Notizie Basilicata

Marconia, terza Edizione del Paese della fragola "Sapori e saperi"

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 16:29
Sabato 18 maggio 2019, la Pro Loco Marconia, metterà in scena l’evento  “Il paese della fragola – sapori e sapere” con la collaborazione degli alunni dell’istituto Agrario “G. Cerabona” e dell’istituto Ipseoa del territorio.
“Questa III edizione – spiega la Pro Loco in un comunicato - renderà l’evento più coinvolgente e divertente e attirerà anche i più piccoli. E’ stata realizzata per l'appunto, una brochure con una protagonista singolare, una bambina di nome Berry amante di fragole. Si cercherà di far viaggiare gli alunni delle scuole elementari nello splendido mondo delle fragole,una coltura eseguita maggiormente in maniera manuale. La brochure, con all’interno anche qualche consiglio per diventare “piccoli agricoltori” sarà donata a ciascun bambino insieme ad un cestino di fragole offerto da Assofruit Italia e il suo socio Nicofruit grazie alla fattiva collaborazione del direttore di Assofruit Andrea Badursi con l’intento di invogliare a trascorrere più tempo all’aria aperta.
Tante le novità per quest’anno ma ovviamente non può mancare il convegno informativo che si svolgerà nella sala consiliare di Marconia. 
Al convegno parteciperanno Pasquale Malvasi (Presidente Pro Loco Marconia), il Sindaco del Comune di Pisticci Avv. Viviana Verri, il Dott. Federico Nicodemo che parlerà della commercializzazione oltre mare della fragola, la  Dott. Francy Quinto (Agronomo), la Dott. Carmela Suriano (Pres. Planitalia), l’imprenditore agricolo Salvatore Borraccia, il prof. Francesco Di Tursi  e la Prof. Porreca Patrizia.
Moderatore del convegno Gianluca Pizzolla.
La realizzazione della manifestazione costituisce un potenziale di crescita per tutto il territorio, una crescita non solo culturale ma anche di opportunità a livello economico per la sua capacità dì attrarre visitatori.
La Pro loco Marconia attraverso l’organizzazione dell’evento ha l’ambizione di raggiungere pienamente gli obiettivi prefissati: colorare di rosso il paese , educare grandi e piccini al consumo quotidiano di frutta entrando nelle scuole,  creare un connubio tra la tradizionale coltivazione e le nuove tecnologie, generare una sinergia tra gli istituti statali superiori del territorio che dia modo all’intera comunità di conoscerli e infine ma non meno importante evidenziare l’importanza che riveste la coltivazione della fragola sotto ogni profilo , tecnico-culturale –commerciale –gastronomico nel nostro paese.
Dopo l’appuntamento del convegno seguirà una degustazione del prodotto presso i locali dell’istituto alberghiero ,durante la quale si potrà assaporare il gusto intenso di questo frutto rosso grazie alle specialità preparate dagli alunni dell’istituto.
A vivacizzare e rendere più frizzante l’evento , tra le strade del centro e in piazza Elettra sfilerà la Murgia’s Street Band con la sua innovativa musica itinerante, capace di divertire grandi e piccini e rendere ancora più straordinaria una serata di gusto , cultura e divertimento cittadino. 
La fragola, un frutto che può e deve essere inserito in un contesto sicuramente commerciale-gastronomico ma soprattutto turistico affinché esso stesso diventi icona ineguagliabile del nostro territorio”.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Assegnazione Leader, Manfredelli (Uci) risponde a Braia

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 16:18
Nicola Manfredelli (Uci) puntualizza sulle affermazioni dell’ex assessore Luca Braia.                       “Neanche adesso che non è più Assessore all’Agricoltura, il consigliere regionale Luca Braia, perde l’occasione per dimostrare che il suo mandato è stato svolto all’insegna della partigianeria e del clientelismo. Le sue manifestazioni di giubilo sull’esito del ricorso al Tar sulla graduatoria del Bando Leader che, in attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato, non consente, per adesso, di conseguire al Partenariato dell’UCI il traguardo del primo posto in graduatoria, suonano proprio come una conferma - secondo il responsabile dell’organizzazione, Nicola Manfredelli - dei dubbi e delle critiche espresse su una vicenda che come la giri giri, rimane uno dei peggiori esempi di quella brutta politica, notoriamente identificata con il sistema di potere dell’accoppiata Pittella-Braia, cui la popolazione ha detto basta nell’ultima tornata elettorale.
Con le sue dichiarazioni dal tono minaccioso vendicativo, laddove si afferma che “…siamo solo all’inizio…”, il consigliere Braia ribadisce, nella sostanza, tra l’altro con argomentazioni improprie ed inesatte, un pregiudizio di posizione verso il partenariato rappresentato dall’UCI Basilicata, prendendo strumentalmente a riferimento la recente sentenza del Tar, che accoglie solo parzialmente il ricorso presentato senza entrare, tuttavia, nel merito della parte riguardante il comportamento degli Uffici regionali nell’attribuire alcuni punteggi sulla base di valutazioni discrezionali, in ordine a particolari capitoli dei progetti presentati.
Indipendentemente dalle questioni specifiche sottoposte alla valutazione degli organi di giustizia amministrativa, nulla può in ogni caso attenuare la gravità del comportamento dell’Assessorato guidato da Braia, teso a perseguire un esito che, a più riprese, sulla base di valutazioni e decisioni alquanto sorprendenti e contradditorie, è apparso predeterminato e censurabile, rispetto a una condotta pubblica irreprensibile e trasparente.
Non sfuggono, in particolare, atteggiamenti, determinazioni e orientamenti, inammissibili nella gestione di un Bando pubblico, come ad esempio:
• Il diniego dell’Accesso agli Atti sulla documentazione della Commissione di valutazione;
• La favorevole contemplazione di un unico cartello monopolistico lesivo del principio della libera concorrenza;
• La non accettazione, da parte della Regione, come sarebbe stato logica in una contesa tra concorrenti privati, della prima sentenza del Tar Basilicata favorevole all’UCI Basilicata, con il conseguente ricorso al Consiglio di Stato della Regione Basilicata unitamente al partenariato concorrente;
• La riformulazione della graduatoria a più riprese, sempre con il risultato di riportare il partenariato UCI Basilicata in seconda posizione; eclatante il caso del “ravvedimento” da 1,56 a 0,67 del punteggio riconosciuto all’Uci sul tematismo aggiuntivo, con una riduzione “a piacere” di 0,89 punti, curiosamente corrispondenti esattamente a quelli obbligati a revocare al partenariato Basento Camastra, con sentenza del Consiglio di Stato;
• La “sanatoria” di requisiti previsti, anche attraverso proroghe e provvedimenti sulle date di scadenza e sulla presenza di soggetti amministrativamente non affidabili, che avrebbe dovuto comportare la non ammissione delle candidature;
Si tratta di elementi di una certa rilevanza che suggeriscono al capofila UCI Basilicata di ricorrere, a sua volta, al Consiglio di Stato, per chiedere in secondo grado di giudizio una valutazione di merito di tutti i provvedimenti e le determinazioni inerenti il Bando Misura 19 Leader.
E’ sorprendente, invece, il fatto che il consigliere Braia si sia affrettato a cercare di normalizzare secondo la sua particolare visione, perfino dei diritti riconosciuti dalla legge, l’attuazione del programma Leader del PSR 2014-2019. E’ grave, infatti, che un ex Assessore possa ritenere “definitiva e inappellabile” una sentenza del Tar, dopo che esso stesso ha utilizzato, in senso avverso, lo strumento del ricorso previsto dalla legge. Evidentemente, nella foga del tifo per il gol segnato dalla sua squadra, al rappresentante politico è sfuggito che nessun allenatore può imporre la fine della partita al momento considerato più conveniente senza rispettare quanto previsto dai regolamenti normativi.
Infine, è da sottolineare, che la sollecitazione del Consigliere Braia a “dare immediata attuazione al Gal e sbloccare i fondi per i Comuni”, non può essere intesa come una semplicistica indicazione alla nuova Giunta regionale a dare attuazione a quanto, dalla precedente Amministrazione, precostituito. L’UCI Basilicata fa presente, infatti che, sia nell’area del Potentino-Melandro che in altri territori Leader interessati da procedure di contenzioso, risultano ampiamente scaduti i termini perentori entro i quali dovevano essere avviate le attività da parte dei soggetti selezionati dalla Regione e che, nell’assunzione delle responsabilità da parte degli Uffici del Dipartimento, dovranno essere attentamente valutate le eventuali determinazioni a procedere in difformità dalle procedure e dalle prescrizioni previste dal Bando pubblico sull’attuazione della Misura 19 – Leader del PSR 2014-2020 della Regione Basilicata".

