Notizie Basilicata

Microcredito: domani presentazione a Lauria

Basilicatanet - Gio, 07/11/2019 - 13:30
Nuova tappa, domani a Lauria, degli incontri di approfondimento sulla Misura Microcredito Fse della Regione Basilicata gestita da Sviluppo Basilicata che, come anche annunciato dall’Assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, nel corso della conferenza stampa alla presenza del Presidente Vito Bardi, “farà il giro della Basilicata al fine di coprire il maggior numero di persone ed aspirare a raggiungere tutti coloro che vogliono fare impresa in Basilicata”.
Appuntamento alle 16,30 nella Sala consiliare del Comune di Lauria.
Dopo i saluti del sindaco, Angelo Lamboglia, interverranno l’assessore alle Attività produttive, lavoro, formazione, sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, l’Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale, il responsabile del settore Ingegneria finanziaria di Sviluppo Basilicata, Vito Pinto, che illustrerà le modalità di funzionamento del Fondo con domande e approfondimenti anche dal pubblico.
“Si tratta – sottolineano gli organizzatori dell’incontro - di una misura molto snella e vicina ai cittadini con tempo di attesa di evasione della pratica di massimo 60 giorni. A beneficiarne saranno soprattutto disoccupati ma anche gli enti che già operano nel terzo settore che potranno rafforzare la loro attività o crearne una nuova”.
Seguiranno a questo anche altri incontri sul territorio già fissati di cui si ricordano le prossime date più vicine: Nova Siri 11/11/2019; Matera 12/11/2019; Venosa 15/11/2019; Stigliano 18/11/2019; Viggiano 22/11/2019.

Categorie: Notizie Basilicata

Parità, Pipponzi:iniziative per Giornata contro violenza su donne

Basilicatanet - Gio, 07/11/2019 - 13:17
Il prossimo 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, ricorrenza istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite, la Consigliera regionale di Parità Ivana Pipponzi, confermando “il proprio convinto impegno per la promozione della parità di genere e dell’empowerment delle donne, in aggiunta alle iniziative specifiche dedicate al contrasto di ogni forma di discriminazione e violenza contro le donne, organizza, un convegno dal titolo “Quelle come me”.
Tale convegno organizzato in collaborazione con le associazioni Letti di Sera e Telefono Donna, è finalizzato ad affrontare il delicato fenomeno della violenza contro le donne, per promuovere e costruire sinergie virtuose tra Istituzioni, associazioni e territorio.
Partendo dalla presentazione del libro della scrittrice Annarita Briganti “Alda Merini. L’eroina del caos”, l’evento si snoderà attraverso vari contributi affrontati in una tavola rotonda che vedrà la partecipazione di coloro che a vario titolo sostengono donne vittime di violenza e di quanti hanno collaborato alla ideazione dell’evento.
Sarà questa l’occasione per avviare un confronto attivo e costruttivo per mettere in campo interventi efficaci volti ad accompagnare le donne e le ragazze vittime di violenza.
Inoltre, con la convinzione che l’arte va in stretta relazione con l’attualità, l’artista lucano Franco Corbisiero donerà al presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, un’opera significativa, un richiamo ideale ad Alda Merini, poeta, da sempre vicina all'anima femminile, che iconicamente rappresenterà tutte le donne vittime di violenza.
La cerimonia di inaugurazione ed apposizione dell’opera si terrà sempre il 25 novembre alle ore 12.00 presso Palazzo della Giunta della Regione Basilicata.
A latere dell’iniziative verrà presentato il progetto Wool Women’s Opportunity for the Other Life che si pone l’obiettivo, attraverso una raccolta fondi, di sostenere economicamente, attraverso l’erogazione di una borsa di studio o lavoro, le donne che in Basilicata hanno subito violenze e maltrattamenti e che per queste ragioni sono state costrette ad abbandonare la casa, gli studi o il lavoro e che attualmente si trovano nei centri antiviolenza lucani.
L’oggetto di questa raccolta sarà una sciarpa, con un bottoncino rosso apposto all’estremità, metafora di calore, un oggetto che avvolge, un dono solidale carico di significati simbolici.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Da domani al via la campagna antiinfluenzale

Basilicatanet - Gio, 07/11/2019 - 12:10
Da domani, 8 novembre 2019, parte la campagna antiinfluenzale - antipneumococcica 2019/2020. A darne notizia è l’Azienda sanitaria locale di Potenza, precisando che nel capoluogo il servizio verrà erogato dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e martedì e giovedì anche dalle 15,30 alle 17,00. Gli orari dei competenti uffici dell’Asp dislocati negli altri Comuni della provincia di Potenza sono indicati sul sito web dell’ente, all’indirizzo
http://www.aspbasilicata.it/come-fare-per/uffici-di-igiene-epidemiologica-e-sanit%C3%A0-pubblica-nei-comuni-orari-e-ubicazione

“L’influenza – si legge in una nota dell’Asp - è una malattia respiratoria che può manifestarsi in forme di diversa gravità, che in alcuni casi, possono comportare ricovero in ambiente ospedaliero o addirittura exitus. Alcune fasce di popolazione possono essere maggiormente a rischio di gravi complicanze quali polmonite virale o batterica secondaria o peggioramento delle condizioni cliniche preesistenti. Costituisce un notevole problema di sanità pubblica poiché, a causa della sua elevata trasmissibilità, colpisce un elevato numero di persone in un ristretto lasso di tempo, determinando quindi costi diretti ed indiretti, soprattutto in ragione delle complicanze ad essa correlate. Fermo restando che le forme più severe interessano in genere gli anziani ed i soggetti di qualunque età con presenza di patologie di base, si richiama l’attenzione circa l’importanza di vaccinare oltre ad essi anche gli operatori sanitari a contatto diretto con pazienti a più alto rischio di acquisizione/trasmissione dell’infezione influenzale. Si ricorda che le donne in gravidanza rappresentano il più importante dei gruppi a rischio per le complicanze che possono interessare se stesse ed il feto. Il periodo elettivo per la vaccinazione antinfluenzale, nella nostra situazione climatica ed in base all’andamento delle precedenti epidemie in Italia, è quello autunnale da metà ottobre a fine dicembre. Una sola dose di vaccino antinfluenzale è sufficiente per soggetti di tutte le età, con esclusione dell’età infantile, da 36 mesi a 9 anni, qualora si tratti di soggetti mai vaccinati in precedenza. E’ opportuno ricordare che la protezione indotta dal vaccino inizia dopo due settimane dalla somministrazione e perdura per 6 - 8 mesi”.

Anche i medici di medicina generale “provvederanno alla somministrazione dei vaccini anti-influenzale ed anti-pneumococcico, al fine di aumentare le coperture vaccinali dei propri assistiti. Sarà cura degli stessi medici – prosegue la nota dell’Asp - reclutare i soggetti eleggibili alla vaccinazione e stabilire le modalità operative”.

