Notizie Basilicata

MATERA: Matera 2019, nuovi contenuti su Google Arts & Culture

Basilicatanews - Ven, 21/02/2020 - 15:04
Matera 2019, nuovi contenuti su Google Arts & Culture

Da oggi si arricchiscono i contenuti che raccontano Matera Capitale Europea della Cultura 2019 su Google Arts & Culture, la piattaforma tecnologica sviluppata da Google per promuovere e preservare la cultura online. Dopo il lancio della pagina dedicata a Matera 2019 tenutasi lo scorso 11 dicembre, con la presentazione dei primi contenuti articolati in 9 storie, 277 elementi multimediali e le viste museo in tre luoghi inediti della città (Cava paradiso, Cava del sole, Casino Padula) mappati per la prima volta con Street View, il racconto della Capitale Europea della Cultura si completa con nuovi aggiornamenti.

Ben 6 le nuove storie, che raccontano i pilastri valoriali di Matera 2019 attraverso uno stile narrativo di cui sono protagonisti le persone e i luoghi: “Matera Sotterranea”, dedicata alle progettualità che hanno messo in risalto gli ambienti ipogei; “Basilicata 2019”, che raccoglie quanto accaduto in giro per la Basilicata; “Motore, ciak, azione!” sulle produzioni cinematografiche; “Focus on it!” sulle mostre fotografiche e i murales che hanno dato risalto a tematiche importanti e luoghi dimenticati della città; “Bravo, bravissimo!” dedicata gli artisti; “This is not an exhibition!” sulle mostre più immersive. Completano il racconto nuovi contenuti fotografici e video, dedicati agli eventi del programma culturale di Matera 2019 che si sono svolti fra novembre e dicembre 2019, per un totale di ben 501 elementi.

Con questa nuova release si completa un racconto altamente rappresentativo dei maggiori filoni tematici di Matera 2019. Il risultato ottenuto, disponibile sia in italiano che inglese, è frutto di un grande lavoro di collaborazione tra il team di comunicazione digitale della Fondazione Matera Basilicata 2019 e la redazione di Google Arts & Culture, che ha validato tutti i contenuti proposti, confermando sia la qualità dei materiali che la metodologia di racconto scelta.

“Matera 2019 – sottolinea Raffaella Pontrandolfi, responsabile della comunicazione digitale della Fondazione Matera Basilicata 2019 – è la prima capitale europea della cultura ad essere presente sulla piattaforma Google Arts & Culture, accanto alle istituzioni culturali più prestigiose del mondo come il MoMa di New York, la Reggia di Versailles o la Biennale di Venezia.  Si tratta di una delle opportunità di visibilità che Matera 2019 ha voluto cogliere e che potrebbe essere utilizzata anche dalle tante realtà culturali presenti in Basilicata, per la valorizzazione dei loro patrimoni materiali e immateriali”.

Link:  https://artsandculture.google.com/partner/matera-basilicata-foundation-2019

38 Visite totali, 38 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

MATERA: Matera 2019, le maschere lucane al Carnevale Internazionale di Rijeka 2020

Basilicatanews - Ven, 21/02/2020 - 09:03
  Matera 2019, le maschere lucane al Carnevale Internazionale di Rijeka 2020

Le maschere dei carnevali lucani di Tricarico, Montescaglioso e Lavello saranno protagoniste il prossimo 23 febbraio della Parata internazionale del Carnevale di Rijeka2020, la città croata cui Matera ha passato il testimone da Capitale Europea della Cultura insieme all’irlandese Galway.

La sfilata è una rassegna di gruppi carnevaleschi tradizionali e urbani, che con le loro maschere intendono fornire una panoramica sull’attualità. Un carnevale europeo molto caratteristico, basato su costumi storici e culturali ed elementi del folklore e della mitologia, in cui ognuno può essere ciò che vuole.

A questa speciale edizione del Carnevale, che è la punta di diamante delle celebrazioni carnascialesche nella riviera del Quarnaro, parteciperanno gruppi provenienti da diverse città, in particolare dalle Capitali Europee della Cultura. A rappresentare Matera 2019, grazie alla collaborazione fra la Rete dei carnevali lucani e la Fondazione Matera Basilicata 2019, ci saranno alcune delle maschere antropologiche più antiche della Basilicata: la vacca e il toro di Tricarico, i Cucibocca di Montescaglioso, il Domino di Lavello.

Le maschere lucane avranno la possibilità di esibirsi sui palchi disseminati lungo il percorso della parata, a cui partecipano agni anno centinaia di personaggi mascherati, più di 150.00 spettatori e importanti ospiti da tutto il mondo.

“La partecipazione delle maschere antropologiche lucane alla Parata internazionale del Carnevale di Rijeka 2020 è una straordinaria occasione per far conoscere a migliaia di persone la storia e le tradizioni della nostra regione, all’interno della collaborazione che caratterizza il network delle Capitali Europee della Cultura – sottolinea il Presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019, Salvatore Adduce -. Voglio ringraziare la Rete dei Carnevali Lucani per aver accolto il nostro invito, individuando tre gruppi altamente rappresentativi della varietà di riti e miti che caratterizzano la cultura della Basilicata e che la rendono particolarmente attrattiva agli occhi del visitatore”.

23 Visite totali, 23 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

MATERA: SABATO AL MERCATO COPERTO DI COLDIRETTI A MATERA “CIBO IN MASCHERA

Basilicatanews - Ven, 21/02/2020 - 08:20
SABATO AL MERCATO COPERTO DI COLDIRETTI A MATERA “CIBO IN MASCHERA” ​SABATO AL MERCATO COPERTO DI COLDIRETTI A MATERA “CIBO IN MASCHERA”

“Cibo in maschera” sabato 22 febbraio a Matera, al mercato coperto di “Campagna Amica” di Coldiretti. Dalle 10 alle 13 degustazione di dolci del Carnevale e festa della pentolaccia lucana, alla presenza delle più famose maschere tradizionali della regione. “I produttori di Coldiretti aspettano clienti e consumatori per fare festa insieme e svelare i segreti della tradizione contadina – spiega Gianfranco Romano, presidente provinciale della Coldiretti Matera –  ma l’iniziativa di sabato è anche un modo per ricordare ai consumatori che è tanto il cibo in circolazione che ‘si maschera’ da italiano. A livello globale è di oltre 100 miliardi il valore del falso Made in Italy agroalimentare con un aumento record del 70% nel corso dell’ultimo decennio, per effetto della pirateria internazionale che utilizza impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che richiamano all’Italia per alimenti taroccati che non hanno nulla a che fare con il sistema produttivo nazionale”.

4 Visite totali, 4 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

PALAZZO SAN GERVASIO: PROVE TECNICHE DI PROMOZIONE TURISTICA

Basilicatanews - Ven, 21/02/2020 - 08:15

O.M.C.T.I. Lab: prove tecniche di promozione turistica a Palazzo San Gervasio.

