Aggregatore di feed

Assessore Rosa avvia tour degli insediamenti industriali lucani

Basilicatanet - 1 ora 15 min fa
“Ho iniziato dalla Ferriere Nord s.p.a. di Potenza, acciaieria del Gruppo Pittini, il mio tour attraverso gli insediamenti industriali lucani per ascoltare le criticità, ove ve ne fossero, e incoraggiare le best practice ambientali”. Ad annunciarlo l’assessore all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa.
“Ho accolto con favore – aggiunge Rosa – il progetto d’investimento della Pittini “Green Steel” che mira ad una maggiore sostenibilità ambientale e che, a pieno regime, dovrebbe superare il livello di tutela ambientale oltre quanto stabilito dalla Commissione Europea. Nei giorni della crisi Ilva in cui si parla di chiusura dell’acciaieria più grande d’Europa, è importante che le istituzioni comprendano che si può fare impresa in modo sostenibile ma che spetta ad esse l’onere di vigilare. È la prima delle visite che mi propongo di effettuare negli insediamenti industriali lucani, sempre più convinto – prosegue – che bisogna uscire dal palazzo, mettersi al lavoro sulle realtà concrete e sapersi confrontare per il bene dei cittadini”.   
Categorie: Notizie Basilicata

Microcredito, una sfida possibile: domani appuntamento a Venosa

Basilicatanet - 1 ora 36 min fa
Continuano gli appuntamenti di Sviluppo Basilicata con il territorio, domani è il turno di Venosa con l’incontro fissato alle ore 16:30 presso il Castello di Pirro del Balzo di Venosa.
Dopo l’appuntamento purtroppo annullato a Matera a causa del maltempo che ha colpito la città e che verrà presto riprogrammato, il tour di presentazione della Misura Microcredito FSE della Regione Basilicata gestita da Sviluppo Basilicata fa tappa nella città di Orazio perché, come annunciato dall’Assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, nel corso della conferenza stampa alla presenza del Presidente Vito Bardi, “vogliamo raggiungere il maggior numero di persone e soprattutto coloro che vogliono fare impresa in Basilicata e che oggi hanno un valido aiuto”.
La misura consentirà un rapido accesso al finanziamento grazie a tempi di evasione della pratica da parte di Sviluppo Basilicata di massimo 60 giorni. A beneficiarne saranno soprattutto disoccupati ma anche gli enti già occupati nel terzo settore che potranno rafforzare la loro attività o crearne una nuova.
All’incontro saranno presenti l’Assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, l’Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale, il Responsabile della misura per Sviluppo Basilicata, Vito Pinto, che illustrerà le modalità di funzionamento del Fondo con domande e approfondimenti anche dal pubblico. Prevista anche la presenza del Sindaco di Venosa, Marianna Iovanni.
Seguirà a questo le prossime date già programmate di:
- Stigliano lunedì 18 Novembre
- Viggiano venerdì 22 Novembre
- Muro Lucano martedì 26 Novembre.
Mentre verrà a breve data comunicazione degli incontri di Nova Siri, Ferrandina, Matera e Tolve.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Astroturismo, riunione in Regione su valorizzazione cielo notturno

Basilicatanet - 4 ore 31 min fa
Ridurre l’inquinamento luminoso per valorizzare il cielo notturno di aree naturali attraverso la promozione dell’astroturismo.
E’ questo lo scopo del progetto Interreg Europe “Night Light” i cui risultati della prima fase sono stati presentati in Regione nel corso di un incontro, presieduto dal Direttore Generale del Dipartimento Programmazione e Finanze della Regione Basilicata, Domenico Tripaldi, a cui hanno partecipato i referenti dei partner regionali del progetto. Con i referenti regionali, tra i quali: i Comuni di Aliano, Anzi e Castelgrande, gli Osservatori astronomici di Anzi e Castelgrande, Unibas, Sel, Apt, Cnr e Consorzio TeRN, 
si è condivisa una sinergia di intenti al fine di migliorare le politiche regionali per la diminuzione delle luci artificiali sulla bellezza del cielo notturno, con i conseguenti benefici nei confronti di flora e fauna autoctona e dei cittadini lucani.
Oltre la Regione Basilicata e la Fondazione Matera 2019, sono diverse le realtà che vi partecipano a livello europeo. Tra queste, come capofila, la Provincia di Frisia – Paesi Bassi, la Provincia di HajdúBihar – Ungheria, Avila – Spagna, il Nature Park Our – Lussemburgo, la Samso Energy Academy – Danimarca, BSC il Business support centre di Kranj – Slovenia, il Governo dell’isola di La Palma – Spagna.
Nel corso dell’incontro è stata, inoltre, presentata una prima bozza dell’Action Plan con le linee guida per la prevenzione dell'inquinamento luminoso che rappresenteranno le azioni tese a migliorarne il controllo nonché l’individuazione di percorsi e programmi a sostegno dell'attrattiva delle aree naturali del territorio regionale.
Diverse le raccomandazioni contenute nel documento proposto, tra cui lo sviluppo di un piano di illuminazione regionale, il monitoraggio regolare del cielo notturno e la promozione di buone pratiche di sostenibilità tra le imprese. L’intento è anche quello di avviare un percorso che possa consentire di rafforzare l’adozione di impianti per il risparmio energetico e l’ammodernamento delle reti di trasporto, di prevenire e ridurre l’inquinamento luminoso nelle aree agricolo-rurali e potenziare il controllo per il rispetto della normativa sulla riduzione dell’inquinamento luminoso.
Il prossimo appuntamento con i partner europei si terrà all’Isola di La Palma, Canarie, dove si farà il punto sulle iniziative, messe in campo da ciascun soggetto europeo coinvolto, al fine di individuare, successivamente, una linea d’intervento comune a tutela del cielo buio, di una migliore osservazione della volta celeste e dello sfruttamento sostenibile dei luoghi del cielo scuro.
Categorie: Notizie Basilicata