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Eolico, assessore Rosa incontra associazioni ambientaliste

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 15:25
Questa mattina, l’assessore regionale all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa, ha incontrato a Potenza i rappresentanti delle associazioni ambientaliste, che manifestavano contro il raddoppio degli impianti eolici. L’esponente della giunta regionale, dopo aver ascoltato le ragioni delle associazioni ha rassicurato i cittadini sulle ferme intenzioni dell’esecutivo lucano di fermare l’eolico selvaggio. “La competenza - ha detto Rosa - è nazionale, ma faremo tutto quello che è nei poteri della Regione per fermare questa situazione, dando impulso all’approvazione del Piano paesaggistico regionale, previsto dalla legge regionale n. 23 del 1999, norma vecchia di 20 anni. Questo è il solo strumento in nostro possesso per tutelare il territorio e l’ambiente in modo definitivo. Ho già verificato presso gli uffici lo stato dell’arte. La tutela del paesaggio e dei cittadini - ha concluso l’assessore - è priorità di questa giunta”.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Eolico, Bardi ha incontrato le associazioni del territorio

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 15:15
Il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi ha accolto oggi nella sala Verrastro del palazzo della giunta regionale i rappresentanti di alcune associazioni lucane di cittadini che si stanno battendo contro il proliferare degli impianti eolici nel territorio lucano.
“I cittadini devono essere sempre al primo posto e faremo il possibile affinché ciò avvenga”, ha detto il governatore, dopo aver prestato grande attenzione alle richieste della delegazione, fra cui un intervento sulle legge regionale in materia di eolico approvata a fine legislatura e sul Piano paesaggistico regionale.
“Non è un caso - ha proseguito il presidente, che già si è confrontato sull’argomento con l’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa - che voi siate qui e che stiamo affrontando, insieme, questa tematica. Nel corso della campagna elettorale sono stato molto sensibilizzato dai cittadini sulle questioni legate alla presenza invasiva di impianti per l’energia eolica, che ho avuto modo di approfondire. Ci sono norme sulla materia che vanno sicuramente verificate. Ritengo sia fondamentale e importante, per il futuro - ha detto ancora Bardi - consentire la partecipazione dei cittadini ai tavoli in cui si discutono di tali argomenti. Oggi abbiamo dato ai rappresentanti della popolazione la possibilità di esporre i problemi e le difficoltà ai quali vanno quotidianamente incontro. La vicenda sarà da noi esaminata con grande attenzione. Terremo sicuramente conto di quello che i cittadini hanno evidenziato. Dobbiamo fare di tutto, perché le grida di allarme che provengono dalla popolazione siano tenute nella giusta considerazione: è un impegno del presidente e della sua giunta”. Al termine dell’incontro i rappresentanti delle associazioni presenti (Antigone di Oppido Lucano, Ehpa Basilicata, Piani del Mattino di Potenza, Balvano Libera e Italia Nostra nazionale) hanno consegnato al presidente Bardi un documento con le richieste ufficiali.






Categorie: Notizie Basilicata

VISITA ITITUZIONALE DEL PREFETTO DI POTENZA AL PRESIDENTE BARDI

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 14:55
Una lunga e partecipata visita istituzionale quella che il Prefetto di Potenza, Annunziato Vardé, ha tenuto questa mattina in Regione Basilicata.
Ad accoglierlo il Capo di Gabinetto, Fabrizio Grauso e il Capo della segreteria particolare del Presidente Bardi, Mario Araneo. 
Con il presidente Bardi il Prefetto Vardè ha tenuto una approfondita conversazione sui temi delle sinergie istituzionali.
“Sono felicissimo di poter collaborare con il presidente Bardi – ha detto il Prefetto - che è uomo di Stato e Generale della Guardia di Finanza, il che ci agevola nel mettere a punto le necessarie sinergie, per ben operare per il bene comune. Per poter amministrare bene – ha aggiunto il Prefetto –occorre che le istituzioni s'intendano e mettano a punto delle strategie comuni. Le premesse ci sono tutte  ed abbiamo già cominciato a parlare dei vari problemi, soprattutto di quelli per cui è possibile una intesa istituzionale e lavoreremo - ha concluso Vardè - senz'altro in quella direzione”.
“La Regione - ha risposto il presidente Bardi- è aperta alla collaborazione con tutti gli altri organi istituzionali del territorio. Sarà importante far sì che la Basilicata, come ho già detto in altre occasioni, diventi una regione attrattiva. Ci sono tutti i presupposti perché questo avvenga: un obbiettivo che ho condiviso con il Prefetto Vardè, che è uomo delle istituzioni. Sono certo che con lui lavoreremo costantemente per il bene dei lucani”.

Categorie: Notizie Basilicata

Coldiretti:subito risarcimenti per danni maltempo nel Metapontino

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 13:08
NUBIFRAGIO NEL METAPONTINO: COLDIRETTI CHIEDE SUBITO I RISARCIMENTI
Nonostante il maltempo continui a bersagliare il Metapontino, Coldiretti Basilicata ha organizzato un’assemblea popolare nei pressi dell’uscita Pantanello di Metaponto (Matera), lungo la strada statale jonica,  all’indomani degli eccezionali eventi meteorici che, lo scorso 12 maggio, hanno purtroppo provocato milioni di euro di danni alle coltivazioni agricole nelle campagne di tutto l’arco jonico lucano in una stagione particolarmente delicata per tutte le colture del territorio. Presenti  centinaia di agricoltori, molti dei quali giunti con i trattori. “I dati della Protezione Civile parlano chiaro: dal 1921 al 1999 gli eventi idrologici estremi registrati in Basilicata sono stati 23 – ha evidenziato il presidente provinciale di Coldiretti, Gianfranco Romano - dal 2000 ad oggi invece ne sono stati registrati 19. Gli effetti dei cambiamenti climatici sono ormai evidenti. La politica si deve far carico di produrre soluzioni per mitigarne la portata e, laddove questo sia impossibile, quantomeno ristorare i danni provocati agli operatori economici e alle famiglie”. Il Metapontino in meno di un decennio è stato martoriato da numerosi eventi meteorici di portata eccezionale, a partire dalle precipitazioni estreme del marzo 2011 e l'alluvione disastrosa dell'autunno 2013 fino alle gelate degli inverni 2017 e 2018. “Questi eventi eccezionali, insieme ad altre evidenti criticità di natura economica e commerciale – ha continuato Romano - stanno mettendo a dura prova le capacità economiche di quello che è la punta di diamante dell'agricoltura lucana. Al nuovo governo regionale chiediamo tre interventi immediati. In primis concludere definitivamente gli iter amministrativi a suo tempo avviati per ristorare i danni causati alle imprese dagli eventi meteorici eccezionali del 2013 e del 2017. La seconda richiesta è di avviare immediatamente le procedure previste dal Fondo di Solidarietà Nazionale di cui al D.Lgs. 102/2004 al fine di richiedere al MIPAAFT la dichiarazione del carattere di eccezionalità degli eventi calamitosi del 12 maggio. Da ultimo chiediamo di produrre un provvedimento speciale di carattere regionale per ristorare i danni subiti dalle colture, in primis gli agrumi, per le quali alla data del 12 maggio non era possibile attivare assicurazioni nell'ambito del Piano Assicurativo Agricolo Nazionale 2019. Solo attivando immediatamente queste azioni combinate il governo regionale – ha concluso il presidente provinciale della confederazione agricola - potrà fornire risposte adeguate al settore primario e così alimentare la speranza nel futuro della nostra agricoltura ad alto valore aggiunto. Se così non fosse sarà l'ennesima occasione sprecata di rilanciare un territorio dalle enormi potenzialità che più volte è stato abbandonato a se stesso”. Presenti all’assemblea anche tutti i vertici regionali di Coldiretti Basilicata, con il presidente Antonio Pessolani e il direttore, Aldo Mattia. “L'annata 2019 inizia nel peggiore dei modi, una bomba d'acqua mette in risalto tutta la fragilità del mondo agricolo – ha evidenziato nel suo intervento Pessolani - partiamo da Metaponto per innestare una piattaforma emergenziale con tutte le istituzioni per indennizzare gli agricoltori e non rischiare l'abbandono dei campi”. In rappresentanza della Regione Basilicata, è intervenuto il consigliere regionale Piergiorgio Quarto.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Cciaa, incontri su Resto al Sud e opportunità per nuove imprese