La vaccinazione antinfluenzale è gratuita solo per anziani e soggetti che soffrono di particolari patologie. “Presso i punti vaccinali ASP – aggiiunge la nota - occorrerà esibire all’atto della vaccinazione la tessera sanitaria per soggetti di età ≥ 65, mentre soggetti di età inferiore a 65 anni dovranno essere in possesso anche della richiesta del medico curante. Alle persone che per motivi di salute siano impossibilitate a lasciare il proprio domicilio i vaccini antinfluenzale ed antipneumococcico dovranno essere dispensati dal proprio medico curante. Si sottolinea inoltre che la vaccinazione antipneumcoccica ai soggetti di età superiore a 64 anni ed agli appartenenti alle categorie a rischio potrà essere praticata, oltre che durante la campagna antinfluenzale, in tutti i periodi dell’anno, come da DGR Basilicata n.696 dell’11/06/2013 “Programma di campagna vaccinale con vaccino antipneumococcico 13 valente. La presenza di patologie predisponenti, come di seguito elencato, può indurre un aumentato rischio di infezione pneumococcica severa e delle sue complicanze, pertanto, i soggetti affetti da patologie di seguito indicate, di età inferiore a 65 anni, sono eleggibili alla vaccinazione antipneumococcica:

• cardiopatie croniche
• malattie polmonari croniche
• cirrosi epatica, epatopatie croniche evolutive
• alcoolismo
• diabete mellito, in particolare se in difficile compenso
• soggetti con perdite liquorali da traumi o intervento
• anemia falciforme e talassemia
• immunodeficienze congenite o acquisite
• asplenia anatomica o funzionale e pazienti candidati alla splenectomia
• leucemie, linfomi, mieloma multiplo
• neoplasie diffuse
• trapianto d’organo o di midollo
• immunosoppressione iatrogena clinicamente significativa
• insufficienza renale cronica, sindrome nefrosica
• H.I.V. positivi
• portatori di impianto cocleare”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Riunita a Lagonegro la Giunta regionale

Basilicatanet - Mer, 06/11/2019 - 16:48
“Lagonegro è una parte del territorio che sta particolarmente a cuore al governo regionale. Su sollecitazione del consigliere regionale Piro, oggi abbiamo riunito qui la Giunta.
Abbiamo discusso di provvedimenti importanti, è giusto che il governo regionale interagisca con i territori e faccia conoscere ai cittadini il cambiamento che stiamo portando avanti nella nostra regione. Il prossimo appuntamento della Giunta itinerante sarà e Melfi nel Vulture e poi nel Metapontino. Ogni zona è significativa per l'aspetto peculiare del territorio che rappresenta. Queste riunioni itineranti della Giunta non sono un atto formale ma hanno un carattere pienamente operativo, come dimostra la discussione avuta oggi sul Piano di bacino del trasporto pubblico regionale, che è nella fase conclusiva”.

Lo ha detto il governatore della Basilicata Vito Bardi, che ha presieduto questa mattina a Lagonegro una riunione della Giunta regionale.

Per il settore sanità, l’esecutivo ha deliberato i Piani triennali dei fabbisogni del personale delle aziende e degli enti del servizio sanitario regionale e l’individuazione del limite di spesa per il 2019, l’acquisto dei locali attualmente in dotazione dell’Asp. A favore delle persone con disabilità o con disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa) è stato approvato l’Avviso pubblico per contribuire all’acquisto di ausili o strumenti tecnologicamente avanzati.

Per quanto riguarda il comparto primario, le aziende di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli potranno beneficiare dell’incremento della dotazione finanziaria della sottomisura 4.2 del Psr. Sempre nell’ambito del Programma di sviluppo rurale è stato adottato il bando per il sostegno agli agriturismi e alle fattorie multifunzionali. Approvato, infine, il programma annuale diretto a promuovere e sostenere il patrimonio tartuficolo e il relativo avviso pubblico per individuare i soggetti beneficiari per iniziative promozionali. 
Categorie: Notizie Basilicata

Sottomisura 4.2, Fanelli: “Incrementata dotazione con 6 milioni”

Basilicatanet - Mer, 06/11/2019 - 16:44
Un incremento di dotazione pari a 6 milioni di euro relativo alla Sottomisura 4.2 “Sostegno a investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o sviluppo dei prodotti agricoli” è stato approvato - su proposta dell’assessore regionale alle Politiche agricole, Francesco Fanelli - dalla giunta regionale della Basilicata. I fondi, rientranti nel Programma di sviluppo rurale (Psr) Basilicata 2014-2020 saranno utilizzati per gli 11 progetti candidati all’avviso pubblico, ritenuti ammissibili ma non finanziabili per carenza di fondi. La dotazione complessiva del bando, inizialmente di 10 milioni di euro sale quindi a 16 milioni. La prima parte delle risorse aveva permesso di finanziare “21 istanze con importo inferiore a 750 mila euro”. Delle 15 candidature ammesse con “importo superiore a 750 mila euro”, 4 erano state finanziate mentre 11 erano rimaste fuori per carenza di fondi “nonostante il livello qualitativo delle proposte fosse significativo”. “Per questo motivo - ha evidenziato l’assessore Fanelli - abbiamo ritenuto necessario incrementare la dotazione finanziaria del Bando Sottomisura 4.2 di ulteriori 6 milioni di euro. I vantaggi saranno notevoli - ha evidenziato l’esponente della giunta Bardi - perché le aziende produttrici destinatarie del contributo avranno la possibilità di trasformare e commercializzare le proprie produzioni primarie, incrementando il valore aggiunto e connettendosi con il sistema delle filiere regionali di recente costituzione”. Fanelli ha ricordato infine che l’obiettivo della Sottomisura 4.2 è quello di “potenziare la redditività delle aziende agricole promuovendo tecnologie innovative”. 

 
Categorie: Notizie Basilicata

Piano antenne, Rosa: bene la celerità del Comune di Potenza

Basilicatanet - Mer, 06/11/2019 - 15:11
“Prendo atto della celerità con la quale il Comune di Potenza ha approvato, dopo la mia sollecitazione a tutte le amministrazioni lucane, il Piano antenne”. A dichiararlo l’assessore regionale all’Ambiente Gianni Rosa.