Concessioni demanio marittimo, Merra: concreto impegno Regioni

Basilicatanet - 4 ore 44 min fa

Le Regioni italiane stanno lavorando per garantire agli imprenditori del demanio marittimo l’estensione delle concessioni per 15 anni e per alleggerire il peso burocratico dei Comuni in tale materia.
Lo annuncia l’assessore alle infrastrutture e mobilità della Regione Basilicata, Donatella Merra, che ha partecipato ieri a Roma, presso la sede distaccata della Regione Liguria, al tavolo tecnico interregionale sul demanio marittimo.
“Nel corso dei lavori– spiega l’assessore Merra - si è giunti, dopo alcuni mesi, a un documento condiviso che contiene indirizzi interpretativi delle norme sul demanio marittimo, da proporre al Governo per l’inserimento nella legge di bilancio 2019. Il documento, che verrà approvato nella Conferenza delle Regioni del prossimo 28 novembre, mira a garantire rapida applicazione delle norme.  Nello specifico – aggiunge l’assessore - si è anche discussa la possibilità di sospendere i canoni per le regioni colpite dalle mareggiate di ottobre e novembre 2018 e, su proposta della Regione Basilicata, sono state inserite anche le ultime mareggiate che hanno colpito, nei giorni scorsi, le coste del metapontino e dell’Abruzzo. Si è infine anche individuata una soluzione per il mantenimento delle strutture amovibili, oltre il termine ultimo per lo smantellamento previsto a fine dicembre del 2020.
La partecipazione di tante Regioni e la condivisione dei problemi – commenta l’assessore Merra – è una buona base di partenza che ci mette nelle condizioni di chiedere una rapida soluzione dei problemi. Per tale motivo – conclude Merra – chiesto al Governo di indicare un interlocutore specifico per affrontare questi delicatissimi temi”.



Categorie: Notizie Basilicata

Al: sospensione idrica in alcuni comuni del Vulture Melfese

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 17:29
Acquedotto Pugliese deve eseguire indagini strutturali che interesseranno la galleria Toppo Pescione del Canale Principale – Acquedotto del Sele da cui dipende l’erogazione idrica di alcuni comuni del Vulture-Melfese. Pertanto nei Comuni di Melfi (tranne il centro storico e la zona industriale di San Nicola di Melfi), Rionero in Vulture (tranne le frazioni di Monticchio), Atella (tranne la zona industriale Valle di Vitalba), Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano e le zone rurali Monteserico e  Insertafumo di San Fele, l’erogazione idrica sarà sospesa secondo il programma seguente:
– 19 novembre, dalle ore 21 alle ore 7del mattino successivo;
– 20 e 21 novembre, dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo.
Nei comuni di Lavello, Montemilone e Palazzo San Gervasio, invece, dal 19 al 21 novembre prossimi, l’erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 21 alle ore 7 del mattino successivo. Considerata la complessità dell’intervento, il programma potrebbe subire variazioni che saranno comunicate tempestivamente.
Il programma degli interventi, insieme alle problematiche che interessano il canale Principale, sono stati illustrati ai sindaci della zona nel corso di un incontro che si è svolto questa mattina a Potenza, presso Acquedotto Lucano.
La Società sarà in continuo contatto con Acquedotto Pugliese per anticipare l’eventuale ripristino dell’erogazione idropotabile in relazione all’andamento dei lavori.
Al fine di limitare i disagi agli utenti interessati dall’interruzione, Acquedotto Lucano ha disposto il servizio sostitutivo tramite sacche di acqua potabile che saranno distribuite a cura delle amministrazioni comunali.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Bardi: “La trattativa con Eni prosegue”

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 17:23
Tra Regione Basilicata ed Eni si registra un nuovo clima di condivisione di tutti gli aspetti tecnici, politici e giuridici che dovranno essere compiutamente affrontati per garantire un efficace prosieguo delle trattative per il rinnovo degli accordi del 1998. Gli aspetti giuridici controversi saranno affrontati in appositi tavoli tecnici che prenderanno il via dalla prossima settimana. È quanto emerso oggi, a Potenza, al termine di un incontro tra la Regione Basilicata e la compagnia petrolifera. “Ho notato da parte di Eni - ha detto il presidente della Regione, Vito Bardi, accompagnato dall’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa - la volontà di proseguire il confronto. Dopo le interlocuzioni romane delle settimane scorse a tutti i livelli abbiamo calendarizzato una serie di incontri nei quali affronteremo ogni argomento sempre dal punto di vista dell’interesse dei lucani, che è prioritario. L’obiettivo è ottenere giuste e adeguate compensazioni, ma anche tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini. Con la società Eni, così come con Total -ha proseguito il presidente - vogliamo favorire una occupazione stabile. Nel corso della riunione abbiamo con favore registrato la disponibilità di Eni ad erogare, fuori dalle trattive, un sostegno economico per far fronte ai danni causati dalle avversità atmosferiche che hanno interessato negli ultimi giorni le popolazioni del metapontino e del materano”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Trattamento acque reflue, Rosa: tavolo tecnico per accelerare Aua