PALAZZO SAN GERVASIO – Eccellenze enogastronomiche palazzesi in esposizione, è la prima attività che si svolgerà domenica 23 febbraio a Palazzo San Gervasio durante la settima edizione del Carnevale 2020, organizzata e promossa dal gruppo studio di O.M.C.T.I.(operatore di marketing culturale e di turismo integrato), quindici ragazzi attualmente impegnati in un corso di formazione professionale finanziato dalla Foma.temp, per mettere in campo delle strategie e una progettazione di marketing relativo ad una offerta integrata sul territorio e per il territorio, così ricco di bellezze da riscoprire e valorizzare. Nasce, dunque, in quest’ottica, durante la giornata dedicata alla sfilata di carri in maschera, la scelta di esporre in un locale privato, nella centralissima Via Crocifisso, dalle ore 18.00 alle ore 22.00, una carrellata di prodotti tipici locali, selezionati dal gruppo studio, (dal classico ceccio con il vincotto alla focaccia con l’origano, la sfoglia di pomodoro con l’uovo e l’aglianico locale), per far conoscere, incuriosire, attirare visitatori alla scoperta di sapori tipici della tradizione palazzese, al fine di promuovere una comunicazione diffusa finalizzata all ‘attivazione di un turismo enogastronomico, ancora così poco praticato in zona. La vera novità di questa attività, promossa dai nascenti operatori turistici che si cimenteranno in questa nuova esperienza pratica, sarà quella di scoprire, mediante un questionario da distribuire ai visitatori, il grado di conoscenza di questi prodotti e dei beni naturalistici e culturali della cittadina bradanica. I dati raccolti, serviranno poi, per un’elaborazione di studio in aula per una migliore conoscenza dei bisogni e delle attività da pianificare.

5 Visite totali, 5 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: MINISTRO PROVENZANO A POTENZA PRESENTA IL LIBRO “CIVILTA’ APPENNINO”

Basilicatanews - Ven, 21/02/2020 - 08:08

Il libro “Civiltà Appennino, l’Italia verticale tra identità e rappresentazioni” di Raffaele Nigro e Giuseppe Lupo sarà presentato domani, venerdì 21 febbraio, alle ore 15,30 al Museo Provinciale in Via Ciccotti a Potenza. La pubblicazione rientra nella collana delle Saggine della casa editrice Donzelli ed è il primo volume di una serie di libri che saranno pubblicati e curati dalla Fondazione Appennino. La pubblicazione è stata realizzata con il contributo economico e con il sostegno della BCC Basilicata, l’Ente Parco del Pollino, il Comune di Montemurro e il G.A.L Lucania Interiore spa. 

Dopo il saluto del Presidente della Provincia di Potenza Rocco Guarino sono previsti gli interventi degli autori Giuseppe Lupo e Raffaele Nigro, dell’editore Carmine Donzelli e del direttore della Fondazione Appennino Piero Lacorazza.

Conclude il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Giuseppe Provenzano.

9 Visite totali, 9 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

MILANO: Sorgenia e Open Fiber insieme per offrire ai clienti residenziali fibra ultraveloce

Basilicatanews - Mer, 19/02/2020 - 16:16

sOrgenia e Open Fiber insieme

per offrire ai clienti residenziali fibra ultraveloce

Sorgenia entra nel mercato della connessione internet ultraveloce con Next Fiber, un’offerta innovativa, conveniente e attenta all’ambiente. Un unico fornitore per energia e fibra, ed un Energy Lab capace di misurare i consumi degli elettrodomestici di casa.

Milano, 19 febbraio 2020 – Da oggi Sorgenia è ancora più digitale e sostenibile: i clienti della Digital Energy Company potranno richiedere la connettività FTTH (Fiber To The Home) ed avere così performance di navigazione elevatissime, non paragonabili a quelle delle reti in rame o miste fibra-rame. La scelta è coerente con i valori di attenzione all’ambiente e innovazione che Sorgenia promuove da sempre. La fibra è oggi considerata una tecnologia “future-proof”: non solo ha un bassissimo impatto ambientale ma concorre a rendere sempre più accessibili i servizi digitali, riducendo gli sprechi e diffondendo una cultura green. La scelta del partner tecnologico è caduta su Open Fiber perché realizza infrastrutture di rete a banda ultralarga solo in fibra ottica, che permette la navigazione a 1 gigabit al secondo, e ha l’obiettivo di assicurare in pochi anni una copertura capillare delle città e di tutto il territorio italiano.

L’Ad di Sorgenia, Gianfilippo Mancini, dice: “La scelta di offrire internet ultraveloce è in linea con il nostro impegno a sviluppare soluzioni digitali e attente all’ambiente. Abbiamo scelto la migliore tecnologia oggi esistente e condiviso con il nostro partner Open Fiber l’obiettivo di portare la banda ultra larga nelle case degli italiani. I clienti di Sorgenia potranno da oggi gestire energia e fibra attraverso un’unica app, ed avere il mondo a portata di clic”.

Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato Open Fiber sottolinea: “L’accordo con Sorgenia conferma la validità della grande opera che Open Fiber sta realizzando in tutto il Paese. È un passo importante perché grazie alla nostra offerta Open Internet riusciamo ad aprire il mercato a nuovi player consentendo di vendere connessione internet al cliente finale utilizzando la rete FTTH e l’infrastruttura tecnologica che mettiamo a disposizione. Questa iniziativa commerciale conferma e declina in tutto il suo potenziale la natura neutrale di Open Fiber che garantisce a tutti parità di accesso alla propria rete”.

La nuova offerta Next Fiber di Sorgenia abbina sostenibilità e convenienza. I clienti di Sorgenia potranno avere un unico partner per la fornitura energetica e per la fibra ultraveloce, a condizioni particolarmente vantaggiose di prezzo e di qualità del servizio. Tra gli aspetti più innovativi dell’offerta, un Energy Lab all’interno della app di Sorgenia che consente di effettuare un checkup della spesa energetica, scomponendo i consumi elettrici per ogni elettrodomestico e dando suggerimenti su come risparmiare e ridurre il proprio carbon footprint. Il servizio si basa su algoritmi di AI che acquisiscono i dati direttamente dai contatori di ultima generazione.

Sorgenia nasce nel 1999 con l’avvento del mercato libero dell’energia ed è oggi la prima digital energy company italiana. L’offerta commerciale dell’azienda si sviluppa online e fa leva sulla scelta consapevole da parte dei clienti e su innovativi servizi digitali che rendono più semplice, sostenibile e immediato il rapporto con l’energia.

Open Fiber nasce con l’obiettivo di realizzare una rete a banda ultra larga che serva a favorire il recupero di competitività del Sistema. Una rete interamente in fibra ottica FTTH (Fiber to the home) con una velocità di 1 Gbps, in grado di fornire servizi e funzionalità sempre più avanzati per cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione.