“La tutela dell’Ambiente – aggiunge - passa anche per regolamenti chiari che limitino gli impianti di teleradiocomunicazioni ad aree che non siano particolarmente sensibili e altamente urbanizzate. Ad inizio ottobre avevo scritto a tutti i Comuni della Basilicata per sollecitarli ad ottemperare ad un obbligo di legge che vige dal 2003. Ad oggi, per quanto mi risulta, il Comune di Potenza, con il sindaco Guarente e l’operativo assessore Vigilante, è l’unico ad aver approvato il Piano, che è prioritariamente uno strumento di salvaguardia del territorio e di prevenzione dall’inquinamento elettromagnetico e consente un’adeguata pianificazione anche a livello paesaggistico e architettonico”.

“Rinnovo pertanto – conclude Rosa - l’invito a tutti i Comuni lucani ad adottarlo nel più breve tempo possibile”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Riforma fondiaria: pubblicato elenco degli immobili non assegnati

Basilicatanet - Mer, 06/11/2019 - 14:09
Sono stati pubblicati il 5 novembre sul sito web dell’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura i dati sullo stato di detenzione degli immobili provenienti dalla Riforma Fondiaria non ancora assegnati. Ora i singoli detentori e possessori di tali immobili, o tutti i diretti interessati, avranno 60 giorni dalla pubblicazione per chiedere all’Agenzia di rettificare o integrare i contenuti di tali dati. Le informazioni (pubblicate sul sito web dell’Agenzia nella sezione Amministrazione trasparente/Beni immobili e gestione patrimonio/Patrimonio immobiliare) riguardano le concessioni amministrative in vigore rilasciate dagli Enti di Riforma e di Sviluppo ormai cessati, nonché gli immobili aventi destinazione agricola ed extragricola.

Il riferimento è quello del Regolamento di Gestione e Dismissione dei beni della Riforma Fondiaria, emanato con decreto del Presidente della Giunta Regionale di Basilicata n. 3 del 15 gennaio 2019. Per intervenire in contraddittorio, e quindi per richiedere una rettifica o l’integrazione dei dati pubblicati, oppure per comunicare l’eventuale possesso del requisito di “agricoltore attivo” di cui all’art. 29 proprio di quel Regolamento, si dovrà compilare il modulo reperibile sempre sul sito dell’Agenzia nella sezione URP/Modulistica. Il modulo andrà inviato all’Alsia tramite PEC o Raccomandata con ricevuta di ritorno, unitamente alla documentazione necessaria per comprovare la richiesta.

Oltre che su istanza di parte, i dati pubblicati potranno comunque essere rettificati o integrati dalla stessa Agenzia, anche per tener conto – a insindacabile giudizio dell’ALSIA - della eventuale materiale impossibilità di alcuni a intervenire in contraddittorio nel termine prescritto di 60 giorni.
I dati definitivi, che saranno sempre pubblicati sul sito dell’Agenzia, costituiranno elemento essenziale per lo svolgimento delle operazioni di gestione e dismissione del patrimonio della ex Riforma fondiaria.

Info: giovanni.vena@alsia.it 
Categorie: Notizie Basilicata

A Roma l'8 novembre evento centenario governo Nitti

Basilicatanet - Mer, 06/11/2019 - 12:26
Venerdì 8 novembre si svolgerà al Senato a Roma - nella Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, con ingresso alla Biblioteca e Archivio Storico del Senato della Repubblica, Piazza della Minerva 38 - l’evento centrale del programma delle celebrazioni del Centenario del Governo Nitti (1919-1920) e della rievocazione della singolare figura politica e culturale di Francesco Saverio Nitti, nato a Melfi nel 1868 e morto a Roma nel 1953. E' quanto si legge in una nota della Fondazione Francesco Saverio Nitti. L’evento si svolgerà, a partire dalle ore 17, alla presenza del Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella. Apertura della Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e prolusione del presidente del Comitato per le celebrazioni del Centenario Giuliano Amato. Previsti gli interventi del Presidente della Commissione Biblioteca e Archivio storico del Senato Gianni Marilotti, del Presidente della Fondazione “Francesco Saverio Nitti” Stefano Rolando, della Rettrice dell’Università della Basilicata Aurelia Sole e degli storici, professori Luigi Mascilli Migliorini, Fulvio Cammarano, Piero Craveri e Simonetta Soldani.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Apt a New York per promuovere offerta Basilicata

Basilicatanet - Mer, 06/11/2019 - 12:19
Nei giorni 29 e 30 ottobre scorsi l’offerta turistica della Basilicata è stata protagonista a New York, nell’ambito di una due giorni di appuntamenti organizzati dalla sede dell’Enit. Lo rende noto l’Apt Basilicata.
Si è trattato di workshop finalizzati all’incontro tra la domanda e l’offerta prevalentemente del settore luxury a cui hanno partecipato sei regioni italiane che si sono presentate ad un pubblico di settore. Per la Basilicata – si legge nella nota – è stata l’Agenzia di Promozione Territoriale a guidare e coordinare all'Italian Luxury una delegazione di 5 strutture e DMO (Destination Management Organization) del settore lusso lucano, prevalentemente ubicate a Matera e provincia dove l’ospitalità di questa tipologia è maggiormente strutturata. Antichi palazzi, strutture uniche e originali, dimore ricercate che hanno mantenuto habitat rupestri naturali per far vivere all'ospite un'ospitalità autentica e a volte quasi selvaggia che, appunto, oggi in vari mercati del turismo contemporaneo è considerato settore di lusso, laddove i servizi siano chiaramente classificati come tali.
“Si è trattato di una ulteriore occasione per la Basilicata di promuoversi su mercati esteri che sempre più stanno dimostrando forte interesse per la nostra regione”, ha commentato il direttore generale dell’Apt, Mariano Schiavone. “Gli Stati Uniti in particolare – ha aggiunto Schiavone -, nonostante siano un mercato di recente ingresso tra i principali obiettivi, in breve tempo si sono attestati come principale nazione di origine dei turisti stranieri in Basilicata. Gli Usa sono infatti il mercato da cui proviene il maggior numero di arrivi e presenze con una crescita dal 2018 al 2019, relativi ai primi 7 mesi dell’anno, che si attesta rispettivamente a oltre il 3% per gli arrivi e oltre il 4% per le presenze”.
Lusso e ospitalità diffusa, ovviamente, rappresentano un pubblico potenziale a cui la destinazione offre innanzitutto alcune delle principali sue caratteristiche come lo slow tourism, la natura inesplorata, l’experience legata a tradizione e autenticità e, in particolare, l’offerta legata al cinema, con oltre 60 film girati nelle location lucane. Chiaramente Matera recita il ruolo di set privilegiato dove proprio i cast hollywoodiani hanno ritrovato condizioni ideali. Da Richard Gere a Mel Gibson, da Morgan Freeman a Daniel Crieg, fresco di riprese di quest'estate per la saga di James Bond, tante star hanno fatto la “bella scoperta” della Basilicata ed è stato un argomento di particolare interesse per il pubblico newyorkese.
Anche la gastronomia lucana ha avuto occasione di farsi apprezzare, in particolare al cocktail reception di "Italian Luxury", organizzato da Enit, dove la Basilicata è stata regione sponsor coi suoi prodotti.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Capodanno Rai, Cupparo: prevalga la ragionevolezza

Basilicatanet - Mer, 06/11/2019 - 12:02
“Non c'era alcun bisogno di uno ‘spot’ - il filmato con il mio sostegno alla ‘candidatura Metapontino’ per il Capodanno Rai 2020 – sarà invece la Rai a trasmettere gli spot su tutta la Basilicata turistica, perché nella mia dichiarazione di sabato scorso l'avevo già detto e riconfermato. Dispiace, piuttosto, che i sindaci del Metapontino abbiano lasciato cadere il mio invito a tenere alto il livello del confronto che merita prima di tutto il rispetto dovuto da chi rappresenta le istituzioni sul nostro territorio”.