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 15:29
L’assessore all’Ambiente Gianni Rosa istituisce un tavolo tecnico con Uffici regionali, Acquedotto Lucano, Egrib e Provincie di Potenza e Matera per l’accelerazione dei procedimenti di Aua (Autorizzazione unica ambientale), riguardanti gli scarichi dei depuratori.
“Con le Linee Guida per l’approvazione dei progetti degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane, per l’autorizzazione provvisoria, disciplina e regimi autorizzativi degli scarichi di acque reflue domestiche e urbane – dichiara Rosa - si potrà accelerare il rilascio delle autorizzazioni uniche ambientali riguardanti molti depuratori oggetto di infrazioni comunitarie. E, oggi ho incontrato, insieme al direttore generale Busciolano ed agli Uffici regionali, l’Acquedotto Lucano, l’Egrib e i tecnici delle due Province lucane per istituire un tavolo tecnico che seguirà, da vicino e con costanza, le pratiche bloccate”.
“Già un paio di mesi fa, - sottolinea l’assessore - avevo rilevato l’enorme ritardo di tali procedimenti che riguardano interventi per superare le carenze strutturali di impianti di depurazione attualmente in procedura di infrazione comunitaria o interventi per scongiurare future possibili procedure. Con l’approvazione delle Linee Guida, abbiamo rimosso ‘l’ostacolo’ amministrativo. Ho la profonda convinzione che la collaborazione ai vari livelli è indispensabile per il buon andamento della Amministrazione pubblica. Proprio per consentire una celere risoluzione questa mattina ho incontrato tutti gli attori istituzionali, che, da oggi, seguiranno da vicino la situazione. Il cambiamento del Governo Bardi è anche nella efficienza della macchina amministrativa che – conclude Gianni Rosa - non può permettersi di impiegare anni per l’approvazione di pratiche importanti quali sono le Aua”.

Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, dialogo su La poetica dei numeri primi

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 13:20
Il 16 novembre alle 18.30 nella Chiesa rupestre di Santa Maria de Armenis a Matera (ingresso con Passaporto per Matera 2019, senza prenotazione) tornano in città due dei protagonisti della grande mostra “La poetica dei numeri primi” coprodotta da Fondazione Matera Basilicata 2019 e Polo Museale della Basilicata con la direzione scientifica di Piergiorgio Odifreddi. Federico Giudiceandrea, curatore della sezione "Riempire il vuoto. Le simmetrie da M.C. Escher ai contemporanei" allestita presso il Museo Archeologico di Metaponto, e Tobia Ravà con i suoi "Elementi di calcolo trascendentale" esposti a Palazzo Acito a Matera, si incontreranno per un dialogo dal titolo “La congettura di Ravà”.
Le opere di questo artista sono innervate di cultura esoterica ebraica, la cabala, e in particolare di un metodo di analisi delle scritture chiamato ghematria. Questo metodo sfrutta la proprietà della notazione numerica ebraica che rappresenta i numeri non usando simboli speciali, ma alla pari dei Greci, usa le lettere dell'alfabeto in una notazione additiva. Ogni parola scritta, quindi, oltre a rappresentare un concetto rappresenta anche un numero. Questo permette lo studio delle parole e dei testi anche dal punto di vista numerologico. Ogni numero associato ad una parola può inoltre essere ridotto ad un unico numero minore di 10 sommandone le cifre ed ottenendo così un numero derivato. Se questo risulta maggiore o uguale di 10 questo processo viene ripetuto fino ottenere un numero ad una solo cifra. Ravà chiama questo numero “numero teosofico” della parola o del numero di partenza. In matematica questo processo è definito come la radice digitale di un numero e trova applicazione nei criteri di divisibilità e nella “prova del nove” usata per il controllo della correttezza delle operazioni aritmetiche. I cabalisti, invece, usavano questi numeri per interpretare le scritture sacre. Secondo loro, la struttura numerica della lingua ebraica e delle sacre scritture ne rivela la provenienza divina. Infatti, alcune coincidenze svelano un ordine nascosto nella lingua ebraica. Ravà ha inoltre uno spiccato interesse per le sequenze numeriche, specialmente per la sequenza di Fibonacci. Aveva scoperto che se calcolava i numeri teosofici della sequenza, questi si ripetevano ogni 24 numeri della sequenza. Aveva inoltre testardamente verificato la veridicità di questa regolarità della sequenza fino ad indici elevati e supponeva che questa regolarità si potesse protrarre all’infinito. La verifica numerica, anche se protratta per indici molto elevati della sequenza, chiaramente non dimostrava nulla, ma si poteva solo congetturarne la veridicità.
Federico Giudiceandrea, imprenditore e ingegnere di formazione, ma anche collezionista di opere d'arte con contenuto matematico nonché curatore di mostre su Escher in tutto il mondo e autore di diversi saggi su Escher e in generale su arte e matematica, spiegherà al pubblico "la congettura di Ravà" da lui dimostrata. L’incontro sarà moderato dalla prof.ssa Maria Luisa Trevisan, storica dell'arte e critico d'arte contemporanea.


Categorie: Notizie Basilicata

Stazione Fal Matera, Bardi: lottiamo per uscire dall’isolamento

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 12:37
“Una stazione non è solo un luogo di partenze e di arrivi. È un simbolo, e lo è in particolare per noi in Basilicata, una regione che, fra luci e ombre, lotta da tempo con tutte le sue forze per uscire dall’isolamento infrastrutturale e sostenere così, anche attraverso una mobilità moderna e sostenibile, quel processo di sviluppo basato sul valore della cultura che questa città ha saputo fare proprio in questo importantissimo anno che volge al termine”. Lo ha detto il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, che oggi a Matera ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione della nuova stazione delle Ferrovie Appulo Lucane.