8 Visite totali, 8 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

VENOSA: PRESENTATA LA CANDIDATURA A Capitale italiana della cultura, Bardi: “Tutta la regione per Venosa”

Basilicatanews - Mer, 19/02/2020 - 16:02

Capitale italiana della cultura, Bardi: “Tutta la regione per Venosa”

 

E’ stata presentata oggi, nella città di Orazio, la candidatura del comune lucano per il 2021

 

“La mia presenza qui vuol essere testimonianza di attenzione nei confronti del Comune di Venosa per l’iniziativa che ha intrapreso, e di stimolo per tutte le comunità lucane a rendersi protagoniste di percorsi virtuosi di programmazione del proprio futuro mediante la valorizzazione del nostro patrimonio culturale. La storia è il principale patrimonio che abbiamo ereditato dai nostri antenati, e la cultura è l’eredità che lasceremo ai nostri figli. Su questi valori possiamo insieme costruire un futuro migliore per la nostra regione e per le nostre città”.

Lo ha detto il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, intervenendo stamane alla presentazione della candidatura di Venosa a Capitale italiana della cultura.

“Vedo e apprezzo – ha aggiunto Bardi – che il percorso di progettazione sta andando avanti speditamente, con il coinvolgimento di istituzioni di ricerca, in particolare l’Università di Basilicata, e dell’organismo che raggruppa la realtà creativa lucana, il Cluster delle Imprese Culturali e Creative. Ma apprezzo anche la capacità che state avendo di aggregare cittadini e ragazzi, e oggi anche istituzioni, intorno a un progetto che prima di tutto è un progetto di futuro. Abbiamo imparato da Matera come la cultura può essere strumento di crescita anche economica, oltre che sociale. Ed è questa la strada che dobbiamo intraprendere tutti insieme, esortando tutti quelli coinvolti a che il progetto di candidatura sia un progetto di un territorio e non di una città sola, un progetto di percorsi e non di un’area isolata.

La lezione che ci viene da Matera 2019 – ha continuato il presidente della Regione – è che la strada da percorrere è quella dello sviluppo turistico sostenibile e compatibile con la qualità dei luoghi, ma c’è da fare di più in termini di connessioni tra poli che spesso non dialogano a sufficienza. Venosa e l’area del Vulture già nella storia hanno espresso una vitale centralità rispetto a diverse aree regionali, attraversate dalle principali vie che collegavano il Nord al Sud, l’Adriatico al Tirreno. La candidatura, quindi, ben si presta a un progetto di rinascita territoriale”.

Per il prossimo 2 marzo è fissata la scadenza per la presentazione al Ministero dei dossier di candidatura per diventare Capitale Italiana della Cultura per il 2021. Venosa sarà tra le circa quaranta città italiane che concorreranno all’ambito traguardo, ma con l’idea ben precisa di vivere questa avventura in maniera non isolata ma legata a tutto il territorio della Basilicata. Un’impostazione condivisa proprio dalla Regione Basilicata e dal Presidente Bardi che per questa mattina ha convocato nella Città di Orazio i sindaci lucani per far partire un percorso condiviso.

“Nei prossimi giorni – ha concluso Bardi – riceverete un abstract del progetto e un documento che, se lo riterrete opportuno, come mi auguro, potrete sottoscrivere. Oggi siamo qui per acquisire stimoli e suggerimenti per dare concretezza a questi obiettivi comuni di sviluppo, e per trasferire questi stimoli al comitato scientifico e al gruppo di lavoro che si sta impegnando nella progettazione. Se rispettiamo queste condizioni di collaborazione attiva, rispetto, positività, a prescindere dagli esiti che potremo raggiungere, potremo ritenerci soddisfatti di aver tracciato una strada da percorrere insieme per il futuro delle nostre comunità”.

Per Marianna Iovanni, sindaco di Venosa “oggi la nostra città ha già vinto proprio perchè la fiducia che viene accordata da tutte le istituzioni, riempie d’orgoglio tutta la nostra comunità. Sentendo la responsabilità del testimone che ci lascia Matera e con la speranza di aprire una bella ed entusiasmante sfida”.

All’incontro ha partecipato anche il sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri che ha parlato di “un passaggio di responsabilità e di impegno perché “città culturale” è un appellativo che si costruisce nel tempo, una marcia fatta di energia e partecipazione della comunità con una consapevolezza collettiva che può crescere a prescindere dalla marginalità e dalla fragilità dei luoghi proprio come è successo a Matera. Questo perché la cultura non è un secchio da riempire ma è fatta da fuochi da accendere. Oggi Venosa è chiamata ad accendere nuovi fuochi”.

“Candidarsi – ha detto Raffaele Vitulli, presidente del Cluster Basilicata Creativa – significa immaginare nuove traiettorie di sviluppo, significa interrogarsi su come la cultura e il patrimonio culturale (materiale e immateriale) possano rappresentare un driver per supportare il management territoriale e per rafforzare alcuni settori strategici, primi tra tutti il turismo e le industrie culturali e creative. Quando pensiamo a Venosa, o alle altre meravigliose città della Basilicata e del Sud Italia, ci si chiede spesso come poter incrementare l’enorme potenziale che esse hanno da offrire. Il Sud è custode di una ricchezza che spesso non segue i parametri valutativi “canonici”, ma che si misura in termini di benessere, storia e valori, dove la qualità della vita è parametrato alla qualità delle relazioni, del cibo, dei paesaggi e dei patrimoni ereditari. Non tutto infatti si può misurare in termini di PIL o di ritorno economico sugli investimenti”.

Per Antonio Nicoletti, direttore generale Apt Basilicata “La candidatura di Venosa a Capitale italiana della Cultura è un messaggio positivo che contiene la forte volontà dei territori di lavorare insieme a una programmazione che può e deve essere risorsa per lo sviluppo del turismo regionale. L’Apt Basilicata ha da subito raccolto l’invito del Comune di Venosa e stiamo operando perché non solo il Vulture ma anche altri territori possano coerentemente essere partecipi di un percorso virtuoso, a prescindere dagli esiti che potrà avere la candidatura”.

 

6 Visite totali, 6 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: “IL PANE: CIBO ANTICO PER IL FUTURO” 21 FEBBRAIO ORE 09.00 TEATRO STABILE

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 20:35

“IL PANE: CIBO ANTICO PER IL FUTURO”
Estendere e diffondere l’Iniziativa, che viene accompagnato da una Campagna contro la violenza sulle Donne.

