Notizie Basilicata

Fismic su trattativa e firma ipotesi accordo Smart P@per

Basilicatanet - 3 ore 20 min fa

“Siamo felici che i colleghi Rsu Fiom e Uilm abbiano firmato oggi l’ipotesi di accordo che già il 15 febbraio la Fismic e i delegati Fim avevamo sottoscritto sull’accordo di secondo livello in Smart P@per”. Lo dichiara Donato Giallorenzo (Rsu Fismic).
“Si tratta infatti di un accordo - prosegue - che, tenendo conto delle specificità della nostra azienda, è fortemente migliorativo sia rispetto agli altri accordi siglati in passato in Smart, che rispetto ad alcuni punti del Ccnl”.
"L’ipotesi di accordo  - spiega un comunicato di Fismic Basilicata - era stata già raggiunta lo scorso 15 febbraio da Fim e Fismic, infatti, dopo una trattativa durata mesi, mentre i delegati Fiom e Uilm hanno abbandonato il tavolo, nonostante la trattativa fosse ancora in corso.
Alla fine, mentre la Rsu Fismic e Fim proseguivano la trattativa sui contenuti, siglando l’ipotesi che poi sarà ratificata dai lavoratori tramite consultazione referendaria, le Rsu delle altre sigle probabilmente erano più interessate alla politica, dietro le macchinazioni delle Segreterie".
“Siamo contenti che, alla fine, anche Fiom e Uilm abbiano firmato un accordo che noi riteniamo giusto e migliorativo per i lavoratori, senza modificare una virgola, rispetto al testo firmato dalla FISMIC. - commenta il segretario Fismic Gerardo De Grazia - Non sappiamo se nell’interesse dei lavoratori o delle loro Segreterie ma per noi va bene così. L’accordo così com’è è lì da una settimana e poteva essere firmato subito, senza sospensive e abbandoni e senza ulteriore bagarre”
“Vogliamo sottolineare - aggiunge Giallorenzo - che, per il momento, ciò che conta è che l’accordo sia buono per i lavoratori, anche se ci spiace aver constatato come le sigle ‘ritardatarie’ abbiano posto al centro della contrattazione beghe di politica sindacale che con i lavoratori non c’entrano nulla”.

Bas 05
Categorie: Notizie Basilicata

Matera, presentato progetto cinematografico "Il Cielo Stellato"

Basilicatanet - 3 ore 36 min fa
"Si è svolta oggi pomeriggio a Matera, presso la sede dell’Associazione “Maria SS della Bruna” in Piazza Vittorio Veneto, la conferenza stampa di presentazione del progetto cinematografico Il Cielo Stellato, incentrato sulla digitalizzazione mediatica, attraverso la tecnica della Fotogrammetria 3D, del materiale foto e video realizzato dai materani nelle diverse edizioni del secolare rito della Madonna della Bruna di Matera.
Il progetto, che coinvolge in maniera attiva i cittadini, chiedendo loro di fornire fotografie e filmati ritraenti il Carro della Bruna, dall’esposizione nell’officina fino allo “strazzo” in Piazza Vittorio Veneto, - spiega una nota -  si intreccia con il programma del dossier di Matera 2019 e in particolare con il progetto pilastro dell’I-DEA, l’Istituto Demo-Etno-Antropologico, che raccoglierà il ricco patrimonio storico-culturale della Basilicata, mettendo in rete archivi sia pubblici che privati. Il progetto Il Cielo Stellato si connette altresì al tema del bozzetto del prossimo Carro, ‘“Tutti i credenti stavamo insieme e avevamo ogni cosa in comune”, puntando alla costruzione di un immaginario collettivo. La Fondazione Matera-Basilicata 2019 e l’Associazione “Maria SS della Bruna” collaboreranno alla promozione del progetto cinematografico attraverso i propri canali ufficiali, invitando i cittadini a fornire il proprio personale contributo alla realizzazione del film".
Alla conferenza stampa di presentazione sono intervenuti la regista del film, Caterina Erica Shanta, Gabriella Manfrè, della casa di produzione di Milano Invisible Film, Marta Bianchi di Careof – Organizzazione no profit per la ricerca artistica contemporanea, Domenico Andrisani, Presidente dell’Associazione “Maria SS della Bruna” e Paolo Verri, Direttore della Fondazione Matera-Basilicata 2019.
Caterina Erica Shanta:
«Lavoro come artista da diversi anni e utilizzo il documentario quale chiave per sviscerare determinati linguaggi e contesti di produzione di immagini. Il progetto Il cielo stellato nasce da una riflessione sulla distruzione come processo rituale, ponendosi come esperimento visivo e sonoro di una possibile ricostruzione attraverso l'oralità. Il film vuole esplorare la seconda manifestazione dell'evento attraverso le sue immagini e come queste divengano depositarie di una diversa narrazione. Dal 2010 osservo il rito e mi sono accorta di un cambiamento nella sua fruizione: è sempre più registrato. E' una fuga verso la contemporaneità attraverso un orizzonte tecnologico d'immagini mediatiche che doppiano e si duplicano. Ora più che mai è necessario cogliere gli aspetti orali del rito, ma nel farlo è necessario misurarsi con la sua decontestualizzazione digitale, il veloce passaggio al virtuale di un secolare patrimonio di pietra e parole».
Marta Bianchi:
«Nell'anno del suo trentennale, Careof – organizzazione non profit per la promozione dell'arte contemporanea ed in particolare focalizzata sulla ricerca video – prende parte alla produzione del Cielo Stellato, con la consapevolezza che il sostegno ai giovani artisti debba attuarsi in modo concreto e continuativo. Abbiamo conosciuto Caterina Erica Shanta durante ArteVisione2016, un progetto in collaborazione con Sky Italia per la realizzazione di opere video di giovani artisti italiani. Convinti della qualità del progetto prendiamo parte a questa nuova avventura, felici di poter collaborare con partner così prestigiosi».
Gabriella Manfrè:
«Dopo tanti anni di attività, è un piacere ed un onore partecipare ad un progetto così particolare ed innovativo. Parlare di memoria sfruttando, però la tecnologia e la modernità trovo sia un binomio molto interessante ed accattivante. Il grande entusiasmo di Caterina Shanta e di Marta Bianchi che mi ha contattato per prima, mi invoglia e mi da fiducia su un nuovo modo di fare cultura, senza dimenticare il passato, ma guardando sempre più avanti».
Paolo Verri:
«Il progetto “Il cielo stellato” rappresenta un’altra forte tappa di partecipazione e di generazione di futuro a partire dalla più radicata tradizione lucana. La Fondazione Matera-Basilicata 2019 fungerà da “cassa di risonanza” dell’iniziativa, per un ampio coinvolgimento dei cittadini, sia materani che abitanti temporanei della città».
Domenico Andrisani:
«A nome mio personale e del Comitato esecutivo dell’Associazione Maria SS della Bruna, esprimo un vivo apprezzamento per il progetto “Il cielo stellato”, volto ad accendere i riflettori sulla festa in onore di Maria SS della Bruna. Sono certo che questa iniziativa farà ulteriormente conoscere le nostre tradizioni oltre che in Italia, anche in Europa e nel mondo. L’Associazione Maria SS della Bruna si pone come locomotiva di immagine non solo di Matera ma anche dell’intera Basilicata e dell’Italia meridionale».