“Oggi – ha aggiunto Bardi - viene inaugurata un’opera di grande valore, che l’architetto Stefano Boeri ha voluto iscrivere nel lungo percorso urbanistico volto a riconnettere le varie parti di questa città densa di storia. Un’opera realizzata in tempi rapidi – e questo va sottolineato perché purtroppo non sempre accade – e dotata delle più avanzate tecnologie, che contribuirà certamente a rendere più accogliente e funzionale l’ingresso in città per i tanti visitatori che arrivano a Matera. Ma che speriamo possa aiutare a migliorare anche gli spostamenti di tanti materani che per ragioni di studio e di lavoro si recano a Bari. Ci auguriamo inoltre che la capitale europea della cultura per il 2019 possa vedere al più presto completato il progetto che riguarda la sistemazione dell’intera area circostante”.

A parere di Bardi “Il trasporto ferroviario ricopre una importanza decisiva nel disegno in questo disegno di sviluppo delle infrastrutture: e se da un lato seguiamo con attenzione il progetto volto a migliorare il servizio delle Fal fra Matera e Bari, riducendo i tempi di percorrenza e facendo entrare a pieno titolo nel trasporto urbano le navette su ferro, dall’altro siamo impegnati a perseguire l’altro imprescindibile obiettivo di completare finalmente il collegamento fra Matera e Ferrandina, sulla direttrice della rete nazionale ferroviaria. Confermiamo, inoltre, l’impegno della Regione per mantenere il servizio su gomma che negli ultimi mesi ha visto collegamenti utili e frequenti fra Matera e l’aeroporto di Bari”.

“Solo attraverso adeguati investimenti sulle infrastrutture e sul sistema della mobilità – ha aggiunto ancora Bardi - sarà possibile rendere più attrattivo il nostro territorio e ridare alla Basilicata la centralità che merita nel Mezzogiorno e nel rapporto con il resto del Paese e con l’Europa. A Matera oggi facciamo un altro passo avanti in questa direzione. Sappiamo che la strada è difficile e piena di ostacoli, ma come Regione Basilicata siamo fortemente impegnati ad affrontare e risolvere i problemi legati alla piena funzionalità delle infrastrutture e dei trasporti”.

Rivolgendosi infine al sottosegretario Margiotta, presente alla cerimonia, Bardi ha chiesto “che il governo sia vicino alla nostra terra. Il fatto di avere un sottosegretario lucano alle Infrastrutture ci inorgoglisce ma allo stesso tempo fa si che si responsabilizzi maggiormente il Governo. Ho avuto modo di parlare con il ministro De Micheli, che verrà qui prossimamente in visita, e sono convinto che il Governo ci sosterrà in questa azione. Il cammino non è semplice ma una regione senza infrastrutture è una regione isolata ed abbiamo bisogno del sostegno straordinario da parte del Governo nazionale”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Sanità, l’Asp consegna le nuove ambulanze

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 11:56
Nella giornata di lunedì l’Azienda sanitaria locale di Potenza (ASP) ha avviato la consegna, ai Punti territoriali di soccorso del 118 Basilicata, delle nuove ambulanze. I mezzi di soccorso sono stati messi in esercizio nei tempi contrattualmente previsti e nel pieno rispetto della tempistica programmata dall’ASP, all’esito delle operazioni di collaudo svolte, con estrema perizia, da apposita Commissione. Ieri, alla presenza della direzione strategica dell’Azienda e del direttore del Dipartimento di emergenza – urgenza (DEU) 118, l’assessore Leone ha visitato il parco delle nuove ambulanze.

“Esprimo apprezzamento per il lavoro svolto dall’Azienda sanitaria locale di Potenza e dal suo personale – ha dichiarato l’assessore Leone - e per la messa in esercizio dei nuovi mezzi di soccorso. I lavori della commissione di collaudo dei nuovi mezzi sono stati svolti in maniera rigorosa e il tempo a tanto dedicato, lungi dal generare ritardi nella fornitura delle ambulanze, ha consentito una verifica scrupolosa dell’adeguatezza delle nuove ambulanze e della rispondenza alle caratteristiche tecniche necessarie. La Regione Basilicata ed il mio assessorato credono fortemente nella necessità di potenziare i servizi di emergenza urgenza regionale, che rivestono un ruolo di assoluta centralità nel sistema sanitario regionale. Stiamo lavorando ad una attenta ricognizione del modello organizzativo del DEU 118, con particolare riguardo all’articolazione dei Punti Territoriali di Soccorso e al rapporto degli stessi con il sistema della continuità assistenziale, al fine di individuare azioni che, di concerto con l’ASP, possano indurre una ulteriore riduzione dei tempi di allarme target e drenare nuove risorse”.