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 13:04
I seminari organizzati dalla Camera di Commercio della Basilicata e T3 Innovation, con la finalità di illustrare le opportunità per l’avvio di realtà imprenditoriali in Basilicata.
Potenza, 16 maggio 2019
La Camera di Commercio della Basilicata con T3 Innovation organizza due incontri seminariali, il 20 maggio a Matera (Camera di Commercio Via Lucana) ed il 22 maggio a Potenza (sede camerale di Corso XVIII Agosto), rivolti ad aspiranti imprenditori e finalizzati ad approfondire le potenzialità e le modalità di accesso allo strumento finanziario “Resto al Sud”, l’incentivo che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno. Con Resto al Sud è possibile creare infatti una nuova impresa, sviluppare un nuovo business e consolidare percorsi di start up imprenditoriali o anche sostenere processi di spin-off imprenditoriali.
Nell’arco dell’evento verranno descritte le attività e gli strumenti complementari messi in campo dai due soggetti: sarà infatti possibile, partendo da una semplice idea di business, fruire di tutto il percorso consulenziale (virtuale e di presenza) offerto da T3 Innovation mediante la sua piattaforma Kit2b e, per le idee migliori, essere accompagnati alla formulazione della candidatura al bando Resto al Sud di cui la Camera di Commercio di Basilicata gestisce lo sportello di prima assistenza. Una interazione virtuosa che ha come obiettivo facilitare la nascita e il consolidamento di nuove idee imprenditoriali sul territorio.
Alle ore 10.30 il Presidente della Camera di Commercio Michele Somma aprirà i lavori; a seguire Pierluigi Argoneto - Coordinatore di T3 Innovation, spiegherà nel dettaglio le potenzialità dell’attività di trasferimento tecnologico e i servizi di T3 Innovation per le realtà imprenditoriali della Basilicata.
Saverio Primavera - Referente Resto al Sud Camera di Commercio della Basilicata, entrerà nel vivo dell’argomento illustrando lo strumento finanziario “Resto al Sud”, soffermandosi in modo particolare sulle modalità di accesso all’incentivo e sul ruolo strategico della Camera di Commercio della Basilicata come Sportello territoriale di ascolto e accompagnamento.
Successivamente Antonella Lavanga - Innovation Manager di T3 Innovation, presenterà i servizi consulenziali offerti da T3 Innovation a sostegno della startup, strutturati per accompagnare gli aspiranti startupper attraverso un percorso completo, che parte dalla definizione del modello di business fino all’accompagnamento dell’impresa nelle prime fasi di vita.
Infine Patrizia Orofino - Responsabile settore internazionalizzazione Sviluppo Basilicata, illustrerà il ruolo dell’IncHUBatore di Imprese della Basilicata, finalizzato alla promozione e all’avvio di startup/imprese innovative in Basilicata ad alto contenuto di conoscenza e allo sviluppo di un sistema di incubazione regionale.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Matera, giornata formativa dell'Arma con studenti Istituto Pascoli

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 11:05
Domani 17 maggio, presso l’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” di Matera, alla presenza di circa 150 alunni delle classi IV elementare, sarà tenuto un importante incontro di divulgazione ambientale avente a tema il valore della biodiversità e l’attività dell’Arma dei Carabinieri a tutela delle specie di fauna e flora in pericolo di estinzione, con particolare riferimento a quelle della nostra regione.
Lo fa sapere in una nota il Comando regionale Carabinieri Forestali Basilicata.
L’incontro sarà tenuto da militari qualificati nella didattica alle classi elementari con giochi e video illustrativi, nonché da militari specializzati nel controllo delle specie protette.
La giornata rappresenta il momento centrale di un programma di iniziative formative che l’Arma dei Carabinieri sta tenendo sul tema in tutte le scuole della regione.
Al termine, alle ore 11.15, alla presenza del Prefetto e del Sindaco di Matera, con la partecipazione dell’Ufficio scolastico regionale, gli alunni sarà donato il calendario Cites dell’Arma dei Carabinieri, che per il 2019 ha ad oggetto la cooperazione internazionale contro il traffico di specie selvatiche.
Il calendario, edito ogni anno, intende accrescere l’attenzione sull’importanza della biodiversità nel mondo, anche portando a conoscenza degli sforzi che vengono sostenuti per proteggerla. la cultura della biodiversità.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Marcia cultura a Stigliano primo capoluogo della Basilicata

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 10:33
“Stigliano, centro di antiche e nobili origini, il suo nome sembra essere direttamente collegato alla gens romana Hostilia a cui appartenne Tullio Ostilio, re di Roma ha ospitato, la settimana scorsa, la Marcia d’Amore per la Cultura che dal 20 novembre 2018 sta attraversando la Basilicata per promuoverne, attraverso i giovani e le scuole, i preziosi tesori del patrimonio Culturale. Una giornata di festa che è stata l’occasione per ricordare che proprio Stigliano nel 1643 fu il primo capoluogo della Basilicata motivo, questo, che ha portato alla nomina simbolica di Capitale della Rinascenza delle Genti Lucane e della Lucanitas per rinsaldare l’unione dei Lucani del mondo ed esaltare i rapporti di amicizia coesione e collaborazione con gli Stati d’Europa”. È quanto riportato in una nota degli organizzatori, diffusa da Tomangelo Cappelli della Direzione Generale della Presidenza della Giunta Regionale in cui si precisa che “Stigliano ha dato dimostrazione di grande coesione con la partecipazione straordinaria di tutta la comunità grazie all’opera di coinvolgimento degli insegnanti coordinati da Antonietta Marchese e dai dirigenti scolastici Giosuè Ferruzzi e Michela Antonia Napolitano - che rivestendo il ruolo di dirigente in 2 Istituti Comprensivi dislocati in 11 comuni delle due province di Potenza e Matera, pur tra mille difficoltà, impegnata a tempo pieno nell’attività di coordinamento è sempre vicina ai suoi allievi facendo brillare le capacità dei Giovani ed esaltando le potenzialità di un’educazione all’arte di vivere per creare un mondo migliore e per dare ai giovani nuove opportunità di lavoro nei settori della Cultura, dell’Arte e della Creatività”. “Bravissimi i giovani ciceroni, i ragazzi in costume e i fantastici tamburini e trombettisti - prosegue Cappelli - che sono stati invitati a suonare a Matera alla marcia del 22 maggio prossimo e bravissimi tutti gli allievi che hanno sfilato tra le vie e le piazze di Stigliano fino alla bellissima Chiesa Madre, uno scrigno preziosissimo ricco di capolavori come il magnifico polittico presente nella chiesa parrocchiale di Simone da Firenze del 1521. Un notevole apporto è giunto dalle tante associazioni, dai genitori, dall’amministrazione comunale e dal sindaco Francesco Micucci che ha portato anche i saluti anche del sindaco Galluzzi di Cirigliano ricordando che solo investendo in Cultura si potranno offrire ai giovani nuove e concrete opportunità per restare nei loro amati paesi con la possibilità di trovare un lavoro e contribuire ad elevare la Qualità della Vita dell’intera regione. Presenti per un interessante progetto Erasmus anche alunni e dirigenti italiani ed europei provenienti da Macedonia, Spagna e Romania. Hanno dato anche il loro brillante saluto Gabriella Clemente Dirigente Scolastica di Frignano Caserta e Antonio Rodriguez Novello Dirigente scolastico IES Alcarria baja di Mondejar, Spagna. Ancora una volta l’evento la Marcia per la Cultura ha mostrato quanto è importante mettere insieme in nome del Bene Comune giovani e adulti, grandi e piccini, alunni e famiglie, associazioni, pro loco amministrazioni comunali e enti pubblici esaltando il legame di appartenenza e il senso di comunità indispensabili per avviare un profondo processo di sensibilizzazione culturale finalizzato alla conoscenza e valorizzazione dei tanti tesori che impreziosiscono i 131 Paesi/Presepi lucani e al rilancio economico puntando sui flussi turistici attesi per Matera 2019 per poter creare nuove opportunità occupazionali”.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Voce Spettacolo Film Festival 2019, al via a Matera il 31 maggio