È quanto afferma l’assessore regionale alle Attività produttive Francesco Cupparo.

“Come sanno gli stessi sindaci – aggiunge -, avrei voluto partecipare ieri al loro incontro proprio per testimoniare la convinta volontà della Giunta regionale che il dialogo e il dibattito sono essenziali per non confondere i cittadini ed allargare la sfiducia nelle istituzioni. Purtroppo, la concomitanza con l'iniziativa sul mini-credito prima e la seduta importante del Consiglio regionale dopo, mi hanno impedito di essere presente a Pisticci. Ma una cosa che non possiamo tollerare, perché palesemente falsa, è l'accusa che ci viene rivolta secondo la quale in questi primi mesi di attività la Giunta avrebbe ignorato il Metapontino e le sue istanze. Ci sono atti, oltre che iniziative, riunioni, documenti che coinvolgono tutti i Dipartimenti e gli assessori, ciascuno per la propria competenza, che dimostrano l'esatto contrario”.

“Continuo a ritenere – afferma ancora Cupparo - che sia un atteggiamento profondamente sbagliato e dannoso quello dei sindaci che danno una ‘pagella’ alla Giunta solo ed esclusivamente sulla base del fatto che il Capodanno Rai 2020 si terrà a Potenza. E sono stati gli stessi sindaci a riconoscere che le questioni quali aviosuperficie di Pisticci, l’erosione costiera, le infrastrutture e il Piano dei lidi, ecc, sono ‘fermi da trent’anni’, vale a dire prima che si insediasse la Giunta Bardi. Quanto alla pista Mattei è il caso di ricordare ai sindaci che siamo impegnati a recuperare il tempo perduto che riguarda la nuova gara di gestione solo annunciata da un anno e mezzo, superare le numerose inadempienze e verificare tutte le condizioni perché si possa riaprire il più rapidamente possibile ai voli”.

“Lo ‘sfogo’ dei sindaci, evidentemente, si riferisce a quanto avrebbero potuto fare con una diversa interlocuzione con le precedenti Giunte e non hanno fatto. Nonostante tutto – conclude Cupparo -, almeno noi vogliamo far prevalere la ragionevolezza e il confronto”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Giunta regionale “itinerante”, oggi riunione a Lagonegro

Basilicatanet - Mer, 06/11/2019 - 09:19
Confermando l'impegno di avviare una serie di riunioni 'itineranti' del Governo regionale, assunto all’inizio della legislatura dal presidente della Regione Vito Bardi “con l'obiettivo di unire il territorio mettendo in contatto la massima istituzione regionale con i cittadini delle province di Potenza e Matera", oggi, 6 novembre 2019, alle ore 11,00, la Giunta regionale si riunisce a Lagonegro (nella sede degli uffici regionali), “come segno di attenzione anche verso questa parte importante della Basilicata”.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Petrolio, intervento di Bardi in Consiglio regionale

Basilicatanet - Mar, 05/11/2019 - 16:16
“A me fa piacere che ci sia una grande attenzione sui temi legati al petrolio.
Soprattutto che ci sia da parte di chi non ha affrontato la questione al meglio in questi anni.
Sono i soliti esperti in doveri altrui, dei cui consigli facciamo volentieri a meno.
Ringrazio chi nei giorni scorsi ha ricordato che ho trattenuto la delega al petrolio.
Un segnale dell’importanza e dell’attenzione che il mio governo vuole dare a questi temi per tutelare la comunità lucana.
Tranquillizzo tutti: il Presidente sta seguendo in prima persona ogni passaggio delle trattative.
E di ogni passaggio sarà informata la comunità lucana.
Perché al primo posto, per questo Presidente, vengono e verranno sempre la trasparenza e la legalità.
In questi sei mesi di governo regionale l’esame, approfondito, del dossier petrolio in Basilicata, ha necessariamente considerato gli ultimi venti anni circa di attività estrattive.

In realtà, solo ENI ha potuto iniziare la propria attività industriale dopo il 2000, che ha proseguito con brevi interruzioni nel 2016 e 2017.
Gli accordi tra Regione ed ENI furono stabiliti proprio nel 1998, e rimodulati nel tempo con 43 (quarantatre) Delibere di Giunta che hanno di volta in volta ridiscusso le destinazioni dei fondi messi a disposizione dall’azienda petrolifera.
In pratica, ogni qualvolta vi era un problema di bilancio o un finanziamento esterno da fare, la Regione si faceva carico di indirizzare parte dei fondi dovuti per compensazione ambientale verso le esigenze sopravvenute e del momento.

Quindi: nessuna strategia, nessun impianto organico, nessuna visione.

Per quanto riguarda Total, nel 2006 fu stilato, dopo due anni di trattative, un accordo che prevedeva le compensazioni della Legge Marzano (del 2004) mai tuttavia entrato in vigore per note vicende giudiziarie.
Ad oggi non vi è stato alcun inizio delle attività.
In ogni caso Total ha versato ad oggi 4 milioni di euro ai precedenti governi, oltre a 250 mila euro all’anno per supporto a manifestazioni di promozione locale.

E’ a tutti purtroppo noto che al Centro Oli Val D’Agri (COVA) si sono avvicendate diversi gravi fatti, il più grave dei quali risulta indubbiamente essere quello accaduto nel febbraio 2017, allorquando fu individuato un grave sversamento di greggio nell’area degli impianti di oltre 400 tonnellate stimate.

Dopo circa sei mesi di chiusura, e a seguito di precisi impegni di ENI, al COVA fu permesso di ricominciare la produzione. Preciso che cessazione e ripresa delle estrazioni di idrocarburi sono autorizzate dal Ministero Attività Produttive, su imput MOTIVATI anche della Regione.

In questo ambito va sottolineato che la richiesta di proroga della concessione per ulteriori 10 anni è stata chiesta da ENI in data 27 ottobre 2017, vista la scadenza prevista lo scorso 26 ottobre 2019.