"L’entrata in esercizio delle nuove ambulanze – ha dichiarato il direttore generale dell'ASP, Lorenzo Bochicchio - rappresenta l’approdo di un percorso gestito in maniera virtuosa, tutto speso nell’intento di dotare il DEU 118 di mezzi di soccorso che possano rendere più efficiente il servizio, ridurre i tempi di allarme target degli interventi e consentire al nostro personale di operare in condizioni di maggiore sicurezza. Devo rendere merito a quanti hanno concorso al conseguimento di questo importante risultato, che segna un momento significativo nella storia della nostra Azienda Sanitaria e del sistema di emergenza urgenza regionale. Più in generale, sento il dovere di ringraziare tutti gli operatori del DEU 118 per lo spirito ed il senso di responsabilità che ne anima il servizio e che consente loro, pure in condizioni di contesto e di lavoro spesso defatiganti, di attendere al proprio ruolo con dedizione e professionalità. Il DEU 118 – ha continuato il direttore generale - è al centro delle politiche aziendali e regionali ed oggetto di importanti investimenti da parte dell’ASP. Nel corso degli ultimi mesi, nel solco di un percorso già tracciato dalle precedenti direzioni strategiche, sono stati portati a compimento processi di estrema importanza e conseguiti risultati significativi. Con l’assessore Leone, che ringrazio per la presenza e la costante attenzione, e con il direttore del DEU 118 ho condiviso l’opportunità di avviare un processo di attenta programmazione, al fine di individuare interventi che, anche in un sistema rispondente ad un principio di generale ragionevolezza, possano concorrere ad un ulteriore abbattimento dei tempi di intervento. Pure in costanza di risorse limitate, le politiche assunzionali dell’ASP saranno prioritariamente orientate al potenziamento della dotazione di personale medico, sanitario e tecnico del 118. Di concerto con la Regione Basilicata, stiamo lavorando alla individuazione delle cosiddette ‘zone carenti’ e all’avvio delle procedure ad esse correlate, presupposte all’assunzione di personale medico a tempo indeterminato, che sola potrà circoscrivere la crescente indisponibilità dei ruoli sanitari nel sistema sanitario lucano. Abbiamo completato la ricognizione di dettaglio delle postazioni 118 sul territorio dell’intera Regione e programmato interventi di adeguamento strutturale delle stesse, che hanno già trovato una recente e significativa evidenza nella consegna delle strutture dei PTS di Melfi e di Matera. Da ultimo, grandi benefici trarremo dall’ormai prossima implementazione del nuovo software di gestione della centrale operativa, del tutto innovativa, che impatterà in maniera significativa sulla gestione degli interventi e sulla complessiva funzionalità e speditezza del servizio di emergenza urgenza".

"In merito alle nuove ambulanze acquistate (57, di cui 25 pervenute), le prime 14, dopo il loro collaudo — riferisce Serafino Rizzo, dirigente responsabile del DEU 118 — sono in corso di assegnazione ad altrettanti PTS; a seguire, man mano che le operazioni di collaudo verranno concluse, anche gli altri Punti Territoriali di Soccorso verranno dotati dei nuovi mezzi. Per fugare ogni dubbio sulle condizioni di sicurezza nelle quali operano i nostri dipendenti - continua Rizzo – devo precisare che l'ASP ha sempre garantito e garantirà la manutenzione delle ambulanze attualmente in dotazione, ivi compresa la sostituzione degli pneumatici invernali segnalati alla direzione del DEU 118 dagli autisti delle ambulanze. Dopo oltre 20 anni, inoltre, con deliberazione del direttore generale dell’ASP n. 710 del 29 Ottobre scorso, si è attivato il "Corso di formazione finalizzato al conseguimento della idoneità allo svolgimento delle attività di medico dell'emergenza sanitaria territoriale", attualmente in fase di attivazione e svolgimento, che consentirà, in attesa delle nuove assunzioni programmate anche di autisti e infermieri, di fronteggiare alla carenza di personale a bordo delle ambulanze. Infine, sono in fase di consegna i nuovi dispositivi di sicurezza per il personale (divise e calzature) ed abbiamo svolto, in maniera sistematica e programmata, l’attività di sorveglianza sanitaria sul personale 118”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Made in Basilicata (Rai 1): domani ad Avigliano e Serra di Vaglio

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 11:30
Terzo appuntamento della nuova stagione, domani, giovedì 14 novembre alle 7,50, con la rubrica “Made in Basilicata”, all’interno del programma di Uno Mattina (Rai 1).
Due donne le protagoniste della puntata.
“Ad Avigliano, nell’alto potentino, - spiega l’Ufficio Sistemi culturali e turistici del Dipartimento Presidenza della Giunta della Regione Basilicata - incontreremo Tonina, artigiana che coltiva l’arte del tessere, un mestiere appreso dalla nonna e dalla suocera, che le ha permesso di partecipare negli anni a diverse mostre ed esposizioni in tutto il mondo. Con il suo telaio Tonina realizza cappotti, sciarpe, borse, scarpe, agende, collane, spille, cravatte e papillon”.
“Successivamente – prosegue la nota - con Sabrina ci trasferiremo, come telespettatori, a Serra di Vaglio alla scoperta di un’area archeologica posta su un’acropoli naturale a 1000 s.l.m. a dominio della valle del Basento. Nel sito compiremo un suggestivo viaggio a ritroso nel tempo, scoprendo insediamenti del popolo dei ‘Peuketiantes’. La storia del sito di Serra di Vaglio si concluse tragicamente, nei primi decenni del III secolo a.C., in seguito ad un violento incendio. Proprio qui, tra gruppi sparsi di capanne e nuclei di sepoltura, sono emersi i resti di un abitato risalente alla seconda metà dell’VIII secolo a.C., momento in cui i Peuketiantes occupano stabilmente il pianoro di Serra”.
L’iniziativa “Made in Basilicata” rientra nelle attività di comunicazione previste nell’accordo siglato da Regione Basilicata e Rai.


Categorie: Notizie Basilicata

Fornitura libri di testo, approvato avviso pubblico 2019/2020

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 10:17
Con una spesa di 2 milioni e 290 mila euro la Giunta regionale, su proposta dell'assessore alle Attività produttive Francesco Cupparo, ha approvato l’avviso pubblico per la fornitura gratuita e semigratuita di libri di testo per anno scolastico 2019/2020 con il quale si invitano i Comuni a predisporre i relativi bandi per l’acquisizione delle domande.