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 10:30
Si terrà a Matera, Capitale europea della Cultura 2019, la seconda edizione del Voce Spettacolo Film Festival, in programma dal 31 maggio al 2 giugno presso il Cinema “Il Piccolo”di Matera. Ne danno notizia gli organizzatori della rassegna cinematografica, fondata e prodotta dall’associazione Culturale “Voce Spettacolo” di Matera ed ideata e diretta dall’attore materano, Walter Nicoletti. Il VSFF focalizza l’attenzione sulla scoperta di giovani talenti ed ha l’obiettivo di promuovere il lavoro di autori di cinema provenienti dall'Italia e dal resto del Mondo. “Dopo il successo della prima edizione - dichiara Nicoletti - si accendono nuovamente i riflettori sulla settima arte a Matera. Sono suddivisi in cinque sezioni i film, documentari, cortometraggi, videoclip e drone video pervenuti da Italia, Stati Uniti, Canada, Francia, Giappone, Turchia, Belgio, Regno Unito e Germania. Un risultato straordinario che premia la qualità di una iniziativa internazionale dedicata alla relazione tra Cinema e Cultura, alla contaminazione tra differenti linguaggi espressivi e creativi per raccontare la settima arte”. Numerose le celebrità che fanno parte della giuria web della kermesse: Valeria Altobelli, Inès Trocchia, Lavinia Bruno (La7), Caterina Milicchio (Attrice), Clarissa Leone (Attrice), Federica Bertoni (Conduttrice televisiva), Lorena Baricalla (Etoile, Attrice e Cantante internazionale), Berta Corvi, Rita Rusciano (Attrice), Francesca Piggianelli (RomArtEventi-Cinecittà Studios), Elena Parmegiani (Direttrice Coffè House Palazzo Colonna Roma), Tiziana De Giacomo (Attrice), Joanna Longawa (Giornalista), Michelle Morell (Attrice), Carlotta Galmarini (Attrice), Mor Cohen (Produttrice, Attrice, Direttrice Associata New York Film Awards), Licia Gargiulo (Giornalista), Jeannine Marie Guiylard (Giornalista Fra Noi Magazine – New York), Valentina Tomada (Scrittrice, Attrice e Regista), Yassmin Pucci (Attrice), Pamela Quinzi (Stilista), Emanuela Del Zompo (Giornalista), Armando Lostaglio (Critico Cinematografico), Chiara Lostaglio (Attrice), Annamaria Sodano (Giornalista e Conduttrice), Francesco Di Silvio (Produttore), Gaetano Russo (Artista e Scenografo), Salomè Da Silva (Attrice), Marco Gambino (Attore), Danilo Leo Lazzarini (Consulente Storico e Attore), Valentina Sorice (Attrice), Valentina Gemelli (Attrice), Vicky Maria Catalano (Attrice), Sofia Valleri (Modella), Maithè Casiraghi (Modella), Juan Pablo Arroyo (Regista), Alissa Huzar (Attrice), Francesca Martinelli (Giornalista), Francesca Vitaliani (Conduttrice televisiva), Valentina Stredini (Attrice e doppiatrice) e Silvia Silvestri (Giornalista - Basilicata Notizie). Per questa seconda edizione grande novità è rappresentata dalla partnership tra il VSFF ed il World Film Fair, l’evento internazionale in cui registi e sceneggiatori provenienti da tutto il mondo possono incontrarsi e mostrare il proprio lavoro alle aziende di tutti i settori dell’industria cinematografica. La prossima edizione si svolgerà ad Hollywood dall’11 al 16 novembre ed i vincitori del VSFF saranno di diritto selezionati per partecipare alla rassegna hollywoodiana. Si parte venerdì 31 maggio dalle ore 10,30 presso il Cinema “Il Piccolo” di Matera con la proiezione delle opere in concorso. In serata, alle ore 20,30, proiezione speciale di “Terrurismo” di Vito Cea, alla presenza del regista e dello scrittore e sceneggiatore Roberto Moliterni. Sabato 5 si riparte alle 10,30 con le proiezioni del World Film Fair. Nel pomeriggio si riprende a partire dalle ore 16,30 con la proiezione delle opere finaliste fino ad arrivare in serata alla proiezione speciale di “Nemo Propheta” di David Cinnella. Il nuovo lavoro del regista italoamericano girato a Matera e post prodotto ad Hollywood con il quale si affronta il delicato tema della fuga dei giovani cervelli italiani. Nel cast Cosimo Frascella, Walter Nicoletti e Brunella Lamacchia. Domenica 2 giugno, alle ore 20,00 si chiude con la Première di “Vendesi Maternità” di Walter Nicoletti, con Brunella Lamacchia, Valentina Ranoia, Rosanna David, Vito Nicoletti, Anna Gravela e Franco Piccinni. A seguire la cerimonia di premiazione.

Categorie: Notizie Basilicata

Cna: “Matera aderisca ad associazione “Città italiane ceramica”

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 10:23
Con una nota inviata al sindaco Raffaello de Ruggieri e all’assessore comunale alle Attività produttive, Mariangela Liantonio la Cna fa sapere attraverso un comunicato di aver chiesto che “anche Matera aderisca all’Associazione Città Italiane della Ceramica, quale opportunità di valorizzazione degli artigiani ceramisti locali”. I presidenti dell’Unione Artistico e Tradizione e della Cna, Margherita Albanese e Leonardo Montemurro spiegano che “ la tradizione della ceramica nella città e nel territorio di Matera fonda le proprie radici nell’antichità, come testimoniato dai ritrovamenti nella necropoli Apula, scoperta sul colle di Timmari. Oggi, grazie anche al notevole sviluppo turistico che la città ha maturato, sono numerosi gli artigiani ceramisti operanti in città. Affinché il loro operato venga valorizzato, occorrono di sicuro interventi strutturali e a lungo termine che vadano nella direzione di migliorare le produzioni artigianali. Uno di questi interventi è, certamente, l’istituzione di un marchio che contraddistingua le produzioni Doc, attraverso l'adozione di un disciplinare. A tal proposito abbiamo richiesto più volte, inutilmente, alla Camera di Commercio di Basilicata di rimettere in funzione il marchio “Matera Doc”, che comprende tra i tra i manufatti disciplinati anche quelli rinvenienti dalle attività dei ceramisti”- Considerato che “i temi sopra menzionati sono alcuni degli assi portanti dell'attività dell'associazione italiana Città della Ceramica sarebbe opportuno a che anche la città di Matera, al pari di tante altre che vantano una gloriosa tradizione ceramica, considerasse l'opportunità di aderire a tale circuito. Tale associazione, oltre a rendere disponibili nuove fonti di informazione e formazione, organizza annualmente delle mostre itineranti davvero interessanti. A tal proposito - concludono - confidando in un positivo accoglimento della richiesta, sarebbe motivo di orgoglio per la nostra città poter ospitare una delle prossime tappe del tour previsto per l'anno 2020, all'interno del quale mettere in risalto le pregevoli realizzazioni di alcuni ceramisti materani”.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Alsia aderisce a “Giornata internazionale fascino piante”