Bas 05


Categorie: Notizie Basilicata

Asp su incontro con medici e personale ospedale Lagonegro

Basilicatanet - 3 ore 47 min fa
"Le direzioni strategiche dell’ASP e del San Carlo insieme al Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella hanno incontrato i medici, il personale sanitario e amministrativo dell’Ospedale e delle strutture sanitarie di Lagonegro. Dopo aver effettuato un sopralluogo presso il plesso ospedaliero di Lagonegro visitando i reparti per verificare le criticità in cui incorrono quotidianamente - si legge in una nota diffusa dall'ufficio stampa dell'Asp -  medici, operatori sanitari e cittadini, il Governatore Pittella, i Direttori Generali dell’ASP e del San Carlo rispettivamente dr. Giovanni Battista Bochicchio e Dr. Rocco Maglietta accompagnati dai Direttori Sanitari Dr. Massimo De Fino e Dr. Antonio Picerno hanno poi colloquiato con i medici e il personale sanitario dell’Ospedale illustrando tutti i passaggi che avverranno in virtù del nuovo assetto sanitario che la Regione Basilicata si è dato con la Legge Regionale n.2/2017. Come già detto in diverse occasioni il Presidente Pittella ha ribadito che nessun ospedale verrà chiuso ma che l’accorpamento dei tre Pronto Soccorso Attivi di Lagonegro, Villa D’Agri e Melfi al San Carlo sono una occasione per potenziare gli ospedali periferici in una rete di alta intensità di cura che vede tutti i plessi continuare nelle loro attività, con la possibilità per i medici e gli operatori sanitari di utilizzare l’alta tecnologia del San Carlo. Il fine della riorganizzazzione è una rete funzionale tra il territorio e l’ospedale, che vede l’Azienda Sanitaria impegnata nella prevenzione e nel post-ospedaliero e l’ospedale nell’acuzie, una presa incarico del paziente totale e sicura, una offerta sanitaria che possa promuovere salute nelle migliori condizioni per dare a ciscun cittadino della regione uguali possibilità di cura".

Bas 05
Categorie: Notizie Basilicata

"tourismA 2017", Parco Appennino: successo binomio natura-cultura

Basilicatanet - 4 ore 33 min fa
"Si conclude con un risultato soddisfacente la partecipazione del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano alla III edizione di ‘tourismA’, il Salone Internazionale dell’Archeologia che si è tenuto a Firenze dal 17 al 19 febbraio scorsi. L’Area Protetta - si legge in una nota dell'ufficio stampa dell'Ente Parco nazionale Appenniono Lucano - custodisce come in uno scrigno risorse e siti archeologici di estremo pregio, dove sono stati rinvenuti reperti che arricchiscono molti dei musei più importanti del mondo. I quattro territori dell’area del Parco interessati dalle emergenze archeologiche (Grumento Nova, Tito/Satriano, Armento ed Anzi), in particolar modo l’antica colonia romana di Grumentum, hanno suscitato un grande interesse nei tanti visitatori del Salone, rimasti affascinati dal binomio natura-cultura".
“La legge sulle Aree Protette, la L. 394 del 1991, ben enuclea l’importanza della valorizzazione legata alle risorse ambientali, naturalistiche e di biodiversità di cui il nostro Parco è estremamente ricco, ma anche a quelle culturali e dei borghi che ne fanno parte. Questi eventi sono un ottimo strumento per far conoscere i nostri tesori ed aprire le porte ad un target interessato a viaggiare per conoscere una parte dell’Italia ancora poco conosciuta”, ha dichiarato il presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, Domenico Totaro. Ed ha aggiunto: “Firenze è sicuramente una vetrina importante dove mostrare le risorse culturali ed archeologiche della nostra regione, per la sua posizione strategica ed in primis per la sua connotazione di ‘culla della cultura’. Qui, infatti, giungono da tutto il mondo specialisti del settore ed appassionati, pronti a scoprire i luoghi più nascosti, spesso difficili da raggiungere, che preservano gioielli di tutti i tempi ed arricchiscono il loro bagaglio di conoscenze”.

Bas 05




Categorie: Notizie Basilicata

Al: domani sospensione idrica zone di Barile

Basilicatanet - 5 ore 8 min fa
"Barile: per consentire l'esecuzione di lavori su una condotta, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 08:30 alle ore 14:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: via Marconi, Largo XX Settembre, via Annunziata, via Maina, via San Leonardo e zone limitrofe".Lo rende noto Acquedotto Lucano.