Il contributo può essere concesso per l’acquisto di libri di testo e strumenti didattici alternativi indicati dalle istituzioni scolastiche nell’ambito dei loro programmi di studio, che il richiedente ha già sostenuto in relazione all’anno scolastico 2019/2020. La misura massima del beneficio erogabile è determinata dal costo della dotazione dei testi della classe frequentata, così come previsto dalla nota del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Il contributo può essere richiesto da persone fisiche, iscritte all’anagrafe tributaria ed aventi il domicilio fiscale in Italia. Due le fasce di reddito dei nuclei familiari individuate attraverso ISEE da 0 ad 15.748,78 (fascia 1) e da 15.748,78 a 19.000,00 (fascia 2). Il contributo non può essere concesso qualora lo studente sia già in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado. Possono accedere al beneficio anche gli studenti frequentanti corsi serali, purché non siano già in possesso di un titolo analogo. Qualora lo studente sia ripetente, si iscriva allo stesso istituto scolastico e/o allo stesso indirizzo di studi può richiedere il beneficio solo se riferito all’acquisto di libri di testo diversi dall’anno precedente o per libri di testo per i quali non abbia richiesto gli anni precedenti il contributo.

Un secondo avviso pubblico è stato approvato dalla Giunta per la concessione di contributi per l'acquisto di audiovisivi / strumenti tecnologicamente avanzati a favore di persone con disabilità e con disturbi specifici dell'apprendimento (Dsa). “Confermiamo – sottolinea l'assessore Cupparo – l'attenzione dovuta ai ragazzi con disabilità tenuto conto che l'ausilio / strumento è necessario in quanto contenuto nel Piano educativo individualizzato per il miglioramento delle potenzialità dello studente in relazione alle sue possibilità di integrazione scolastica e delle limitazioni relative all'apprendimento. Garantire il diritto allo studio attraverso gli strumenti didattici – dice l'assessore – è solo uno degli interventi previsti che riguardano, inoltre, la realizzazione di servizi collettivi, quelli relativi all'attuazione di progetti di innovazione didattica ed educativa per migliorare i livelli di qualità ed efficacia dell'offerta formativa delle scuole, nonché quelli per garantire il diritto allo studio a tutti gli alunni con disabilità”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, convegno e mostra sulle architetture del ‘900

Basilicatanet - Mar, 12/11/2019 - 18:53
Il 15 e 16 novembre a Matera, presso la sala Congressi della Camera di Commercio, opera dell’architetto Ernesto la Padula e dell’ingegnere Vincenzo Corazza, anno 1935, si svolgerà il Convegno internazionale di studi sulle architetture del ‘900 in Basilicata e Puglia.
L’iniziativa - fa sapere la Fondazione Matera-Basilicata 2019 in una nota - è organizzata dalle Sezioni territoriali Do.co.mo.mo Italia in collaborazione con la Fondazione Matera Basilicata 2019. Le Sezioni territoriali Do.co.mo.mo sono realtà radicate in un territorio antico, reso moderno dall’assimilazione di opere architettoniche del ‘900 che ne hanno interpretato in modo originale le caratteristiche originali ed identitarie. Nel corso del convegno verrà presentata la Mostra itinerante “9 itinerari per 100 Architetture del ‘900 in Basilicata e Puglia” che sarà inaugurata a dicembre a Matera presso il Campus Universitario della Università degli Studi della Basilicata, organizzata dalla Sezione Basilicata e Puglia del DO.CO.MO.MO. Italia, in co-produzione con la Fondazione Matera-Basilicata 2019 e Open Design School. La Mostra è il risultato di un’attività di schedatura del patrimonio architettonico regionale del ‘900, intesa come uno strumento ‘aperto’ e implementabile, con cui ci si propone di conoscere e mettere ‘in rete’ 100 architetture moderne di qualità riconosciuta. I valori di queste opere nel territorio appulo-lucano, spesso riscontrabili in aspetti analoghi di altre architetture costruite in luoghi, tempi e circostanze differenti, ne escono potenziati rispetto a quelli individuabili attraverso l’autonoma considerazione delle singole opere. Esse sono state selezionate su 151 da un Comitato scientifico internazionale di cui fanno parte tra gli altri: William J. Curtis, Federico Bucci, Franco Purini, Amerigo Restucci che ha curato l’introduzione del Catalogo della Mostra, edito da Gangemi Editore, curato da Mauro Sàito e Antonello Pagliuca. L’allestimento sarà realizzato da Open Design School che ancora una volta si pone come uno strumento fondamentale a servizio delle istituzioni per l’attuazione e l’attivazione di progetti, costruendo un design sartoriale che risponde a diverse esigenze, anche su grande scala. In questo caso, seguendo le modalità progettuali di Open Design School, in linea però con le necessità della mostra e con lo spirito dei tempi, Open Design School ha creato un allestimento in legno modulare e flessibile: dal momento, infatti, che la mostra sarà itinerante, la struttura sarà agile e multiforme, ma anche ecologica, in grado di essere adattata a diversi spazi. Nei primi anni ’60, Italo Calvino scrive “I nostri antenati”, titolo che rispecchia la tesi della Mostra mirata a sottolineare che l’identità dell’architettura delle nostre regioni meridionali non può fare a meno dell’eredità culturale degli antenati moderni su cui si basa lo sviluppo della città contemporanea, i cosiddetti “monumenti moderni”. L’avvento della industrializzazione nel settore delle costruzioni ha trasformato il concetto vitruviano di ars costruendi. Innovazioni costruttive, tipologiche, funzionali e formali caratterizzano la produzione architettonica del ‘900. Ludovico Quaroni, in “Progettare un edificio. Otto lezioni di architettura”, afferma che in tale processo di trasformazione “non c’è stato edificio che abbia mantenuto, a rivoluzione compiuta, il tipo o i tipi, il modello o i modelli che esistevano prima”. La Mostra 9x100=‘900 attraversa le “storie” sociali, politiche ed economiche del XX secolo di questo territorio e si articola in percorsi tematici, non cronologici, che collegano la “originalità” delle opere delle due regioni al dibattito culturale nazionale. L’idea “olivettiana” di un’opera di architettura, intesa come espressione della Comunità che l’ha generata, costituisce la chiave di lettura per un percorso sviluppato lungo un secolo attraverso regioni riunite in una continuità fisica e culturale narrata tramite le 100 architetture in mostra. Esse uniscono realismo e visione, pragmatismo e sperimentazione, capacità di confrontarsi con la tradizione ma anche una forte spinta verso il futuro del ‘900 nel Sud d’Italia. Queste caratteristiche originali dell’approccio progettuale italiano ad una “altra modernità”, sono esempi preziosi di un patrimonio moderno rispetto a cui abbiamo la responsabilità culturale e sociale di conservarlo senza disperdere l’unicità dell’immagine e della visione di una nuova Comunità sognata e solo in parte realizzata.
I titoli dei 9 (6+3) itinerari tematici (Infrastrutture e industria, Abitare la campagna, Architetture per la comunità, Insegnare all’italiana, Residenza moderna dentro e fuori le mura, Moderno Sensus Fidei, oltre a Tutela del Moderno, Moderno restaurato, ARCH(XX): un percorso al femminile) sono i primi strumenti di comunicazione, ispirati alla modernizzazione dell’Italia nell’inizio secolo, al periodo del regime fascista fra le due guerre, alla ripresa produttiva degli anni ’50 e ’60, all’evoluzione della società e dell’economia fino al 2000, segnano la partenza per un percorso collettivo da ciò che eravamo a ciò che siamo.
Occuparsi dell’architettura del ‘900, è come frugare fra le foto di famiglia alla ricerca di immagini di parenti e della nostra gioventù. I vincoli statali e le leggi regionali sulla qualità dell’architettura proteggono l’esistenza del patrimonio moderno, invitano alla conoscenza ed alla tutela dell’architettura del ‘900.