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 09:50
“Affascinare” il maggior numero di persone nel mondo con le piante, facendo comprendere l'importanza delle scienze vegetali per la conservazione dell’ambiente e la salute del pianeta: è questo l'obiettivo della quinta “Giornata internazionale del fascino delle piante (Fascination of Plants Day)”, in programma anche in Basilicata con visite guidate e incontri il 17 e 18 maggio, in collaborazione con l’Alsia, l’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura. “La Giornata internazionale del fascino delle piante, nata per iniziativa della European Plant Science Organization (EPSO) - fa sapere l’Alsia in un comunicato - è promossa in tutto il mondo, con circa mille eventi organizzati in 52 paesi nell’ultima edizione del 2017 per promuovere la sostenibilità delle attività agricole e della produzione alimentare, nonché delle filiere di prodotti non alimentari. Quest’anno anche l’ALSIA ha deciso di aderire all’iniziativa lucana, insieme all’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante del CNR e al Coordinamento nazionale della Giornata del “Fascino delle Piante”, all’Ente Parco della Murgia Materana, a enti e associazioni del territorio". Il 17 maggio, presso il Centro Ricerche Agrobios dell’ALSIA a Pantanello (Metaponto, Bernalda - MT), a partire dalle ore 10 è prevista una visita guidata tra le piante dell’uliveto e il riconoscimento delle varietà, laboratori per l’esperienza sensoriale dell’assaggio dell’olio, e la presentazione dei metodi di conservazione del germoplasma e del recupero di varietà antiche. Si potranno anche scoprire i segreti delle piante attraverso la fotografia, e visitare una mostra della biodiversità agricola e alimentare (cereali e legumi) curata dal CNR‐IBBR URT “Metaponto”, e un’altra della biodiversità in agricoltura (erbe officinali) curata proprio dall’Agenzia. La giornata del 18 si svolgerà invece a Matera, Capitale europea della Cultura per il 2019. Si svolgeranno alcuni incontri e eventi dimostrativi sia nel cortile sia nella sala conferenze dell’ex Ospedale San Rocco a Matera, in piazzetta San Giovanni. In particolare, in mattinata sarà presentata la “Guida alla flora del Parco e del territorio materano” e, nel pomeriggio, “Gardentopia”, il progetto sulla cultura del verde e la cittadinanza attiva che, ibridati dall’arte contemporanea, generano giardini di comunità

Categorie: Notizie Basilicata

“I Portatori del Santo”, ecco le iniziative in programma a Pz

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 09:42
Tra le iniziative che l’associazione culturale I Portatori del Santo organizza per i festeggiamenti in onore del Santo Patrono, anche quest’anno torna “I Portatori a scuola”, giunta ormai alla dodicesima edizione, in cui i volontari dell’associazione entrano nelle scuole dell’infanzia e primarie del capoluogo per trasferire alle nuove generazioni il senso di appartenenza alla comunità e raccontare loro il patrimonio artistico e tradizionale della città. “I Portatori del Santo infatti - fa sapere l’associazione in una nota - sono in questi giorni ospiti degli istituti comprensivi della città per raccontare agli alunni della scuola primaria storia, fatti e leggende sulla Lucania e sulla città capoluogo di regione, Potenza. Con i piccoli potentini, si parla della storia di San Gerardo e di Sant’Aronzio, dei monumenti che arricchiscono la città (una delle poche del sud Italia a poterne vantare tanti di ben cinque epoche storiche diverse, dall’età pre-romana fino ai giorni nostri), delle tradizioni e delle memorie che coinvolgono il nostro splendido centro. L’iniziativa, che coinvolge oltre mille bambini ogni anno, prevede attività calibrate sull’età degli studenti: un teatro di burattini per i più piccoli, lezioni frontali con quiz per le classi medie e gite turistiche con passeggiate culturali nel centro storico con cui - come recita il motto dei portatori volontari del progetto - “invece di portare la storia nelle scuole, si portano le scuole nella storia”. Il progetto ha visto protagoniste diverse scuole lungo tutto l’anno scolastico a partire già del mese di novembre ed intensificherà la propria attività nei giorni che ci separano dal culmine della festa. I prossimi appuntamenti per il mese di maggio saranno: il 16 e il 22 all’istituto comprensivo “L. Sinisgalli”, il 17 alla scuola materna “I due noci” e alla scuola materna “Pollicina”; il 23 maggio, inoltre, è prevista una visita guidata nel centro storico e, per concludere, il 25 maggio all’istituto Canossiane si terrà un incontro ludico-culturale con la presenza anche di alcuni genitori”.

 
Categorie: Notizie Basilicata

Nubifragi: oggi a Pantanello di Metaponto assemblea Coldiretti

Basilicatanet - Gio, 16/05/2019 - 09:34
Nonostante il maltempo continui a bersagliare il Metapontino, decine di trattori e centinaia di agricoltori stanno raggiungendo l’uscita Pantanello di Metaponto (Matera), lungo la strada statale jonica, per prender parte ad una assemblea popolare permanente convocata in mattinata da Coldiretti Basilicata all’indomani degli eccezionali eventi meteorici che, lo scorso 12 maggio, hanno purtroppo provocato milioni di euro di danni alle coltivazioni agricole nelle campagne di tutto l’arco jonico lucano in una stagione particolarmente delicata per tutte le colture del territorio. “A tutela di un territorio ad alto indice produttivo e occupazionale - fa sapere in una nota la Coldiretti Basilicata - la politica deve farsi carico del sostegno all’attività agricola che in meno di otto anni ha subito quattro calamità, quella del 2011, del 2013, del 2017 ed ultima in ordine di tempo quella di qualche giorno fa. Si tratta di una catastrofe produttiva, economica e sociale - conclude la confederazione agricola lucana - a cui la politica deve dare risposte altrettanto eccezionali e immediate” .
 
Categorie: Notizie Basilicata

Ordine professioni infermieristiche, a Matera un incontro

Basilicatanet - Mer, 15/05/2019 - 18:56
“È un aforisma che richiama lo spirito che ha caratterizzato l’incontro tenutosi presso l’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI) di Matera e voluto fortemente dalla presidente Vita Spagnuolo. “L’obiettivo dell’incontro, come dichiarato nella lettera di invito rivolta ai segretari Provinciali delle sigle sindacali Cgl, Cisl, Uil e Fials ed al dirigente delle Professioni Sanitarie della Asm di Matera Dott. Petrara Vito che hanno partecipato - si legge in una nota - è stato quello di instaurare un confronto costruttivo tra i partecipanti e che ha individuato azioni concrete volte all’istituzione del Dipartimento delle Professioni Sanitarie e Sociali. Tutti gli intervenuti hanno concordato che non è più possibile procrastinare una reale valorizzazione delle Professioni Sanitarie Infermieristiche impegnate da sempre e con competenza nella risposta ai bisogni di salute dei cittadini. L’ormai nota Legge Regionale 5 febbraio 2010, n. 13 istituisce i Servizi delle Professioni Sanitarie Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecnico Sanitarie e Tecniche della Prevenzione e delle Professioni Sociali, all’ Art. 1 enuncia: la Regione Basilicata........(omissis). promuove la valorizzazione delle funzioni e del ruolo delle Professioni Sanitarie descritte dalla legge 10 agosto 2000, n. 251, “Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica … al fine di contribuire alla realizzazione del diritto alla salute, al processo di aziendalizzazione nel SSN, all'integrazione socio-sanitaria ed all'armonizzazione dell'organizzazione del lavoro nella Regione Basilicata con quella delle altre Regioni italiane e degli altri Stati dell'Unione Europea. Pertanto gli obiettivi di salute e programmazione sanitaria regionale, non possono non prevedere l’introduzione e applicazione di nuovi modelli organizzativi e che vedono protagonisti indiscussi gli infermieri (ospedali organizzati per intensità di cura, ospedali di comunità, ambulatori a gestione infermieristica, infermieri di famiglia, case della salute, Chronic Care Model ecc.) in grado di assicurare risposte unitarie a bisogni di salute della collettività. L’incontro si è concluso con l’impegno futuro da parte di tutti i partecipanti e dell’OPI di Matera, (ente pubblico che agisce quale organo sussidiario dello Stato al fine di tutelare gli interessi pubblici, garantiti dall’ordinamento, connessi all’esercizio professionale), di impegnarsi e sostenere ad ogni livello di comunicazione e contrattazione l’attuazione di leggi regionali esistenti da anni ma disattese nella loro reale applicazione”.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Scomparsa Franco Stella, il messaggio della Confapi di Matera

Basilicatanet - Mer, 15/05/2019 - 18:49
Il presidente di Confapi Matera, Massimo De Salvo, a nome dell’intera associazione attraverso una nota ringrazia “tutti coloro che in questi giorni luttuosi hanno voluto ricordare il direttore Franco Stella nei tantissimi messaggi di cordoglio che sono pervenuti. Imprenditori, sindacalisti, rappresentanti delle istituzioni pubbliche e private, esponenti della società civile, ma soprattutto tanti amici e gente comune ci hanno fatto sentire la propria vicinanza e ci hanno incoraggiato ad andare avanti, nel ricordo di Franco e facendo tesoro della sua esperienza, di quello che ci ha insegnato e trasmesso in tanti anni vissuti insieme. Adesso ci impegneremo per mettere a frutto i suoi insegnamenti e proseguire nel solco da lui tracciato”. Il presidente De Salvo ringrazia anche “il presidente nazionale di Confapi, Maurizio Casasco e il presidente della Sezione Edili Avisiano Pellegrini, per il loro commosso saluto a Franco Stella”.
 
