed Invitalia per ampliare la capacità produttiva dello stabilimento Fca di Melfi con  la produzione della Jeep Compass, anche in versione elettrificata.

“Il ‘Contratto di Sviluppo Fiat’, co-finanziato dalla Regione Basilicata e firmato al Mise dal Presidente Bardi, nel mese di febbraio scorso, dopo l’incontro precedente di dicembre 2019 – aggiunge –  entra dunque nella fase di attuazione in direzione dell’obiettivo centrale di rilanciare lo stabilimento di Melfi. Oltre a salvaguardare la piena occupazione, attraverso il reinserimento del personale attualmente in contratto di solidarietà, consentirà di ampliarla con l’assunzione, entro il prossimo anno, di 100 nuovi dipendenti.

Il passo successivo – dice l’assessore – è l’avvio delle attività di ricerca industriale relative all’autotelaio e al battery case – in precedenza previste in Piemonte – attribuite al Campus per l’Innovazione del manufacturing di Melfi”.

“La ricerca con il coinvolgimento dei nostri centri e dell’Unibas è finalizzata all’ampliamento della capacità produttiva delle versioni elettrificate delle automobili prodotte a Melfi. Tra queste: Jeep Compass nella versione Plug-in Hybrid Electric Vehicle, in linea con il piano industriale di sviluppo del gruppo che prevede l’ibridizzazione progressiva dell’intera gamma di prodotti. Il progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale denominato “RICARICA”, realizzato dalle imprese aderenti al gruppo FCA Italy S.p.A. e CRF S.c.p.A., ha allo studio nuove soluzioni architetturali per la realizzazione di veicoli con propulsione puramente elettrica in uno scenario di mercato post 2024 e nasce dall’esigenza di rispondere alle sfide ambientali e sociali legate alla mobilità”.

“Sono convinto – afferma ancora Cupparo – che la missione del Campus di Melfi che prevede di sviluppare motopropulsori, sistemi veicolo, materiali, metodologie e processi innovativi per migliorare la competitività dei prodotti di Fca; rappresentare Fca negli ambiti della ricerca collaborativa a livello europeo e nazionale, partecipando a progetti di ricerca precompetitiva e promuovendo lo sviluppo di una rete di contatti e partenariati a livello internazionale; supportare Fca nella valorizzazione del proprio capitale intangibile, può trovare un sostegno istituzionale per accrescere in Basilicata l’occupazione diretta ed indotta. La presenza del Campus di Ricerca e Alta Formazione in Basilicata offre anche una concreta opportunità di occupazione e carriera ai giovani lucani, favorendo l’impiego di risorse presenti sul territorio. Su questo continueremo a svolgere ogni impegno monitorando con Fca ed Invitalia-Mise le fasi di attuazione del Contratto Istituzionale che ci vede protagonisti”.

 38 total views,  38 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Mobilitazione unitaria dei sindacati per dipendenti Don Uva Potenza Sit-in giovedì 30 luglio – ore 10.30 – Regione Basilicata

Gio, 30/07/2020 - 07:00

Si terrà giovedì 30 luglio, dalle 10:30 alle 12:30 davanti alla sede della Regione Basilicata, un sit-in di protesta dei lavoratori del centro di riabilitazione ex Don Uva.

La manifestazione unitaria, indetta da CGIL FP, CISL FP e UIL FPL, UGL, FIALS, FSI e USB è stata decisa ieri durante l’assemblea sindacale dei lavoratori della struttura sanitaria.

Le sigle sindacali hanno riaffermato la necessità di sbloccare la questione relativa ai dipendenti della struttura sanitaria e per scongiurare l’ipotesi, avanzata dalla dirigenza di “Universo Salute”, di un contratto peggiorativo. I vertici dei sindacati, che unitariamente stanno affrontando questa battaglia, hanno altresì ribadito la necessità di far rientrare a pieno regime i 25 dipendenti che ancora sono in cassa integrazione, per permettere così alla struttura stessa di garantire una piena assistenza ai malati e degenti.

Ed è proprio per rilanciare con forza le ragioni dei lavoratori, in vista della prossima riunione della commissione che dovrà decidere sulla riclassificazione delle prestazioni, che l’assemblea ha deciso di intraprendere l’azione di mobilitazione il prossimo 30 luglio.

 31 total views,  31 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Emergenza Covid-19, aggiornamento del 29 luglio (dati 28 luglio) processati 258 TUTTI NEGATIVI

Mer, 29/07/2020 - 14:26

La task force regionale comunica che nella giornata del 28 luglio sono stati processati 258 tamponi per la ricerca di contagio da covid 19, risultati tutti negativi.

Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi restano 2 e si trovano in isolamento domiciliare.

Nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza sono ricoverate 2 persone di nazionalità estera e provenienti da Stato estero e che per questo non rientrano nel totale dei lucani contagiati.