  
Categorie: Notizie Basilicata

Maltempo, Fanelli: “Massima attenzione a calamità Metapontino”

Basilicatanet - Mar, 12/11/2019 - 18:41
A seguito dell'eccezionale evento calamitoso che si abbattuto nell'area del Metapontino provocando ingenti danni a strutture e colture del settore agricolo, l’assessore regionale alle Politiche agricole, Francesco Fanelli ha predisposto con i rappresentanti dei diversi uffici del Dipartimento l’avvio di puntuali e immediati sopralluoghi nelle aree maggiormente colpite. Tali sopralluoghi proseguiranno anche nei prossimi giorni.
“Compatibilmente con la situazione di allerta ancora in corso - ha evidenziato l’assessore - si sta infatti procedendo con una prima analisi dei danni che si sono verificati e si incontreranno e ascolteranno gli imprenditori e gli operatori del comparto agricolo fortemente interessato dalla calamità naturale nell’area coinvolta, unitamente alle organizzazioni professionali agricole, al fine di procedere celermente nei prossimi giorni con l’avvio delle procedure per l’attivazione degli adeguati provvedimenti di sostegno. Rimane alta l’attenzione mia e quella del presidente Bardi, che stamattina si è recato sul posto per seguire direttamente le iniziative da mettere in campo - ha aggiunto Fanelli - su quanto sta ancora interessando in queste ore i nostri distretti rurali, già precedentemente colpiti da fenomeni di questa intensità”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Petrolio: l’Eni da Bardi, domani si riaprono le trattative

Basilicatanet - Mar, 12/11/2019 - 18:21
L’Eni torna al tavolo delle trattative. Domani, alle ore 15, il presidente della Regione, Vito Bardi, con gli assessori Fanelli, Rosa e Cupparo, incontrerà i dirigenti della compagnia petrolifera per riprendere a discutere del rinnovo degli accordi del 1998 .  Dopo una serie di fitte interlocuzioni svolte dal Governatore Bardi, si è deciso di riprendere le trattative a Potenza.
L’incontro tra Regione ed Eni si terrà nella Sala Verrastro del Palazzo della Giunta regionale. Al termine sarà organizzato un punto stampa.

Categorie: Notizie Basilicata

Maltempo, sopralluogo di Bardi a Policoro

Basilicatanet - Mar, 12/11/2019 - 15:45
Il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi si è recato immediatamente a Policoro, in provincia di Matera, sui luoghi dove si è abbattuto il maltempo. Il governatore, insieme ai sindaci di Policoro, Enrico Mascia e di Scanzano Jonico, Raffaello Ripoli ha poi voluto visitare le zone del disastro dopo aver tenuto presso il Comune una riunione operativa con i vertici della Prefettura e delle forze dell'ordine. Il presidente Bardi ha constatato di persona i danni e si è intrattenuto a lungo a parlare con gli imprenditori e con gli agricoltori colpiti dal maltempo. Bardi ha assicurato l'impegno della Regione a favore di questa zona, affermando che “la Protezione Civile regionale rimarrà in allerta fino a questa notte”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Maltempo, sopralluogo del presidente Bardi nel Metapontino