Bas 05
Categorie: Notizie Basilicata

Al: interruzioni o cali pressione comuni serviti da condotta Frida

Basilicatanet - 5 ore 24 min fa
"L’aumento delle temperature ed il conseguente assestamento del terreno sta provocando nella Collina Materana una serie di movimenti franosi. A causa di queste frane, si stanno verificando ripetuti guasti sulla condotta adduttrice del Frida. Nelle ultime ore, in particolare, si è verificata una rottura in agro di San Mauro Forte. Pertanto, l’erogazione idrica subirà interruzioni o cali di pressione nei seguenti comuni: Ferrandina, Pomarico, Miglionico, Grottole, Calciano, Grassano, Oliveto, Stigliano, Accettura, Cirigliano, San Mauro Forte, Gorgoglione, Salandra, Garaguso. I tecnici di Acquedotto Lucano continuano a lavorare per riparare i guasti e per ridurre i disagi agli utenti". Lo comunica Acquedotto Lucano.

Bas 05


Categorie: Notizie Basilicata

Alad-Fand: Il 22/2 incontro informativo a Policoro

Basilicatanet - 5 ore 39 min fa
"Il prossimo 22 febbraio 2017 con inizio dalle ore 17,00, si terrà a Policoro, presso il Centro Sociale Anziani “ Stelle d'argento", un incontro informativo – formativo sulla patologia diabetica, finalizzato a dare utili indirizzi circa i corretti stili di vita e per meglio attendere alle logiche di prevenzione, assistenza e cura della malattia.
All'incontro, promosso dal Centro Anziani della Cittadina Jonica, - spiega una nota di Alad-Fand -  dopo i saluti del suo Presidente Leonardo Marone e della Responsabile Regionale di Cittadinanza Attiva Maria Antonietta Tarsia, relazioneranno il Dr. Pasquale Bellitti Doabetologo Responsabile del Centro di Diabetologia ed Endocrinologia dell'Ospedale di Policoro e Antonio Papaleo Presidente dell'Associazione Lucana Assistenza Diabetici e Consigliere Nazionale Fand".

Bas 05
Categorie: Notizie Basilicata

Unione delle Frazioni Castellane replica a Summa su Poste Italiane

Basilicatanet - 5 ore 51 min fa
"L’intervento del Segretario Generale della CIGL, Angelo Summa, a questa associazione appare eticamente e moralmente scorretto.  I fatti. Dai quotidiani abbiamo appreso che ad Avigliano (città di residenza del segretario Generale), Poste Italiane ha deciso di traslocare il Centro di smistamento della cirrispondenza, nella città di Potenza. Il segretario Summa, è intervenuto con una nota di protesta nei confronti delle Poste, sostenendo che il trasferimento è inopportuno illogico, antieconomico e poco funzionale, ma dimenticando però di protestare per il pessimo servizio che le Poste elargiscono". Lo dichiara, in una nota, l'associazione politico-culturale Unione delle Frazioni Castellane. "Durante le scorse settimane, - prosegue -  una parte consistente del territorio ricadente nel comune di Avigliano, non ha ricevuto la corrispondenza a causa della neve che ha ricoperto la strada di collegamento tra Avigliano e le frazioni, via Monte Carmine. Allora ben venga il trasferimento a Potenza se i servizi di recapito baipasseranno la montagna, intransitabile per molti mesi l’anno, e scorreranno sulla direttrice Potenza – Melfi. Pare che il trasferimento sia avvenuto negli ampi locali di Poste in via Grippo, progettati appositamente per lo smistamento della corrispondenza che si trova a circa 15 chilometri da Avigliano, senza la perdita di nessun posto di lavoro, anzi, pare che sia stato aggiunto un nuovo portalettere. E’ strano che il Segretario Generale, Angelo Summa, sia intervenuto solo adesso e non quando hanno protestato moltissimi altri comuni di Basilicata per gli stessi problemi. Fatti riportati a lettere cubitali dai quotidiani locali. Evidentemente, quelle amministrazioni comunali erano “lontane” dall’attenzione del sindacato. Questa Associazione è sempre più convinta che l’annessione a Filiano sia l’unica strada percorribile perché le “frazioni” di Avigliano possano fare passi da gigante nella modernità e non essere “frenate” da assurdi campanilismi ormai arrugginiti".

Bas 05

Categorie: Notizie Basilicata

Sindacati su incontro reddito minimo d'inserimento

Basilicatanet - 7 ore 21 min fa
 Si è tenuto in mattinata l'incontro tra Regione Basilicata e Cgil Cisl Uil sul tema del Reddito minimo di inserimento.

"Dopo il primo risultato ottenuto, i Segretari Generali di Cgil Cisl Uil hanno sospeso il presidio e nella giornata di oggi si sono recati all'incontro convocato dal Dirigente Generale della Giunta.
All'incontro erano presenti anche i Responsabili delle strutture provinciali e regionali preposte". E' quanto si legge in un comunicato stampa diffuso dai segretari regionali di Cgil Cisl e Uil. 

"I sindacati - si legge nella nota - hanno evidenziato i continui ritardi, sia nei pagamenti che nelle misure necessarie al proseguimento dei tirocini propedeutici al RedditoMinimo. "Non è più accettabile. Siamo giunti a un livello di tensione sociale che è da irresponsabili ignorare. Occorre proseguire immediatamente con gli atti necessari." hanno dichiarato i segretari generali di Cgil Cisl Uil.

Dall'incontro è emerso un risultato positivo che riguarda l'impegno della Regione a deliberare in settimana la approvazione delle graduatorie definitive e l'istituzione di un tavolo permanente con una struttura di supporto per la condivisione, gestione e risoluzione di tutte le problematiche connesse al RMI.
Inoltre è stato garantito il pagamento della seconda mensilità per i lavoratori della provincia di Potenza orientativamente entro la fine del mese in corso.