Il Learning Meeting si tiene il 21 febbraio p.v., presso il Teatro “F. Stabile”, dalle ore 9,00 alle
13,00, per come da Programma allegato e vuole contribuire a porre l’attenzione al cibo, alla
qualità ed ai vantaggi dei prodotti tipici lucani, ed in particolare del Pane, sottolineando
insieme la necessità di politiche di sostenibilità ambientali e di genere, insieme con il rispetto
di regole e normative vigenti di contrasto alle frodi a danno delle consumatrici e dei
consumatori. Temi questi che hanno sempre costituito un impegno prioritario dell’ANDE e degli Stati
Generali delle Donne, Associazione femminile e Movimento spontaneo impegnati a dare voce alle
Donne lucane. In tale ottica tante le iniziative che negli anni hanno visto centrale il tema del cibo, della
nutrizione, della tutela del clima e dell’ambiente, di come nutrire il pianeta, della necessità di creare
energie per la vita, di sfamare una crescente popolazione, di rispettare la Madre Terra al fine di creare
un modello di sviluppo sostenibile, riflessioni che il 4 luglio 2015, a Matera hanno portato ad un
importante Evento all’insegna dello slogan “Il cibo, la terra, l’acqua, le donne testimonial dell’identità
lucana”, Evento che ha prodotto la pubblicazione dallo stesso titolo a cura di Maria Anna Fanelli,
Stampa a cura Universosud Società Cooperativa, aprile 2016, temi che gli Stati Generali delle Donne e
l’ANDE, hanno portato, tramite l’esperienza lucana, a Milano ad EXPO 2015, a venti anni dalla
Conferenza mondiale di Pechino. In seguito tante e tante altre le Iniziative relative alla
“multifunzionalità ed allo sviluppo rurale nelle politiche agricole al femminile, in cui le donne spiccano
come “guardiane della biodiversità”, concetto questo che sempre in primis si è espresso e si esprime in
un prodotto, unico nel suo genere, quale il Pane della Basilicata, che anche gli Stati Generali delle
Donne, svoltisi a Matera il 24 e 25 gennaio 2019, in collaborazione con l’ANDE, hanno posto quale
elemento di discussione e di riflessione, che ha portato anche alla premiazione di Panificatori ed Esperti
del Territorio nazionale.

pane_in_arte_1

In questo 2020, già proiettato verso il 25° anniversario della IV Conferenza Mondiale delle Nazioni
Unite sulle donne, tenutosi a Pechino nel 1995, che il prossimo marzo vedrà una Sessione speciale della
Commissione sulla condizione della donna, gli Stati Generali delle Donne, riprendono il tema “Donne
ed economia” e, quindi, anche della sostenibilità ambientale e di genere, che sarà oggetto nel prossimo
incontro nazionale degli Stati Generali delle Donne, che si terrà il 5 marzo 2020 a Roma, presso la sede
del Parlamento Europeo.
Voglio infine ricordare che il Learning Meeting “Il Pane: cibo antico per il futuro” di venerdì 21
febbraio – Potenza, propone e coinvolge i Panificatori ed Affini, le Associazioni di Categoria, la Rete
commerciale in una
Campagna contro la violenza sulle donne
Il pane ogni giorno è sulla tavola di ogni famiglia, pertanto, il 21 febbraio semplici “sacchetti del pane”
verranno utilizzati come veicoli di informazione contro la violenza sulle donne, molto diffusa anche
nell’ambito domestico, così da mettere in pericolo la vita di tante donne, che, purtroppo, non trovano il
coraggio di denunciarla, pertanto, sul semplice “sacchetto del pane” è stato stampato il seguente
messaggio
“…per tante, tante donne la violenza è pane quotidiano,
diciamo tutti basta!”
Sacchetti del pane che, per l’occasione insieme a locandine, sono stati appositamente stampati e
consegnati alle attività produttive, commerciali ed Istituzioni che hanno voluto aderire a quest’iniziativa,
che, l’ANDE si augura, possa dare un contributo significativo alla battaglia contro la violenza sulla
donna.
Entro il 21 febbraio verrà completata la consegna dei Sacchetti appositamente stampati. La
messa a disposizione è stata del tutto gratuita e richiede semplicemente l’utilizzo delle buste
del pane, riportanti la scritta “…per tante, tante donne la violenza è pane quotidiano, diciamo
tutti basta!” e l’affissione all’interno dell’esercizio di una locandina, che spiega il senso di
questa Campagna voluta dall’Associazione Nazionale Donne Elettrici, Associazione Aderente
di Potenza nella giornata del 21 febbraio con l’adesione di varie Realtà.
Sicura dell’attenzione, della partecipazione al Learning Meeting e di un impegno fattivo per la
Campagna proposta, l’ANDE saluta molto cordialmente e ringrazia la stampa, i punti vendita e le
attività commerciali ad oggi contattate e disponibili ad aderire alla campagna:
GASTRONOMIA DEL CENTRO VIA DEL POPOLO 51/53, POTENZA
LA PETITE GASTRONOMIE VIA PRETORIA 295, POTENZA
DISTINTI SALUMI VIA BARACCA 22, POTENZA
MINIMARKET GEA SNC VIA MANZONI 14, POTENZA
MACELLERIA (con vendita pane) ABBATE SRL VIA DELL’ ELETTRONICA, POTENZA
MACELLERIA (con vendita pane) CASTRONUOVO DONATO VIA VIENNA 10, POTENZA
LE ANTICHE TRADIZIONI DI MANZI ANTONIO, V. LE VINCENZO VERRASTRO, 3/A, POTENZA
FORNO DELLE SORELLE PALESE, VIA DELLA CHIMICA, 35, POTENZA
PANE E CAFFÈ, PIAZZA DELLA COSTITUZIONE, POTENZA
PANIFICIO MODERNO CORVINO DI CORVINO SARA, VIA DUE TORRI, POTENZA
MINIMARKET DI VIA CRISPI DI PASQUALE PETRACCA

25 Visite totali, 25 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: BANDO AGRITURISMI, domani a Senise incontro territoriale

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 15:17
Bando agriturismi, domani a Senise incontro territoriale Bando agriturismi, domani a Senise incontro territoriale

La dotazione finanziaria ammonta a 10 milioni di euro e sono ammissibili diverse tipologie di interventi

Informare i potenziali beneficiari e promuovere le opportunità offerte dal bando pubblico Sostegno alla costituzione e sviluppo di agriturismi e fattorie multifunzionali” della Misura 6 – Sottomisura 6.4.2 rientrante nell’ambito delle attività del Programma di Sviluppo rurale Basilicata 2014-2020. L’appuntamento è per domani 19 febbraio a Senise alle ore 17.00 presso la sala convegni della Regione Basilicata.

Le finalità dell’avviso saranno illustrate dall’assessore regionale alle Politiche agricole, Francesco Fanelli, dal dirigente e dai funzionari dell’ufficio economia. L’obiettivo è quello di agevolare la permanenza degli imprenditori agricoli nelle aree rurali con il sostegno ad investimenti finalizzati alla diversificazione delle loro attività, incoraggiandoli a ristrutturare ed ammodernare le aziende per renderle fruibili anche a persone con disabilità. Possono beneficiare degli aiuti gli imprenditori agricoli singoli o associati della Regione. 

La dotazione finanziaria ammonta a 10 milioni di euro e sono ammissibili diverse tipologie di interventi: recupero funzionale di immobili, siti nell’azienda agricola e accatastati da almeno 5 anni; piccole costruzioni ex – novo per la realizzazione di laboratori polifunzionali aziendali, aule didattiche e servizi; agricampeggi, aree verdi attrezzate, allestimento di spazi per musei sulle tradizioni contadine, sistemazioni esterne, piccole piscine, campetti pluriuso anche per il turismo equestre e relativi servizi; acquisto di nuovi impianti, macchinari, hardware, software, arredi ed attrezzature strettamente funzionali al progetto; spese tecnico – progettuali. L’investimento massimo ammissibile è pari a 400 mila euro per azienda e l’entità massima dell’aiuto in regime “de minimis” è pari a 200 mila euro per domanda di sostegno.