Basilicatanet - Mar, 12/11/2019 - 11:30
Il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, si sta recando nel Metapontino per verificare di persona i danni e i disagi causati dal maltempo. Alle ore 13.00, nella sede del Comune di Policoro, il presidente incontrerà i giornalisti.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Sicurezza integrata, Bardi: attenta vigilanza sulla Basilicata

Basilicatanet - Mar, 12/11/2019 - 11:27
“La Basilicata è ancora oggi una regione sostanzialmente tranquilla, forte di tradizioni culturali e di una identità che si rafforza nel tempo, ma è anche una regione che per la sua posizione geografica e per i fenomeni di crisi sociale e produttiva che la interessano è al centro di processi che la espongono a diversi rischi. Di questo siamo consapevoli e siamo certi che lo Stato, attraverso gli organi preposti, è impegnato ad assicurare una vigilanza attenta e accurata su tutto il territorio”. Lo ha detto il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, che oggi a Potenza ha partecipato alla cerimonia per la firma del Protocollo d'intesa con le Prefetture di Potenza e Matera, l’Anci ed i sindaci dei Comuni capoluogo per "la promozione della sicurezza integrata".

A parere di Bardi “è pienamente condivisibile l’idea, proposta con il protocollo d’intesa, che occorre oggi assicurare una sicurezza ‘integrata’, che cioè oltre all’attività di prevenzione e di repressione dei fenomeni criminali vanno associate sempre di più iniziative volte a tutelare il territorio in modo più ampio, con una pubblica amministrazione sempre più volta a promuovere la legalità e la trasparenza dei comportamenti, con azioni volte ad accrescere l’inclusione sociale, con la tutela dell’ambiente, con tutte le azioni volte ad accrescere la vivibilità e la coesione sociale della comunità”.

“La Regione Basilicata farà la sua parte – ha aggiunto ancora Bardi - investendo le risorse necessarie che serviranno per supportare le azioni di formazione del personale delle forze di polizia e dei corpi di polizia locale e cercherà di supportare adeguatamente i patti per l’attuazione della sicurezza urbana nei Comuni della Basilicata, favorendo la collaborazione fra tutte le forze impegnate a proteggere la sicurezza ed a migliorare la qualità della vita dei lucani. Siamo convinti che si tratta di un’azione importante – ha concluso Bardi -, che assume una particolare valenza per la presenza del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che ringrazio per essere tornata oggi nella sua città”.

“È un protocollo di qualità – gli ha fatto eco il ministro dell’Interno - ci tenevo a tornare nella mia città per incrociare e verificare i dati in termini di delittuosità. La Basilicata è all’ultimo posto per delitti commessi e dobbiamo lavorare per preservare questo livello di sicurezza perché la Basilicata è diventata attrattiva anche per la disponibilità di risorse per lo sviluppo. Matera capitale europea della cultura 2019 è stata una grande occasione che mi ha resa orgogliosa come lucana. La firma di questo protocollo con le risorse della Regione da concretezza ai nostri intenti e ci darà la possibilità di stipulare altri protocolli per la sicurezza urbana. Oggi ciò che vale di più è la percezione di sicurezza, che spesso non corrisponde con la sicurezza reale. Dobbiamo lavorare – ha concluso Lamorgese - per aumentare il livello di sicurezza percepita”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Visita istituzionale a Bardi del Capitano di vascello Ranieri

Basilicatanet - Lun, 11/11/2019 - 17:29
Il presidente Vito Bardi ha accolto oggi in Regione, il Direttore Marittimo della Calabria e della Basilicata e Comandante del Porto di Reggio Calabria, Capitano di vascello Antonio Ranieri, in visita istituzionale in Basilicata a poche settimane dalla sua nomina. L’incontro, all’insegna della cordialità e della partecipazione, tra il governatore e l’alto ufficiale ha fornito l’opportunità di ribadire l’importanza della collaborazione e della sinergia tra le istituzioni regionali e l’autorità marittima. Il presidente Bardi ha messo in evidenza “la natura fondamentale del lavoro che viene svolto con senso e abnegazione” dalla Direzione Marittima interregionale, ringraziando allo stesso tempo “tutti coloro che si impegnano per svolgere servizi utili ad una vasta comunità”. Il Capitano di vascello Ranieri, allo stesso tempo, ha affermato la piena disponibilità ad una collaborazione interistituzionale per raggiungere obiettivi comuni nell’interesse unico del cittadino.



  
Categorie: Notizie Basilicata

Leone su accreditamento strutture psichiatriche

Basilicatanet - Lun, 11/11/2019 - 15:28
“Gli uffici regionali velocizzeranno le procedure per la definizione del Manuale di accreditamento delle strutture psichiatriche e socioassistenziali a cui potranno seguire gli accordi contrattuali con i singoli centri per l'individuazione dei volumi e delle tipologie delle prestazioni da erogare. Nel corso della riunione ho registrato piena sintonia con i rappresentanti sindacali”.

È quanto dichiara l’assessore regionale alla Salute, Rocco Leone, a margine dell'incontro di oggi con il segretario generale della Cgil, Angelo Summa, il segretario generale della Uil, Carmine Vaccaro, il presidente di Alleanza delle cooperative Basilicata, Giuseppe Bruno, e il segretario regionale aggiunto della Uil Fpl, Raffaele Pisani, a cui hanno preso parte il direttore del dipartimento, Ernesto Esposito, e il direttore generale dell’Asp, Lorenzo Bochicchio.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Pagine