Categorie: Notizie Basilicata

A Potenza alla presenza di Bardi presentato report Reumatologia

Basilicatanet - Mer, 15/05/2019 - 18:45
Quasi 20.000 prestazioni effettuate nel 2018 negli ambulatori di Potenza e Matera, 415 pazienti ricoverati in regime ordinario e Day Hospital, 28 pubblicazioni su riviste internazionali con impact factor: sono i numeri in continua crescita che sottolineano il valore del Dipartimento di Reumatologia della Regione Basilicata e lo riconfermano come esempio d'eccellenza nell'assistenza di pazienti lucani ed extra regione per la diagnosi e il trattamento di malattie reumatiche croniche come l'artrite reumatoide, la sclerosi sistemica, le spondiloartriti e la malattia di Behçet. Se ne è parlato oggi – fa sapere in una nota l’Azienda ospedaliera regionale San Carlo di Potenza - in occasione dell'incontro annuale di presentazione del Rapporto "La Reumatologia in Basilicata: report 2018 e obiettivi 2019", svoltosi a Potenza. Sul totale delle prestazioni ambulatoriali effettuate nello scorso anno dal Dipartimento di Reumatologia con le sue strutture dislocate sul territorio regionale (Ospedale San Carlo di Potenza e Ospedale Madonna delle Grazie di Matera) il 36% ha riguardato pazienti provenienti da altre regioni, in particolare Campania, Calabria e Puglia, ma anche Sicilia, Lazio e Abruzzo. Il dato extraregionale cresce fino al 58% se si considerano i pazienti ricoverati in regime ordinario (56% nel 2017), principalmente per patologie complesse quali connettiviti e vasculiti. "Come Presidente della Regione Basilicata - ha detto il Presidente Vito Bardi - mi sento fiero di avere sul nostro territorio punte di eccellenza come quella della Reumatologia. A modelli come questo dobbiamo tendere per far sì che tutta la sanità lucana si riorganizzi al fine di rispondere sempre più alla volontà dei cittadini lucani di essere curati bene. Questo è l'impegno che ho preso in campagna elettorale, per dare concretezza a quella voglia di cambiamento che è emersa con il voto e che intendo rispettare. I dati - ha aggiunto il presidente - dimostrano che anche in Basilicata è possibile attenuare fenomeni come l'emigrazione sanitaria o le lunghe liste d'attesa, sintomo di una sanità che non funziona. Ciò sarà possibile anche grazie all'impegno di tutte le professionalità coinvolte. Ho voluto essere presente qui oggi, perché ritengo che chi è chiamato a prendere le decisioni politiche, debba conoscere a fondo i problemi. Le priorità che ho comunicato al direttore Barresi, che sta ben lavorando, sono quelle di mettere al centro di ogni nostra azione il paziente e di misurare il grado di soddisfazione delle cure prestate. Rendere la nostra, una terra attrattiva dal punto di vista sanitario - ha aggiunto Bardi - significa tenere ben presente questi traguardi. Gli obiettivi da raggiungere illustrati dalla dottoressa Padula sono ambiziosi e condivisibili: la reumatologia lucana, che fa scuola in altre regioni, deve rimanere una nostra punta di diamante. Il fatto che ricercatori e medici di fama internazionale abbiano scelto di lavorare qui sin dall'inizio, insieme al dott. Olivieri, significa che per il futuro dobbiamo creare le condizioni perché anche altri giovani eccellenze possano tornare o cominciare la loro professione proprio nella loro terra. Ecco perché, l'obiettivo della mia Giunta sarà quello di rafforzare questa struttura. Essendo però la Reumatologia una branca interdisciplinare, sarà quindi necessario ed importante - ha concluso Bardi - potenziare tutte le altre strutture della ricerca". "La reumatologia è un'eccellenza e dovrà continuare ad esserlo sempre di più - ha ribadito il Direttore Generale dell'Azienda ospedaliera regionale "San Carlo" di Potenza, Massimo Barresi -. Ma dobbiamo coniugare l'eccellenza con i bisogni dei cittadini anche quelli di ordine primario. Quindi, assolutamente le liste di attesa saranno la nostra battaglia, già avviata e che sta già dando qualche risultato positivo. Certo, la reumatologia lucana svolge anche molta attività extraregionale, ma faremo grandi sforzi per rispondere alle esigenze di tutti i pazienti che rimangono la nostra priorità. Il blocco dell'intramoenia non è frutto di una volontà persecutoria verso i medici ma un atto doveroso verso il cittadino". Non sono solo tempestività diagnostica ed appropriatezza terapeutica ad essere i fiori all'occhiello del Dipartimento di Reumatologia, intensa e produttiva è anche l'attività di ricerca che posiziona il Dipartimento ai primi posti nella graduatoria nazionale, sebbene la produzione scientifica non sia un requisito richiesto alle strutture ospedaliere e l'attività non preveda alcun incentivo economico e professionale per gli specialisti che la portano avanti. L'impegno degli specialisti ha portato nel corso del 2018 alla pubblicazione di 28 articoli su riviste scientifiche internazionali con Impact Factor, un significativo incremento rispetto alle 19 del 2017. Inoltre, sono stati circa 50 gli eventi formativi di interesse locale, nazionale ed internazionale a cui i membri del Dipartimento hanno partecipato in qualità di relatori. "Per il nostro Dipartimento l'impegno nella ricerca in ambito reumatologico è fondamentale. A spingerci è infatti la convinzione che a un alto profilo scientifico corrispondano cure d'avanguardia e un'ottimizzazione delle risorse sempre più limitate del servizio sanitario, elementi che congiuntamente concorrono a un miglioramento della gestione del paziente" - ha commentato la Dottoressa Angela Padula, Direttore del Dipartimento di Reumatologia della Regione Basilicata - I risultati ottenuti in termini di ricerca nel 2018 e le attività in corso sono per tutto il Dipartimento un motivo di soddisfazione ed orgoglio - ha concluso il Dott. Salvatore D'Angelo, Dirigente Medico U.O. Reumatologia AOR San Carlo - Per quanto riguarda l'assistenza invece, nell'ottica di un continuo e costante miglioramento, stiamo valutando la possibilità di implementare la rete territoriale con l'attivazione di ambulatori distrettuali per favorire una maggiore integrazione ospedale-territorio e aumentare la disponibilità di accesso alle visite specialistiche".