La domanda deve essere presentata esclusivamente per via telematica in due fasi: rilascio della domanda di sostegno sul portale Sian con scadenza 16 marzo 2020 alle ore 14.00 e candidatura sulla piattaforma Sia-Rb (prossimo 26 marzo alle ore 17.00). Tutti i dettagli del bando sono consultabili sul sito http://europa.basilicata.it/feasr/ e su quello della Regione Basilicata all’indirizzo www.regione.basilicata.it

18 Visite totali, 18 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

TRAMUTOLA: INAUGURAZIONE A TRAMUTOLA “F. PETRUCCELLI – G. PARISI” nata addirittura nel lontano 1919 come Regia Scuola Professionale d’Arte e Mestieri

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 15:06

 

Bardi: “Per la Basilicata Il rafforzamento del sistema dell’istruzione e della ricerca è il principale valore aggiunto”. Cupparo: “Ridurre al minimo il peso della burocrazia”

lA NAScita di una nuova scuola è sempre una buona notizia, ma oggi lo è ancora di più perché questo nuovo edificio è stato costruito nel cuore della Basilicata, nella Val d’Agri conosciuta e apprezzata per le sue risorse naturali e soprattutto per la storia delle comunità che qui, a Tramutola come altrove, da molto tempo lottano quotidianamente per dare un futuro ai piccoli Comuni delle aree interne”. Lo ha detto il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, che oggi a Tramutola ha partecipato all a cerimonia di inaugurazione della nuova sede dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “F. Petrucelli – G.Parisi” di Tramutola, realizzata dalla Provincia di Potenza. A fare gli onori di casa, il Presidente dell’Ente, Rocco Guarino ed il Sindaco di Tramutola, Francesco Carile,

“È in questo quadro che si inserisce l’inaugurazione della nuova sede del vostro istituto – ha aggiunto Bardi -, una delle scuole più antiche della Basilicata, nata addirittura nel lontano 1919 come Regia Scuola Professionale d’Arte e Mestieri per l’avviamento ai mestieri di falegname ebanista e di aggiustatore meccanico. Avere una storia, sapere da dove si viene è importantissimo, perché senza storia non c’è futuro. Sono molto lieto di essere qui con voi oggi, voglio ringraziare le autorità e le istituzioni presenti, ma soprattutto voglio dire ai docenti e agli studenti, alle famiglie di Tramutola e della Val d’Agri che il governo regionale che ho l’onore di presiedere, con il supporto dei competenti uffici della Regione Basilicata, profonderà il massimo impegno per rafforzare il sistema dell’istruzione in Basilicata”.

“Sappiamo bene – ha detto ancora il presidente della Regione che i dati sullo spopolamento delle aree interne, diffusi anche di recente con proiezioni piuttosto allarmanti per la nostra regione, contribuiscono a disegnare quell’Italia a due velocità, che sembra destinata a concentrare sempre di più i fattori di sviluppo verso le aree metropolitane ed in particolare verso le grandi città del Nord. In Basilicata siamo fermamente impegnati a contrastare questa deriva, e siamo consapevoli del fatto che lo spopolamento dei piccoli Comuni è l’altra faccia del mancato sviluppo del Sud e delle aree interne, della mancanza delle infrastrutture e del progressivo impoverimento dei presidi e dei servizi essenziali. Il ritorno dell’emigraz

ione è un fenomeno che non riguarda solo la Basilicata ma tutto il Sud. E tuttavia nella nostra regione si presenta in maniera più drammatica e rischia di privare la società della propria linfa vitale”.

“A questo si aggiunge troppo spesso il peso della burocrazia – ha detto ancora Bardi – che frena i processi di sviluppo, e noi dobbiamo intervenire per snellire le procedure amministrative e dare una risposta in tempi rapidi a chi intende investire nel nostro territorio. Rendere attrattivo un territorio attraverso la scuola è un fatto positivo, vogliamo inoltre continuare ad investire nella ricerca, con il Cnr e l’Università, e la Val d’Agri per la ricerca è una zona privilegiata come anche l’area della Fca, dove abbiamo portato recentemente da Torino le attività di ricerca sulle nove batterie per le automobili. In questo quadro dobbiamo ancora una volta ribadire che il sistema dell’istruzione è un pezzo importante e imprescindibile del futuro di queste aree, è l’architrave per un progetto che consenta a tanti giovani di vivere qui il proprio futuro. Per la Basilicata il rafforzamento del sistema dell’istruzione e della ricerca è il principale valore aggiunto da mettere in campo. I giovani che oggi riempiono queste aule sono la classe dirigente di domani, non dobbiamo dimenticarlo. Salutiamo quindi con favore l’apertura di questo nuovo presidio di formazione e cultura, augurandoci che possa essere di buon auspicio per Tramutola, per la Val d’Agri e per l’intera Basilicata”.

“Occorre ridurre al minimo il peso della burocrazia”, ha detto nel suo intervento l’assessore alle Attività produttive della Regione Francesco Cupparo. “In Basilicata ci sono tempi lunghi, i giovani aspettano, questa è una delle cose più importanti da risolvere. Noi parliamo dello spopolamento che viene dalla mancanza di lavoro ma anche dalla burocrazia, ci sono imprese che vorrebbero investire in Basilicata ma fanno prima ad andare a Tokio. La politica, che io adesso rappresento, deve intervenire, in tutti gli incontri che faccio la prima cosa che chiedo è quanto tempo ci vuole per fare una cosa. E per il Programma operativo Val d’Agri ho notato che c’è molto ritardo nelle progettazioni”.

Rivolgendosi poi specificamente al mondo della scuola Cupparo ha affermato che “il dimensionamento scolastico non appartiene alla politica, appartiene alla scuola, che deve decidere cosa fare. Io sono uno degli imprenditori che hanno sposato l’apprendistato, da imprenditore ho capito che qui, facendo un corso di elettronica ed elettrotecnica i posti di lavoro sono previsti tutti gli anni”.

17 Visite totali, 17 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Assessore Rosa su avviso ARPAB e TOTAL Arpab, Rosa: nessun problema a modificare l’avviso

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 14:47
Assessore Rosa su avviso ARPAB e TOTAL Arpab, Rosa: nessun problema a modificare l’avviso

L’assessore interviene anche sulla vicenda del paventato incidente Total: evento dovuto al malfunzionamento dell’impianto e classificato come “potenzialmente non in grado di inquinare il sito’

In merito alle notizie apparse sugli organi di informazioni circa l’avviso per la selezione del direttore generale dell’Arpab, l’assessore regionale all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa, precisa che “i requisiti sono stati formulati nel rispetto della scelta organizzativa delineata con la nuova legge di riordino dell’Agenzia. La normativa attribuisce al direttore generale un ruolo prettamente manageriale, cui vengono sommate le funzioni del direttore amministrativo, abolito, mentre rimangono a suo supporto la professionalità e le conoscenze del direttore tecnico-scientifico, figura confermata. Ma, onde evitare inutili strumentalizzazioni, si sta già lavorando alla riformulazione dell’avviso per garantire la massima partecipazione, nel solco del principio di trasparenza che è uno de valori portanti dell’amministrazione Bardi”.