Secondo quanto previsto dal cd Decreto Monti, se il Ministero delle Attività Produttive, cui spetta il provvedimento, non si pronuncia entro i termini di scadenza, la concessione s’intende tacitamente prorogata fino alla definitiva decisione espressa – di consenso o di diniego.

Dicevamo della questione petrolifera in Basilicata e delle sue vicissitudini: in questa sede preciso e sottolineo che saranno trattate SOLO le compensazioni ambientali, escludendo la valutazione di come le royalties di competenza regionale sono state distribuite.

Anche se purtroppo ho dovuto constatare che così come le compensazioni – in assenza di qualsivoglia progetto strategico o visione a fronte di siffatte entrate - anche le royalties (quasi 2 miliardi e 400 milioni arrivate in 20 anni di COVA) sono state trattate prevalentemente allo stesso modo delle compensazioni ambientali: come tappabuchi del bilancio regionale.

Sulle compensazioni di cui tanto si è parlato, come detto, vi sono state nel tempo 43 decisioni del governo regionale, l’ultima delle quali nel 2018. Delibera che definiva il credito verso ENI della Regione per un saldo – dal 1998 - di circa 39 milioni di compensazioni ambientali. Questa Delibera è stata centro dell’attenzione del governo regionale per risolvere i problemi di funzionamento dell’ARPAB.

L’efficientamento dell’ARPAB è una priorità in assoluto.

Ancora di più, proprio per la questione petrolifera, se si considerano due gravi fatti che hanno visto l’intervento della magistratura al Centro Oli: il primo, relativo a presunti reati riguardanti lo smaltimento illecito di rifiuti avvenuto nel 2016 ed il secondo, molto più noto, che riguarda appunto lo sversamento di centinaia di tonnellate di greggio nel territorio del COVA, avvenuto nel 2017: a proposito, questa Giunta regionale si è costituita parte civile nel processo stralcio iniziato lo scorso 28 ottobre riguardante tali fatti.

Ed aggiungo: per il danno ambientale è solo lo Stato che può costituirsi parte civile.

Non altri.

Noi ci siamo comunque costituiti per gli altri tipi di danno senza tentare strade alternative di negoziati da centinaia di milioni che, in considerazione di un processo penale in corso che deve stabilire esattamente responsabilità e circostanze dei fatti, possono apparire quanto meno originali.

Così come originali possono apparire collusioni tra possibili autorizzazioni regionali – che non devono seguire altro che rigorosi procedimenti pubblici e trasparenti – e accordi di compensazione ambientale, oggetto di negoziato stabiliti comunque da norme, redatti successivamente ai fatti oggetto di processo penale in questi giorni.

Qui comunico che il governo regionale chiederà la rideterminazione dell’accordo con ENI proprio la ridefinizione dell’accordo stabilito con la Delibera 451 del 25 maggio 2018.

Le compensazioni ambientali sulle quali tanto si è parlato in questi giorni devono seguire anch’esse logiche che non possono essere improvvisate o polverizzate nel tempo.

I negoziati previsti devono essere intavolati esclusivamente tra il governo regionale e le società petrolifere interessate.

Non mi risulta e credo inoppugnabile poter affermare che nessun altro soggetto possa reclamare un interesse legittimo a tali negoziati.

Essendo negoziati, devono essere ovviamente trattati come tali in modo riservato fino all’esito degli stessi, che deve invece essere reso pubblico e condiviso.

Ed è perciò che oggi desidero ringraziare della convocazione del consiglio per trattare di queste questioni: è stata in effetti solo un’anticipazione di quanto avrei chiesto io per chiarire, proprio oggi, il risultato dell’attività del governo regionale in materia petrolifera.


I negoziati con la multinazionale italiana sono in corso, nonostante tutto quello di cui si è letto e detto.

Il mio stile è fare e non parlare. Quello lo lascio ad altri.

Abbiamo chiesto al Governo, in particolare al Ministro dello Sviluppo Economico, di incontrarci e di rivedere anche tutti gli accordi che lo impegnano per le realizzazioni di infrastrutture nel territorio sempre a compensazione delle attività estrattive di idrocarburi.

Credo comunque necessario affermare in modo netto che non è possibile in nessun caso sedere a un tavolo di negoziati apponendo pregiudiziali discutibili e affermo con certezza che le compensazioni ambientali con ENI avranno effetti dal 27 ottobre scorso.

Colgo l’occasione di questo Consiglio per informare i Lucani che il governo regionale da me presieduto in questi 3 mesi di febbrile trattativa con Total e soci, ha portato a casa il cambio di paradigma nei rapporti con le Aziende petrolifere: non più meri bancomat del bilancio regionale, ma partner nel rilancio e rinascita del territorio lucano.

Gli accordi con Total Shell e Mitsui, concessionari del Centro Oli Tempa Rossa sono in fase di definizione e sono il primo grande passo verso questa nuova strategia.

Le compensazioni ambientali devono essere negoziate per legge, la Legge Marzano, e devono avere una duplice destinazione strategica: una a supporto della difesa dell’ambiente e della salute di tutti i lucani e l’altra ad una partnership con un forte impegno che possa rilanciare l’ambiente come opportunità di sviluppo e di occupazione, soprattutto giovanile.

Nonostante gli accordi del 2006 fossero “blindati” nella rinegoziazione, la trattativa portata a termine ha consentito quasi il 60% di maggiori compensazioni da Tempa Rossa.

Gli accordi conclusi hanno portato alla regione di oltre 250 milioni di euro per i prossimi venti anni per, oltre alla fornitura gratuita di 1 miliardo e 200 milioni di metri cubi di gas, per un valore di quasi 445 milioni di euro.

Non solo, un protocollo per lo sviluppo sostenibile avrà ulteriori 250 milioni per investimenti in settori non oil come il recupero di aree abbandonate, la ricostituzione e valorizzazione di habitat naturali, le produzioni sostenibili locali, le bio plastiche.

Tutti settori in cui la tutela dell’ambiente è al centro dell’impresa che crea occupazione.

Per cui le cifre dicono che a fronte di una concessione di 50 mila barili al giorno, come Tempa Rossa, la Regione riceverà quasi un miliardo di euro SOLO di compensazioni ambientali.

Non solo, al tavolo istituito con il protocollo di sostenibilità saranno chiamati a decidere anche i sindaci, i sindacati, gli enti datoriali e le associazioni ambientaliste, per consentire a tutti di portare il proprio prezioso contributo ad un settore così determinante per il futuro della Basilicata.

Con ENI la partita avrà gli stessi identici e coerenti presupposti: l’ambiente e la salute dei cittadini lucani sono la priorità e lo sviluppo dell’occupazione può e deve essere fatto nel prossimo futuro con la centralità della sostenibilità ambientale. La concessione ENI è di 104 mila barili al giorno, per cui potete già immaginare quali saranno i termini di trattativa.