Categorie: Notizie Basilicata

A Matera venerdì presentazione “Officine di cultura digitale”

Basilicatanet - Mer, 15/05/2019 - 18:24
Venerdì 17 maggio, dalle ore 09.30 nella sala Mandela del Comune di Matera saranno presentate le “Officine di cultura digitale” e la rassegna dei prodotti “realizzati sui temi del Digital Cultural”. In una nota della Digital Culturale Heritage School (DiCultHer) diffusa dal Comune di Matera è spiegato che si tratta di “una serie di iniziative promosse dalla scuola a Rete DiCultHer per favorire un rinascimento culturale e digitale, una nuova “Megàle Hellàs”, che sappia raccogliere la straordinaria eredità culturale del Mezzogiorno d’Italia, accrescendola grazie alla creatività dei suoi giovani e valorizzandola col coinvolgimento delle «comunità di patrimonio”, nello spirito della Convenzione di Faro. Le iniziative, nate quale seguito dei recenti incontri promossi dalla rete DiCultHer a Matera, Trani e Catanzaro durante la quarta edizione della Settimana delle Culture Digitali “Antonio Ruberti” (8-14 Aprile 2019) saranno presentate dal Sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri, dall’assessore alla Scuola del Comune di Matera, Marilena Antonicelli, da un rappresentante dell’Ufficio Scolastico della Basilicata, da Germano Paini, presidenza DiCultHer e Università di Torino, da Nicola Barbuti, coordinatore del Polo DiCultHer Apulian e Università di Bari e da Carmine Marinucci, segretario generale della rete DiCultHer. Le iniziative che saranno presentate il 17 a Matera, tutte indirizzate a sostenere il protagonismo del nostro sistema scolastico e la ‘creatività’ dei nostri giovani che hanno partecipato e partecipano alle attività DiCultHer con competenza alla scoperta e alla valorizzazione del patrimonio culturale digitale, riguardano: la Rassegna dei prodotti realizzati sui temi del Digital Cultural Heritage dalle scuole italiane; Officine di Cultura Digitale. Incubatore delle conoscenze e competenze per la co-creazione, valorizzazione, salvaguardia e conservazione del nuovo Digital Cultural Heritage connesso all’Hub per la Ricerca e l’Innovazione Tecnologica di Matera; Il Museo Virtuale delle Scuole di Matera e provincia (connesso alle sfide di #HackCultura); La Biblioteca (Virtuale) della Legalità. L’obiettivo è quello di proseguire un percorso avviato con le Sfide di #HackCultura2019, il primo Hackathon per favorire nei giovani, in un’ottica di ‘titolarità culturale’, la conoscenza e la ‘presa in carico’ del patrimonio culturale nazionale, promosso dalla Scuola in Rete DiCultHer (https://www.diculther.it/hackcultura2019-lhackathon-degli-studenti-per-la-titolarita-culturale/) per la costruzione di “contenitori di patrimoni digitali scolastici” stabili e di riferimento per il mondo della Scuola, in collaborazione con le Istituzioni nazionali ed europee preposte alla conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale (INDIRE, ICCU, ICSBA, EUROPEANA), nonché l’ambiziosa prospettiva di realizzare nel Mezzogiorno d’Italia, a Matera, Patrimonio Mondiale Unesco e Capitale della Cultura Europea per il 2019, una rassegna permanente sul Digital Cultural Heritage, quale appuntamento culturale ricorrente per il Paese e per l’Europa e “comunità di pratica” “tra pari” tra e con i giovani in apprendimento e i loro docenti, per sostenere il protagonismo delle Scuole e dei ragazzi nell’era digitale, da realizzarsi in concomitanza alle varie edizioni delle Settimane della Cultura Digitale “Antonio Ruberti”, promosse dal Network DiCultHer sin dal 2016. Tenuto conto che l’obiettivo primario della Scuola a Rete DiCultHer è quello di sostenere la formazione delle competenze nel Digital Cultural Heritage attraverso un sistema di strumenti, oggetti didattici, esperienze e best practice e approcci metodologici al DCH che accompagnino le istituzioni scolastiche nel «concretizzare gli obiettivi nazionali in percorsi formativi funzionali alla realizzazione del diritto ad apprendere e alla crescita educativa di tutti gli alunni, riconoscendo e valorizzando le diversità, promuovendo le potenzialità di ciascuno e adottando tutte le iniziative utili al raggiungimento del successo formativi» (art. 4 del DPR 275/99 detto anche Regolamento dell’autonomia), saranno realizzate a Matera le prime attività delle “Officine di Cultura Digitale”, incubatore delle conoscenze e competenze per la co-creazione, valorizzazione, salvaguardia e conservazione del nuovo Digital Cultural Heritage connessi all’Hub per la Ricerca e l’Innovazione Tecnologica di Matera, a supporto della progettazione di iniziative formative, educative e di aggiornamento professionale per Docenti e Studenti nel settore del Digital Cultural Heritage. “Officine” che hanno come “baricentro” Matera, città simbolo del Mezzogiorno d’Italia e d’Europa, ma flessibili ed adattabili all’intera Basilicata e alle altre realtà regionali del Mezzogiorno. Le azioni previste avranno lo scopo di massimizzare il principio della “titolarità culturale” esercitata con diritto e la “presa in carico” di una responsabilità comune e condivisa rispetto a un bene comune, il patrimonio culturale, nella prospettiva di contestualizzare la Convenzione di Faro nell’Era Digitale. Nel concreto, le Officine di Culture Digitali proporranno attività formative, educative, di ricerca e sviluppo per dotare il Corpo docente e gli Studenti delle nostre Scuole della conoscenza del più vasto universo del nuovo Digital Cultural Heritage per sostenere la «piena attuazione all’autonomia delle istituzioni scolastiche» per «una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione ed innovazione didattica, orientata verso l’educazione alla cittadinanza attiva, per garantire il diritto allo studio, le pari opportunità di successo formativo e di istruzione permanente dei cittadini» (L. 107/15). Le Officine avranno due diversi Target. Il primo, i Docenti di scuola di ogni ordine e grado, dal nome DiCH_InCube , incubatore per la formazione sull’innovazione digitale per il Cultural Heritage; il secondo, rivolto agli Studenti dei trienni finali degli istituti di istruzione secondaria superiore, dal nome DiTaG_Lab (Di(gital)Ta(lent)G(arden)_Lab) per la conoscenza dell’innovazione digitale applicata al Cultural Heritage. Nel fare questo, accogliamo la Sfida sottesa al messaggio augurale che il Presidente del Consiglio dei Ministri, Prof. Giuseppe Conte, (https://agcult.it/a/7214/2019-04-02/settimane-culture-digital-conte-bene-integrazione-saperi-umanistici-e-uso-responsabile-del-digitale) ha ritenuto di inviarci in vista degli incontri di Matera, Trani e Catanzaro svoltisi durante la quarta Settimana delle Culture Digitali (8-14 Aprile 2019): «L’ambizioso progetto di realizzare integrazione fra i tradizionali saperi umanistici e l’uso responsabile del digitale, utilizzando i giovani come “vettori” per coinvolgere le diverse fasce di popolazione, altrimenti distanti dal patrimonio culturale nazionale, non può che suscitare il mio più vivo interesse e apprezzamento”. In questa direzione l’obiettivo delle attività della “Rassegna” e delle “Officine” sarà quello di realizzare l’integrazione fra saperi umanistici tradizionali e conoscenze di metodi e tecniche computazionali nella strutturazione della nuova Cultura Digitale, attraverso modelli che puntino a creare conoscenze e competenze consapevoli trasversali per la realizzazione di quel digital knowledge design system applicato all’educazione al patrimonio culturale che mette al centro la creatività dei Docenti e dei giovani per affrontare, mediante l’uso consapevole del digitale e con approcci innovativi, la conoscenza, l’accesso partecipato, la gestione e la valorizzazione del Digital Cultural Heritage esito delle nascenti Digital Science, Humanities, Technology, Engineering, Arts and Mathematics (Digital SHTEAM), attraverso un’offerta formativa interdisciplinare, in grado di garantire al soggetto in apprendimento una visione e rielaborazione pluridimensionale e pluridisciplinare dei fenomeni della realtà.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Giordano (Ugl) su tema della sicurezza nei luoghi di lavoro