Stesso principio è stato applicato anche alla vicenda del malfunzionamento dell’impiantistica Total verificatasi il 10 gennaio 2020. “Appresa la notizia in maniera informale – sottolinea Rosa – l’assessorato all’Ambiente ha provveduto immediatamente a chiedere conto con nota del 30 gennaio a Total dell’accaduto. La stessa Total in data 6 febbraio ha comunicato i relativi dettagli, che non classificano l’accaduto come ‘un evento che sia potenzialmente in grado di inquinare il sito’ e quindi soggetto ad obblighi comunicativi agli organi competenti. Nonostante tutto ciò abbiamo richiesto a Total, a soli fini di mera opportunità e di leale collaborazione di comunicarci tempestivamente tutto quanto accade per evitare che notizie minime creino ingiustificato allarme nelle popolazioni. E’ nostro intento appurare sempre la realtà e non scadere nel puro chiacchiericcio”

11 Visite totali, 11 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

MATERA: CONTROLLI DELLA POLIZIA CONTRO LA GUIDA IN STATO DI EBREZZA ALCOLICA O DI ALTERAZIONE DA SOSTANZE STUPEFACENTI

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 14:38

Controlli della Polizia contro la guida in stato di ebrezza alcolica o di alterazione da sostanze stupefacenti

La Polizia di Stato sta svolgendo servizi di controllo stradale, nell’ambito di una campagna nazionale mirata al contrasto del fenomeno della guida in stato di ebbrezza alcolica o di alterazione da sostanze stupefacenti o psicotrope.

I controlli effettuati nei giorni scorsi, in questa provincia, hanno riguardato alcuni tratti stradali urbani ed extraurbani individuati in precedenza, risultati maggiormente esposti all’incidentalità.

L’attività di controllo svolta da pattuglie della Questura e della Polizia Stradale ha consentito di individuare un conducente 32enne che è stato trovato positivo al controllo dell’alcool test, nei confronti del quale si è proceduto anche al ritiro della patente.

La campagna di controlli ha lo scopo di arginare il fenomeno degli incidenti stradali, che purtroppo ha fatto registrare un preoccupante incremento negli ultimi anni. Una delle causa preminenti di incidenti, specie con esiti mortali, è costituita dalla guida in stato di ebrezza alcolica o da stupefacenti, specie in orari serali e notturni, il più spesso nei giorni prefestivi e all’uscita da locali pubblici di intrattenimento o spettacolo.

Nel complesso sono state controllati n.49 veicoli e n.58 persone e sono state accertate n.6 infrazioni al Codice della Strada.

I controlli proseguiranno con cadenza mensile.

17 Visite totali, 17 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

AVIGLIANO: SANT’ANGELO LA PASSIONE DI CRISTO 2020, ufficializzata la data DOMENICA 5 APRILE 2020

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 13:13

LA PASSIONE DI CRISTO 2020, ufficializzata la data

DOMENICA 5 APRILE 2020

A Sant’Angelo di Avigliano, in provincia di Potenza, sono già cominciati i preparativi per la realizzazione della terza edizione de “La Passione di Cristo”.

Il Gruppo Eventi della Parrocchia Santa Maria del Carmelo è lieto di comunicare a tutte le associazioni del territorio di Avigliano e alle associazioni limitrofe, collocate anche in altri comuni poco distanti dal luogo della manifestazione, la data dell’evento, resa ufficiale attraverso i canali social del gruppo, Facebook e Instagram.

Quest’anno la rappresentazione a carattere religioso e culturale si svolgerà DOMENICA 05 APRILE (Domenica delle Palme) e vedrà ancora una volta coinvolti oltre 100 figuranti.

In caso di avverse condizioni climatiche la manifestazione sarà posticipata a VENERDÌ 10 APRILE.

Tante sono le novità che stanno maturando nella sede della Parrocchia, gremita ancora di più rispetto agli anni precedenti. Adulti e bambini sono riusciti a riscoprire, attraverso questo progetto comune, il senso vivo di una comunità e a trasmettere ai tanti presenti il senso della Pasqua.

Un obiettivo e che cercheranno di raggiungere e di trasmettere anche quest’anno con tanto impegno e dedizione.

A breve verrà pubblicata la locandina ufficiale con il programma dettagliato della manifestazione sulla pagina “Sant’Angelo Eventi” presente su Facebook e su Instagram.

18 Visite totali, 18 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: “CAPITALE DELLA CULTURA NON SI NASCE”. A TRANI INCONTRO PUBBLICO CON MATERA 2019

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 13:08
“CAPITALE DELLA CULTURA NON SI NASCE”. A TRANI INCONTRO PUBBLICO CON MATERA 2019 “CAPITALE DELLA CULTURA NON SI NASCE”. LUNEDI’ A PALAZZO BELTRANI

INCONTRO PUBBLICO CON LA FONDAZIONE MATERA-BASILICATA 2019

 

“Capitale della cultura non si nasce”. E’ questo il titolo di un’iniziativa promossa dal Comune di Trani per condividere con gli operatori della cultura e del turismo locale il percorso della candidatura a Capitale italiana della cultura 2021. L’appuntamento è in programma lunedì 17 febbraio alle ore 19 a Palazzo Beltrani. Nel palazzo delle arti tranese interverranno il presidente della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Salvatore Adduce, e la manager relazioni e sviluppo, Rossella Tarantino.

30 Visite totali, 30 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: RINNOVO FIRMA DIGITALE, a breve nuove funzionalità

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 13:02
Rinnovo Firma digitale, a breve nuove funzionalità

Rinnovo Firma digitale, a breve nuove funzionalità

 

E’ ancora possibile rinnovare i certificati di firma digitale già rilasciati scaduti o in via di scadenza.

La Regione Basilicata sta realizzando, nell’ambito del progetto E-Citizen, nuovi servizi ed azioni finalizzare alla diffusione dell’identità e domicilio digitale, dando così la possibilità di rilasciare il Certificato di Firma Digitale ai cittadini della Basilicata attraverso una rinnovata infrastruttura di servizi digitali che sfrutta anche la tecnologia mobile.

Nelle more dell’avvio del nuovo progetto, fino ad esaurimento delle scorte, è ancora possibile rinnovare i certificati di firma digitale già rilasciati dalla Regione Basilicata scaduti o in via di scadenza.