In questi sei mesi credo fermamente che il governo regionale abbia finalmente tracciato delle politiche reali e concrete per il futuro dell’industria petrolifera in Basilicata, realizzando nuove scelte e visioni strategiche mai viste prima e attribuendo valori veri alle priorità dei lucani, quali l’ambiente, la salute e l’occupazione”.


  
Categorie: Notizie Basilicata

Trasporto Fal Matera, Merra: “Modello da estendere nel potentino”

Basilicatanet - Mar, 05/11/2019 - 14:08
“Ho avuto modo di visitare tutte le stazioni, in particolare questa di Matera centrale, gioiello di modernità e di ecosostenibilità dove ho riscontrato una qualità architettonica davvero ammirevole. L’obiettivo del governo lucano, a partire da questa esperienza della Capitale europea della cultura, è quello di estendere rapidamente questo modello nel potentino così da avere in tutta la regione un trasporto pubblico innovativo ed efficiente. È evidente che Fal ha saputo cogliere, in tempi brevi, le occasioni fornite dalla Regione ed è su questa strada che dobbiamo andare avanti per vincere la sfida che riguarderà tutti gli hub e tutte le stazioni della Basilicata”.
È quanto ha dichiarato questa mattina a Matera l’assessore regionale alle Infrastrutture e mobilità, Donatella Merra, che ha visitato le quattro stazioni cittadine accompagnata dal presidente e dal direttore generale delle Ferrovie Appulo Lucane, Rosario Almiento e Matteo Colamussi, e dal dirigente del dipartimento regionale, Donato Arcieri.
“La realizzazione della Stazione Centrale, che inaugureremo il prossimo 13 novembre alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, ha trasformato quello che dal punto di vista architettonico era un non-luogo in uno spazio socialmente importante” ha aggiunto Merra, prima di soffermarsi su Serra Rifusa “fondamentale porta di accesso alla città e opportunità per un nuovo sistema di mobilità. Subito dopo il nostro insediamento – ha detto l’assessore – abbiamo deliberato uno stanziamento di ben 400 mila euro per il servizio metropolitano di Matera, proprio perché l’utenza deve essere sensibilizzata a un nuovo sistema di trasporto, considerata anche la qualità dei convogli, e il parcheggio di Serra Rifusa deve essere utilizzato come hub intermodale nel senso più ampio del termine. A questo riguardo – ha proseguito – stiamo lavorando alla convenzione tra Regione, Fal e Comune di Matera, che contiamo di chiudere entro la fine dell’anno, in modo da definire le tariffe più adeguate per agevolare l’accesso al servizio”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Sanità, Bardi: “Crob sarà riferimento per il Mezzogiorno”

Basilicatanet - Mar, 05/11/2019 - 12:43
“Il Crob di Rionero in Vulture sarà centro di riferimento oncologico non solo per la Basilicata, ma per l’intero Mezzogiorno”. Lo ha detto oggi, a Rionero in Vulture, il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, al termine di una visita ai reparti dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs)-Centro di riferimento oncologico della Basilicata (Crob). Accompagnato, tra gli altri, dal direttore generale del Dipartimento regionale alle Politiche per la Persona, Ernesto Esposito, dal direttore del Crob, Cristiana Mecca e alla presenza del Vescovo della Diocesi di Melfi, Ciro Fanelli, il governatore al termine della visita ha parlato nell’auditorium “Cervellino” al personale medico ed infermieristico ed ai ricercatori. “È intenzione mia e dell’intera giunta - ha detto il presidente - sostenere con tutte le forze questa struttura, che cercheremo di rendere ancora più attrattiva: capace, cioè, di rispondere alle esigenze del nostro territorio ma anche delle popolazioni di altre regioni. Un plauso va soprattutto ai ricercatori dell’Irccs-Crob, che lavorano in silenzio, con solerzia, senza manie di protagonismo ma con l’unica missione di alleviare e risolvere i problemi dei pazienti. La struttura di Rionero - ha ribadito Bardi - rimarrà unico centro di riferimento per la Basilicata. Saranno create, allo stesso tempo, nove strutture, collegate in rete con il Crob, al cui interno potranno essere garantite le prime cure. Sarà favorita inoltre la ricerca, affinché l’ospedale continui a mantenere la sua importanza. Interloquiremo inoltre con il ministro alla Salute, Roberto Speranza: sono sicuro che darà un apporto determinante per la Basilicata, dove abbiamo intenzione di creare una Facoltà di Medicina. Per quanto riguarda le risorse - ha detto ancora il presidente - abbiamo già individuato 14,5 milioni di euro da impiegare subito per l’acquisto di strumentazioni tecnologiche. Pensiamo, inoltre, di bandire concorsi per ampliare la pianta organica e per far sì che la struttura funzioni ancora meglio. Metteremo inoltre a disposizione dei cittadini - ha annunciato il governatore - un servizio navetta per raggiungere la struttura anche dalle zone più lontane. Il Crob - ha concluso - dovrà essere un riferimento per il Mezzogiorno”. 
 
Categorie: Notizie Basilicata

Bardi: di Gerardo Coviello ricorderò lo sguardo

Basilicatanet - Mar, 05/11/2019 - 09:03

Ho conosciuto solo recentemente Gerardo Coviello e, dopo pochi attimi di colloquio, mi sono subito accorto di avere di fronte un interlocutore illuminato, un saggio, una persona di altri tempi.
A volte, per comprendersi, basta uno sguardo più delle parole. Di Gerardo Coviello ricorderò la sua spiccata capacità di tramettere immediata empatia e condivisione, doti tipiche degli aviglianesi, qualità che sicuramente Gerardo avrà saputo spendere nel corso del suo lungo impegno al servizio della comunità lucana.
La notizia della sua improvvisa scomparsa mi rattrista molto perché sono sicuro che con Gerardo Coviello avrei potuto condividere altri preziosi momenti di riflessione, nella certezza del suo parere disinteressato.
Nel rivolgere condoglianze vivissime alla famiglia, a nome mio e del governo regionale, mi auguro che Avigliano saprà, negli anni a venire, ricordare la sua figura e il suo impegno.

fio


 

Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, grande partecipazione al Fusion Urban Games Festival

Basilicatanet - Lun, 04/11/2019 - 17:49
Hanno girato in lungo e in largo la città scoprendo spesso angoli mai visti, scorci inesplorati del centro storico e dei quartieri più recenti alla ricerca di oggetti nascosti, fantasmi del passato, poemi urbani, sciamani virtuali. Sono i partecipanti alla tre giorni di giochi urbani “Fusion Urban Games Festival”, il festival coprodotto dalle due Capitali Europee della Cultura 2019, Matera e Plovdiv, all’interno del più ampio programma congiunto di attività "Plotera weeks - Plovdiv and Matera together for an Open Future". Al centro della prima giornata di “Fusion” c’è stato il quartiere di Agna Le Piane, una delle aree periferiche della città che i partecipanti al festival, fra cui le tante scuole materane coinvolte, hanno avuto la possibilità di scoprire o riscoprire, nello spirito di allargamento della città promosso da Matera 2019.