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 373 guariti; 2 persone di nazionalità estera ricoverate all’Ospedale ‘San Carlo’, 4 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in Basilicata; 28 cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate in Basilicata; 2 cittadini lucani in isolamento in Basilicata ma sottoposti a tampone in Emilia Romagna e in Puglia e lì conteggiati.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 46.540 tamponi, di cui 45.973 risultati negativi.

Il prossimo aggiornamento domani, 30 luglio, alle ore 12,00.

In allegato il bollettino quotidiano con tutti i dati riassuntivi.

 10 total views,  10 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: UDIENZA PARIFICATA CORTE DEI CONTI

Mar, 28/07/2020 - 14:57

Di seguito l’intervento del presidente della Regione, Vito Bardi, all’udienza della Corte dei Conti per il Giudizio di parificazione relativo al rendiconto generale per l’esercizio finanziario 2018 della Regione Basilicata. 

Illustrissimo Presidente,

Signori Consiglieri della Sezione di Controllo,

Egregio Procuratore Regionale della Corte dei Conti della Regione Basilicata, 

Saluto il Presidente della Sezione Regionale, Dott. Michele Oricchio, che presiede questa udienza, i Magistrati relatori: dott.ssa Vanessa Pinto e dott. Rocco Lotito e li ringrazio, insieme a tutti i loro collaboratori, per il lavoro svolto e la costante cooperazione con gli Uffici regionali.

Saluto, inoltre, il Procuratore Regionale della Corte dei Conti, Dott. Vittorio Raeli.

Dopo un anno di esperienza come Presidente della Regione Basilicata, ho maturato piena consapevolezza del ruolo, non solo di controllo, ma anche di impulso, che questa spettabile Sezione svolge, in maniera costante e scrupolosa, affinché sia garantito il rispetto dei principi di buon andamento, imparzialità ed efficacia dell’azione amministrativa dell’Ente Regione.

Le osservazioni e i rilievi formulati sono stati un importante stimolo rispetto al progressivo superamento di prassi non corrette e allo sforzo di attivare buone pratiche gestionali, anche se spesso nel recepirli ci si scontra con le difficoltà e con le lentezze tipiche di tutte le burocrazie, nonché con le note carenze di personale dell’ente.

Aggiungo, mi sia consentito, quanta influenza ha avuto anche sui processi amministrativi l’impatto derivante da una drammatica emergenza sanitaria internazionale che ha duramente colpito il Paese nel corso dell’ultimo semestre.

Ci si è trovati a contrastare un evento straordinario e assolutamente imprevedibile. Ciò ha messo a dura prova l’Ente, le sue strutture, l’intero personale, per non parlare della gestione emergenziale in sé, sia sul fronte sanitario sia su quello finanziario per far fronte alla crisi epidemiologica in atto.

Ciò nonostante molto è stato fatto dall’Amministrazione, ma tanto rimane da fare: il processo di cambiamento è appena iniziato, ma l’Ente è determinato nel perseguire i propri obiettivi di crescita economica e di occupazione, preservando i propri equilibri economico-finanziari.   

La Regione, ha già attivato un processo di costante monitoraggio nei confronti degli Enti Vigilati e Partecipati, come testimoniato dalla maggiore accuratezza e quantità dei dati forniti.

A seguito di tale monitoraggio potrebbero seguire ulteriori scelte di razionalizzazione della spesa pubblica.

Emblematico da questo punto di vista è stato il recupero di risorse finanziarie per € 2.500.000,00 derivanti dalla riduzione del capitale sociale di Sviluppo Basilicata, deliberato dall’Assemblea Straordinaria in data di ieri 27/07/2020.

In merito alla gestione del comparto Sanità, l’Ente si è attivato per garantire un costante monitoraggio dell’andamento economico-finanziario delle Aziende sanitarie ed ospedaliera, attraverso l’implementazione di idonei indicatori.

Anche qui non è superfluo sottolineare lo sforzo compiuto nell’affrontare l’emergenza da COVID-19, che ha concentrato e finalizzato tutte le attività e le risorse in tal senso.

La Regione, inoltre, ha avviato un processo di riordino del Sistema Sanitario Regionale, orientato ad una maggiore semplificazione, razionalizzazione della spesa e un miglioramento dei servizi erogati, anche alla luce degli effetti dell’emergenza nella previsione di dotare la Regione di un sistema sostenibile e durevole nel tempo, pronto ad essere reattivo in presenza di eventi di tale portata.

L’Ente sta puntando alla creazione di una Sanità “di qualità” anche attraverso l’istituzione della Facoltà di Medicina, nei prossimi giorni sarà siglato il protocollo d’intesa con il Ministero della Sanità, che possa in prospettiva ridurre la mobilità sanitaria passiva.