Confermato, inoltre, l'avvio della misura vera e propria per il 1 maggio. I sindacati si dichiarano soddisfatti dall'esito del confronto ma impegnati a vigilare con attenzione affinché vengano superate le inefficienze finora registrate".
bas04 
Categorie: Notizie Basilicata

REDDITO MINIMO D'INSERIMENTO, INCONTRO IN REGIONE

Basilicatanet - 7 ore 23 min fa
Proroga di due mesi dei tirocini extracurriculari per l’inserimento e il reinserimento al lavoro per i beneficiari del programma Co.P.E.S. e dei lavoratori fuoriusciti dalla platea della mobilità in deroga; approvazione della Graduatoria definitiva dei beneficiari del reddito minimo di inserimento; istituzione della Struttura di Missione per la concertazione permanente.
Si è discusso di questo in Regione nel corso di un incontro presieduto dal dirigente generale del Dipartimento Presidenza della  Giunta regionale di Basilicata, Vito Marsico, al quale hanno preso parte il consigliere Roberto Cifarelli, il direttore generale dell’Agenzia regionale per il lavoro “Lab” Antonio Fiore, i commissari delle Agenzie Formative provinciali Apofil e Ageforma Giuseppe Romaniello e Franco Di Ginosa, i segretari regionali di Cigl, Cisl e Uil Angelo Summa, Nino Falotico e Carmine Vaccaro,  oltre a delegazioni sindacali e dei lavoratori.
Con le azioni in corso si vuole garantire un sostegno economico alle persone coinvolte, nelle more dell’avvio del Programma Reddito Minimo di Inserimento, le cui procedure di avvio sono previste per il primo maggio.
La somma occorrente per il finanziamento dell’indennità mensile di partecipazione ai tirocini è quantificata in complessivi euro 1.489.162,50. Il numero complessivo dei destinatari dei tirocini è di 1525 unità, dei quali 825 appartenenti ai beneficiari del Programma Co.P.E.S. (Categoria B) e 700 relativi alla platea della mobilità in deroga (Categoria A).
Nel corso dell’incontro sono state illustrate le modalità semplificate per attivare la proroga o la ripetizione del tirocinio per un ulteriore periodo di due mesi. Il soggetto ospitante e il soggetto promotore – è stato spiegato - dovranno sottoscrivere l’accordo di proroga o ripetizione del tirocinio che richiama termini e modalità dell’originaria convenzione e del correlato progetto formativo. Il soggetto ospitante dovrà inoltre inviare la comunicazione obbligatoria di proroga. Rimangono ferme le altre condizioni previste nel progetto e convenzione di tirocinio stipulata tra soggetto promotore e soggetto ospitante  come, ad esempio, l’obbligo di frequenza del tirocinante di almeno il 70%  su base mensile per maturare il diritto a percepire l’indennità forfettaria prevista.
Durante l’incontro i rappresentanti sindacali hanno chiesto la rapida attivazione della struttura di missione per l’implementazione e il monitoraggio del programma di reddito minimo di inserimento di prossimo avvio; la regolarizzazione dei pagamenti arretrati dei tirocini già conclusi; una verifica,  entro il 1 maggio, della qualità delle attività in corso .
Al termine dei lavori il dirigente Marsico, nel condividere le osservazioni pervenute dai sindacati,  ha confermato l’impegno della Regione ad istituire, con delibera di Giunta,  la Struttura di missione e a proseguire in tutte le attività condivise. “Stiamo attivando tutto ciò – ha osservato – pur in presenza di una fase di finanza pubblica complessa. La prosecuzione dei tirocini – ha concluso - è una prima risposta verso coloro che vivono una condizione di difficoltà”.

fio



Categorie: Notizie Basilicata

Maratea: Consorzio turistico guarda a stagione 2017

Basilicatanet - 11 ore 5 min fa
In attesa dei dati ufficiali di fonte Apt l’anno 2016 registra aumenti di presenze turistiche dal 25% al 30%  ma il Consorzio Turistico Maratea non si accontenta e guarda alla stagione 2017 per nuovi traguardi puntando sulla bassa stagione e gli stranieri.  Biagio Salerno, da pochi mesi Presidente del Consorzio Turistico Maratea composto da operatori di ogni settore collegato, anticipa la nuova strategia che si intende perseguire. “Bisogna far crescere gli stranieri e – dice -  Matera darebbe alla Basilicata una grande opportunità prolungando visite e permanenze sul territorio e abbinando mare-ambiente-cultura. La vera sfida è comunque la bassa stagione”.
I dati di partenza: nel 2015 tra arrivi e presenze nelle 50 strutture ricettive della costa di Maratea gli stranieri sono stati poco meno di 40mila su un totale di circa 280mila con una permanenza media di 4,20 giornate e un tasso medio di occupazione degli alberghi pari al 35%. Tra gli stranieri al primo posto gli inglesi (6.000 tra arrivi e presenze) seguiti da cittadini degli Usa (5mila), tedeschi e francesi (più o meno alla pari con 4mila per ciascun Paese).  Il punto di debolezza è segnato dal concentrarsi degli stranieri in vacanza a Maratea tra giugno ed agosto con una percentuale comunque soddisfacente a settembre. Per questo il Consorzio ha lavorato duro e in silenzio con la partecipazione alle Fiere estere ed italiane 2016. Un primo bilancio: Lugano e Londra - riferisce Salerno - risultati discreti;
Rimini TTG risultati ottimi, base bassa stagione con gruppi amanti della natura , nuova contrattazione agenzie B to B, pressing sui social con risposte concrete. E’ questo – aggiunge -  il momento importante per scoprire l’Italia del Sud sicura, partendo dalla motivazione che la situazione nel  mediterraneo, dove ci sono Paesi competitor, è drammatica dovuta al terrorismo: Egitto, Turchia e Tunisia non sono più mete desiderate dal turismo internazionale.
Inoltre – sottolinea Salerno - siamo riusciti ad inserire Maratea nel piano ANAS valorizzazione della nuova A2 Autostrada del Mediterraneo , inizialmente dimenticata, con le 7 vie . Nei prossimi mesi sarà installata la segnaletica turistica, in modo da rendere più visibile il passaggio tra  Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia . Tale segnaletica renderà l’area sud della Basilicata più visibile, la stessa potrà captare il flusso turistico verso la Calabria e la Sicilia. Anche una notte di pernottamento lungo la costa di Maratea magari per “spezzare” il viaggio lungo l’A2 sarà comunque un risultato.
Abbiamo concretamente stipulato convenzioni di ogni genere: con le banche , con servizi interbancari, fornitori , società elettriche, assicurazioni ecc. Lo scopo è quello di tenere bassi i prezzi pur riscontrando i soliti aumenti del 3-4-5 % .
Stiamo lavorando al Programma Maratea GREEN prossimo progetto in contrattazione per l’ istallazione di colonnine per la ricarica delle auto elettriche, visibilità nel circuito europeo e  sviluppare l’Outdoor concreto, valorizzando e motivando la bassa stagione. Dobbiamo cercare di rafforzare l’idea che Maratea non è solo mare .
Nel ricordare le tante iniziative, attività e i programmi  promossi in questi anni, Salerno sottolinea che “essi ci hanno dato coscienza della valenza del nostro “progetto” ed in particolare delle potenzialità dell’offerta turistica che il nostro territorio può e deve proporre. Coordinando e omogeneizzando qualitativamente l’offerta turistica del territorio, ottimizzando le politiche strategiche del Consorzio, di certo saremo in grado di offrire un ventaglio di proposte a beneficio dell’intero settore turistico del nostro territorio. Abbiamo mezzi, capacità e qualità professionali per porre in essere una sinergia finalizzata alla promozione ed al potenziamento del turismo su tutto il territorio, alla formulazione di pacchetti di offerta turistica ed alla collaborazione e coordinamento con tutti gli Enti preposti”.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Domani a Policoro incontro su produzione sostenibile fragole