Per procedere al rinnovo dei certificati è possibile recarsi presso uno degli sportelli delegati al rilascio: Potenza – Sportello Spring -Via Vincenzo Verrastro, 8 tel. 0971.668980;  Matera – Sportello Spring -Via A.M.di Francia n.40 –  tel. 0835.284246 – 0835.284200;  Lagonegro – Urp Agricoltura, Sviluppo Rurale, Economia Montana -Viale Colombo n.66 tel. 0971.665089 – 0971.665089;  Melfi – Urp Presidenza Giunta – Piazza Federico II° N.1 EX Tribunale tel. 0972.641330;  Senise – Urp Agricoltura, Sviluppo Rurale, Economia Montana -Zona Industriale snc tel. 0971.665178; Policoro – Urp Agricoltura, Sviluppo Rurale, Economia Montana -Corso A. De Gasperi n.10 – tel. 0835.972088.  E’ necessario presentarsi allo sportello muniti di un documento di identità in corso di validità portando con sé il vecchio dispositivo token.

2 Visite totali, 2 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

MATERA: Matera 2019, presentazione dell’indagine sulla percezione dell’anno da Capitale Europea della Cultura

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 08:38
Matera 2019, presentazione dell’indagine sulla percezione dell’anno da Capitale Europea della Cultura Quanto la città di Matera ha saputo sfruttare l’anno europeo della cultura per promuovere e valorizzare la sua immagine e investire sul suo futuro? Rispetto al passato, pensando alla possibilità di sentirsi “protagonista” e non solo “spettatore” di eventi e progetti culturali, pensa che la sua disponibilità a mettersi in gioco e a farsi coinvolgere in prima persona sia cresciuta? Che cosa vorrebbe che continuasse dopo il 2019? A queste come a molte altre domande hanno risposto cittadini e turisti di Matera 2019 nell’ambito di una indagine voluta dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 e affidata alla società Datacontact per comprendere la percezione della comunità permanente e temporanea su Matera capitale europea della cultura 2019. I risultati dell’indagine verranno presentati nell’ambito di un nuovo incontro “Riflessioni e connessioni” che si terrà mercoledì 19 febbraio alle 18:00 nella Sala Conferenze della Camera di Commercio di Basilicata a Matera.

L’incontro, condotto dalla giornalista della redazione Cultura del TG3 Luciana Parisi, sarà aperto dai saluti del Presidente della Camera di Commercio, Angelo Somma e dall’introduzione di Rossella Tarantino, manager sviluppo e relazioni della Fondazione Matera Basilicata 2019.  A seguire, la Vicepresidente di Datacontact Rossella Tosto, presenterà l’indagine condotta dal 14 dicembre 2019 al 9 gennaio 2020 su un campione di circa 5000 persone, intervistate sia in modalità face to face in diverse aree della città di Matera, sia online.

La lettura dei dati sarà affidata a Carmelo Petraglia, Professore Associato di Economia Politica dell’Università degli Studi della Basilicata, e a Valentina Montalto, Analista di Politiche pubbliche per Joint- Research Centre della Commissione Europea, co-autrice del programma “Cultural and creative cities monitor”. Il primo prenderà in esame le opinioni dei cittadini relative ai cambiamenti percepiti e auspicati, la seconda analizzerà il profilo della vivacità culturale della città e dell’accesso alla cultura.

L’analisi fungerà da stimolo per un dibattito aperto su come meglio cogliere le sfide e le opportunità emerse alla luce di questa indagine. La chiusura dei lavori sarà affidata al Presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019 Salvatore Adduce.

“Nell’ambito dell’attività di monitoraggio e valutazione sull’esperienza di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 che stiamo conducendo anche su richiesta della Commissione Europea, – sottolinea Rossella Tarantino – abbiamo voluto raccogliere mediante questa indagine il punto di vista di quanti, fra cittadini permanenti e temporanei, sono stati a Matera nel 2019, registrando la loro percezione dei cambiamenti prodotti dall’anno di Capitale Europea della Cultura e i loro desiderata rispetto al futuro. Questo lavoro ci consentirà da un lato di valutare gli effetti delle azioni messe in campo e delle lezioni da apprendere, e dall’altro di costruire una legacy coerente sia con il dossier che con le aspettative della comunità”.

22 Visite totali, 22 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

ROMA: HACKERAGGIO AI SITI LUCANI/ sardina ribelle: quando la politica tace ecco che arrivano le azioni CHE NON CONDIVIDO

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 08:30
HACKERAGGIO AI SITI LUCANI/ sardina ribelle: quando la politica tace ecco che arrivano le azioni CHE NON CONDIVIDO

LA SARDINA LUCANA ANTIPETROLIO E ANTI SANTORI:

Atti vandalici informatici di Anonymus non sono la risposta, la risposta devono darla partiti e movimenti.

Sul petrolio le sardine prendano una posizione chiara. E stiano coi cittadini che chiedono salute e felicità.

In merito alla vicenda dell’hackeraggio dei siti istituzionali lucani esprimo profondo dissenso per metodi che non condivido.

Le istituzioni vanno ‘attaccate’ sul piano della dialettica anche aspra e del confrontro/scontro politico.

Il vandalismo informatico non è mai la risposta.

La risposta, come suggerivo a Santori e alle Sardine nella mia plateale azione di disturbo, è la politica stessa e la condivisione dei temi cari ai cittadini.

Nella fattispecie la politica energetica in Basilicata.

Le Sardine avevano ed hanno ancora la possibilità di vedere nel mio gesto non un’isolata azione di individualismo mediatico ma un sentimento diffuso della base (tante sardine lucane e non solo mi stanno scrivendo condividendo nella sostanza quello che ho fatto) che vuole chiarezza ad esempio su un tema fondamentale per la Basilicata: il petrolio.

E’ stato appena firmato un accordo tra Total e Regione e i lucani riceveranno indirettamente 28 euro a testa all’anno.

Sono sufficienti per rischiare l’inquinamento delle falde acquifere, la devastazione delle foreste e la cementificazione di siti e strade di accesso, i tumori, la possibilità di ‘risvegliare’ la sismicità locale?

A giorni sarà rinnovato l’accordo con Eni (nel 1998 si previde un rinnovo decennale, ora sarà ventennale).

E ancora: è giusto che la Total (ed Eni) paghino loro stessi i ‘controlli ambientali’?

L’Arpab di Basilicata ha dichiarato che non era pronta ai controlli di Tempa Rossa, perchè è stato fatto partire lo stesso il centro oli?

Sono escluse le ‘perforazioni orizzontali’ che tanto spaventano i lucani? Abbiamo la certezza che siano vietate?

Abbiamo la certezza che non si attinga dalle dighe che si stanno svuotando, l’acqua che serve all’estrazione?

Le Sardine lucane e nazionali possono ancora, anzi devono, fare quello che in questi anni né la sinistra né la destra hanno voluto e saputo fare: controllare controllare controllare (visto che tornare indietro non si può). E poi: evitare evitare evitare che le nuove concessioni ora ferme fino a giugno siano rilasciate.

Sarebbe il disastro TOTAL della Lucania, dei suoi boschi, dei suoi fiumi, della sua cultura, dell’economia di un’intera terra.

Perciò io dico come grido (e grido politico era quello con Santori): sardine svegliatevi e aiutate i cittadini lucani nella loro giusta causa: una Basilicata con meno petrolio e più aglio (cioè terra, ambiente, salute, cultura).