Esercitando la propria funzione di controllo la Corte ha contribuito a conferire “certezza” all’operato dell’amministrazione, il quale sarà sempre più orientato ad assicurare una ottimale allocazione delle risorse pubbliche e migliori servizi alla collettività.

L’Ente è già impegnato ad uniformarsi ai rilievi rappresentati da questa Corte, ma adotterà ulteriori misure correttive idonee alla rimozione delle criticità evidenziate.

Il bilancio dell’Ente sarà sempre più leggibile, trasparente, improntato ad esporre con veridicità, chiarezza e correttezza i fatti amministrativi e gestionali.

In coerenza con il ruolo che rivesto, il mio impegno è volto a valorizzare il ruolo politico ed istituzionale dell’Ente, affinché la comunità regionale che mi onoro di rappresentare possa verificare e valutare le scelte gestionali assunte e le modalità con cui sono utilizzate le risorse pubbliche.

Al fine di garantire una maggiore efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa evidenzio che l’Ente ha già approvato un provvedimento legislativo per il riordino degli uffici della Presidenza e della Giunta regionale e disciplina dei controlli interni (L.R. n. 29 del 2019).

Al riguardo, desidero evidenziare che in sede di attuazione di detta disciplina, in parte anticipata con provvedimenti mirati a sviluppare i principi del Dlgs 165/2001  in ordine agli uffici di diretta collaborazione dell’Organo politico, che hanno peraltro già assicurato l’incardinamento di un ufficio legislativo teso a monitorare e verificare l’attività legislativa della Regione, saranno previste innovazioni importanti per la modernizzazione della macchina amministrativa regionale,  tra cui anche un ufficio che si occupi dei rapporti con la Corte dei Conti, affinché lo scambio di informazioni necessarie all’esercizio del controllo da parte di codesta Sezione e il confronto sull’applicazione delle normativa contabile e finanziaria sia costante e fruttuoso.

Concludo queste brevi considerazioni con l’auspicio che l’odierno giudizio di parifica possa rappresentare un ulteriore tappa nel rapporto di leale collaborazione instauratosi tra la Regione Basilicata e la Corte dei Conti, al fine di servire, ciascuno nell’esercizio delle proprie prerogative e competenze, nel modo più autentico e appassionato gli uomini e le donne che vivono ed operano in questa splendida terra che è la Basilicata.

 39 total views,  39 views today

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Emergenza Covid-19, aggiornamento del 28 luglio (dati 27 luglio) processati 303 TUTTI NEGATIVI

Mar, 28/07/2020 - 14:48

La task force regionale comunica che nella giornata del 27 luglio sono stati processati 303 tamponi per la ricerca di contagio da covid 19, risultati tutti negativi.

Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi restano 2 e si trovano in isolamento domiciliare.

Inoltre, 11 dei 39 cittadini stranieri che si trovavano in isolamento in strutture dedicate in Basilicata, sono stati trasferiti in un’altra struttura della regione Lazio; sono quindi 28 quelli rimasti attualmente in Basilicata.
Nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza sono ricoverate 2 persone di nazionalità estera e provenienti da Stato estero e che per questo non rientrano nel totale dei lucani contagiati.
Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 373 guariti; 2 persone di nazionalità estera ricoverate all’Ospedale ‘San Carlo’, 4 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in Basilicata; 28 cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate in Basilicata; 2 cittadini lucani in isolamento in Basilicata ma sottoposti a tampone in Emilia Romagna e in Puglia e lì conteggiati.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 46.282 tamponi, di cui 45.715 risultati negativi.

 44 total views,  44 views today

Categorie: Notizie Basilicata

AVIGLIANO: Art. UNO :UNITI per Avigliano con Ivan Santoro Sindaco.