Basilicatanet - 11 ore 17 min fa
Si svolgerà domani, martedì 21 febbraio 2017 alle ore 16.30 presso l'Hotel Heraclea di Policoro (MT).
l'incontro tecnico sul tema "Fragola: Strategia di difesa integrata, biopesticidi, attivatori delle difese naturali delle piante e nuovi prodotti per una produzione sostenibile", organizzato dall’Associazione L.A.ME.T.A. in collaborazione con l’Associazione ARPTRA, ALSIA, Associazione Italiana Protezione delle Piante (AIPP), Università degli Studi di Bari e con l’Associazione sulla frutticoltura “Biagio Mattatelli”.
Uno degli obiettivi, spiegano gli organizzatori,, è quello di riuscire a spiegare, grazie agli interventi di autorevoli relatori, che è possibile produrre fragole in maniera sostenibile, adottando tecniche di produzione rispettose per l’ambiente, per l’uomo, per la natura, per i consumatori.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Latronico, Comune lancia progetto "La banca del riciclo"

Basilicatanet - 11 ore 19 min fa
Si terrà domani, martedì 21 febbraio, alle 10.30, presso i parcheggi comunali l’inaugurazione del progetto “La Banca del Riciclo”, l’ultima iniziativa avviata dal Comune di Latronico nel campo dell’Innovazione e del Commercio.
Si tratta di una banca molto particolare: ad ogni conferimento di imballi in PET, HDPE e alluminio eroga € da spendere negli esercizi commerciali di Latronico convenzionati. Ogni conferimento (ad es. una bottiglia di acqua) ha il valore nominale di € 0,08.
Tale progetto, di matrice chiaramente riconducibile alle buone pratiche promosse dall’Associazione Comuni Virtuosi, è il primo ad essere realizzato da un Comune in Basilicata ed uno dei pochi al sud Italia.
"Un progetto che ci permette di raggiungere diversi obiettivi – commenta l’Assessore all’Innovazione e Commercio Vincenzo Castellano, – consentendoci di promuovere le attività commerciali del territorio, di premiare economicamente i cittadini che differenziano e di far passare il messaggio che i rifiuti, se correttamente trattati, sono un materiale che ha valore economico e non qualcosa di cui disfarsi incoscientemente. Inevitabile pensare inoltre all’impatto che tale progettualità potrà avere sul rispetto della natura: d’ora in poi perché buttare una bottiglia nel verde se con dieci si può bere un caffè praticamente gratis?”.
Un altro progetto innovativo che il Comune di Latronico mette in campo, cercando di promuovere una più diffusa coscienza ambientale e di sensibilizzare i cittadini al tema della raccolta differenziata facendo leva su un sistema meritocratico che possa premiare chi si distingue nel rispetto ambientale.
“Siamo inoltre nella fase finale della realizzazione di una seconda stazione di conferimento - aggiunge l'Assessore – che verrà attivata a breve ad Agromonte e andrà a coprire le esigenze di una fetta significativa di territorio”.
Appuntamento quindi per martedì 21 febbraio 2017 alle ore 10:30 per l’inaugurazione. Sarà presente alla stessa anche Matteo Francesconi, Assessore all’Ambiente del Comune di Capannori (noto a livello nazionale per le sue politiche ambientali) e componente del direttivo dell’Associazione Nazionale Comuni Virtuosi.
bas 02





Categorie: Notizie Basilicata

“Donare per continuare a vivere", la presentazione il 21/2

Basilicatanet - 11 ore 48 min fa
L’Associazione  “Ritorno alla vita" “ di Potenza, in collaborazione con il Ristorante “ MozArt - Factory“,  presenterà il 21 febbraio alle ore 18 presso il Ristorante Mozart , Via Isca del Pioppo, Potenza. l'evento “Donare per continuare a vivere“ , per informare e sensibilizzare sulla donazione degli organi.
Interverranno Antonio Messina, direttore artistico “MozArt-Factory"; Enzo Manicone, presidente Associazione “ Ritorno alla Vita”; Antonietta Di Lorenzo, sociologa; Mario Guarente, consigliere al Comune di Potenza. Modererà Eva Immediato, insegnante  e attrice.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Turismo verde-Cia: pronti ad accogliere i più piccoli agrituristi