“Una iniziativa che ha riscontrato un grande interesse fra i turisti e i materani – si legge in una nota della Fondazione Matera Basilicata 2019 - che, cogliendo appieno lo spirito di Matera2019, hanno giocato insieme per vincere le sfide più originali e scoprire una città inedita”. Sono infatti state più di mille le persone, giovani e meno giovani, che hanno partecipato, in due giorni e mezzo, ai 15 giochi urbani, esplorando spazi, cercando indizi, risolvendo misteri, sfidando altri giocatori.

Meno della metà dei partecipanti si sono messi alla prova con i giochi gratuiti. Mentre circa 500 persone hanno utilizzato il Passaporto per Matera 2019 per partecipare ai giochi più impegnativi. Solo nella giornata di lancio, il 31 ottobre, al casino Padula, hanno partecipato 130 ragazze e ragazzi fra i 15 ed i 17 anni. Il gioco più partecipato, durante il festival, è stato “Detective tra i Sassi” che ha registrato il sold out. Un’occasione per scoprire, attraverso una serie di indizi, chi uccise il conte Tramontano nel 1514.

Non sono invece calcolabili i partecipanti a giochi come “Red lady's case”, che sono ancora in corso visto che le bambole nascoste in città sono ancora lì e chi vuole può in qualsiasi momento trovarle, scattare una foto e utilizzare l'hashtag relativo. Idem per “Puzzle narrativo” e “Poema urbano”, i cui QR code sono ancora sparsi per la città. Punto di ritrovo per tutti i giocatori sono stati gli Infopoint allestiti da Open Design School a Casino Padula e in Piazza San Francesco, presso cui è stato possibile chiedere informazioni sul festival, effettuare la registrazione ad alcuni giochi e trovare materiale informativo e promozionale sulla capitale europea della cultura gemella, Plovdiv.

“Tantissimi – si legge ancora nella nota della Fondazione - i feedback positivi registrati agli infopoint di Matera 2019. Apprezzamenti sono giunti per il clima di festa che ha investito la città nelle giornate del primo e del 2 novembre, ma anche per l’originalità dei giochi, per la qualità dell’organizzazione, per aver fatto incontrare in uno stesso gioco cittadini temporanei e cittadini permanenti. E per molti genitori un’occasione per i propri ragazzi per uscire dalla routine quotidiana”.

“Abbiamo registrato anche in questa circostanza – afferma il presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019, Salvatore Adduce – un grande consenso rispetto a un’iniziativa che puntava a far conoscere, valorizzare e quindi anche a proteggere la città in un modo diverso e a far incontrare cittadini permanenti e temporanei. Gli urban games sono un’ulteriore via di coinvolgimenti attivo della comunità e possono, se organizzati due o tre volte l’anno, far vivere la città in una chiave davvero positiva. Ringrazio la manager Rossella Tarantino e tutto il suo team per aver saputo intraprendere questa strada sin dai tempi della candidatura e per il positivo risultato raggiunto con questa prima edizione del festival che si è appena conclusa”.

Il Fusion Urban Games Festival continuerà a Plovdiv, dall’8 all’11 novembre, dove sarà replicato il gioco “Reshape the City” ideato dai professionisti lucani Lorena Barbalinaldo e Danilo Chiaradia, selezionato attraverso una call pubblica per rappresentare in Bulgaria, Matera 2019 e la Basilicata.
Categorie: Notizie Basilicata

Microcredito, domani presentazione in Regione

Basilicatanet - Lun, 04/11/2019 - 16:23
Continuano gli appuntamenti di Sviluppo Basilicata con il territorio. Dopo Senise , domani è il turno di Potenza con l’incontro fissato alle ore 17:00 presso la Sala Inguscio della Regione Basilicata.
Si tratta di un approfondimento sulla Misura Microcredito FSE della Regione Basilicata gestita da Sviluppo Basilicata che, come anche annunciato dall’Assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, nel corso della conferenza stampa alla presenza del Presidente Vito Bardi, “farà il giro della Basilicata al fine di coprire il maggior numero di persone ed aspirare a raggiungere tutti coloro che vogliono fare impresa in Basilicata”.
Si tratta di una misura molto snella e vicina ai cittadini con tempo di attesa di evasione della pratica di massimo 60 giorni. A beneficiarne saranno soprattutto disoccupati ma anche gli enti che già operano nel terzo settore che potranno rafforzare la loro attività o crearne una nuova.
All’incontro saranno presenti l’Assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, l’Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale, e l’Autorità di Gestione PO FSE della Regione Basilicata, Domenico Tripaldi per una panoramica sulle opportunità offerte dalla programmazione FSE 2014-2020. A seguire Vito Pinto, Responsabile della misura per Sviluppo Basilicata, illustrerà le modalità di funzionamento del Fondo con domande e approfondimenti anche dal pubblico.
Seguiranno a questi anche altri incontri sul territorio già fissati di cui si ricordano le prossime date più vicine: Lauria 08/11/2019; Nova Siri 11/11/2019; Matera 12/11/2019; Venosa 15/11/2019; Stigliano 18/11/2019; Viggiano 22/11/2019.
Categorie: Notizie Basilicata

Trasporti, domani a Matera visita assessore Merra a stazioni Fal

Basilicatanet - Lun, 04/11/2019 - 12:19
Domani, martedì 5 novembre, l'assessore della Basilicata alle Infrastrutture e Mobilità, Donatella Merra, accompagnata dal presidente e dal direttore generale delle Ferrovie Appulo Lucane (Fal), Rosario Almiento e Matteo Colamussi, visiterà le stazioni materane delle Fal per verificare il livello dei servizi. 
Al termine del sopralluogo, alle ore 10.30, l’esponente della giunta regionale incontrerà i giornalisti in una conferenza stampa che si terrà presso la nuova stazione Fal di Matera Centrale.
 