Lun, 27/07/2020 - 08:32

L’assemblea cittadina di art. UNO di Avigliano riunitasi il 25 per fare il punto sullo stato del confronto fra le forze che hanno amministrato il comune unitamente a rappresentanti del m5s e personalità della società civile, preso atto della ufficializzazione di alcune candidature sia del campo progressista che del centro destra, ritiene fondamentale rappresentare alla comunità aviglianese quanto avvenuto in queste ultime settimane.
Art. UNO con Speranza, a tutti i livelli ha operato per costruire un campo largo delle forze progressiste al fine di contrastare il centro destra a trazione leghista, populista e privo di un progetto politico amministrativo per Avigliano.
I rappresentanti della lega, quelli che dicevano prima i lombardi contro i meridionali spreconi e nulla facenti, anche ad Avigliano non avendo il coraggio di dichiararsi, tentano di nascondersi sotto una finta lista civica di cui non si conosce il programma per la ns comunità a meno che per programma intendono i post su fb o i Twitter. La cosa non ci meraviglierebbe essendo in sintonia con lo spara balle salvini.
Gli iscritti di art.UNO confermano quanto dichiarato nelle riunioni delle forze dell’area progressista. Siamo interessati a mantenere unita una coalizione che ha amministrato il paese pur dovendo riconoscere che permangono tante criticità, che vanno affrontate definendo un programma chiaro con al primo punto il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini sulle scelte fondamentali, la trasparenza amministrativa, la valorizzazione/riqualificazione delle aree periferiche del centro e delle frazioni, il rafforzamento e del sistema della viabilità e la sua messa in sicurezza, l’ampliamento dei servizi a partire da quelli a sostegno del sapere, la difesa del sistema di collegamento ferroviario con la città di potenza (mantenimento e rafforzamento delle funzioni della stazione FAL), difesa dell’ambiente e salvaguardia del territorio. Titoli di un programma da costruire insieme ai cittadini.
In questi anni art. Uno ha dimostrato di mettere al primo posto gli interessi della comunità e mai quelli personali come dimostrano i comportamenti dei propri rappresentanti in amministrazione. Purtroppo abbiamo dovuto constatare che ciò non ha riguardato gli altri, tant’è che in presenza della proposta di candidare a sindaco il capogruppo del centro sinistra Ivan Santoro, abbiamo  registrato resistenze, politicamente incomprensibili. Ciò nonostante, pur di mantenere l’unità delle forze progressiste, abbiamo avanzato la ipotesi di un candidato della società civile espressione del campo vasto delle forze riformiste. Purtroppo, avendo registrato anche su tale ipotesi resistenze da parte di alcuni rappresentanti del PD e dei socialisti riconducibili alla volontà di avere il candidato sindaco, abbiamo dovuto prendere atto che si antepongono gli interessi personali a quelli della comunità. Noi abbiamo fatto, e lo continueremo a fare il possibile per evitare di consegnare Avigliano a rappresentanti della lega, tanto da rinunciare anche al naturale candidato: il capogruppo dell’intero centro-sinistra. Ci saremmo aspettati quantomeno una valutazione politica ed un atto di responsabilità da parte di tutti, lavorando ad un programma amministrativo condiviso unitamente ad un candidato sindaco espressione della società civile collocato politicamente nell’area delle forze che sostengono il Governo Conte. Purtroppo dobbiamo prendere atto che ci sono forze e personalità che auspicano una rottura della coalizione e pertanto proseguiremo nel lavoro di costruzione una lista aperta a tutti coloro che amano il nostro paese con candidato sindaco Ivan Santoro.

 2 total views,  2 views today

Categorie: Notizie Basilicata

ROMA: SVENTATO PERICOLO CITRUS BLACK SPOT AL PORTO DI CATANIA

Dom, 26/07/2020 - 13:23

Il coordinamento di Agrinsieme, che riunisce Cia-Agricoltori italianiConfagricolturaCopagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, ringrazia le autorità competenti per il pronto e tempestivo intervento effettuato nelle scorse ore al porto di Catania, grazie al quale è stato impedito l’accesso nel nostro Paese a due container provenienti dall’Argentina e contenenti limoni contaminati dalla fitopatia del cosiddetto Citrus Black Spot-CBS, meglio conosciuta come “macchia nera degli agrumi”.

“Grazie al Servizio fitosanitario in capo all’assessorato all’Agricoltura della Regione Siciliana è stato scongiurato l’ingresso in Italia di una terribile fitopatia, dalla quale il continente europeo è al momento indenne”, sottolinea Agrinsieme, che da anni si batte per far comprendere l’enorme pericolosità della malattia e che ringrazia gli enti preposti per lo sventato pericolo.

 “Una fitopatia del genere, se si diffondesse nel nostro Paese, metterebbe in serio pericolo l’intero comparto agrumicolo nazionale e, di conseguenza, quello europeo; non bisogna dimenticare, infatti, che l’Italia è il secondo produttore comunitario di agrumi dopo la Spagna e che, grazie agli ingenti investimenti effettuati negli anni dalle imprese e dalle cooperative agricole, vanta numerose produzioni di eccellenza che sono un vero e proprio vanto del Made in Italy nel mondo”, prosegue il Coordinamento.

 “Il pericolo è che tutti gli sforzi degli agrumicoltori, i quali stanno ancora facendo i conti con il virus della tristeza, vengano vanificati dall’ingresso della macchia nera degli agrumi nel nostro Paese”, conclude Agrinsieme, rimarcando l’importanza di stabilire delle misure di rapida ed efficace applicazione che permettano di garantire il patrimonio agrumicolo nazionale, salvaguardando al contempo il territorio e le eccellenze italiane, prevedendo ad esempio l’introduzione di un limite di intercettazioni oltre il quale le importazioni vengano bloccate.

 24 total views,  24 views today

Categorie: Notizie Basilicata

Pagine