Basilicatanet - 12 ore 5 min fa
L’Assemblea nazionale di Turismo Verde – Agenzia agrituristica della Cia - che si terrà mercoledì 22 febbraio a Spoleto, in provincia di Perugia, ha un significato particolare come evidenzia il tema centrale: "Agriturismo presidio del territorio, pilastro per la ricostruzione".  A sottolinearlo è Turismo Verde-Cia Basilicata che parteciperà con una delegazione di titolari di agriturismi per rinnovare solidarietà e impegno ai colleghi delle regioni del centro Italia colpiti dal sisma che  non ha provocato solo danni strutturali enormi ad abitazioni, edifici pubblici e attività produttive; altrettanto drammatici sono i danni indiretti, come il crollo verticale dei turisti anche nelle aree molto lontane dal cratere, con prenotazioni e flussi diminuiti fino al 50%. Ma nonostante le difficoltà, gli agriturismi resistono in aree in cui la vocazione rurale è fortissima.
Gli agriturismi lucani si preparano alla stagione 2017 che l’Onu ha proclamato “anno del turismo responsabile” con l’invito alle famiglie a riscoprire la vacanza rurale. E lo confermano gli stessi agriturismi, adesso più attrezzati ad accogliere piccoli e grandi visitatori in luoghi senza tempo dove assaporare con calma i piaceri più autentici.
Le Fattorie Didattiche che aderiscono a Turismo Verde Basilicata sono 18 di cui 10 in provincia di Matera e 8 in quella di Potenza. L’animazione didattica in fattoria è una realtà in crescita nelle fattorie didattiche delle due province. Nelle nostre aziende – è scritto nel comunicato - sono attivi laboratori per la produzione dell'olio e del vino, dei formaggi e dei salumi. Fonte alternativa di entrate per l'azienda agricola e laboratorio per far crescere nuove professioni. Gli imprenditori agricoli e le loro famiglie offrono occasioni per osservare e conoscere la realtà viva dell’azienda agricola e dell’ambiente rurale e anche la possibilità di entrare a contatto con agnelli e pecore, animali allevati nella zona.
“Le Fattorie didattiche – sottolinea Turismo Verde - sono il luogo della conoscenza, dell’esperienza, di produzione dell’agri-cultura. Avvicinarsi all’agricoltura sperimentando di essere ‘coltivatori per un giorno’, guardando dal vivo il percorso del cibo dalla terra alla tavola, producendo magari con le nostre mani buoni prodotti, ci fa avvicinare con maggior consapevolezza a una corretta educazione alimentare e al mangiar sano  ricordando che quello che mettiamo nel nostro corpo diventa quello che siamo”. Ed è questo il ruolo che con impegno e dedizione si sono assunti gli agricoltori di Cia e in particolare i giovani agricoltori di Agia. Il valore della terra, il ruolo dell’impresa agricola, la cultura del bello e del buono raccontata ai bambini con le Fattorie didattiche e gli agri-nido. Questa è una delle frontiere più importanti e decisive dell’agricoltura multifunzionale che è al centro dell’azione della Cia. E non c’è dubbio che le imprese giovani siano le più sensibili a queste tematiche.
“L’obiettivo – evidenzia Turismo Verde – è di valorizzare le aziende agricole come luoghi ricchi di sapere, oltre che di tradizioni popolari e culturali, in grado di rafforzare il senso di appartenenza e d’identità territoriale. L’esperienza avviata già da alcuni anni con visite guidate di scolaresche presso aziende agricole e agrituristiche selezionate, spesso in alternativa alle “classiche” gite scolastiche, ha dato risultati importanti anche per promuovere il consumo consapevole dei prodotti alimentari, in particolare delle produzioni tradizionali e tipiche della Basilicata, attraverso la rete delle fattorie didattiche, avendo come destinatari gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado, gli insegnanti, i genitori, pur non escludendo un’utenza diversificata. La fattoria, quindi, è posta al centro del programma quale luogo simbolo dell’identità del territorio e strumento di educazione alimentare, oltre che espressione del ruolo multifunzionale dell’azienda agricola, in relazione ad un’integrazione del reddito

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Presentato il libro “Conoscere Matera” di D’Imperio e Giase