21 Visite totali, 21 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

La Regione dice sì alla

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 08:16

La Regione dice sì alla coprogrammazione con il Terzo settore

La Regione dice si alla co-programmazione con il Terzo settore. Lo ha affermato, nel corso del convegno “Welfare di comunità e riforma del Terzo settore” che si è tenuto a Potenza lo scorso 13 febbraio, l’assessore regionale alle politiche della persona Rocco Leone, che ha altresì annunciato l’imminente approvazione in Giunta del manuale di accreditamento delle strutture residenziali sociosanitarie e l’allocamento delle risorse per gli infermieri di comunità e per il taxi oncologico.

In apertura dell’iniziativa, organizzata dal Forum regionale del Terzo settore, il vicepresidente del Csv Basilicata Antonio Bronzino ha sottolineato il numero degli enti censiti: 3.600 realtà che occupano 7.000 dipendenti. La relazione di Giuseppe Salluce, portavoce regionale del Forum, ha evidenziato che “non c’è salute e benessere senza comunità” per cui “non è possibile rinunciare alla integrazione fra sociale e sanitario, quindi la Basilicata deve rilanciare quelle politiche territoriali che garantiscono prevenzione, integrazione e coesione sociale in un momento nel quale troppo spesso prevale l’indifferenza su vecchie e nuove povertà e lo stigma per le diversità”. 

“Il Terzo settore continua a crescere sia in ambito economico che sociale. È infatti composto da oltre 350.000 istituzioni, nel 90% dei casi piccole associazioni che si organizzano nelle comunità per dare risposta ai bisogni reali dei cittadini, la metà delle quali è organizzato in rete per fare sistema”, ha rimarcato Claudia Fiaschi, portavoce nazionale del Forum. “La Riforma prova a fotografare la realtà caratterizzata da grandi sfide sociali. Il vero problema non è l’immigrazione, ma l’emigrazione che porta i nostri giovani in paesi lontani per realizzare il proprio futuro e determina un impoverimento reale poiché si tratta di professionalità su cui l’Italia ha investito”.

Il direttore del Dipartimento salute Regione Basilicata, Ernesto Esposito, ha riconosciuto il valore e l’importanza del Terzo settore in particolare nella medicina delle “quattro p”: preventiva, predittiva, personalizzata, partecipata.

Il Terzo Settore ha svolto da sempre una funzione sussidiaria e di innovazione dei servizi. Continuerà a svolgere un ruolo attivo per la costruzione di un welfare del territorio e della comunità, vicino alla persona e ai suoi bisogni. Il decreto legislativo 117/2017 chiama a realizzare una “governance della complessità” integrata fra istituzioni pubbliche e soggetti del Terzo settore. La riforma sollecita dunque l’istituzione, da parte della Regione, di tavoli di co-programmazione e co-progettazione. Il Terzo settore sarà pertanto partecipe dei tavoli di programmazione regionale socio-sanitaria.

L’assessore alle politiche alla persona Rocco Leone, nel sottolineare l’attenzione della Regione per il Terzo settore, ha infine ricordato che nella sua precedente esperienza di sindaco aveva già fortemente sostenuto lo sviluppo di cooperative sociali per la gestione di servizi sociali ed educativi, oltre a promuovere l’associazionismo “che svolge spesso un ruolo sussidiario dell’ente locale”.

Ancora nessuna visita

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: Tempa Rossa, tavoli della trasparenza con sindaci, sindacati e associazioni datoriali

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 08:05
Tempa Rossa, tavoli della trasparenza con sindaci, sindacati e associazioni datoriali

Da novembre 2019 a gennaio 2020 il personale lucano assunto al Centro oli di Tempa Rossa è passato dal 79 percento all’84 percento. Nello stesso periodo c’è stato un aumento di 79 persone assunte di cui il 42 percento residente nei comuni della concessione. Ad oggi in totale sono 387 i lavoratori di cui 326 lucani dei quali 133 residenti nei comuni della concessione.

E’ quanto è emerso nel corso del tavolo della trasparenza svoltosi nel pomeriggio nella sala Verrastro della Regione alla presenza del presidente, Vito Bardi, degli assessori Cupparo e Rosa, dei rappresentati delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, e dei comuni interessanti.

Al termine del confronto è stato chiesto a Total, rappresentata da Stefano Scisciolo, responsabile del contratto Tempa Rossa, Brigida Chiang, responsabile risorse umane Total Basilicata, e da Ambrogio Laginestra, responsabile dipartimento rapporti con il territorio, di inviare formalmente e quanto prima a tutte le parti interessate un report dettagliato sulle assunzioni, sugli appalti fatti e su quelli da fare, i tipi di contratti effettuati, la loro durata, la provenienza delle imprese e dei lavoratori.

Total si è impegnata a fornire i dati entro la fine di Febbraio, in ogni caso prima della convocazione del prossimo tavolo della trasparenza che si terrà una volta al mese per i prossimi tre mesi anche al fine di verificare se le procedure adottate rispettano i contenuti del protocollo sottoscritto dalle parti a novembre del 2019.

Subito dopo si è tenuto un altro tavolo della trasparenza a cui hanno partecipato anche i rappresentanti di Confindustria Basilicata, Confapi Matera e Confapi Potenza per confrontarsi su alcune proposte di modifica al protocollo presentate dalle rispettive associazioni datoriali.

Al termine dell’incontro si è deciso che Confindustria Basilicata, Confapi Matera e Confapi Potenza formalizzeranno le proposte di modifica che saranno oggetto di un successivo confronto tra le parti.

24 Visite totali, 24 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

POTENZA: ATTACCO ALLE PIATTAFORME WEB DELLA REGIONE BASILICATA

Basilicatanews - Mar, 18/02/2020 - 08:00
La Regione Basilicata fronteggia un attacco informatico

L’attacco informatico di Anonymous alle piattaforme web della Regione Basilicata si è concretizzato in un accesso non autorizzato su applicazioni in parte già dismesse e in parte in corso di dismissione e sostituzione nell’ambito di un piano di verifica dell’integrità e sicurezza delle applicazioni che la Regione stessa sta portando avanti.

I siti web dell’Ente sono oggetto quotidiano di attacchi informatici da parte di hackers che vengono contrastati con la collaborazione del Centro Tecnico Regionale (CTR) con il CERT-PA, la struttura che opera all’interno di AgID e ha il compito di supportare le amministrazioni nella prevenzione e nella risposta agli incidenti di sicurezza informatica.

L’ufficio Amministrazione Digitale ha intrapreso da tempo, attraverso strumenti di software intelligence, l’analisi sistematica di tutti gli applicativi al fine di ridurre al minimo la relativa vulnerabilità agli attacchi informatici.

Gli utenti e gli amministratori dei vari sistemi oggetto degli attacchi sono stati contattatati al fine di adottare le relative azioni di sicurezza.

Come da prassi la Regione sta provvedendo ad inoltrale la segnalazione agli enti competenti ai sensi del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati.

23 Visite totali, 23 visite odierne

Categorie: Notizie Basilicata

Pagine

Please configure this section in the admin page