 
Categorie: Notizie Basilicata

Capodanno Rai a Potenza, Cupparo: abbassare toni della polemica

Basilicatanet - Lun, 04/11/2019 - 10:29
Sulla scelta di tenere a Potenza il Capodanno Rai 2020, prima che la polemica prevalga sulla verità dei fatti, credo sia necessario abbassare i toni sopratutto da parte di chi ha responsabilità istituzionali. Ad affermarlo è l'assessore regionale alle Attività Produttive Francesco Cupparo, sottolineando di essersi dichiarato, pubblicamente, in occasione dell'inaugurazione di una nuova attività produttiva a Scanzano Jonico, favorevole alla “candidatura Metapontino” per ospitare l'evento Rai. Ho ritenuto, e lo confermo, che il Metapontino, al pari del Vulture-Melfese – precisa Cupparo- avessero tutte le carte in regola per seguire le esperienze già realizzate a Matera (per due volte), a Potenza e a Maratea come occasione di attrazione turistica. Il mio parere ovviamente non poteva tenere conto, né preventivamente e né nel merito, delle questioni logistiche. Ma , come ha già spiegato il Presidente Bardi, la decisione finale è avvenuta a seguito di sopralluoghi fatti congiuntamente da Apt e Rai Com, "dai quali – è stato detto in maniera chiara che non consente interpretazioni differenti, se non di forzatura e di pura polemica - la città capoluogo è risultata essere l’unica ad avere i requisiti di pregnanza estetica, di ospitalità, di mobilità, di dotazioni di uffici e sale prove, di un set adiacente al palco e altre soluzioni tecniche”. Per dirla con chiarezza se tecnici e programmatori Rai hanno stabilito che le aree archeologiche di Metaponto, di Venosa ed il suo parco non assolvono a loro specifiche richieste ci sono pure valide motivazioni che nessuno di noi e tanto meno la Giunta Regionale è in grado di contraddire . E' l'accordo con la Rai, che contiene non pochi elementi discutibili e che avevano bisogno di puntualizzazione, magari affidando a Regione, Apt, Comuni maggiore “voce in capitolo”, a non consentirlo. Comunque, secondo quanto ci viene confermato dall'Apt – aggiunge l'assessore – la Rai ha manifestato l'interesse a prevedere già dalla prossima primavera e in condizioni meteo prevedibilmente migliori produzioni di spettacolo ed altro dalle aree archeologiche di Metaponto. Questi sono i fatti. Non può che lasciarci “basiti”, mutuando il termine adoperato da alcuni sindaci del Metapontino, il tentativo di far diventare questa vicenda una sorta di prova d'esame dell'atteggiamento, in questi pochi primi mesi, della Giunta Regionale nei confronti del Metapontino, sino a tirare in ballo tutti gli storici problemi di quest'area che abbiamo ereditato in oltre trent'anni di Giunte di centrosinistra. Rifiutiamo la semplice idea che dal mancato Capodanno Rai nel Metapontino dipenda la nostra attenzione per un'area per la quale siamo impegnati a recuperare il tempo e le tante opportunità perduti, come dimostra l'impegno più recente per estendere la delimitazione della Zes Jonica. Oltre all'invito ad abbassare il tono ai sindaci rivolgo quello di non lasciarsi andare a commenti politici di parte: ci giudichino, insieme alle popolazioni del Metapontino, se non tra cinque tra alcuni anni per quello che saremo riusciti a fare. Se poi questa vicenda è servita a far ritrovare l'unità dei sindaci del Metapontino sono il primo ad esserne felice perchè sinora in Regione si sono presentati in ordine sparso e a difendere ciascuno il proprio campanile come la scuola da “salvare”, il progetto comunale a cui dare priorità, ecc. Su temi come la scuola, il turismo, le attività produttive – dice Cupparo – abbiamo bisogno di visioni comuni per realizzare la programmazione comprensoriale che è mancata sinora. Si discuta di questo nell'incontro che è stato promosso.

Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, lezione di Alberto Conte su “Leonardo Matematico”

Basilicatanet - Gio, 31/10/2019 - 18:45
Nuovo appuntamento legato alla grande mostra di Matera 2019 “La poetica dei numeri primi”, coprodotta da Fondazione Matera Basilicata 2019 e Polo Museale della Basilicata con la direzione scientifica di Piergiorgio Odifreddi.  Il 5 novembre alle 19:00 a Casa Cava il Prof. Alberto Conte, già ordinario di Geometria Superiore all'Università di Torino e socio dell’Accademia delle Scienze di Torino, di cui è stato anche Presidente, terrà una lezione su “Leonardo Matematico. Dai solidi platonici alla quadratura del cerchio” (ingresso con Passaporto per Matera 2019 e prenotazione).
Un talento, quello del matematico, che non si rivelò immediatamente nel da Vinci. Da giovane era infatti, come lui stesso si definisce, "homo sanza numeri", che non sapeva sommare due frazioni né calcolare le percentuali. Le cose cambiarono radicalmente dopo l'incontro, avvenuto nel 1497 a Milano alla corte di Ludovico il Moro, con Frà Luca Pacioli, l'inventore della ragioneria e autore del più diffuso trattato di Aritmetica dell'epoca, che lo spinse a studiare le opere classiche di Euclide e Archimede e gli chiese di illustrare il suo trattato dedicato alla sezione aurea, il "De Divina Proportione", con le meravigliose immagini dei cinque solidi platonici. Da allora Lonardo studia il problema della quadratura del cerchio, ottiene risultati importanti sulle aree delle lunule e applica le sue conoscenze matematiche a problemi di meccanica, d'idraulica, di ottica geometrica, alla costruzione di macchine, alla fisiologia, all'anatomia. Le sue ricerche culminano nella famosa immagine dell'uomo vitruviano, che tutti conosciamo perché è riprodotto al verso della moneta italiana da 1 euro. E non dimentichiamo la sua passione per i nodi, che anticipa ricerche matematiche della fine dell'ottocento, e che lui utilizza come una specie di marchio di fabbrica in alcuni dei suoi dipinti più famosi, mentre la moda femminile dell'epoca si impadronisce dei nodi vinciani, che continueranno a furoreggiare per più di cinquant'anni dopo la sua morte.
Il Prof. Alberto Conte è autore di 136 pubblicazioni scientifiche e di 7 monografie nell’ambito della Topologia e della Geometria algebrica, nell’ambito della quale ha studiato in particolare i problemi di (uni)razionalità per le varietà algebriche di dimensione maggiore o uguale a tre. Ha svolto inoltre un’intensa attività di promozione e coordinamento della ricerca scientifica come coordinatore del Gruppo Nazionale per le Strutture Algebriche e Geometriche e le loro Applicazioni (GNSAGA) del CNR e come coordinatore di numerosi progetti di ricerca nazionali ed europei. E’ stato inoltre Presidente dell'UMI (Unione Matematica Italiana), membro del Comitato esecutivo della European Mathematical Society (EMS), Presidente del Committee on Special Events dell'EMS e Membro del Council dell'EMS, nonchè rappresentante italiano presso l'International Mathematical Union (IMU).

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Pagine

Please configure this section in the admin page