Basilicatanet - Mer, 15/05/2019 - 17:46
“La Regione Basilicata sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro è stata sempre assente non percependo mai la materia a garanzia dei lavoratori i quali, hanno dovuto pagare sulla pelle in caso di infortunio. In riferimento agli incidenti sul lavoro avvenuti in Italia si può solo dire con immenso e duro rammarico che, l’assenza di una efficace politica sulla sicurezza sul lavoro in questo Paese, porta a nefaste conseguenze. Per tanto l’Ugl supporta la giusta presa di posizione del consigliere regionale Giovanni Vizziello sull’analisi dei dati Inail relativi all’anno 2018”. Lo afferma, in un comunicato, il segretario provinciale dell’Ugl di Matera, Pino Giordano per il quale “alla politica e al consigliere Vizziello vogliamo rammentare che lo scorso primo maggio, il triste fenomeno delle ‘morti bianche’ è stato il tema scelto dal sindacato Ugl con l’iniziativa “Lavorare per vivere” tenutosi in Piazza Politeama a Palermo dove, sono state installate 1133 sagome in ricordo delle vittime sul lavoro nel 2018. Oltre alle 1029 sagome bianche, pari al numero di morti sul lavoro registrato nel 2017, aggiunte 104 sagome rosse, per sottolineare come il fenomeno sia cresciuto del 10 per cento nel 2018. I dati Inail relativi all’anno 2018, collocano la provincia di Matera tra quelle a più alta incidenza di infortuni sul lavoro con esito mortale e di tumori sul totale delle malattie professionali denunciate. Si è stufi di una contabilità che certifica le disgrazie che colpiscono i lavoratori ed è indispensabile che questo stillicidio abbia fine poiché, la perdita di una vita umana crea un vuoto incolmabile che colpisce, straziando, l'esistenza di una famiglia e porta il disonore alla società. In un paese dove si lavora non più per migliorare la propria esistenza, ma per la sopravvivenza, è assolutamente inaccettabile morire sul posto di lavoro. Gli infortuni sono una piaga che affligge il nostro Paese, ma è inaudito che solo questo Governo si sta’ adoperando su politiche di prevenzione e la nuova governance regionale lucana, raccoglie una eredità pesante dei governi di centro sinistra che dobbiamo migliorare ed invertire al più presto, mediante opportune sinergie tra tutte le componenti cui spetta garantire lo svolgimento in sicurezza dell’attività lavorativa, perché, giustamente come sostiene Vizziello, la tutela della salute dei lavoratori è la vera cifra della civiltà. A conferma di quanto il tema della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro rimanga sempre assolutamente centrale nel nostro Paese - aggiunge Giordano -, anche per quest’anno, l’Ugl per focalizzare l’attenzione sull’immane tragedia che devasta il mondo del lavoro e le famiglie colpite da questi lutti, ritiene che quotidianamente debba essere forte la mobilizzazione di tutti nel parlare delle vittime sul lavoro. #LavorarePerVivere per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle morti bianche. Per l’Ugl – conclude Giordano - servono subito maggiori risorse da destinare alla prevenzione ed alla sicurezza sui luoghi di lavoro. Basta morire di lavoro, una criticità rilevante che occorre sanare al più presto mediante opportuni investimenti in grado di incrementare la prevenzione degli incidenti sul lavoro. Dei dati Inail per le 107 province italiane oggetto di monitoraggio vede vergognosamente la provincia di Matera distinguersi in negativo con 4 infortuni con esito mortale ogni 1000 incidenti sul lavoro denunciati e soprattutto con il 16 per cento di tumori sul totale delle malattie professionali denunciate (ottavo posto della classifica delle province con più elevato tasso di malattie professionali tumorali). Sono numeri imbarazzanti che devono far riflettere sulla necessità di un maggiore impegno istituzionale con il fine di contribuire ad una implementazione dei controlli sui luoghi di lavoro”. Giordano, inoltre, sottolinea “quanto sia importante informare tutti i lavoratori sui rischi nei quali possono incorrere sia nei cantieri edili che in altre realtà professionali. Infatti, si è spesso erroneamente indotti a sottovalutare questo aspetto, considerandolo un ‘ingombro’; in realtà, la considerazione di tutte le precauzioni da prendere prima di cimentarsi in ogni tipo di attività lavorativa rappresenta una parte integrante del processo produttivo”.

 
Categorie: Notizie Basilicata

Entra nel vivo il “Teef trend - Edutainment Film Fest”

Basilicatanet - Mer, 15/05/2019 - 17:31
Un approccio innovativo quello della 24/a edizione di “Teef Trend - Edutainment Film Fest. Basilicata in miniatura”, l'evento che consentirà di educare le giovani generazioni attraverso il linguaggio cinematografico, la parola con la musica e l’audiovisivo ed il linguaggio radiofonico. Da qui nasce il format del Festival che diviene “decodificatore del sapere”. L’iniziativa - si legge in un comunicato degli organizzatori - è stata realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promossa da Miur, Mibac e dall’Ufficio scolastico regionale per la Basilicata, con il patrocinio del Comune di Potenza nell’ambito delle iniziative del Maggio potentino, in collaborazione con Lucana Film Commission, Letti di sera e con il sostegno della Bcc Monte Pruno. L’evento inaugurato ieri proseguirà fino al 17 maggio, a Potenza, nel Teatro F. Stabile e al teatro Cine 2 Torri, ha scelto come tema l’Edutainment che vuole favorire con le sue sezioni tematiche le produzioni indipendenti lucane nel panorama nazionale. La cerimonia di apertura è avvenuta alla presenza delle autorità civili e militari, rappresentanze di rilievo in ambito culturale e dei preziosi partner di cui si è potuto avvalere il Film Fest. Il messaggio comune da parte degli ospiti intervenuti è stato tutto dedicato ai giovani al fine di fornire strumenti utili alla loro intraprendenza e al loro protagonismo. Inoltre è stato rivolto un plauso alla manifestazione per la valenza dei contenuti che promuove da 24 anni grazie anche al suo storico ideatore Enrico Sodano. Durante la presentazione, curata dall’attrice Eva Immediato, insieme allo speaker radiofonico Omar Gallo e all’attore Dino Paradiso, direttore artistico di Trend, è intervenuta la portavoce del Film Fest, la giornalista Stela Xhunga, che ha sintetizzato i contenuti del programma. “Lo spazio che lo sguardo occupa nel nostro sviluppo emotivo, sociale, politico, scientifico e culturale - ha spiegato Xhunga - è prerogativa squisitamente umana. Al pari delle parole, le immagini sono una forma di linguaggio e come tali vanno affrontate: con una grammatica, oltre che con fantasia. Esattamente come una lingua. Se qualcuno mi parla in norvegese e io non conosco il norvegese, non solo non capisco, ma mi metto in una condizione di vulnerabilità”. Nel corso della mattinata è stato proiettato il film social diretto dal regista Gabriele Salvatores Italy in a Day, film corale che più di ogni altro forse ha saputo esprimere il potenziale del cinema italiano quale strumento per far sì che le giovani generazioni non si riducano a soggetti passivi rispetto alla sovraesposizione di immagini cui quotidianamente sono sottoposti. A “Teef Trend - Edutainment Film Fest. Basilicata in miniatura” partecipano gli istituti scolastici “aderenti alla rete” del progetto approvato all’istituto “F. Petruccelli” di Moliterno, capofila e titolare del finanziamento relativamente alla “Buona pratica-Bando Cinema per la Scuola”. Nei mesi tra gennaio e aprile di quest’anno, gli studenti hanno svolto attività di “Lab - laboratori con finalità specifica” e nello specifico hanno realizzato cortometraggi che raccontano la Basilicata attraverso il loro sguardo. Entusiasti, gli alunni che hanno assistito durante la prima giornata della manifestazione alla proiezione del cortometraggio Go Goals realizzato con la partecipazione dei giovani delle scuole partner e dell’Asd Cus Basket Potenza. Una buona pratica di integrazione, scambio di emozioni, educazione alla cultura dello sport e ai valori che esprime il gioco di squadra. Il preside dell’istituto capofila, Carmine Filardi, ha ringraziato tutti i dirigenti scolastici, i docenti e gli uffici amministrativi per la preziosa collaborazione senza la quale non sarebbe stata possibile “una esperienza nuova di apprendimento che matura all’interno delle scuole”, che ha visto la cooperativa “Job Enterprise” curatrice del progetto e della manifestazione in corso. Il messaggio lanciato va al di là dei canoni tradizionali didattici e il risultato raggiunto già nella prima giornata apre un percorso fondato su tenacia, costanza e disciplina. Nel pomeriggio i lavori sono proseguiti con gli studenti impegnati nel laboratorio “Lo sguardo, il sé, il circostante” a partire dalla visione del film “Heart of a dog”, pellicola che attraverso la tecnica del flusso di coscienza che trasforma l’esperienza luttuosa in un nuovo inizio. La seconda giornata sarà dedicata al tema “Ecologia visuale, tra etica ed estetica”.

Categorie: Notizie Basilicata

Pagine

Please configure this section in the admin page