Basilicatanet - 12 ore 9 min fa
Grande interesse e partecipazione per la presentazione del libro “Conoscere Matera. Itinerari nei  Sassi e nella città antica”, Edizioni Magister, di Nicola D’Imperio e Francesco Giase, che si è svolta sabato sera al Circolo La Scaletta di Matera. Con gli autori sono intervenuti  il sindaco, Raffaello de Ruggieri, Rosanna Festa, dirigente Circolo “La Scaletta”,  Cataldo Di Pede, professore di storia e filosofia, e  l’editore Timoteo Papapietro, ha moderato l’incontro Ivan Focaccia, presidente del Circolo La Scaletta. Un’occasione importante per parlare di Matera, degli antichi Rioni, attraverso numerosi aneddoti, notizie storiche e curiosità sulla città, a partire dall’importante lavoro di ricerca svolto dai curatori del libro.
Un testo di 216 pagine con 250 immagini realizzate con la testa, il cuore e le gambe, perché come ha ricordato il sindaco, Nicola D’Imperio è un grande camminatore e insieme a Francesco Giase, ha percorso e studiato con tenacia i tredici itinerari proposti, dando vita a una guida vissuta, diversa dalle altre. “Una guida che rappresenta un compagno di viaggio per chi intende camminare nei Sassi per coglierne l’essenza profondissima- ha osservato la prof.ssa Festa- in grado di far provare ai visitatori nostalgia dei luoghi percorsi”. Una nostalgia simile a quella provata da materani illustri, costretti ad andare via, ricordati dalla dirigente del Circolo, come, ad esempio, Giuseppe De Robertis, docente di letteratura italiana all’Università di Firenze, dove negli stessi anni era rettore il filosofo e storico materano Eustachio Paolo Lamanna, del quale quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario dalla morte. Nel corso della serata il sindaco ha posto l’attenzione anche su Eustachio “Ninuccio” Loperfido, medico di origine materana, vissuto a Bologna, pioniere della neuropsichiatria infantile e Rocco Petrone,  l’ingegnere di origine lucana che guidò la NASA per lo sbarco del primo uomo sulla luna, a cui sarà dedicato uno spazio espositivo nel centro di Geodesia spaziale. “Grandi personaggi che non devono essere dimenticati-  ha sottolineato De Ruggieri- per testimoniare che Matera non era una città depressa e mortificata, ma ricca di fermenti culturali.
Personalità a cui il Circolo La Scaletta dedicherà un ciclo d’incontri a partire dalla fine di marzo.
Una città documentata da grandi nomi della fotografia come Henry Cartier Bresson, citato anche nella guida, David Seymour e Gianni Berengo Gardin , come ha precisato il fotografo e videomaker Francesco Giase,autore degli scatti e le note di fotografia del libro.
“Ho scritto questa guida- ha spiegato il medico primario Nicola D’Imperio-  dopo un lavoro preliminare di circa due anni, in cui ho percorso capillarmente i rioni Sassi, con l’obiettivo di fornire delle informazioni corrette alla gente che visita Matera, una città che deve uscire dall’apologia della miseria troppo spesso utilizzata dalle guide turistiche. Un libro che rappresenta un contributo concreto per Matera Capitale europea della cultura 2019”. Il prof. Cataldo Di Pede, che ha curato i cenni storici presenti nel libro, ha ripercorso la storia urbanistica della città attraverso le sue tappe più importanti, sottolineando l’importante svolta sociale e urbanistica che si verificò  tra il ‘700 e l’800, quando i Sassi diventarono invisibili, rimossi dalle coscienze e dalla vista, per interessi economici correlati alle nuove costruzioni sul Piano.
L’editore  Timoteo Papapietro ha annunciato la realizzazione di una collana dedicata a Matera che, dopo i Sassi e la città antica, permetterà di conoscere meglio gli itinerari della Murgia, i quartieri e l’alimentazione mediterranea.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Progetto Sprar. Martedì un incontro pubblico a Pietragalla

Basilicatanet - Sab, 18/02/2017 - 16:10
Il prossimo martedì 21 febbraio (ore 18.00) nella sala consiliare del comune di Pietragalla si terrà un incontro pubblico sul progetto SPRAR, ovvero il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati che costituisce una rete di centri c.d. di “seconda accoglienza” destinata ai richiedenti e ai titolari di protezione internazionale.
L’incontro, dal titolo “Costruire ponti non muri”, è promosso dall’amministrazione comunale, in sinergia con Fondazione Città per la Pace e Arci Basilicata.
Lo comunica il sindaco Nicola Sabina.  La cittadinanza è invitata a partecipare.

bas 02


Categorie: Notizie Basilicata

Summa (Cgil) su servizio Poste Italiane ad Avigliano

Basilicatanet - Sab, 18/02/2017 - 16:06
"Continua la scellerata e irrazionale gestione degli uffici postali in Basilicata da parte di Poste Italiane. È assolutamente inaccettabile la decisone di spostare lo smistamento del servizio postale da Avigliano a Potenza costringendo i portalettere assegnati all’ufficio postale di Avigliano a prendere servizio la mattina a Potenza per prendere la posta e poi recapitarla ad Avigliano".
Per Angelo Summa, segretario generale Cgil Basilicata, si tratta di "una decisone illogica, antieconomica e poco funzionale che crea disagi sia ai lavoratori sia agli utenti, rendendo il servizio poco funzionale e inefficiente. L'unico obiettivo di Poste Italiane è quello di peggiorare il servizio ai cittadini e di penalizzare i lavoratori. Una scelta assurda e inaccettabile da parte di un’azienda di proprietà pubblica che produce utili e ha il dovere di investire risorse in una regione come la Basilicata fatta di tanti piccoli Comuni che vivono una sempre maggiore desertificazione dei servizi, dalle infrastrutture ai trasporti. Accettare supinamente il processo di smantellamento che sta investendo la nostra regione significa indebolire i diritti di cittadinanza, significa accompagnare e formalizzare diseguaglianze, significa impoverire ulteriormente realtà già povere  favorendone, contrariamente ai tanti proclami che quotidianamente ascoltiamo, lo spopolamento demografico in atto.
Chiediamo come Cgil Basilicata l’intervento diretto del governatore regionale Marcello Pittella e dei parlamentari lucani sul piano poste che di fatto sta smantellando il servizio in Basilicata".

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Fondazione Sassi: mostra dedicata ad Andy Warhol

Basilicatanet - Sab, 18/02/2017 - 15:57
Il suo nome è sinonimo di una corrente artistica, la Popular o Pop Art, la sua arte ha posto l’accento sulla fase creativa. Mettendo in secondo piano la creazione originale, ha reso popolare, di largo consumo e alla portata di tutti, l’Arte.
A Andy Warhol (Pittsurgh, 6 agosto 1928 – New York, 22 febbraio 1987), il maggior esponente della Pop Art americana, a trent’anni dalla morte la Fondazione Sassi dedica una mostra di oltre 30 opere, realizzata in collaborazione con le gallerie d’arte Formaquattro di Bari e Restelliartco di Roma e la Iemme Edizioni.
Made in Usa by Andy Warhol, a cura di Graziano Menolascina, è la retrospettiva che si potrà visitare dal 26 febbraio al 26 marzo 2017 alla Fondazione Sassi in via San Giovanni Vecchio n.7 nel rione Sasso Barisano a Matera.
La mostra è aperta al pubblico dal lunedì al giovedì dalle ore 12 alle 18; dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 18 orario continuato.
“La retrospettiva presenta un percorso completo di tutto il lavoro svolto nella carriera dell’artista – spiega il critico d’arte Graziano Menolascina - che va dalla serie delle polaroid, alla serie delle icone e i ritratti, tutti gli oggetti e i manifesti pubblicitari, la serie degli strumenti musicali e i vinili utilizzati e realizzati per e dalle grandi Pop Star come Michael Jackson, Rolling Stones e Liza Minnelli. La coloratissima serie dei Flowers e degli Space Fruit, la fantomatica serie di personaggi dei fumetti I Myths, sino agli intramontabili Self Portrait. L’utilizzo di colori accesi e contrapposti, l’esaltazione di idoli rappresentativi in uno schema che si può riassumere nei concetti base di bellezza-potere-moda, il consumismo, la ripetitività, l’arte di Andy Warhol è insomma la raffigurazione di un’epoca attraverso le sue immagini chiave. Andy Warhol, con la sua personalità e con la sua immagine, rifletteva i desideri della cultura consumistica americana e la sua opera non è altro che un prolungamento coerente con tutto questo. Le sue serigrafie in serie di personaggi famosi o di prodotti di largo consumo diventano il manifesto di un’attenzione maniacale all’immagine, all’apparenza, e soprattutto sfidano sfacciatamente il mondo dell’arte tradizionalmente intesa”.
“La Fondazione Sassi rende omaggio a Warhol nel trentennale dalla scomparsa, esponendo a Matera diverse delle principali opere dell’artista statunitense. – spiega il presidente della Fondazione Sassi Vincenzo Santochirico – Per il pubblico, la mostra Made in Usa by Andy Warhol, è l’occasione per vedere serigrafie e oggetti entrati nella Storia dell’Arte oltre che nell’immaginario collettivo. Per la Fondazione Sassi è la gradita occasione di inaugurare gli ambienti di via San Giovanni Vecchio, aprendoli come spazi espositivi, ma anche di dialogo e confronto. La Fondazione Sassi, a partire da questa prima mostra, si candida a essere attore e fautore di processi culturali, riservando una specifica attenzione alle nuove forme di creatività e alla produzione artistica dei giovani”.
Per ulteriori informazioni, si può visitare la pagina del sito della Fondazione Sassi dedicata alla mostra: http://www.fondazionesassi.org/evento/made-usa-by-andy-warhol/ o chiamare il numero: 0835 333348 o inviare una mail all’indirizzo di posta elettronica: info@fondazionesassi.org

bas 02






Categorie: Notizie Basilicata

Ass. Bene Comune di Viggiano su monitoraggio ambiente

Basilicatanet - Sab, 18/02/2017 - 15:03
“L'accertamento da parte dell'Eni del punto di origine della fuoriuscita di idrocarburi che ha determinato la situazione di nuovo allarme dopo il sequestro, disposto dall’Autorità Giudiziaria, di un pozzetto nell’area industriale di Viggiano, nel perimetro di attività del Cova, è una buona notizia che dimostra come è possibile monitorare l'attività del Cova in tutte le sue fasi”.
E' il commento dell'Associazione Bene Comune Viggiano in una nota a firma di Vittorio Prinzi che aggiunge: “almeno da parte nostra non c'è mai stato il tentativo di “demonizzare” l'Eni chiamandolo in causa per ogni responsabilità di inquinamento o di altro genere. La società petrolifera dispone di tecnologia, strumenti e personale per garantire che la produzione a Viggiano avvenga secondo le prescrizioni e piuttosto secondo la lezione ultima del “pozzetto” può e deve fare di più e meglio per prevenire la fuoriuscita di idrocarburi. L'Eni in proposito parla di “un’efficace barriera” per impedire la migrazione del fluido verso l’esterno. Si tratta solo di dimostrarlo senza attendere che si ripetano episodi di fuoriuscita. Quanto alle emissioni in atmosfera di sostanze definite idrocarburi non metanici, provenienti dall’esercizio di impianti industriali ed in particolare di primo trattamento del greggio, come sollecitato dai consigli comunali di Viggiano e di Grumento, è necessario adeguare la normativa per dare ulteriori garanzie ai cittadini di Viggiano e Grumento Nova interessati dalla difficile convivenza quotidiana con l’attività del Centro Oli Eni.
Purtroppo – dice Prinzi, presidente dell’Associazione di Viggiano – non ci sono normative di legge chiare e aggiornate nonostante alcune sostanze siano classificate dalla Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro come cancerogene, o “probabili/possibili” cancerogene per l’uomo. E’ evidente che c’è bisogno di mettere ordine in una materia sicuramente complessa ma che può contare su strutture scientifiche di alta specializzazione quale l’Ispra e il Cnr che tra le sue sedi a Pisa dispone di un centro considerato tra quelli più avanzati a livello internazionale per gli studi sull’ambiente. E se si aggiunge la nuova Arpab, l’Agenzia che dovrà essere potenziata in strumenti, mezzi e personale, ridando fiducia ai cittadini – continua Prinzi – l’impresa che attende la Regione, su sollecitazione dei due Comuni della valle che in fondo si sono fatti interpreti di esigenze diffuse in tutte le comunità locali della valle, non dovrebbe essere così ardua. La Regione è chiamata ad aggiornare provvedimenti sulla qualità dell’aria nei comuni di Viggiano e Grumento Nova, che hanno introdotto nell’area soglie specifiche per biossido di zolfo e idrogeno solforato, nello specifico delibere di giunta che risalgono agli anni 2012 e 2013 e che hanno lasciato a metà il lavoro teso ad individuare i limiti di emissione di sostanze definite idrocarburi non metanici rispetto ai quali articolare azioni più efficaci di tutela.
Secondo il presidente dell’Associazione Bene Comune Viggiano si è già perso troppo tempo intorno alla discussione prima e all’istituzione di un Centro-Osservatorio Ambientale che avrebbe occuparsi di questo e di altre questioni e pertanto bisogna fare in fretta a prescindere dai lavori avviati dall’Eni in questi giorni che riguardano proprio il frequente fenomeno delle fiammate anomale dal Cova e che, nell’intenzione dell’Eni, si vorrebbe eliminare. Non è più negabile – conclude la nota – che sforamenti dei limiti dei valori per gli idrocarburi non metanici siano avvenuti.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Pagine

Please configure this section in the admin page